Parcheggi in condominio tra diritto d'uso e libera vendita

NEWS DI Normative05 Ottobre 2012 ore 00:41
L'infinta saga della querelle sulla destinazione dei parcheggi costruiti nel rispetto della 'legge ponte' si arrichisce di una nuova pronuncia della Corte di Cassazione.

Parcheggio1I parcheggi realizzati ai sensi della legge n. 1150 del 1942 devono essere considerati pertinenziali rispetto alle unità immobiliari insistenti nello stesso edificio o immediatamente adiacenti?


La risposta, ad oggi, è negativa.


Non ci si lasci sorprendere dalla facilità nella risposta; arrivarci non è stato per nulla semplice.


Detto diversamente: ci sono volute molte cause e qualche intervento legislativo per rispondere come abbiamo fatto.



La lunga querelle sul diritto d'uso



Era il 1967 quando la così detta legge ponte, la n. 765, novellò la legge 1150 specificando che in ogni edificio di nuova costruzione dovessero essere destinati degli spazi a parcheggio in proporzione alla superficie edificata.


L'incertezza causata dalla novella ha portato ad un contenzioso infinito: questi parcheggi erano gravati da un diritto reale d'uso a favore delle unità immobiliari?


Prima si diceva no, poi sì, dopo ancora dipende; il tira e molla è durato fino al 2005.


In quell'anno l'art. 12, comma 9, della legge 28 novembre, n. 246 (in vigore dal 16 dicembre 2006) aggiunse un secondo comma all'art. 41-sexies della legge 17 agosto 1942, n. 1150, che recita: gli spazi per parcheggi realizzati in forza del primo comma non sono gravati da vincoli pertinenziali né da diritti d'uso a favore dei proprietari di altre unità immobiliari e sono trasferibili autonomamente da esse.


Fine dei problemi?


Nemmeno per sogno.


La norma, di per sé chiarissima, ha portato l'interprete a domandarsi: essa si applica a tutti i casi o soltanto alle fattispecie future?



Il secondo comma della discordia



Che cosa sancisce esattamente questa norma?


Si legge nella pronuncia:


Parcheggio2La norma, quindi, esclude l'automatismo tra la riserva obbligatoria di spazi adibiti a parcheggio nelle nuove costruzioni e la necessaria utilizzazione degli stessi da parte dei condomini, allo scopo dichiarato di consentire che detti spazi siano suscettibili di una regolamentazione autonoma rispetto alla costruzione cui accedono e che possano essere commercializzati liberamente.


Resta inalterato il vincolo urbanistico di destinazione dell'area a parcheggio (disciplinato ancora dal comma 1 dell'art. 41-sexies), cui è subordinata la concessione del permesso di costruire, ma non sussiste più alcun diritto reale a favore degli abitanti dell'edificio cui accedono (Cass. 18 settembre 2012, n. 15645).


Il secondo comma dell'art. 41-sexies della legge n. 1150/42, per come introdotto dalla legge n. 246/05, quindi, è retroattivo o irretroattivo?


Una conferma dell'irretroattività arriva da una recente sentenza della Suprema Corte di Cassazione (sent. n. 15645 del 18 settembre 2012).


In questo contesto generale, proseguono gli ermellini si tratta di stabilire se la norma sopra richiamata costituisca norma interpretativa (con conseguente efficacia retroattiva) e, quindi, applicabile anche a situazioni antecedenti o se si tratti di norma propriamente novativa, valevole soltanto per il futuro.


Se tale norma venisse intesa come disposizione di interpretazione autentica rispetto al previgente enunciato, contenuto nel comma 1 dell'art. 41-sexies della legge urbanistica, si potrebbe ritenere che tutti gli spazi per parcheggi in edifici, realizzati prima dell'entrata in vigore della legge n. 246 del 2005 (quindi anche l'area già vincolata a parcheggio oggetto della presente causa), non siano gravati da vincoli di sorta, anche qualora fosse stato accertato un diritto reale a favore dei condomini con regolamento contrattuale, o in forza di sentenza passata in giudicato o in virtù di altro strumento (Cass. 18 settembre 2012, n. 15645).



Perché la norma non è retroattiva?



La risposta al quesito, come si diceva, è stata una conferma a quanto già sancito dai giudici di piazza Cavour.


Di seguito il perché.


Parcheggio3Questa Corte (Cass. 24/2/2006 n. 4264 e succ. Cass. 13/1/2010 n. 378, Cass. 5/6/2012 n. 9090), ha escluso il carattere interpretativo e la retroattività della norma all'art. 12, comma 9, della l. 246/05, affermando che la nuova disposizione è destinata ad operare solo per il futuro, e cioè per le costruzioni non ancora realizzate e per quelle realizzate, ma per le quali non siano iniziate le vendite delle singole unità immobiliari.


Il disconoscimento della sua natura interpretativa, secondo il condivisibile percorso motivazionale della richiamata sentenza, al quale occorre dare continuità, discende dalla mancanza dei presupposti che caratterizzano la norma interpretativa, quali l'incertezza interpretativa circa una norma preesistente e la scelta di una delle soluzioni alternativamente adottate dalla giurisprudenza; la retroattività viene esclusa in quanto non espressamente affermata dalla norma e in contrasto anche con la natura della stessa norma, incidente sul modo di acquisto e sul contenuto di diritti, dal momento che, come ricordato dalla richiamata giurisprudenza, costituisce un principio pacifico che le leggi che modificano il modo di acquisto dei diritti reali o il contenuto degli stessi non incidono sulle situazioni maturate prima della loro entrata in vigore; una interpretazione che attribuisse efficacia retroattiva alla norma comporterebbe invece una espropriazione, generalizzata e senza indennizzo, di un diritto già acquisito dal privato (Cass. 18 settembre 2012, n. 15645).

riproduzione riservata
Articolo: Parcheggi in condominio tra diritto d'uso e libera vendita
Valutazione: 3.80 / 6 basato su 5 voti.

Parcheggi in condominio tra diritto d'uso e libera vendita: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Rocco Greco
    Rocco Greco
    Domenica 17 Marzo 2013, alle ore 19:59
    Vorrei cortesemente sapere se una persona possiede solo un box e non un appartamento se può comunque parcheggiare negli spazi adibiti a posto auto, anche se insufficienti per tutti i condomini che vi abitano. Ringrazio anticipatamente.
    rispondi al commento
    • Legale
      Legale Rocco Greco
      Lunedì 18 Marzo 2013, alle ore 13:25
      Per Rocco Greco: no, a meno che il regolamento o gli atti d'acquisto non concedano tale facoltà.
      rispondi al commento
  • Pippo
    Pippo
    Martedì 16 Ottobre 2012, alle ore 19:13
    Quindi, non essendoci retroattività, se un'unità immobiliare appartiene a un condominio con licenza edilizia risalente al 1968 ha un diritto d'uso sui parcheggi dell'area condominiale?
    Nel caso i parcheggi di quest'area scoperta non fossero sufficienti per tutti i condomini e fossero state vendute unità a box auto a terzi soggetti non appartenenti al condominio o qualche condomino ne avesse acquistate più di una si può chiedere l'annullamento di tali atti?
    rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
Notizie che trattano Parcheggi in condominio tra diritto d'uso e libera vendita che potrebbero interessarti
Parcheggio condominiale e servitù di parcheggio

Parcheggio condominiale e servitù di parcheggio

Parti comuni - I parcheggio in condominio accende spesso liti, ma non è configurabile una servitù di parcheggio per due motivi molto semplici che andremo ad approfondire ora.
Parcheggi pertinenziali di nuova costruzione: quando non si paga il contributo

Parcheggi pertinenziali di nuova costruzione: quando non si paga il contributo

Leggi e Normative Tecniche - I parcheggi pertinenziali sono esenti dal contributo di costruzione. Lo dice il Consiglio di Stato con una recente sentenza in materia. Vediamo di che si tratta
Parcheggi spagnoli

Parcheggi spagnoli

Progettazione - Un'architetta di origini italiane, ma madrilena d'adozione, reinventa degli spazi che fino ad allora non erano mai stati presi in considerazione dalla pratica architettonica.

Parcheggio in condominio: posti auto scoperti

Parti comuni - Principali caratteristiche dei posti auto scoperti nei condomini, come vengono regolamentati, cosa dice la legge, cosa accade se sono in numero minore rispetto ai condomini?

Parcheggi condominiali

Condominio - Le problematiche e la normativa relative ai parcheggi in condominio.

Parcheggio, servitù e condominio

Condominio - Il parcheggio rende più comodo l'uso della proprietà ma non rappresenta mai un'utilità nel senso richiesto dalla legge per la costituzione di una servitù.

Servitù di parcheggio

Normative - La servitù di parcheggio non è una vera e propria servitù perché l'utilità connessa all'esercizio del diritto non è direttamente riferibile al fondo dominante.

SUV e posti auto condominiali

Condominio - Chissà quante persone nella decisione sull?automobile d?acquistare fanno i conti con le dimensioni del proprio box o del proprio posto auto.Capita,

Delimitazione del parcheggio condominiale

Condominio - Se un condominio è dotato di area a parcheggio comune, l?assemblea, legittimamente ed al fine di disciplinarne l?uso, può decidere di delimitarla
REGISTRATI COME UTENTE
295.542 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Cameretta a ponte milano
    Cameretta a ponte milano...
    690.00
  • Cameretta a ponte
    Cameretta a ponte...
    1290.00
  • Ponte giulio copriwater serie casual
    Ponte giulio copriwater serie...
    42.00
  • Ponte giulio staffe di fissaggio in acciaio
    Ponte giulio staffe di fissaggio...
    38.85
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Mansarda.it
  • Inferriate.it
  • Officine Locati
  • Faidatebook
  • Kone
  • Weber
  • Black & Decker
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.