Parapetti in vetro

NEWS DI Progettazione04 Luglio 2012 ore 09:29
Come progettare i parapetti in vetro,rispettando le norme in materia di sicurezza e garantirne la funzionalità e pulizia nel tempo risparmiando sulla manutenzione.
progettazione , parapetti , vetro , autopulente

Tipologie di parapetti

Per la realizzazione di balaustre ringhiere ecc., è stato impiegato e lo è tuttora il ferro. I problemi di manutenzione, la difficoltà a trovare artigiani adeguati alle necessità del caso, il peso molte volte eccessivo, hanno contribuito a far sì che molti preferiscano optare per materiali alternativi come il vetro, che al contrario del classico parapetto realizzato in ferro, offre vantaggi come limitata manutenzione, facilità di installazione, facilità d'inserimento anche in contesti classici.

Un parapetto interno a normaMentre per i parapetti realizzati in ferro o altro materiale, la normativa riguardante la loro progettazione, ed il loro dimensionamento è abbastanza eloquente e precisa, ad oggi il quadro normativo nazionale, non prevede alcuna indicazione su come procedere nel caso di parapetti in vetro e spesso gli operatori, sono costretti ad affidarsi a riferimenti normativi di altri paesi europei.

Attualmente sono allo studio, delle metodiche di calcolo, che hanno il compito di definire secondo gli eurocodici, metodi di calcolo e tipologie normate per ogni tipo di parapetto realizzato.


Fondamentalmente i parapetti sono racchiusi, in base alle caratteristiche di sicurezza, in 3 fondamentali gruppi, che tengono conto ciascuno del grado di ulteriore sicurezza, che le parti esterne alla lastra in cristallo, possono assicurare in caso di rottura della lastra stessa.

Nel primo gruppo, rientrano i parapetti privi di qualsiasi struttura portante, in cui il compito è affidato esclusivamente alla lastra di vetro vincolata in modo diverso.


Il secondo gruppo, comprende i parapetti realizzati con lastre di vetro, provvisti di corrimani che hanno il compito di collegare tra loro le lastre e di proteggere dalla caduta in caso di rottura della lastra.


Il terzo gruppo, comprende i parapetti fissati su più lati, con struttura portante e corrimano, che si differenziano dal gruppo precedente, per la diversa condizione di vincolo della lastra ancorata alla struttura portante della protezione, secondo vincoli di tipo puntuali o lineare lungo due o più lati della lastra stessa.

Scelta del tipo di parapetto

La scelta del tipo di parapetto in vetro, dipende molto dal carico che tale parapetto dovrà sostenere e dalla posizione che dovrà avere (interna o esterna), va inoltre sottolineato che proprio a causa della particolarità dell'intervento, il calcolo della resistenza di un tale elemento, va effettuato da un professionista abilitato.

In pratica, è bene adottare un parapetto del primo gruppo in quegli ambienti interni domestici, dove la probabilità, di una spinta orizzontale di grossa intensità, è improbabile, mentre per la realizzazione di parapetti di balconi e terrazze, conviene impiegare elementi come quelli descritti nel gruppo N.2.

Scelta del materiale per il parapetto

Infine, si sconsiglia di adottare in ogni caso, vetri retinati comunque vincolati, i quali oltre a non essere in regola con la normativa vigente, presentano l'inconveniente di fratturarsi di frequente a causa delle dilatazioni termiche prodotte nella rete metallica interna, la quale dilatandosi, induce nella lastra degli sforzi che provocano rotture della stessa.

La possibilità di poter impiegare il vetro come elemento fondamentale per la costruzione di un parapetto, offre l'occasione per far sì che un parapetto interno all'abitazione ad esempio, possa svolgere più funzioni allo stesso tempo.



Inserimento di elementi luminosi

Il cristallo illuminato con led

Le tecnologie moderne permettono ad esempio di poter inserire all'interno di un corrimano in cristallo temperato una illuminazione (led o fibre ottiche) cosa che renderebbe l'impiego di una scala in vetro oltre che sicuro, esteticamente molto particolare.

Per quando riguarda i parapetti esterni in vetro, qualcuno potrebbe osservare che a causa del forte inquinamento dell'aria e di conseguenza delle acque di pioggia, l'aspetto dei vetri potrebbe alterarsi in poco tempo.


Ebbene anche in questo caso, le ricerche moderne sui nuovi materiali pongono rimedio al problema, con gli innovativi vetri autopulenti che rendono la vita domestica e lavorativa meno complicata.


Caratteristiche dei vetri autopulenti

I vetri autopulenti, sono composti fondamentalmente da un vetro chiaro, sul quale è depositato un coating trasparente di un materiale minerale e idrofobo, tale rivestimento, ha la caratteristica di possedere una elevata resistenza all'usura, oltre ad una grande durabilità.

Per quanto riguarda le differenze fondamentali esistenti tra un vetro tradizionale, ed un vetro autopulente, occorre precisare che le proprietà meccaniche, termiche e acustiche del vetro autopulente sono identiche a quelle di un vetro classico.

Il materiale impiegato, per costituire il velo di protezione del vetro autopulente non è assolutamente realizzato con materiali nocivi per l'uomo e per l'ambiente circostante, ma la sua azione detergente è prodotta utilizzando la doppia azione dei raggi UV e dell'acqua.

A proposito dell'azione autopuUna facciata realizzata con vetri autopulentilente, alcuni utenti dopo aver installato tali vetri, lamentano il fatto di non notare l'efficacia dell'azione al punto tale da sostenere che il vetro appare quasi più sporco del solito.


Bisogna chiarire subiro che per combattere efficacemente lo sporco che si accumula sulla superficie esterna dei vetri come tracce di pioggia, polvere, spruzzi, inquinanti atmosferici organici bisogna attendere almeno due settimane dalla posa del vetro all'esterno, affinchè tale azione diventi attiva e quindi efficace.

Particolare da non trascurare infine è evitare di lavare il vetro dopo la posa in opera al fine di non compromettere l'entrata a regime dell'azione autopulente del rivestimento delle lastre.

Il termine di due settimane, è relativo e dipende anche dal grado di esposizione del vetro, dalla sua particolare configurazione ed inclinazione nella posa, dalle zone d'ombra circostanti, fattori che differenziano sensibilmente i tempi di attivazione dell'azione autopulente.


riproduzione riservata
Articolo: Parapetti in vetro
Valutazione: 5.29 / 6 basato su 21 voti.

Parapetti in vetro: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Zoppetti Geraldo
    Zoppetti Geraldo
    Martedì 5 Novembre 2013, alle ore 21:00
    Ottimo articolo, vorrei saperne di più per quanto riguarda gli inserimenti di punti luminosi nel vetro.
    Grazie.
    rispondi al commento
  • Chiara Panozzo
    Chiara Panozzo
    Giovedì 10 Ottobre 2013, alle ore 10:19
    Vorrei sapere i termini precisi del parapetto autopulente (capitolato?) per fare l'ordine alla ditta esecutrice.
    Poi, se fosse possibile un suggerimento per l'attacco al bordo della terrazza.
    Grazie mille.
    rispondi al commento
  • Viviana
    Viviana
    Venerdì 15 Marzo 2013, alle ore 16:38
    La ringrazio per le informazioni che mi ha fornito sull'azienda Hilti, mi sono state molto utili.
    Ho infatti scaricato il software relativo agli ancoraggi (Hilti PROFIS Anchor), tuttavia nel database è presente solo l'ancoraggio di un pilastro in acciaio.
    Mi chiedevo se fosse possibile considerarlo come l'ancoraggio di un montante di un parapetto scegliendo opportunamente geometria e carichi o se esiste un modello predisposto.
    Grazie.
    rispondi al commento
  • Viviana
    Viviana
    Martedì 12 Marzo 2013, alle ore 17:47
    Sviluppando il progetto di un parapetto in vetro mi sono resa conto che la normativa a riguardo è un po' scarsa.
    Mi chiedevo se esistono dei software che consentano di dimensionare gli ancoraggi, i montanti e i diversi elementi che compongono un parapetto o se, semplicemente, è sufficiente sottoporre il parapetto alle prove di carico descritte nelle normative UNI.
    Anticipatamente ringrazio
    rispondi al commento
    • Arch.oliva
      Arch.oliva Viviana
      Mercoledì 13 Marzo 2013, alle ore 11:41
      Per Viviana: Il rispetto delle Norme UNI non la esime da effettuare un calcolo di verifica del parapetto progettato, per quanto riguarda il problema degli ancoraggi, vi sono diverse aziende come la Hilti che mettono a disposizione gratuitamente dei software per la verifica delle strutture ancorate con tasselli chimici a parti in calcestruzzo o altro materiale.
      rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
Notizie che trattano Parapetti in vetro che potrebbero interessarti
Ringhiere e parapetti sicuri

Ringhiere e parapetti sicuri

Scale - La scelta di ringhiere e parapetti di protezione a balconi e terrazze, è determinante ai fini della sicurezza e anche del risultato estetico che si vuole raggiungere.
Le balaustre in vetro come trasparenti barriere protettive esterne

Le balaustre in vetro come trasparenti barriere protettive esterne

Spazio esterno - Le balaustre in vetro incorniciano le balconate, lasciando trasparire tutta la luminosità, offrendo così una veduta ampia e completa sul paesaggio circostante.
Il vetro nell'edilizia

Il vetro nell'edilizia

Progettazione -

Degrado e manutenzione dei parapetti e delle ringhiere

Pulizia e manutenzione - I parapetti e le ringhiere costituiscono l'elemento di protezione contro la caduta dall'alto in balconi, terrazze e altri spazi aggettanti di un edificio.

Scale fashion con stile

Scale - Parapetti colorati e decorati, originali modelli a chiocciola per interno ed esterno, gradini con forme accattivanti. Anche le scale oggi diventano fashion.

Lavori in Quota

Ristrutturazione - I lavori in quota sono tra i più pericolosi in campo edilizio e oltre ai tecnici coinvolti anche il committente può verificare la validità delle misure di sicurezza.

Recinzioni e parapetti di sicurezza

Progettazione - Dotare la propria casa di recinzioni e parapetti riduce il pericolo dovuto ad intrusioni da parte di estranei e di cadute o scivolamenti di cose e persone.

Scale interne elementi di design

Progettazione - Scale pensate come un vero e proprio elemento di design e che, realizzate con diversi materiali e forme svariate, sono in grado di ravvivare spazi monotoni o ristretti.

Consolidare i vetri

Vetrate - Un sistema pratico per consolidare i vetri esistenti, senza doverli sostituire realizzando nuove strutture capaci di rispettare le norme in materia di sicurezza.
REGISTRATI COME UTENTE
295.602 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Progettazione 3d
    Progettazione 3d...
    300.00
  • Progettazione con visione prospettica
    Progettazione con visione...
    300.00
  • Progettazione bagno con illuminazione
    Progettazione bagno con...
    300.00
  • Progettazione di interni
    Progettazione di interni...
    300.00
integra
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Mansarda.it
  • Officine Locati
  • Inferriate.it
  • Kone
  • Weber
  • Black & Decker
  • Faidatebook
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.