Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA

Pachira acquatica, come coltivarla e curarla in casa

NEWS Piante16 Settembre 2020 ore 11:23
La Pachira è una pianta tropicale caratterizzata da fogliame rigoglioso e brillante. Per farla crescere in modo ottimale vanno seguite alcune semplici accortezze

Pachira acquatica o albero del denaro


Originaria delle foreste pluviali dell’America centrale e del Brasile, la pachira acquatica è una pianta sempreverde dal grande fascino.

Appartenente alla famiglia delle Bombacaceae, la stessa di cui fa parte anche il baobab, la pachira è anche conosciuta come l'Albero del Denaro. Un soprannome che deriva da alcune leggende, sviluppatesi in Estremo Oriente, dove la Pachira è molto diffusa, secondo le quali vengono attribuite alle foglie della Pachira il potere di attrarre il denaro, che viene poi trattenuto dal tronco. Per questo motivo è una pianta molto adatta come regalo, perché è una sorta di buon auspicio.

Al di là dei simbolismi, la pachira acquatica si caratterizza per il fusto molto tenero di colore verdastro e le sue grandi foglie lucide di colore verde intenso. Nel suo habitat naturale, la pianta può raggiungere perfino i 20 metri di altezza, mentre alle nostre latitudini arriva a un massimo di 3 metri.


Pachira acquatica, pianta sempreverde tropicale

Pachira acquatica, pianta sempreverde tropicale

Pachira acquatica, pianta sempreverde tropicale
Pachira acquatica, nota come albero del denaro

Pachira acquatica, nota come albero del denaro

Pachira acquatica, nota come albero del denaro
Pachira acquatica, fiori grandi e particolari

Pachira acquatica, fiori grandi e particolari

Pachira acquatica, fiori grandi e particolari
La Pachira ha bisogno di elevate temperature e una luce non diretta

La Pachira ha bisogno di elevate temperature e una luce non diretta

La Pachira ha bisogno di elevate temperature e una luce non diretta
Frutti della Pachira acquatica

Frutti della Pachira acquatica

Frutti della Pachira acquatica

La pianta può anche produrre fiori, che sono molto grandi e di solito di colore bianco, rosso o crema, ma durano molto poco. Nel clima mediterraneo non riesce invece a produrre frutti, ma mantiene comunque la sua bellezza, dettata soprattutto dall'essere rigogliosa, dunque perfetta come pianta da appartamento.

Vediamo ora qualche consiglio su come coltivarla e curarla.


Pachira: clima ideale


Essendo una pianta tropicale, la pachira ha bisogno di temperature elevate, anche se può risentire di un'esposizione diretta ai raggi solari. Per questo motivo è una pianta perfetta per gli ambienti interni, meglio se non eccessivamente assolati.

La Pachira ha bisogno di luce ma meglio se indiretta
D'estate la si può anche trasferire all'esterno ma è meglio, nella stagione invernale, riportarla in casa , avendo però cura di non posizionarla accanto ai termosifoni o in aree dove si creano correnti d'aria.


Terreno, irrigazione e concimazione


Il clima tropicale, come si sa, è anche molto umido. Motivo per cui è importante che il terriccio sia simile ai terreni paludosi che sono l'habitat naturale della pachira acquatica.
Bisogna sapere però che i terreni paludosi sono quelli in cui le acque scorrono velocemente, quindi è assolutamente da evitare il ristagno e di conseguenza terreni che trattengono l'acqua.

Per ricreare quell'umidità tipica delle aree tropicali è bene innaffiare con frequenza la pianta, soprattutto nella stagione estiva e possibilmente con acqua non calcarea, evitando, come già detto, i ristagni d'acqua. Molto utile allo scopo è l'aggiunta di ciottoli di argilla espansa posti nel sottovaso.

Un altro accorgimento da seguire è quello di nebulizzare, sempre nei periodi particolarmente caldi e afosi, il fogliame.

Pachira acquatica: nebulizzazione del fogliame
In primavera ed estate, la pachira va concimata. Si può scegliere un comune concime liquido, scegliendolo fra i più ricchi di azoto, fosforo e potassio in quantità ben equilibrate.


La potatura della Pachira


La Pachira acquatica non necessita di potatura, ma è bene averne cura, eliminando le foglie secche o danneggiate. Altrettanto importante è la rimozione di polvere e residui che necessariamente si depositano sul fogliame. Un'operazione da svolgere regolarmente con un panno umido.

Rinvaso della pachira acquatica
Il rinvaso, invece, andrebbe eseguito ogni due anni circa.


La moltiplicazione della Pachira acquatica


La Pachira acquatica si diffonde per seme o tramite talea.
Come abbiamo già detto alle nostre latitudini questa pianta solitamente non produce frutti: è quindi molto difficile che si possa far riprodurre altre piantine dai semi della pianta che abbiamo in casa. Ad ogni modo, i semi acquistati vanno seminati in un composto di terriccio fertile e sabbia grossolana, tenuto in una zona calda e luminosa.

Il terreno va irrigato frequentemente per mantenerlo umido, coprendolo con una superficie trasparente, in plastica o vetro, che andrà rimossa non appena nasceranno i germogli.

Semi della pachira acquatica
La seconda tecnica è invece quella per talea, che deve essere prelevata dal fusto in primavera.
Il taglio va fatto obliquamente, sotto un nodo, prestando attenzione al fatto che la talea ne possegga almeno due.

La talea va poi inserita in un terriccio composto di torba scura e sabbia grossolana in parti eguali. Anche in questo caso il terreno deve essere mantenuto umido ed è possibile rivestire la pianta con della plastica trasparente per conservare la temperatura e le condizioni di umidità favorevoli.

Quando spunteranno i primi germogli la pellicola andrà rimossa e il vaso collocato in una posizione luminosa.


Pachira malata: ecco i rimedi


La Pachira acquatica è una pianta piuttosto resistente alle malattie; tuttavia, possono riscontrarsi alcune patologie provocate da agenti esterni, come insetti o parassiti.



Fra questi, molto comune è la cocciniglia farinosa, che si evidenzia nella comparsa di macchie sulla pagina inferiore delle foglie. In questo caso si può intervenire rimuovendo le macchie con un batuffolo di cotone impregnato di alcol o tramite un attento e meticoloso lavaggio con sapone neutro e acqua.
La pachira è soggetta all'attacco di parassitiUn altro nemico della pachira è il ragnetto rosso. La sua presenza è testimoniata da foglie ingiallite, con la comparsa di macchie gialle e marroni che nel tempo ne provocheranno la caduta. Se questi sintomi sono accompagnati da piccole ragnatele, è molto probabile che la pianta sia stata attaccata dal ragnetto. Per debellare quest’acaro è fondamentale mantenere il corretto tasso di umidità, evitando così la proliferazione del ragno. Nei casi più gravi si può ricorrere a un insetticida.

Anche i pidocchi possono compromettere la salute della Pachira acquatica.
Si tratta di animaletti bianchi o verdognoli che si annidano nel fogliame: in questo caso sconfiggerli non è semplicissimo e potrebbe essere necessario ricorrere a un antiparassitario.

In ogni caso, per evitare la comparsa di qualsiasi insetto o parassita è molto importante pulire bene le foglie, vaporizzarle frequentemente e mantenere il terreno costantemente umido. Condizioni, queste, che risultano sfavorevoli alla proliferazione di qualsiasi tipo di parassita.

riproduzione riservata
Articolo: Pachira acquatica come coltivarla
Valutazione: 5.50 / 6 basato su 2 voti.

Pachira acquatica come coltivarla: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Sostieni Lavorincasa
REGISTRATI COME UTENTE
316.515 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Pachira acquatica come coltivarla che potrebbero interessarti


Scegliere l'albero di Natale

Decorazioni - L'albero di Natale, può essere scelto fra diverse possibilità in base alle proprie idee, alla comodità e anche all'ecologia.

Cicuta maculata, caratteristiche della pianta velenosa per antonomasia

Piante - Sia che vogliate coltivarla in casa o che dobbiate estirparla dal giardino, ecco qualche consiglio per riconoscere e/o prendersi cura della cicuta maculata

Manutenzione casalinga dell'Albero di Natale

Giardino - Durante il periodo natalizio l'albero di natale va posizionato con un contenitore come sottovaso, colmo di argilla espansa, che andrà bagnata regolarmente.

Alberi di Natale in cartone

Decorazioni - Alberi di natale in cartone riciclato cominciano ad essere sempre più apprezzati, ormai non più per una mera scelta ecologica, ma perché si possono riutilizzare.

Felci e ninfee in giardino acquatico

Piante - Felci e ninfee sono tra le più comuni specie vegetali che animano gli specchi di acqua ed i loro bordi, naturali o artificiali esse non richiedono molte cure.

Consigli utili per addobbare l'albero di Natale con stile

Decorazioni - Addobbare l'albero di Natale è una vera e propria arte. Ecco alcuni consigli utili per sceglier le decorazioni più adatte e posizionarle nella maniera migliore.

Alberi per la camera dei bimbi

Camerette - Vi suggeriamo alcune idee e ispirazioni per arredare e decorare la camera dei bimbi ma non solo, con alberi di tutte le forme e fogge, con funzionalità e allegria.

Idee originali per l'albero di Natale

Decorazioni - Il Natale si avvicina a grandi passi ma siete stufi del solito albero di Natale? Ecco alcune idee per realizzare un albero natalizio originale e davvero unico!

L'albero di Natale, meglio ecologico

Complementi d'arredo - Il fascino e il profumo di un abete autentico sono straordinari, ma l'alternativa è rappresentata dall'albero ecologico o, in parole più semplici, finto.