Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Obbligo di visure catastali e ipotecarie per il notaio

NEWS Catasto13 Settembre 2019 ore 10:04
Per la Corte di Cassazione, il notaio incaricato di una compravendita, se non espressamente dispensato, è tenuto ad effettuare le visure catastali e ipotecarie.

Notaio e visure


Il notaio è tenuto a effettuale visure catastali e ipotecarie?

Secondo la Corte di Cassazione, sì. Il principio è stato espresso, o meglio ribadito, nella sentenza n. 21775 del 29 agosto 2019.

Atto notarile

Diciamo che si tratta di principio ribadito perché non è una novità: nel provvedimento, con un excursus, sono infatti richiamati molti dei precedenti nei quali la stessa Corte si è da tempo già espressa in tal senso; anche se le conclusioni contengono degli sviluppi innovativi.

Riportiamo dunque il contenuto della sentenza ripercorrendone sinteticamente i chiari passaggi logico-giuridici.


Notaio, compravendita e obbligo di visure, un orientamento non nuovo


Partendo con l’excursus, la Corte afferma che è stato affermato da tempo (un precedente citato è del 1969) il principio secondo cui, ove incaricato della stipula di un atto compravendita, il notaio è tenuto a compiere una serie di attività accessorie e successive necessarie per il raggiungimento dell’obiettivo indicato dalle parti, e in particolare delle visure ipotecarie e catastali, al fine di individuare esattamente il bene e di verificarne la libertà.

Compravendita

La precedente posizione, risalente addirittura al periodo del previgente codice civile (l’attuale è del 1942), affermava, al contrario, che il detto obbligo in capo al notaio andava escluso, in assenza di specifico ed espresso incarico.


Notaio e obbligo di visure: i principali fondamenti giuridici


Quali le norme da cui trae origine tale obbligo?

La Corte osserva che in tempi recenti il fondamento normativo di tale obbligo di visura catastale e di visura ipotecaria è stato rinvenuto nell’obbligo di diligenza che spetta al notaio nell’esecuzione del contratto d’opera professionale; egli non deve semplicemente accertare la volontà delle parti e dirigere la compilazione dell’atto, ma altresì compiere quelle attività preparatorie e successive dirette a garantire serietà e certezza degli effetti tipici dell’atto voluto e del risultato ricercato dalle parti nella pratica.

Il contenuto dell’obbligo di diligenza, si afferma inoltre, è integrato dalla prescrizione di cui all’art. 1374 c.c. secondo cui il contratto obbliga le parti non solo quanto al suo contenuto espresso, ma anche a tutte le conseguenze che derivano da esso secondo la legge , o in mancanza, secondo gli usi e l'equità.


Esonero espresso o urgenza


Si è inoltre in varie occasioni statuito che l’obbligo può essere escluso solo in caso di esonero espresso o urgenza e in tal caso, si è detto, la clausola inserita nella struttura dell’atto redatto non è di mero stile, ma ha un significato ben preciso e deve essere giustificata da esigenze concretamente esistenti.

Firma atto notarile

In ogni caso - si è anche detto – ove, benché esonerato, ove sia comunque a conoscenza, o abbia anche solo il sospetto di iscrizioni pregiudizievoli, il notaio è tenuto a informarne le parti, essendo tenuto a eseguire l’incarico secondo i canoni della diligenza qualificata (ex art. 1176 co.2 c.c.) e della buona fede (ex art. 1375 c.c.).

La Corte qui afferma (allineandosi alla giurisprudenza più recente) che una limitazione al detto obbligo non può rinvenirsi nel concetto di obbligazione di mezzi (cioè di un’obbligazione la cui corretta esecuzione non può misurarsi in base ai risultati conseguiti, ma ai mezzi utilizzati).

Inoltre, afferma che fonte dell’obbligo di effettuare le dette visure non è la diligenza professionale qualificata, cioè la diligenza indicata dall’art. 2236 c.c. con riferimento alle prestazioni d’opera intellettuali (che non contiene un limite dato per esimere il professionista da determinati obblighi, ma solo un criterio per misurarne la diligenza in casi particolarmente complessi); testualmente l’art. 2236 c.c. prevede:

Se la prestazione implica la soluzione di problemi tecnici di speciale difficoltà, il prestatore d'opera non risponde dei danni, se non in caso di dolo o di colpa grave (art. 2236 c.c.)




Obbligo di buona fede o correttezza


La fonte del detto obbligo è, invece, secondo la sentenza in commento, il canone generale di buona fede o correttezza di cui all’art. 1175 c.c. (secondo il quale debitore e creditore devono comportarsi secondo buona fede e correttezza); l’impegno imposto dall’art. 1175 c.c., conclude la sentenza, va individuato a seconda del caso concreto, della natura del rapporto e delle qualità delle parti coinvolte e misurato a seconda dell’incarico conferito e dell’obiettivo che le parti con l’operazione intendono conseguire.

Si è anche detto in precedenza che tale obbligo sussiste, oltre che in caso di redazione di atto pubblico da parte del notaio, anche in caso di autentica di scrittura privata scritta da altri e autenticata dal notaio.

L’obbligo di buona fede o correttezza ha infatti, spiegano i giudici, valenza generale.


Il caso concreto: vendita di un bene senza visura


Il caso concretamente deciso dalla Corte con la citata sentenza n. 21775, riguardava un atto di compravendita tra due società: a seguito di ricerche presso i registri immobiliari e l’Agenzia del Territorio, era poi risultato che uno dei precedenti “danti causa” (si definiscono così i soggetti che trasferiscono il diritto) non era stato proprietario; nel giudizio successivamente instauratosi, il giudice qualificava l’atto come vendita di cosa altrui a causa della errata trascrizione di un titolo di acquisto.

Pur avendolo qualificato come un caso di vendita di bene altrui, il giudice di primo grado aveva però escluso la responsabilità del notaio, avendo affermato che egli, nello svolgere l’incarico, aveva adottato la dovuta diligenza.

Conclusione ribaltata dalla Corte che, alla luce di vari elementi, giunge invece ad affermare la responsabilità del notaio.

Per quanto attiene alle visure, argomento che qui interessa, la Corte esclude altresì che esse prospettino problemi di particolare difficoltà; nella fattispecie, peraltro, le visure poi sono state successivamente eseguite, me delle riscontrate anomalie non era stata data alcuna informazione al cliente e, erroneamente, si era proceduto ugualmente a rogare l’atto richiesto.

riproduzione riservata
Articolo: Notaio e obbligo visura catastale e ipotecaria
Valutazione: 6.00 / 6 basato su 1 voti.

Notaio e obbligo visura catastale e ipotecaria: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
REGISTRATI COME UTENTE
307.897 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Faidatebook
  • Marazzi
Quanto costa, dove lo trovo? Sei un Azienda ? Pubblica i tuoi Prezzi Quì !
  • Parete cartongesso Milano
    Parete cartongesso milano...
    45.00
  • Ristrutturazione negozi e pub Milano e provincia
    Ristrutturazione negozi e pub...
    299.00
  • Ristrutturazione capannoni Milano e dintorni
    Ristrutturazione capannoni milano...
    200.00
  • Ristrutturazioni uffici Milano e dintorni
    Ristrutturazioni uffici milano e...
    299.00
Notizie che trattano Notaio e obbligo visura catastale e ipotecaria che potrebbero interessarti


Visura catastale e ipotecaria

Catasto - Cosa sono e a che cosa servono la visura ipotecaria e quella catastale.

Visure catastali alle Poste

Normative - Oggi è possibile richiedere le visure catastali presso gli uffici postali, per ottenere un certificato catastale sarà sufficiente fornire il proprio codice fiscale o i dati identificativi dell?immobile.

Visure gratis

Catasto - Dallo scorso 31 marzo è possibile ottenere gratuitamente visure ed altri documenti catastali, direttamente on line, attraverso il sito dell'Agenzia delle Entrate.

Visure catastali on line

Normative - In questi giorni l'Agenzia delle Entrate ha pubblicato sul canale You Tube un video illustrativo che mostra come fare per ottenere una visura catastale on line.

Il nuovo servizio di Visura catastale online attivato dall'Agenzia delle Entrate

Leggi e Normative Tecniche - L'Agenzia delle Entrate ha attivato il servizio di Visura telematica che permette a tutti i cittadini di consultare, acquistare e pagare online i dati catastali

Recuperare copia di un atto notarile: perchè farlo e a chi chiedere

Proprietà - Gli atti notarili sono atti pubblici e possono essere chiesti, letti e consultati da chiunque ne faccia richiesta. A chi dobbiamo rivolgerci per ottenerne copia?

Nuove tariffe catastali

Catasto - Dal 1° ottobre sono in vigore le nuove tariffe e tributi per la consultazione dei documenti cartacei presso l'Agenzia del Territorio, meglio nota come Catasto.

Guida all'imposta catastale

Catasto - In caso di trasferimento immobiliare è obbligatorio versare la cosiddetta imposta catastale. Ecco un breve vademecum su cos'è, chi la paga, come e in che misura.

Catasto: cosa si intende per Catasto - Agenzia del Territorio?

Catasto - Per Catasto si intende l'insieme degli atti che identificano le proprietà immobiliari con le loro caratteristiche e l'individuazione della proprietà a cui appartengono.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img markens
Salve a tutti,Vorrei un parere circa delle spese richieste da un notaio per un acquisto di un immobile che non si è più concretizzato.Nello specifico, in seguito al...
markens 11 Ottobre 2016 ore 16:58 1
Img lucasvegas
Salve,avrei gentilmente bisogno di un consiglio da chi ci capisce di atti e pratiche notarili.Spiego velocemente la cosa.A breve sarà redatto presso un notaio un atto di...
lucasvegas 19 Aprile 2015 ore 21:37 2