Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Camini, inquinamento ambientale e normative regionali

NEWS Leggi e Normative Tecniche24 Gennaio 2019 ore 13:41
L'inquinamento ambientale ci costringe ad assumere nuove abitudini anche in casa: per questo i generatori di calore devono possedere determinate caratteristiche.

Inquinamento ambientale e generatori di calore domestici


Avere un camino in casa è un privilegio a cui molti aspirano: esso rappresenta una fonte di calore, arreda e contribuisce a dare eleganza e raffinatezza a uno spazio, che sia moderno o dal gusto rustico.

Camino in casa
Diversi studi, però, entrano in contrasto con questa visione romantica del camino:
Parlando di inquinamento ambientale e indoor, il caminetto rappresenta uno degli elementi che determina un innalzamento dei livelli di polveri sottili, tant'è che una ricerca francese sul tema ha paragonato le emissioni di un camino tradizionale acceso per mezza giornata a quelle prodotte da un'auto a gasolio che percorre 3500 km.

Alla luce dell'innalzamento delle temperature e della pessima qualità dell'aria che respiriamo, anche entro le mura domestiche, molti stati europei, e nel nostro caso alcune Regioni d'Italia, hanno deciso di attuare una politica di limitazioni all'uso di tali dispositivi.

Vediamo nello specifico di cosa si tratta.


Inquinamento ambientale e normative


Alcune Regioni del Nord Italia a ridosso della Pianura Padana, area che più delle altre soffre per l'inquinamento atmosferico, stanno tentando di porre un limite all'avanzare costante dei livelli di PM10 nell'aria, anche con azioni correttive da porre in essere in ambito domestico: secondo uno studio condotto dalla ARPA Emilia Romagna, più del 51% del particolato presente in atmosfera proviene combustioni non industriali, quindi dai sistemi di riscaldamento utilizzati nelle nostre case.

Unitamente alle altre ordinanze messe in atto in altri settori, come il blocco della circolazioni per determinate automobili, le Regioni Veneto, Emilia Romagna, Piemonte, Toscana e Lombardia hanno emanato specifiche misure volte a limitare l'utilizzo di determinate tipologie di impianti combustibili domestici.

Camini e inquinamento
Il riferimento nazionale alla base di tali azioni è il D.M. n. 186 del 7/11/2017:

Regolamento recante la disciplina dei requisiti, delle procedure e delle competenze per il rilascio di una certificazione dei generatori di calore alimentati a biomasse combustibili solide.


Il decreto stabilisce le modalità per effettuare la certificazione di camini chiusi, camini aperti, stufe a legna, stufe ad accumulo, cucine a legna, caldaie fino a 500 W, stufe, inserti e cucine a pellet/termostufe.


Inquinamento

Inquinamento

Inquinamento
Normativa Emilia Romagna

Normativa Emilia Romagna

Normativa Emilia Romagna
Normativa Toscana

Normativa Toscana

Normativa Toscana
Camino in casa

Camino in casa

Camino in casa
Camino e inquinamento

Camino e inquinamento

Camino e inquinamento

Secondo la norma i generatori di calore vengono suddivisi in cinque categorie, individuate da stelle: maggiore è la stella, minore è il potere inquinante, quindi a un camino in classe cinque stelle corrisponde un impianto a basse emissioni.

Sulla base della suddetta classificazione le Regioni, secondo propri e diversi step, stanno promuovendo l'installazione di sistemi maggiormente performanti.


Inquinamento ambientale di provenienza domestica: le misure della Lombardia e Veneto


Durante il G7 Ambiente tenutosi il 9 giugno 2017, le Regioni Lombardia, Piemonte, Veneto e Emilia-Romagna hanno sottoscritto un accordo:

l'Accordo di bacino padano per l’attuazione di misure congiunte per il miglioramento della qualità dell’aria

con il quale si sono impegnate a introdurre misure, strutturali e temporanee, contro l'inquinamento. Esse sono prioritariamente rivolte al settore traffico, ai generatori di calore domestici a legna, alle combustioni all'aperto e al contenimento delle emissioni di ammoniaca dalle attività agricole e zootecniche.

Per le Regioni Lombardia e Veneto le misure a step prevedono:

- dal 1° ottobre 2018 è consentita la nuova installazione dei soli dispositivi dalle 3 stelle in su, mentre è possibile l’utilizzo e l’accensione soltanto degli apparecchi dalle 2 stelle in su.
È possibile accendere apparecchi con classi di qualità inferiori solo se costituiscono l’unica forte di riscaldamento dell’abitazione; sempre da tale data il pellet utilizzato deve essere in classe A1;

- dal 1° gennaio 2020, per incentivare ancora di più la sostituzione degli apparecchi obsoleti, sarà possibile installare solo nuovi apparecchi a 4 stelle e utilizzare apparecchi esistenti dalle 3 stelle in su. Si potranno accendere apparecchi con classi di qualità inferiori solo se costituiscono l’unica forte di riscaldamento dell’abitazione.

Per quanto concerne l'ambito di applicazione di tali norme si specifica che per entrambe le Regioni esso è esteso a tutto il territorio regionale.

Alla luce di quanto esposto, per l'eventuale installazione di nuovi dispositivi si consiglia di prestare attenzione all'erogazione di eventuali contributi che le singole Regioni pongono in essere per l'acquisto di nuovi e/o la sostituzione di generatori obsoleti; ad esempio la Regione Veneto nel corso dello scorso anno ha promosso contributi per l'acquisto di nuovi dispositivi.


Inquinamento ambientale di provenienza domestica: le misure del Piemonte


Secondo l'accordo stabilito con le altre Regioni e con normativa regionale, D.G.R. n. 29-7538 del 14 settembre 2018, il Piemonte ha stabilito che:

- dal 1° ottobre 2018 è consentita la nuova installazione soltanto di apparecchi dalle 3 stelle in su;

- dal 1° ottobre 2019 sarà possibile installare soltanto apparecchi dalle 4 stelle in su, mentre si potranno utilizzare stufe e caminetti dalle 3 stelle in su.
Si potranno accendere apparecchi con classi di qualità inferiori solo se costituiscono l’unica forte di riscaldamento dell’abitazione. Tale divieto non si applica nelle zone montane, ma solo nei comuni appartenenti alle zone Agglomerato di Torino, Pianura e Collina.


Tutti gli interventi sono ricompresi e ben esplicati all'interno di una campagna di comunicazione sul tema molto interessante volta a far comprendere ai cittadini le ragioni di tali misure.


Inquinamento ambientale di provenienza domestica: le misure dell'Emilia Romagna


Sempre secondo il medesimo accordo, e per Delibera Assemblea Legislativa n.115/2017, Delibera Giunta Regionale n.1412/2017, Legge Regionale n. 14/2018, in Emilia Romagna:

Normativa Emilia Romagna

- dal 1° ottobre 2018 è consentita la nuova installazione soltanto di apparecchi dalle 3 stelle in su, mentre è possibile l’utilizzo e l’accensione soltanto degli apparecchi dalle 2 stelle in su. Si possono accendere apparecchi con classi di qualità inferiori solo se costituiscono l’unica forte di riscaldamento dell’abitazione;

- dal 1° ottobre 2020 sarà consentito installare soltanto apparecchi dalle 4 stelle in su, mentre dal 1° ottobre 2019 si potranno utilizzare stufe e caminetti dalle 3 stelle in su.
Si potranno accendere apparecchi con classi di qualità inferiori solo se costituiscono l’unica forte di riscaldamento dell’abitazione.
I divieti di utilizzo non si applicano nei territori al di sopra dei 300 metri di altitudine.


Inquinamento ambientale di provenienza domestica: le misure della Toscana


Infine la Toscana: seppure non abbia preso parte agli accordi con le predette Regioni, con il Piano Regionale per la qualità dell’aria ambiente (PRQA), approvato il 18 Luglio 2018 con Delibera consiliare n. 72/2018:

- si ha l’obbligo di efficienza minima a 4 stelle solo per gli apparecchi a pellet e legna installati ex novo in nuove costruzioni o ristrutturazioni.
Nelle costruzioni esistenti è possibile installare qualsiasi tipo di stufa o camino, indipendentemente dalla classe di qualità ambientale.

È prevista, inoltre, una distinzione tra Comuni salubri, in cui non c’è alcuna limitazione, e Comuni critici, in cui si verificano concentrazioni di particolato fine PM10.
La lista dei Comuni critici è reperibile nel sito della Regione Toscana.



Nei Comuni critici, qualora l’area non sia metanizzata o se è già presente un impianto a biomassa, limitatamente alle nuove costruzioni e ristrutturazioni, è possibile usare stufe e caminetti in queste condizioni, indipendentemente dalla classe di appartenenza.

I controlli sull'applicazione delle norme sopra descritti vengono svolti dalla polizia municipale che interviene anche a seguito di segnalazione da parte dei cittadini.


Buone pratiche per l'utilizzo e l'installazione di un generatore di calore


Indipendentemente dalla Regione di appartenenza e, quindi, dall'effettiva presenza di norme che regolino l'accensione o l'installazione di impianti di riscaldamento, è auspicabile che ognuno di noi doti la propria abitazioni di sistemi efficienti e poco inquinanti.

Alcuni dei consigli da seguire per avere un ruolo attivo nella riduzione dell'inquinamento ambientale da riscaldamento domestico sono:
- sostituire i vecchi impianti usufruendo dei vari incentivi presenti a livello nazionale (detrazione fiscale al 50% o al 65%) o a livello regionale, qualora esistenti, acquistando prodotti certificati con i diversi livelli di stelle;

- schermare il proprio camino per evitare la diffusione degli agenti inquinanti in casa ;

- fare manutenzione periodica della canna fumaria;

- utilizzare legna stagionata, pellet certificato e non bruciare prodotti plastici;

- non accendere l'impianto di riscaldamento se non necessario fuori dal periodo individuato a livello comunale;

- non superare la soglia consigliata della temperatura interna, pari a 19/20 °C.

riproduzione riservata
Articolo: Normative regionali su installazione e uso di camini
Valutazione: 5.18 / 6 basato su 11 voti.

Normative regionali su installazione e uso di camini: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
REGISTRATI COME UTENTE
309.130 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
Quanto costa, dove lo trovo? Sei un Azienda ? Pubblica i tuoi Prezzi Quì !
  • Marmo bianco carrara venatino
    Marmo bianco carrara venatino...
    35.00
  • Dispositivo monitoraggio inquinamento indoor TecnovAir R
    Dispositivo monitoraggio...
    699.00
  • Lampadario in onice bianco Carrara e dintorni
    Lampadario in onice bianco carrara...
    490.00
  • Scultura di travertino Carrara e dintorni
    Scultura di travertino carrara e...
    1600.00
  • Termostato wi-fi bticino
    Termostato wi-fi bticino...
    138.70
  • Lettino con sponda Foppapedretti
    Lettino con sponda foppapedretti...
    147.99
Notizie che trattano Normative regionali su installazione e uso di camini che potrebbero interessarti


Formaldeide

Materiali edili - La formaldeide è un gas nocivo, presente nelle nostre case in forma subdola, utilizzato in molte resine, colle e materiali per la produzione degli arredi e come isolante.

Biocamino

Impianti di riscaldamento - Il biocamino, l'innovazione dell'arredamento per poter godere dell'atmosfera rilassante del camino tradizionale in qualsiasi luogo della casa senza inquinare.

Piante che purificano gli ambienti

Arredamento - Sapevate che alcune piante da interni contengono degli enzimi che contribuiscono a neutralizzare le sostanze organiche volatili presenti in ambiente? Ecco le più note.

Cause e rimedi efficaci contro l'inquinamento domestico dell'aria

Soluzioni progettuali - L'inquinamento domestico dell'aria può dipendere da diversi fattori interni o esterni che vanno affrontati allo scopo di garantire un adeguato comfort ambientale

Inquinamento luminoso

Progettazione - Inquinamento invisibile, ecco come si può definire l'inquinamento luminoso. Basta fare attenzione nella scelta e nel posizionamento dei punti luce per ridurlo.

Piante che risolvono l'inquinamento indoor

Giardinaggio - L'inquinamento indoor è un problema silente presente nelle nostre case ed è oramai all'ordine del giorno. Ecco come ridurre questo fenomeno in modo naturale.

Sistemi e consigli per limitare l'inquinamento indoor

Soluzioni progettuali - L'inquinamento in casa è diventato un problema che merita soluzioni e il cambio delle nostre abitudini con l'obiettivo di migliorare la qualità dell'aria di casa

Conoscere i fattori che determinano l'inquinamento indoor per evitarlo

Bioedilizia - L'inquinamento indoor è un nemico invisibile che fa ammalare la nostra casa. Parliamo di come si può scovare e quali comportamenti adottare al fine di combatterlo

Piante disinquinanti

Fai da te - Le piante disinquinanti sono in grado di purificare l'aria in casa, assorbendo e neutralizzando molte sostanze inquinanti nocive per il nostro organismo.