Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Negozio

NEWS Normative18 Febbraio 2010 ore 12:40
L'unita' immobiliare urbana denominata negozio. Carattestiche principali alla luce della normativa vigente.
catasto

NegozioNel glossario tecnico definiamo il negozio come unita' immobiliare destinata all'esercizio commerciale, con vendita all'ingrosso o al dettaglio e, in parte marginale, all'attivita' amministrativa di servizio. L'unità, munita per legge di servizi igienici può essere arredata da pertinenze accessorie.


Da un punto di vista tecnico-giuridico, il fatto che un'unità immobiliare sia riconducibile nella categoria del negozio rende necessarie alcune specificazioni:


a)come questa catalogazione interagisca con la normativa catastale;


b)quali sono i limiti che può riscontrare un'unità immobiliare destinata a negozio in relazione alle sue caratteristiche strutturali o se ubicata in un edificio condominiale;


c)quale normativa si applica nel caso di locazione della stessa.


Il negozio ed il catasto


A livello catastale il negozio rientra nella categoria C/1 destinata, per l'appunto, a negozi e botteghe.


Questo particolare tipo di categoria catastale ha una peculiarità rispetto al sistema di calcolo della rendita delle unità immobiliari destinate ad abitazione ed ufficio: esso è basato sul metro quadrato e non sul vano catastale.


Ai sensi dell'art. 49 d.p.r. n. 1142/49, infatti:


Per la misura della consistenza delle unità immobiliari con destinazione ordinaria ad uso negozi, botteghe, magazzini, locali di deposito, laboratori per arti e mestieri, stalle, scuderie, autorimesse, palestre, tettoie e simili, si assume come elemento ordinario il metro quadrato. La consistenza si computa sommando le superfici libere dei locali facenti parte dell'unità immobiliare.


NegozioLa categoria è successivamente suddivisa in classi.


Come è stabilito nell'art. 7 del d.p.r. testé citato:


La classificazione consiste nel suddividere ogni categoria in tante classi quanti sono i gradi notevolmente diversi delle rispettive capacità di reddito, tenuto conto delle condizioni influenti sulla relativa rendita catastale, riferita all'unità di consistenza computata secondo le norme dell'art. 45 e seguenti.


Determinato il numero delle classi in cui ciascuna categoria deve essere divisa, si procede al riconoscimento ed alla identificazione di un certo numero di unità tipo che siano atte a rappresentare per ciascuna classe il merito medio delle unità immobiliari che vi debbono essere comprese
.


Gli articoli da 61 a 64 dello stesso decreto del Presidente della Repubblica regolamentano le modalità esecutive del così detto classamento catastale.


Il negozio e i regolamenti comunali e condominiali


Per ciò che concerne le questioni attinenti la conformazione strutturale del negozio, le limitazioni possono essere stabilite dai regolamenti comunali relativi all'esercizio delle attività commerciali o all'igiene pubblica.


Spesso, infatti, sono richiesti determinati requisiti fisici delle strutture destinate ad attività commerciale (es. ampiezza locali, accesso diretto alla pubblica via, ecc.) affinché si possano esercitare particolari commerci.


NegozioPer quanto riguarda, infine, le questioni attinenti l'ubicazione del negozio in un edificio condominiale ciò che può essere regolamentato è:


a)l'affissione d'insegne


b)il tipo d'attività
.


Nel primo caso trattandosi di materia afferente il decoro dello stabile, le limitazioni (es. preventiva comunicazione all'amministratore, limiti di grandezza dell'insegna ecc.) potranno essere contenute anche in un regolamento condominiale di origine assembleare, ossia quello adottato a maggioranza dall'assemblea di condominio.


La tipologia d'attività, invece, può essere limitata solamente da un regolamento di origine contrattuale trascritto nei pubblici registri immobiliari o regolarmente accettato dall'acquirente.


In questi casi, però, com'è stato sottolineato dalla giurisprudenza i divieti e le limitazioni di destinazione delle unità immobiliari di proprietà esclusiva dei singoli condomini, come i vincoli di una determinata destinazione ed il divieto di mutare la originaria destinazione, posti con il regolamento condominiale predisposto dall'originario proprietario ed accettati con l'atto d'acquisto, devono risultare da una volontà chiaramente ed espressamente manifestata nell'atto o da una volontà desumibile, comunque, in modo non equivoco dall'atto stesso, e non è certamente sufficiente, a tal fine, la semplice indicazione di una determinata attuale destinazione delle unità immobiliari medesime, trattandosi di una volontà diretta a restringere facoltà normalmente inerenti alla proprietà esclusiva da parte dei singoli condomini. I divieti e le limitazioni di cui sopra possono essere formulati nel regolamento sia mediante la elencazione delle attività vietate (in tal caso, al fine di stabilire se una determinata destinazione sia vietata o limitata, basterà verificare se la destinazione stessa sia inclusa nell'elenco) sia mediante riferimento ai pregiudizi che si ha intenzione di evitare (in questo secondo caso, naturalmente, al fine suddetto, è necessario accertare la idoneità in concreto della destinazione contestata a produrre gli inconvenienti che si vollero evitare)" (Cass., n. 1560 del 1995; Cass., n. 9564 del 1997; Cass., n. 11126 del 1994) (così Cass. 18 settembre 2009 n. 20237).


Per dirla con un esempio, deve essere chiaro che il negozio non potrà ospitare un'attività ortofrutticola.


Negozio e locazione


Per quanto riguarda l'attività commerciale può accadere che la stessa non sia svolta in locali di proprietà del commerciante ma che egli ne prenda in locazione una.


In questo caso, oltre al codice civile, la legge applicabile è la n. 392 del 1978 (artt. 27 e ss.).


Quali sono le caratteristiche principali di questa normativa?


Durata del contratto: 6+6 (anni) con possibilità di disdetta alla prima scadenza solo al ricorrere di determinate condizioni.


Adeguamento del canone, solo se espressamente previsto nel contratto, in ragione, massimo, del 75 % dell'indice dei prezzi rilevati dall'ISTAT.


Corresponsione da parte del proprietario del negozio al commerciante di un'indennità per la perdita di avviamento pari a 18 mensilità nel caso di risoluzione, recesso o disdetta non imputabili al conduttore.


avv. Alessandro Gallucci

riproduzione riservata
Articolo: Negozio
Valutazione: 3.00 / 6 basato su 1 voti.

Negozio: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
REGISTRATI COME UTENTE
305.842 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Cersaie
Notizie che trattano Negozio che potrebbero interessarti
Nuovo iter per il Catasto

Nuovo iter per il Catasto

Catasto - Avviata una fase sperimentale per la nuova procedura di iscrizione in Catasto di immobili di nuova costruzione.
Proroga sanatoria catastale

Proroga sanatoria catastale

Catasto - Con l'approvazione di un emendamento al Decreto Milleproroghe viene posticipato al 30 aprile 2011 il termine ultimo per presentare la sanatoria catastale.

Visure catastali alle Poste

Normative - Oggi è possibile richiedere le visure catastali presso gli uffici postali, per ottenere un certificato catastale sarà sufficiente fornire il proprio codice fiscale o i dati identificativi dell?immobile.

Visura catastale e ipotecaria

Normative - Cosa sono e a che cosa servono la visura ipotecaria e quella catastale.

Come fare un ricorso al Catasto

Catasto - Se arriva un avviso di accertamento da parte del Catasto, con l'indicazione di una rendita più elevata e di sanzioni da pagare, è possibile presentare un ricorso.

Il Catasto energetico e i servizi utili al cittadino

Catasto - Il Catasto energetico non è solo un registro degli APE, ma in alcune Regioni fornisce utili servizi al cittadino, come la verifica di validità di un Attestato.

Censimento impianti termici

Normative - Nel futuro prossimo il principale ente di riferimento per gli impianti termici sarà il Catasto degli Impianti, presente ed attivo in ogni regione italiana.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img mauri.rivo
Buongiorno,vorrei perfezionare l'acquisto di un immobile che presenta una difformità catastale risalente al periodo della costruzione avvenuta ad inizio 1900.In particolare...
mauri.rivo 17 Dicembre 2014 ore 15:07 6
Img syrio78/
Salve,come posso fare a sapere se dei parcheggi davanti ad un negozio nel condominio dove ho un appartamento sono condominiali o di proprietà del negozio?Perché nel...
syrio78/ 17 Febbraio 2016 ore 11:28 3
Img antonio.tra
Salve,non riesco ad ottenere una risposta univoca ad un problema che ho trascurato per anni.Ho ricevuto in donazione da mio padre la mia prima casa, da lui regolarmente...
antonio.tra 12 Novembre 2014 ore 12:53 1
Img alex72dipi
Buongiorno a tutti, avrei bisogno di un consiglio.Ho appena acquistato un'abitazione singola.Durante la ristrutturazione, mi sono accorto che l'altezza dei piani abitativi sono...
alex72dipi 06 Agosto 2015 ore 14:20 5
Img nibbio10
Salve a tutti, questo è il mio primo post, contento di essere parte integrante di questa bella famiglia. Una domanda: come sappiamo tutti il catasto non è probatorio...
nibbio10 04 Maggio 2019 ore 16:47 1