• progetto
  • cadcasa
  • ristrutturazione
  • caldaia
  • clima
  • forum
  • consulenza
  • preventivi
  • computo
  • mercatino
  • mypage
madex

Acquisto casa: il mutuo non può superare il valore dell'immobile

Che succede se, in caso di compravendita immobiliare, il mutuo supera il valore dell'immobile? Si rischia l'accertamento fiscale? Cosa dicono Legge e Cassazione
Pubblicato il

Mutuo superiore al prezzo dell'immobile: uno sguardo al passato


Chi ottiene dall'istituto di credito un mutuo che supera il valore dell'immobile da acquistare può incorrere negli accertamenti fiscali da parte dell'Agenzia delle Entrate.

Se vi sono scostamenti rilevanti tra il prestito e il prezzo dell'immobile stiamo commettendo un'evasione fiscale soggetta a punizione. In questo articolo cercheremo di chiarire alcuni aspetti rilevanti e trovare possibili soluzioni.

Soprattutto in passato sono stati in molti ad aver ottenuto dalle banche l'erogazione di mutui superiori al valore dell'immobile ipotecato. Vi era dunque una minore attenzione al prezzo riportato sull'atto notarile di compravendita.

Mutuo e prezzo della casa
Si ritenevano rilevanti le risultanze delle perizie dell'immobile redatte dai professionisti e ciò bastava ad accantonare la questione. Con maggior facilità, soprattutto quando il mercato immobiliare era molto dinamico, si riusciva a coprire con il mutuo il 100% del prezzo di acquisto; talvolta si poteva addirittura spuntare un credito superiore. Il mutuatario molto spesso riusciva ad ottenere somme superiori per finanziare le spese del notaio, dell'agenzia immobiliare o persino quelle per arredare l'abitazione.

Oggi le cose non stanno più così; vediamo cosa è cambiato.


Mutuo superiore al valore dell'immobile: come evolve la normativa


Rispetto a quanto accadeva una quindicina di anni fa circa, qualcosa inizia a cambiare a partire dal Decreto legge Bersani 223/2006.

In caso di discostamento del prezzo di vendita dai valori riportati nella banca dati delle quotazioni immobiliari dell'Agenzia delle Entrate era necessario quanto meno fornire delle spiegazioni in merito alla superiorità della somma erogata rispetto a prezzo della transizione.

Diversamente il mutuo a tali condizioni non poteva essere ammesso.

Con la legge comunitaria n. 88 del 2009 si fa di fatto un passo indietro. Secondo l'Agenzia delle Entrate il solo disallineamento tra mutuo e prezzo non può ritenersi unico indizio idoneo a sancire l'irregolarità dell'operazione.

Ecco che interviene la Corte di Cassazione con la sentenza n. 26485 del 2016 per riaprire il caso. I Giudici stabiliscono che uno scostamento considerevole tra mutuo erogato e quanto pagato per l'acquisto era sufficiente per far scattare l'accertamento fiscale.
La concessione di mutui più alti dell'importo versato dall'acquirente prestava il fianco a pagamenti in nero e all'evasione di imposte e come tale doveva essere contrastata.

Il 13 luglio 2017 con la sentenza n. 17352 la Corte di Cassazione si pronuncia ulteriormente sul superamento del limite di finanziabilità. In tali casi diviene automatica la nullità del contratto fondiario. Resta salva la possibilità di convertire il contratto in un ordinario finanziamento ipotecario in presenza dei necessari presupposti.

Le rigide posizioni dei Giudici Supremi vengono confermate dalla recente ordinanza n. 23379 del 19 settembre 2019 con la quale la Cassazione ha confermato la necessità dell'intervento del Fisco in caso di mutuo superiore al valore dell'immobile. La differenza è da sola bastevole, se ritenuta rilevante, per far scattare i necessari controlli.

Mutuo fondiario
Facciamo un esempio di chiarimento. Se una persona compra un immobile stipulando un rogito notarile nel quale è riportato un prezzo pari a 100.000 euro non potrà ottenere una somma a titolo di mutuo superiore a tale cifra. Qualora la banca dovesse erogare invece un importo pari ad esempio a 130.000 euro, l'Agenzia delle Entrate farà subito scattare degli accertamenti fiscali.
La cifra erogata superiore al prezzo della casa è prova dell'evasione fiscale messa in atto.

L'ammontare massimo del mutuo fondiario concesso non può superare il 75-80% del valore dell'immobile, valore che può arrivare al 100% presentando ulteriori garanzie oltre l'immobile stesso, come vedremo oltre.


Quando si può ottenere un mutuo più alto del prezzo dell'immobile


Abbiamo visto dunque che lo scostamento che giustifica un accertamento fiscale è quello che non viene in alcun modo giustificato nell'atto notarile.
Se di regola il mutuo erogato dalla banca corrisponde a circa il 75-80% del valore dell'immobile, in taluni casi tuttavia l'acquirente può richiedere una somma pari al 100% della somma indicata come prezzo della compravendita.

Affinché la somma più alta possa essere regolarmente concessa senza che scattino controlli fiscali è necessaria la presenza di una valida motivazione che deve essere riportata nell'atto stesso redatto dal notaio.

Mutuo casa e valore dell'immobile
Si potrà dunque ottenere un finanziamento superiore, ad esempio, per l'esecuzione di lavori manutenzione o di ristrutturazione sull'immobile acquistato. Per soddisfare tali necessità, ricordiamo che infatti molti istituti di credito erogano mutui aventi specifiche finalità.

Tra queste finalità viene proprio contemplata la possibilità di dare realizzazione a interventi di recupero del patrimonio edile. In questi casi, nell'atto di finanziamento concesso dalla banca, occorre specificare che la somma è stata erogata, in parte per l'acquisto dell'immobile e in parte per motivi diversi.

Esiste il mutuo per acquisto più ristrutturazione o acquisto più liquidità che costituisce una valida soluzione quando si ha bisogno di ulteriori somme di denaro. Anche se solitamente sono concessi a un tasso leggermente più alto consentono di evitare di incorrere in grane con il fisco.

Per la parte eccedente l'acquisto dell'immobile, infatti, la banca potrebbe applicare delle condizioni più onerose. Con un mutuo al 100% o addirittura superiore la banca inevitabilmente corre più rischi per quanto concerne le possibilità di rimborso da parte del cliente.
Ecco che per questo, oltre all'applicazione di tassi più elevati si aggiunge anche la richiesta di ulteriori garanzie di copertura. L'ipoteca iscritta sull'immobile, quale forma di garanzia in caso di insolvenza del mutuatario può risultare non più sufficiente.

Ecco che si richiede, ad esempio, la presenza di un terzo garante che si impegni a onorare il debito, nel caso in cui l'intestatario del mutuo non vi ottemperi.

riproduzione riservata
Mutuo superiore al valore dell'immobile
Valutazione: 6.00 / 6 basato su 1 voti.
gnews

Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
346.559 UTENTI
SERVIZI GRATUITI PER GLI UTENTI
SEI INVECE UN'AZIENDA? REGISTRATI QUI
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img alecase
Buongiorno a tutti,vorrei gentilmente sapere se è possibile fare il rogito di una casa non ancora ultimata.Vi spiego cosa è successo.Ho comprato un appartamento in...
alecase 27 Marzo 2024 ore 14:09 13
Img claudio gmail
Buona sera, ho acquistato una casa da privato che era in costruzione, in fase d'opera ho chiesto delle predisposizioni per dei lavori da eseguire dopo l'acquisto della casa...
claudio gmail 22 Febbraio 2024 ore 18:53 9
Img alessandra lecca
Ciao a tutti, sono in attesa del rilascio della concessione in sanatoria di un appartamento per cui ho firmato 2 mesi fa il preliminare di acquisto.La procedura semplificata...
alessandra lecca 28 Agosto 2023 ore 11:03 6
Img roberta carotti
Buongiorno a tutti,Scusate per l'intrusione cercherò di essere breveMi chiamo Roberta, insieme al mio compagno, abbiamo letto su alcuni siti della possibilità di...
roberta carotti 20 Agosto 2023 ore 12:52 4
Img sara tomei
Buonasera,A marzo 2023 ho individuato un immobile per il quale nello stesso mese ho fatto la proposta d'acquisto con assegno a deposito, accettata dalla proprietaria. Dalla fine...
sara tomei 26 Giugno 2023 ore 22:35 2