Muffa in bagno: come togliere la muffa dalla doccia

NEWS DI Risanamento umidità05 Aprile 2012 ore 10:44
La muffa si forma e si annida facilmente negli angoli del bagno per l'elevata presenza di umidità. Ecco i consigli per riconoscerla, prevenirla ed eliminarla.

La muffa è uno dei problemi più diffusi e fastidiosi che si possono verificare nella stanza da bagno.
La causa principale delle muffe che si formano negli angoli ma anche sulle piastrelle e su parte dell'arredo è sicuramente l'umidità, unita in alcuni casi a scarsa igiene degli ambienti.
Per combattere in modo efficace la muffa sono quindi necessari un'accurata e frequente opera di pulizia ed il rispetto di alcuni semplici accorgimenti.


Riconoscere la muffa


La muffa all'interno del bagno è riconoscibile a seconda delle sue dimensioni.
Macchie di media grandezza o molto grandi, sono facilmente visibili e riconoscibili grazie al loro aspetto sgradevole ed il colore biancastro, nero-verdastro o multicolore.
Nel caso di muffe di piccole dimensioni o che si stanno appena formando, è possibile invece riconoscerne la presenza attraverso l'olfatto.

L'inconfondibile odore della muffa infatti ci condurrà facilmente alle zone in cui si sta formando.
In generale, i punti del bagno in cui l'umidità si accumula più facilmente e dove quindi è più probabile che si formino funghi, sono quelli intorno alla doccia, al wc, alle tubature e sulle superfici che si bagnano con più facilità, come piastrelle, pareti , pavimento e soffitto.

Per quanto riguarda le piastrelle, bisogna controllare soprattutto gli spazi, spesso porosi, tra una mattonella e l'altra.


Prevenzione della muffa

Dal momento che soprattutto l'umidità è all'origine delle muffe che si trovano nei bagni, bisognerà limitarne in ogni modo la diffusione all'interno della stanza.

Innanzitutto, sarà utile controllare che nel bagno non siano presenti perdite.
La fuoriuscita di acqua dai tubi favorisce infatti la formazione ed il proliferare della muffa.
Il controllo deve essere ovviamente minuzioso e può avvenire durante le abituali operazioni di pulizia.

Indispensabile è anche pulire accuratamente tutte le superfici rigide, come il soffitto e le piastrelle del pavimento e delle pareti.
Se siete in fase di ristrutturazione del bagno, inoltre, sarà molto utile scegliere delle nuove piastrelle dalla superficie extra lucida o semilucida.

Questo tipo di piastrelle infatti presentano una superficie priva di pori, che ostacola in gran parte la concentrazione dell'umidità e quindi la conseguente formazione di muffe.

Molto importante è poi il lavaggio regolare delle superfici morbide, soprattutto della tenda del box doccia.
Se la tenda è in tessuto, potrà essere lavata tranquillamente in lavatrice mentre se è di plastica può essere lasciata in ammollo in acqua e detergente nella vasca da bagno e poi strofinata e risciacquata con delicatezza per completare il lavaggio.

La prevenzione della muffa va però eseguita anche durante le semplici e quotidiane attività che svolgiamo nella stanza da bagno. Ad esempio, quando si fa la doccia, è sempre consigliato chiudere completamente la tenda o la porta del box doccia per evitare il più possibile lo spargimento di acqua sul pavimento e sulle pareti, limitando così l'umidità nella stanza.

Una volta terminata la doccia, bisognerà poi provvedere ad asciugare l'ambiente. Per le piastrelle basterà passare un asciugamano oppure un tergivetro mentre per gli altri elementi d'arredo come tappetini ed asciugamani, bisognerà farli asciugare a contatto con l'aria e risistemarli nel bagno solo quando saranno completamente asciutti.

Sempre per quanto riguarda gli asciugamani e i tappeti, è di fondamentale importanza lavarli e cambiarli spesso.

Anche la pulizia della stessa doccia è un'operazione essenziale nella prevenzione della muffa.
Nei fori di uscita dell'acqua infatti possono formarsi dei funghi se non viene eseguita regolarmente una pulizia accurata. Inoltre è molto utile far uscire un po' di acqua fredda dalla doccia prima di aprire quella calda, all'inizio di ogni operazione.

Un modo più semplice e meno faticoso per eliminare l'eventuale umidità diffusa nell'ambiente, è quello di installare una ventola di scarico, che si accende automaticamente ogni qualvolta viene fatta la doccia, oppure l'utilizzo di un aspiratore con presa d'aria esterna.

Nel caso non si disponga di nessuno di questi due mezzi, può comunque essere utile aerare l'ambiente dopo ogni doccia, lasciando porte e finestre aperte.
Un altro accorgimento utile è senz'altro quello di chiudere il water con la tavoletta nel momento in cui si scarica, per evitare che i batteri, che favoriscono la nascita delle muffe, si diffondano intorno.


Come togliere la muffa dalla doccia


Una volta formatasi all'interno del bagno, la muffa va eliminata con attenzione, avendo cura di non trascurare nemmeno un angolo.

Muffa nella doccia: è infatti proprio negli angoli e nei vari interstizi che i funghi si annidano più spesso e diventano più difficili da eliminare.

In certi casi, può essere utile munirsi di uno spazzolino (va bene anche un comune spazzolino da denti) per togliere ogni traccia di muffa, specialmente nelle fessure tra una mattonella e l'altra.
Per quanto riguarda i prodotti da utilizzare, vanno bene sia quelli specifici che i semplici detergenti per la casa diluiti nell'acqua, purché non troppo aggressivi.

Tra questi, il detersivo per i piatti è uno dei più efficaci contro le muffe.
Sono inoltre molto utili i rimedi fatti in casa, come ad esempio il bicarbonato disciolto in acqua, indicato soprattutto per il lavaggio delle tende.

riproduzione riservata
Articolo: Muffa nel bagno
Valutazione: 4.23 / 6 basato su 39 voti.

Muffa nel bagno: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Gentile giuseppe
    Gentile giuseppe
    Martedì 14 Agosto 2018, alle ore 11:41
    Per eliminare l'umidita dal soffitto del bagno si possono mettere dei pannelli di stifferite nella parte superiore del soffitti?
    rispondi al commento
  • Vale
    Vale
    Sabato 25 Febbraio 2017, alle ore 11:19
    Abito in una casa nuova da due mesi e nel bagno in cui facciamo la doccia più frequentemente abbiamo un vortice che rimane acceso per 20 minuti e che spesso accendiamo una seconda volta per altri venti minuti anche quando usciamo dal bagno dopo la doccia.
    Vedo che nei due angoli del soffitto inizia a formarsi la muffa. Qualche consiglio per evitarla?
    rispondi al commento
  • Tiziana
    Tiziana
    Domenica 13 Ottobre 2013, alle ore 10:46
    Ho un lavandino in cucina di quelli fatti in pietra che col tempo e diventato poroso e nelle pareti a cominciato a macchiarsi di puntini neri specialmente li dove ci sono piccole increspature.
    Ho provato a pulirlo con la candeggina con risultato non molto soddisfacente, ho provato anche con piccole quantità di acido ma ha formato chiazze sbiadite li dove c'erano questi puntini neri.
    C'è qualche rimedio?
    Grazie.
    rispondi al commento
    • Pegasoengineering
      Pegasoengineering PEGASO ENGINEERING srl Tiziana
      Lunedì 14 Ottobre 2013, alle ore 12:56
      In questo caso, dovrebbe utilizzare un prodotto pulente specifico per materiali porosi.
      Trattandosi spesso di prodotti molto potenti, è consigliabile seguire attentamente le indicazioni riportate sull'etichetta.
      rispondi al commento
  • Giulianolorenzon
    Giulianolorenzon
    Mercoledì 11 Settembre 2013, alle ore 15:43
    Posso usare il bicarbonato nelle fessure per asciugare l'umidità e purificare la muffa?
    Voglio evitare di buttare della candeggina che poi giustamente ha bisogno di troppo tempo per asciugare?
    Grazie.
    Inoltre è preferibile usare lo stucco per piastrelle per questa parte?
    Perché è già la seconda volta che dovrei siliconare ed ho paura che in quel punto il silicone non sia adatto.
    rispondi al commento
  • Nicola
    Nicola
    Lunedì 5 Novembre 2012, alle ore 19:08
    Con l'arrivo del freddo periodicamente si presenta in cucina il seguente problema: si forma della condensa sulle piastrelle in particolare nella parte inferiore dietro ai mobili. La condensa provoca acqua e mo trovo dietro ai mobili un lago. Ho installato un deumidificatore e diverse scatolette con i sali, ma l'acqua, anche se in maniera minore, si forma comunque. Come fare ? Esiste un prodotto da applicare direttamente sulle piastrelle per evitare, o limitare, il formarsi della condensa ? Grazie
    rispondi al commento
    • Tiziana
      Tiziana Nicola
      Giovedì 8 Novembre 2012, alle ore 11:27
      Per Nicola: Gentilissimo Nicola, per prevenire la formazione della condensa le posso consigliare come prima cosa di aerare bene la stanza soprattutto quando in cucina si genera vapore per la cottura dei cibi o viene utilizzata acqua per la pulizia. Inoltre, è consigliabile isolare perbene l'ambiente dall'esterno per alzare la temperatura delle superfici interne, in quanto la condensa si forma soprattutto per la differenza di temperatura al centro del locale e quella delle superfici. Cordialmente Tiziana
      rispondi al commento
  • Angela
    Angela
    Sabato 27 Ottobre 2012, alle ore 22:36
    Gentile Tiziana, da alcuni giorni sento provenire dal lavandino della cucina un terribile odore di acqua stagnante.
    Periodicamente eseguo la pulizia delle tubature smontando tutti i pezzi del sottolavandino, le lavo, le faccio asciugare e le rimonto e l'odore svanisce.
    Anche questa volta ho fatto la stessa cosa, ma invano.
    Ho usato un cavo di metallo girando l'estremità di un capo a forma di piccoli ganci che ho introdotto in profondità fino a quando non proseguiva oltre, ho versato della candeggina e poi ho fatto scorrere acqua calda, ho versato aceto e sale grosso, ho versato bicarbonato e aceto e poi ho fatto scorre acqua calda...ma l'odore si sente ancora, non so più cosa fare.
    Aggiungo che ho lavato tutto quello che si può lavare; l'odore proviene proprio dal tubo di scarico del lavandino che funziona perfettamente, anche nel bagno tutto scorre perfettamente e non si sente nessun cattivo odore, anzi, io ci tengo alla pulizia della casa.
    Mi dica cos'altro posso fare, il cattivo odore m'innervosisce, mai successo prima.
    La ringrazio in anticipo per la sua risposta. Cordiali saluti, Angela
    rispondi al commento
    • Tiziana
      Tiziana Angela
      Lunedì 29 Ottobre 2012, alle ore 22:33
      Per Angela: Gentilissima Anna, ha verificato che il sifone rimanga sempre pieno d'acqua? Provi a vedere se il sifone tende a svuotarsi. In questo caso, sarebbe opportuno sostituirlo perché potrebbe essere questa la causa del cattivo odore che persiste nonostante la sua accurata pulizia.
      rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
Notizie che trattano Muffa nel bagno che potrebbero interessarti
Come arrestare la formazione di muffa e condensa

Come arrestare la formazione di muffa e condensa

Risanamento umidità - Alcune dritte su come ridurre e limitare la formazione di muffa e conseguente umidità all'interno dei nostri ambienti, per effetto della condensa.
Prevenzione della muffa

Prevenzione della muffa

Risanamento umidità - Prevenire la muffa ed intervenire con prodotti specifici nei casi più semplici: qualche consiglio per evitare che le nostre case siano invase dalle muffe.
Pericolo muffa

Pericolo muffa

Ristrutturazione - Controindicazioni dell'isolamento.

Debellare la muffa con specifici prodotti spray

Pulizia casa - Per far sparire le odiate macchie di muffa presenti negli angoli più umidi di casa, sono efficaci trattamenti spray: facili e veloci offrono risultati duraturi!

Combattere l'umidità

Risanamento umidità - La presenza di un eccesso di umidità in casa, che si riconosce dalla presenza di condensa, muffa e odori sgradevoli, può ingenerare danni per la salute.

Un metodo semplice ed efficace per eliminare la muffa in casa

Pulizia e manutenzione - Il ventilatore con scambiatore di calore, con un semplice foro nel muro è il modo più immediato e meno invasivo per risolvere il problema dell'umidità da condensa

Pulire le fughe tra le piastrelle

Pulizia casa - Pulire le giunzioni tra le piastrelle è un lavoro faticoso che va svolto con una certa frequenza per evitare eccessivi depositi di sporco o muffa tra mattonelle

Come combattere le malattie fungine

Giardinaggio - Le malattie fungine sono estremamente pericolose per la salute delle nostre piante. Vediamo come riconoscerle e prevenirle e quali sono i prodotti per curarle.

Come prevenire le muffe

Ristrutturazione - Consigli per ridurre e prevenire l'insorgenza di muffe.
REGISTRATI COME UTENTE
298.150 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Kit antimuffa Muffaway
    Kit antimuffa muffaway...
    44.26
  • Pannello naturale antimuffa Muffaway
    Pannello naturale antimuffa...
    23.90
  • Pittura antimuffa di calce Muffaway
    Pittura antimuffa di calce muffaway...
    42.49
  • Telo proteggitenda
    Telo proteggitenda...
    18.00
  • Cesta porta biancheria
    Cesta porta biancheria...
    25.83
  • Ventola di aspirazione bagno Vortice
    Ventola di aspirazione bagno...
    26.99
integra
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Velux
  • Claber
  • Weber
  • Faidatebook
  • Kone
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.