Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Mediazione dopo l'opposizione a decreto ingiuntivo condominiale

Il procedimento di mediaconciliazione ed i decreto ingiuntivo in materia condominiale: le connessioni, la facoltatività e l'obbligatorietà.
28 Maggio 2012 ore 10:58 - NEWS Condominio
condominio , eredi , diffamazione , decreto ingiuntivo

MedazioneRecita l'art. 63, primo comma, disp. att. c.c. per la riscossione dei contributi in base allo stato di ripartizione approvato dall'assemblea, l'amministratore può ottenere decreto di ingiunzione immediatamente esecutivo, nonostante opposizione. Per ottenere il decreto relativo a quote non versate, è indispensabile l'approvazione assembleare ma, come dice la giurisprudenza, il verbale di un'assemblea condominiale contenente l'indicazione delle spese occorrenti per la conservazione o l'uso delle parti comuni costituisce prova scritta idonea per ottenere decreto ingiuntivo pur in mancanza dello stato di ripartizione delle medesime, necessario per l'ulteriore fine di ottenere anche la clausola di provvisoria esecuzione del provvedimento, ai sensi dell'art. 63 disp. att. cod. civ. (Corte App. Napoli 25 gennaio 2012).

La giurisprudenza ha semplificato ancor di più l'accesso al procedimento. Infatti, se l'assemblea, per cause non imputabili all'amministratore (es. ritardi pluriennali nella presentazione dei rendiconti) e senza specifici motivi, non approvasse i conteggi regolarmente presentati, per ottenere un decreto ingiuntivo ai sensi dell'art. 63 disp. att. c.c. sarebbe sempre sufficiente l'ultimo rendiconto preventivo approvato (cfr. Cass. 29 settembre 2008 n. 24299). L'intento è chiaro: fare in modo che i morosi non possano paralizzare l'attività di gestione della compagine. Il ricorso per decreto ingiuntivo per i crediti condominiali, al pari delle altre azioni monitorie, non è soggetto a procedimento di mediazione (d.lgs. n. 28/10). Stessa cosa dicasi per l'opposizione al decreto, fino ad un certo punto, però; ai sensi dell'art. 5 d.lgs n. 28/10 ciò vale fino alla decisione sulla sospensione dell'esecutività. Dopo, tuttavia, visto che siamo in materia condominiale soggetta a tentativo obbligatorio, ci si dovrà rivolgere ad un organismo iscritto presso il registro tenuto dal Ministero della Giustizia. Con che modalità? La risposta è contenuta nel primo comma dell'art. 5 d.lgs n. 28/10. Si legge nella norma che: […] l'esperimento del procedimento di mediazione è condizione di procedibilita' della domanda giudiziale. L'improcedibilita' deve essere eccepita dal convenuto, a pena di decadenza, o rilevata d'ufficio dal giudice, non oltre la prima udienza. Il giudice ove rilevi che la mediazione è gia' iniziata, ma non si è conclusa, fissa la successiva udienza dopo la scadenza del termine di cui all'articolo 6. Allo stesso modo provvede quando la mediazione non è stata esperita, assegnando contestualmente alle parti il termine di quindici giorni per la presentazione della domanda di mediazione […]. Detto praticamente: dopo la prima udienza (parliamo dell'opposizione a decreto ingiuntivo condominiale) in cui si decide sulla sospensione della provvisoria esecutività, il giudice, se le parti non v'hanno ancora provveduto, ordina la presentazione della domanda di mediazione, rinviando l'udienza ad una data successiva di almeno quattro mesi (termine massimo di durata del tentativo di conciliazione). Se, invece, la domanda di mediazione è stata già presentata la causa dovrà essere rinviata ad un'udienza successiva alla durata massima prevista per il tentativo.Sembrerebbe chiaro l'interesse dell'opponente (ossia il condomino moroso) presentare domanda di mediazione; se non lo facesse, così è stato detto in dottrina, il giudizio d'opposizione sarebbe improcedibile ed il decreto diverrebbe definitivo. Medazione2Non è d'accordo la giurisprudenza, in particolare il Tribunale di Varese, secondo il quale dopo il no allo stop all'esecuzione del decreto spetta al creditore attivare la mediazione. Sullo spirito con cui s'affronta il procedimento di conciliazione pesa molto la decisione sulla sospensione dell'esecutività. Se il decreto resta provvisoriamente esecutivo è nell'interesse del debitore trovare un accordo (naturalmente le buone ragioni dell'opposizione, se essa non è puramente dilatoria, fanno aumentare e non poco le probabilità di ottenere una sospensione del decreto). Ad ogni buon conto, per ovvie ragioni, un accordo in sede di conciliazione presuppone la rinuncia al decreto e, di conseguenza, la rinuncia all'opposizione da parte del condomino-debitore.

riproduzione riservata
Articolo: Mediazione dopo l'opposizione a decreto ingiuntivo condominiale
Valutazione: 3.00 / 6 basato su 1 voti.

Mediazione dopo l'opposizione a decreto ingiuntivo condominiale: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • FrancoR.
    FrancoR.
    Mercoledì 30 Maggio 2012, alle ore 00:53
    Buongiorno, di recente ho acquistato un’unità immobilire inserita in un condominio, ove sono stati eseguiti e ultimati lavori straordinari di ristrutturazione fabbricato, prima della data del rogito. L’impresa che ha eseguito i lavori adesso mi chiede un importo di 896,00 euro per questi lavori eseguiti, affermando che non gli sono stati accreditati . Nella missiva fa presente che al momento della stipula contrattuale con il condominio ha rinunciato all’obbligo solidale su di esso. La mia domanda è questa: I lavori sono stati deliberati l’anno antecedente la data dell’acquisto, può l’ impresa chiedere questi crediti, e quindi sfruttare l’art. 63CC IIc? Grazie per la Gentile risposta
    rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
329.007 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Mediazione dopo l'opposizione a decreto ingiuntivo condominiale che potrebbero interessarti


Dire all'amministratore latitante non è reato

Condominio - Le sentenze sulla libertà d'espressione, più nello specifico quelle che non reputano reato determinate affermazioni

Eredità e assemblea condominiale

Assemblea di condominio - In tema di diritto di partecipazione all'assemblea condominiale, gli eredi di un'unità immobiliare devono essere convocati anche se non chiaramente identificati?

Cosa fare se il coerede non paga le spese condominiali?

Proprietà - Chi paga le spese condominiali in caso di morte di un condomino? Sono responsabili i coeredi dell'immobile? In che misura? Vediamo quali sono le regole applicabili

Litigi ed ingiurie tra condòmini e con l'amministratore

Liti tra condomini - In tema di rapporti tra i condòmini, non sempre è facile individuare il confine tra diritto di critica e insulto e quindi la rilevanza penale delle offese pronunciate.

Tutti condomini possono proporre appello contro la sentenza sfavorevole

Condominio - S?ipotizzi che un condomino, o anche un estraneo alla compagine, faccia causa al condominio per ottenere un risarcimento del danno o per far valere un altro diritto

Regolamento condominiale contrattuale e posizione dell'inquilino

Regolamento condominiale - Il regolamento condominiale non dev'essere rispettato dall'inquilino se il proprietario non l'ha accettato o se non c'è uno specifico accordo

Comunione, condominio e ripartizione delle spese

Condominio - Il codice civile disciplina due forme di comproprietà su beni immobili: la comunione (che può applicarsi anche a cose mobili) ed il condominio che, invece,

L'inquilino, il condominio ed i danni

Condominio - L'inquilino di un un'unità immobiliare in condominio può essere risarcito dal proprietario anche se i danni provengono da parti comuni.

Condominio orizzontale

Amministratore di condominio - Il condominio orizzontale è una particolare tipologia di condominio a sviluppo prevalentemente orizzontale formato ad esempio da una stecca di villette a schiera.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img alehandro
Buongiorno,ho un giardino esclusivo in un più ampio contesto condominiale.In particolare su un muro che delimita il mio giardino, insiste una finestra di una condomina che...
alehandro 09 Maggio 2021 ore 23:42 2
Img pippilotta
Buongiorno,il condominio in cui vivo (9 unità abitataive) sta avanzando la pratica per accedere al 110% per cappotto termico e sostituzione caldaia (abbiamo il...
pippilotta 07 Maggio 2021 ore 06:30 2
Img saras2021
Buongiorno,abito in uno stabile di Milano e il condomonio è molto interessato al Superbonus 110%.Il nostro amministratore ci ha presentato con molto entusiasmo un General...
saras2021 06 Maggio 2021 ore 16:55 1
Img vindalooman
Buongiorno a tutti, sono un neoiscritto.Io e i miei fratelli abbiamo ereditato una casa indipendente su due piani in un comune in provincia di Sondrio.Immobile costruito nel 1979...
vindalooman 05 Maggio 2021 ore 17:04 2
Img luca1954
Salve,l'amministratore del nostro condominio ha indetto un'assemblea dopo aver fatto fare l'analisi di fattibilità.Nell'ordine del giorno è scritto infatti...
luca1954 18 Aprile 2021 ore 21:19 2