Mattoncini tufo fai-da-te

Recuperare e riutilizzare elementi in tufo provenienti da edifici antichi ristrutturati può produrre interessanti nuovi elementi decorativi e di richiamo della memoria.
Pubblicato il

Ristrutturare un vecchio edificio, soprattutto nelle regioni dell'Italia Centro-Meridionale, comporta, spesso, un'alta probabilità di dover lavorare su una struttura in muratura portante realizzata in tufo.

decorazione di tufo su tufoTali strutture hanno, generalmente, le fondamenta che partono da almeno un paio di metri al di sotto del livello del strada e e si sviluppano verso l'alto con una sezione tipica che è più spessa nelle parti basamentali e si assottiglia man mano che si sale ai piani più alti dell'edificio.

Tali edifici hanno le pareti dei piani inferiori e delle cantine il cui spessore è, nei casi più diffusi, dell'ordine di 1 metro, mentre i muri perimetrali dei piani superiori possono avere uno spessore in sezione pari a quello della singola pietra di tufo posata su una delle due facce di superficie maggiore.

Spesso negli edifici con strutture portanti in tufo è facile trovare divisori tra gli ambienti interni realizzati nello stesso materiale, il quale, sia nell'impiego per le murature perimetrali che per quelle divisorie offre, generalmente, buone capacità di isolamento termico ed acustico.

Le caratteristiche tipiche delle pietre di tufo, largamente impiegato nei secoli passati come principale materiale da costruzione per gli edifici, sono sostanzialmente costituite dalla facilità di lavorazione e dalla leggerezza, unite alla notevole facilità di approvvigionamento, purtroppo decisamente ridottosi ai nostri giorni.

Altra importante caratteristica delle pietre di tufo è la loro naturale porosità, anche se quest'ultima purtroppo si rivela essere un punto debole nelle situazioni in cui ci sono problemi di umidità.
Questi ultimi sono tuttavia, oggi, facilmente contrastabili grazie ad innumerevoli prodotti disponibili in commercio, capaci di fronteggiare le più disparate cause di umidità.


Riutilizzo mattoni di scarto in tufo


sega circolareRecuperare delle parti in tufo di un vecchio edificio significa mantenere viva la memoria o parte della memoria dello stesso, memoria che, tuttavia, può anche essere mantenuta viva in maniera diversa, con un po' di fantasia e praticità, studiando dei nuovi usi per le pietre di tufo recuperate, che possono essere rinnovate grazie alle caratteristiche di leggerezza e facilità di lavorazione sopra descritte.

Le nuove lavorazioni utili per effettuare il recupero possono essere effettuate anche come semplici e rapide operazioni fai-da-te, avendo cura di adottare tutte le misure di sicurezza preventive per l'utilizzo di una macchina a sega circolare come quella in foto.

In alternativa, si può più semplicemente utilizzare una sega circolare con disco per pietre di dimensioni più contenute ma comunque adeguate alle lavorazioni che si vogliono eseguire, complessivamente più maneggevole rispetto alla macchina descritta precedentemente.
In entrambi i casi, gli scarti delle lavorazioni generati nel corso di una ristrutturazione di un edifico in tufo possono essere utilizzati come elementi decorativi unici nel loro genere.

mattoncini di tufoÈ questo il caso, ad esempio, delle pietre di un vecchio muro abbattuto perché non più sicuro o per far semplicemente posto ai moderni termo-blocchi.

Dalle pietre di tufo scartate possono essere ricavati dei mattoncini dallo spessore di diversi centimetri e di larghezza e lunghezza opportuna, in funzione degli spazi che si vogliono decorare.

Ad esempio, gli elementi decorativi in tufo mostrati nelle foto sono stati utilizzati per realizzare delle cornici, principalmente in corrispondenza delle porte e delle finestre dello stesso edificio in tufo: la posa di tali elementi è semplice e rapida, trattandosi di tufo su tufo, e realizzabile utilizzando della semplice malta cementizia.

Il singolo elemento decorativo, o mattoncino di tufo, estremamente maneggevole ha dimensioni in larghezza, lunghezza e spessore rispettivamente di quindici centimetri circa, trenta centimetri e quattro centimetri.
Oltre ad avere una funzione decorativa i mattoncini fai-da-te in tufo possono essere utilizzati anche per ricavare alloggiamenti per la posa in opera di binari per tapparelle, infissi e relativi accessori o altri elementi come sensori antintrusione.

A tal fine lo spessore che deve sporgere dal filo di muro che definisce il vano della porta o della finestra può essere concordato e definito col progettista degli impianti tecnologici.

riproduzione riservata
Mattoncini tufo fai-da-te
Valutazione: 5.25 / 6 basato su 8 voti.
gnews
  • whatsapp
  • facebook
  • twitter

Inserisci un commento



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
Alert Commenti
347.074 UTENTI
SERVIZI GRATUITI PER GLI UTENTI
SEI INVECE UN'AZIENDA? REGISTRATI QUI
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img bond 01
Buongiorno, abbiamo acquistato una casa di campagna in alto Salento, questa casa è stata realizzata più o meno fine anni 70 inizi anni 80.La casa è in doppio...
bond 01 03 Settembre 2023 ore 11:29 2
Img bond 01
Buonasera a tutti,abbiamo una casa di campagna nell'alto Salento fatta quasi tutta con doppio tufo da 20 cm più intercapedine da 10 cm (totale spessore muro 20+10+20).Casa...
bond 01 08 Gennaio 2023 ore 12:08 2
Img linomarco
Buongiorno a tutti, come da oggetto, vorrei mettere la staffa per la tv in cameretta, quinidi TV max 32", su un puro divisorio di circa 10cm in tufo.ci possono essere problemi di...
linomarco 23 Luglio 2022 ore 09:24 11
Img sosyp
Ciao a tutti,Ho intenzione di realizzare un pergolato (non so se questo sia il termine corretto) per ricoprire una veranda (villetta unifamiliare in zona agro). Sono già...
sosyp 10 Maggio 2022 ore 23:05 1
Img linomarco
Salve,qual è il miglior modo di inseire dei tasselli nel muro in tufo?Tenendo conto che dovranno sorreggere dei sanitari sospesi?Grazie...
linomarco 05 Maggio 2021 ore 20:30 2