Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA

Realizzare un massetto per esterni con materiali di recupero

NEWS Restauro edile20 Agosto 2020 ore 09:48
La realizzazione di um massetto nel nostro giardino, un’operazione apparentemente semplice, ma se non prestiamo attenzione potremmo incappare in seri problemi.

Il massetto per esterni


Qualche giorno fa sul forum di Lavorincasa è stata fatta una richiesta ben precisa e ho deciso di scrivere un articolo per ampliare il discorso e mostrare degli esempi concreti.

Molte volte abbiamo pensato di pavimentare o fare una gettata di cemento nel nostro giardino per avere un vialetto o una verandina più ordinata e pulita. Ma che cos’è il massetto?
È un elemento costruttivo orizzontale in cemento con la funzione di livellare una superficie per disporre il pavimento finale, rendendola piana per ripartire il carico dei pesi sovrastanti.

Un’operazione apparentemente semplice: si prepara del cemento e si copre tutto il terreno con del massetto, livellandolo per bene, poi a scelta si può pavimentare oppure renderlo liscio.

Ma in quali problemi potremmo incappare se non prestiamo attenzione ad alcuni fattori?

Massetto per esterni
Sempre più spesso nelle nostre case preferiamo coprire un’area di giardino con del cemento per poi posizionarci sopra un gazebo, un barbecue oppure più semplicemente per avere meno fogliame e meno problemi con le erbacce. Ognuno ha il suo desiderio.
In ogni esigenza, si presume che ci sia un bisogno in particolare: la durabilità.


Massetto vespaio e problemi da evitare


Come in molti lavori, ci concentriamo su quello che vediamo direttamente e non su quello che si nasconde dietro, che in realtà è la base del nostro lavoro.
Pertanto, per avere un ottimo risultato, più che concentrarci sul massetto dovremmo focalizzare la nostra attenzione sul sottofondo del massetto.

Il terreno sul quale vogliamo stendere il nostro massetto è morbido, friabile, non compatto e mobile. Il massetto, una volta superati i 28 giorni, raggiunge il periodo di piena asciugatura e diventa un unico elemento statico e rigido. Come possiamo ben immaginare, se quest’ultimo ha uno spessore sottile e se posizionato su un terreno morbido si comporta come se applicassimo della pressione su un foglio di carta posato su un cuscino, notiamo che il foglio si stropiccia e presenta evidenti increspature e pieghe.

Il massetto, per via di microcedimenti del terreno che giornalmente avvengono, conseguenza di carichi diversi applicati sullo stesso massetto e per gravità, si muoverà e di conseguenza essendo rigido e con uno spessore contenuto si lesionerà e si fratturerà.

Queste lesioni non faranno altro che rendere poco gradevole il nostro pavimento, oltre che poco sicuro. Tra le fessure potranno nascere quelle erbacce che tanto abbiamo combattuto e vinto con il nostro massetto. Ora saranno ricomparse.


Esempio pratico di un massetto realizzato in giardino


Per realizzare un buon massetto dobbiamo valutare quale sia la superficie sottostante, se un’area cementata oppure del terreno. Più è sconnessa e morbida la superficie più dovremmo stare attenti a creare un sottofondo idoneo a sostenere il massetto, una sorta di vespaio senza camera d’aria.



Una situazione simile è avvenuta in un lavoro recente. Il giardinetto fronte casa presentava una verandina a una quota, mentre a una quota più bassa era presente del terreno e piantumazioni perimetrali. Il lavoro consisteva nel fare un massetto e poi pavimentare tutta la veranda creando un unico piano di calpestio alla stessa quota della veranda.

Il piano del terreno più basso, e essendo molto morbido, necessita di un sottofondo che attenui la morbidezza del terreno e stabilizzi la superficie, al fine di creare un buon piano di appoggio del massetto. L’approccio in questo caso è come se stessimo facendo un vespaio areato ma senza dare molta importanza all’aerazione.


Come si procede a creare un massetto sul terreno?


Prima di ogni operazione bisogna assicurarsi di rimuovere tutta la piantumazione presente e utilizzare del diserbante per essere sicuri che la vegetazione restante nel terreno non sia più attiva. Il rischio è che si sviluppi nuovamente e possa sollevare o danneggiare il nostro massetto.

CONSIGLIATO
Diserbante
MONSANTO ROUNDUP Power 2.0 diserbante sistemico Glifosate acido 0,5 LITRI LIBERA VENDITA...
prezzo € 11.8
invece di € 12.5 COMPRA


Dopo una prima omogeneizzazione e livellamento del terreno si può procedere con la stesura di uno strato di materiale inerte quindi materiale di risulta recuperato in cantiere.

Come possiamo immaginare, lo smaltimento delle macerie prevede la separazione dei materiali e gli inerti possono essere riutilizzati.

La ditta esecutrice del lavoro Taurino Edil Service ha provveduto a separare i materiali inerti che presentano elementi grossolani, medi e fini. Per questo motivo è stato possibile procedere come se si stesse facendo un vespaio in pietra .

Stesura del materiale inerte di dimensione media
Il materiale più grossolano, quindi più pesante e voluminoso, si utilizza per il primo strato per stabilizzare il terreno e appesantirlo. Il materiale inerte di dimensione media viene utilizzato per riempire i vuoti e consolidare il materiale più grossolano.

Ultimazione del sottofondo con la stesura dello strato di materiale inerte fino
Una volta creato uno strato di materiale inerte, si può stendere il materiale più fino, elemento importante per compattare il sottofondo e creare un elemento omogeneo sul quale stendere il massetto.

Il sottofondo in pietra e il materiale inerte, oltre a creare una solida struttura al massetto di posa ci permette di raggiungere la quota della veranda e uniformarla eliminando i gradini.

L’altezza di un sottofondo è variabile in base alla geometria dell’area e al tipo di terreno con cui dobbiamo lavorare. Possiamo considerare che una superficie molto ampia ci costringe ad aumentare lo spessore del sottofondo mentre su una piccola superficie possiamo contenere lo spessore.

Ultimazione del sottofondo con la stesura dello strato di materiale inerte fino
Su un supporto omogeneo e solido come il sottofondo creato, possiamo procedere con la realizzazione del massetto.

Stesura del massetto di posa
In questo caso è stato realizzato un massetto non armato perché lo spessore del sottofondo è notevole, 30cm.

Stesura del massetto di posa
Il sottofondo non deve mai essere sotto i 10 cm di spessore e per tanto con spessori così sottili il massetto di posa deve essere necessariamente armato con una rete di acciaio 4x4cm.

Pavimento ultimato
Dopo aver realizzato il massetto, si può procedere con la pavimentazione. Si consiglia sempre di utilizzare la fuga, con uno spessore di almeno 3 mm per garantire elasticità al pavimento e evitare l’irrigidimento del corpo pavimento.

Foto pavimentazione ultimata: particolare
A lavoro ultimato potremmo apprezzare la staticità e solidità del nostro pavimento o massetto sfruttandolo per le nostre più piacevoli esigenze.

riproduzione riservata
Articolo: Massetto vespaio con materiale di risulta
Valutazione: 5.67 / 6 basato su 3 voti.

Massetto vespaio con materiale di risulta: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Sostieni Lavorincasa
REGISTRATI COME UTENTE
316.417 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Massetto vespaio con materiale di risulta che potrebbero interessarti


Protezione degli impianti posati a pavimento

Impianti - Le regole fondamentali per proteggere gli impianti a pavimento.

La nuova tecnologia del massetto termico a pavimento

Pavimenti e rivestimenti - Il massetto ad alta conducibilità termica è un importante passo avanti nella tecnologia dei prodotti premiscelati per l'edilizia, volto al risparmio e al benessere.

Massetti, caratteristiche e tecnologie

Progettazione - Un massetto deve avere caratteristiche di resistenza elastico-meccaniche ed eventualmente favorire anche l'integrazione con gli impianti tecnologici integrati.

Il massetto: come realizzarlo

Pavimenti e rivestimenti - Il massetto costituisce lo strato di supporto per la posa della pavimentazione e funziona da elemento di separazione tra la struttura e la finitura superficiale.

Giusta posa dei pannelli radianti

Impianti di riscaldamento - Poche ma significative attenzioni nella posa in opera dei pannelli radianti ne influenzano significativamente le prestazioni massimizzandone la resa funzionale.

Massetti: tipologie e posa in opera

Pavimenti e rivestimenti - Un'adeguata messa in opera del massetto, di supporto alla pavimentazione, è fondamentare per ottenere un risultato finale ottimale per la posa delle piastrelle.

Caratteristiche del massetto per la posa del parquet

Pavimenti e rivestimenti - Un massetto idoneo alla posa in opera del parquet deve essere caratterizzato da determinati valori di umidità, in maniera tale da garantire una lunga durata nel tempo.

Isolamento controterra

Impianti - Buoni isolanti e privi di condensa.

Tipologie e caratteristiche di un massetto sottopavimento

Materiali edili - Per garantire una buona posa del pavimento, il massetto deve essere eseguito rispettando la regola dell'arte, dal massetto alleggerito a quello a presa rapida.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img enyportafortuna
Ciao a tutti, volevo delle informazioni per quanto riguardano delle crepe che si sono formate nel massetto ripristinato... Allora 3 giorni fa hanno fatto il ripristino di tutto il...
enyportafortuna 11 Maggio 2019 ore 14:47 3
Img buscemacarmelo
Salve a tutti! Spero possiate aiutarmi, vi chiedo una opinione. Ho fatto realizzare a casa mia una pavimentazione esterna "al quarzo" colorato leggermente sul grigio scuro. A fine...
buscemacarmelo 11 Marzo 2020 ore 13:40 3
Img matteobravi
Salve a tutti. Ho un piazzale davanti casa di circa 100 mq fatto costruire in parte 10 anni fa, in parte lo scorso anno e vorrei posare delle piastrelle su tale superficie di...
matteobravi 13 Agosto 2017 ore 16:21 3
Img antoniozambri
Ciao a tutti, ho un problema che ho riscontrato ieri e sto cercando una soluzione. Ho una pavimentazione esterna fatta su base cementizia che ho fatto circa 4 anni fa, creata con...
antoniozambri 09 Dicembre 2017 ore 17:22 2
Img fabriziobriaberter
Buongiorno,ho comprato un cascinale con il cortile in asfalto.Avrei intenzione di farlo sostituire con masselli autobloccanti.Io onestamente non ne capisco quasi nulla, ma quali...
fabriziobriaberter 27 Aprile 2015 ore 17:57 1