L'usufruttuario è un condomino a tutti gli effetti

NEWS DI Condominio22 Dicembre 2011 ore 15:17
Se il pagamento riguarda le spese di un appartamento concesso in usufrutto o in locazione, il nudo proprietario non è tenuto, neanche in via sussidiaria o solidale al pagamento delle spese condominiali.
usufruttuario , condomino , revoca assembleare , condominio

UsufruttoQuando ci sono da pagare le spese condominiali inizia, tra gli interessati, un fuggi fuggi generale.
Se poi il pagamento riguarda le spese di un appartamento concesso in usufrutto o in locazione i contrasti tra gli interessati sono pressoché certi.

Spesso anche per somme irrisorie ma, come si suole dire, il problema non è rappresentato dai soldi quanto, piuttosto, dal principio.


Nel caso soggetto al giudizio della Corte di Cassazione, deciso con la sentenza n. 26831 dello scorso 14 dicembre, la questione ruotava attorno all'individuazione del soggetto tenuto al pagamento di 700 euro.
Non propriamente qualche spicciolo.
La lite è sorta tra il nudo proprietario e l'usufruttuario di un'unità immobiliare, o meglio:
il condominio creditore ha chiesto ed ottenuto un decreto ingiuntivo contro il primo che, ritenendosi ingiustamente intimato al pagamento, s'è opposto chiamando in causa il secondo.
Il giudice di pace adito ha revocato il decreto e condannato a pagare l'usufruttuario.
Il motivo: ai sensi degli artt. 1004 e 1005 c.c., le spese di natura ordinaria sono a carico del titolare del diritto reale di godimento mentre solamente quelle straordinarie spettano al titolare del secondo.
Da qui il ricorso del condominio che, invece, continuava a ritenere obbligato il proprietario sulla base del fatto che le obbligazioni condominiali hanno natura propter rem; in sostanza paga chi è titolare dell'unità immobiliare.
Fatto, indubbiamente, vero ma che può trovare delle eccezioni di fronte alla presenza di altri diritti reali.Condominio
In tal senso la Cassazione, nel rigettare il ricorso della compagine, ha spiegato in primis che in materia condominiale l'esistenza di diritti reali o personali di godimento sulla singola unità immobiliare non è, di regola, irrilevante nei rapporti tra il proprietario e il condominio, come si desume sia dall'opponibilità erga omnes dell'usufrutto immobiliare, soggetto a trascrizione ex art. 2643, n. 2 c.c., sia dagli artt. 67, comma 3 disp. att. c.p.c., e 10, comma 1 della legge n. 392/78, che attribuiscono poteri diversamente calibrati di intervento in assemblea e di voto, rispettivamente, all'usufruttuario e al conduttore. In secondo luogo, hanno precisato gli ermellini, la giurisprudenza di questa Corte si è orientata nel senso di ritenere che in tema di ripartizione degli oneri condominiali tra nudo proprietario ed usufruttuario, in applicazione degli artt. 1004 e 1005 c.c., il nudo proprietario non è tenuto, neanche in via sussidiaria o solidale al pagamento delle spese condominiali, né può essere stabilita dall'assemblea una diversa modalità di imputazione degli oneri stessi in deroga alla legge (Cass. n. 21774/08). (Cass. 14 dicembre 2011 n. 26831).
È bene evidenziare un aspetto che la lettura di questa parte della sentenza non evidenzia chiaramente. L'inquilino, per il fatto d'essere tale, ha il dovere, salvo diverso accordo, di pagare le spese condominiali individuate dalla l. n. 392/78.
Tale incombenza, però, ha valore solamente nell'ambito del rapporto proprietario-conduttore e non nei confronti della compagine che, invece, ha sempre il dovere di agire contro il proprietario.
Qualcuno potrebbe domandarsi: perché questa differenza tra usufruttuario e locatario?
Il motivo risiede nella diversa natura dei diritti sottesi alle loro posizioni: il primo è un diritto reale il secondo di natura obbligatoria.
Questo è elemento discriminante al fine di individuare il soggetto direttamente obbligato nei confronti della compagine.

riproduzione riservata
Articolo: L'usufruttuario è un condomino a tutti gli effetti
Valutazione: 4.00 / 6 basato su 1 voti.

L'usufruttuario è un condomino a tutti gli effetti: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Nuovi Coefficienti Per L'usufrutto Di Pasquale Faletra | Studio Faletra
    Nuovi Coefficienti Per L'usufrutto Di Pasquale Faletra | Studio Faletra
    Mercoledì 18 Gennaio 2012, alle ore 10:34
    [...] L’usufruttuario è un condomino a tutti gli effetti : Condominiale … [...]
    rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
Notizie che trattano L'usufruttuario è un condomino a tutti gli effetti che potrebbero interessarti
Usufrutto e condomino apparente

Usufrutto e condomino apparente

Condominio - Il condomino, nell?accezione tecnico giuridica del termine, è il proprietario dell?unità immobiliare ubicata in un edificio in condomino.A dire il
Usufruttuario e nudo proprietario sono condomini distinti

Usufruttuario e nudo proprietario sono condomini distinti

Condominio - L'usufruttuario e il nudo proprietario sono responsabili verso il condominio per i propri debiti e non ne rispondono in solido
Revoca giudiziale dell'amministratore

Revoca giudiziale dell'amministratore

Amministratore di condominio - La revoca giudiziale dell'amministratore di condominio, che può essere chiesta da ciascun condomino singolarmente, è un procedimento di volontaria giurisdizione.

Gravi irregolarità dell'amministratore

Amministratore di condominio - L'amministratore di condominio è il mandatario dei condomini e deve agire rispettando determinate regole pena la possibilità di essere revocato anche per via giudiziale.

Revoca giudiziale dell'amministratore e onere della prova

Amministratore di condominio - La revoca giudiziale dell'amministratore può essere chiesta da ogni condomino, che deve provare la ricorrenza della causa che consente l'emissione del decreto.

Revoca giudiziale dell'amministratore

Amministratore di condominio - Il codice civile riconosce all'assemblea di condominio la facoltà di revocare l'amministratore in qualsiasi momento art. 1129, secondo comma, c.c.

Il giudizio di revoca e l'amministratore

Condominio - L'amministratore di condominio è il mandatario della compagine e riceve l'incarico dall'assemblea con il voto favorevole della maggioranza degli intervenuti alla riunione.

Quando un condomino è usufruttuario, cosa succede?

Assemblea di condominio - Se in un'unità immobiliare vi sia un altro diritto reale, ad esempio l'usufrutto, qual è la sua posizione nei confronti del condominio? Chi pagherà le spese e la manutenzione?

Revoca dell'amministratore giudiziario

Condominio - L'assemblea condominiale è l'organo competente a nominare e revocare l'amministratore. Per l'amministratore giudiziario i condomini potranno agire in giudizio per chiedere la revoca del mandatario.
REGISTRATI COME UTENTE
295.643 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Pavimento in laminato ad incastro milano
    Pavimento in laminato ad incastro...
    35.00
  • Trasforma vasca in doccia firenze e toscana
    Trasforma vasca in doccia firenze...
    2300.00
  • Imbiancatura pareti al mq milano
    Imbiancatura pareti al mq milano...
    5.00
  • Porta in noce tanganica
    Porta in noce tanganica...
    180.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Officine Locati
  • Inferriate.it
  • Mansarda.it
  • Weber
  • Black & Decker
  • Kone
  • Faidatebook
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.