L'amministratore della comunione

NEWS DI Condominio04 Giugno 2010 ore 13:46
Nella prassi quotidiana, non fosse altro per le maggiori difficoltà pratiche dovute alla gestione, si è soliti affrontare e analizzare le problematiche
amministratore , tetto
Amministratore della comunioneNella prassi quotidiana, non fosse altro per le maggiori difficoltà pratiche dovute alla gestione, si è soliti affrontare e analizzare le problematiche inerenti l'amministrazione del condominio ed il ruolo assunto in tale contesto dal soggetto chiamato a provvedervi, vale a dire l'amministratore.Accanto al condominio v'è la comunione intesa quale diritto di proprietà di più soggetti su un medesimo bene.Quando si parla di comunione, il pensiero, quasi automaticamente, va alla casa coniugale in comunione dei beni tra i coniugi oppure all'appartamento ricevuto in eredità dai figli a seguito del decesso del genitore proprietario.Pure l'immobile in comunione, così come l'edificio in condominio, necessita di interventi di manutenzione ai fini della sua migliore conservazione.La legge, a differenza dei così detti grandi condomini, ossia le compagini con più di quattro comproprietari, per i quali è necessario dotarsi di un amministratore, non prevede l'obbligatorietà di tale figura per la comunione.In realtà a ben leggere le norme dedicate alla comunione in generale, il codice civile al secondo comma dell'art. 1106 dispone laconicamente che:[…] l'amministrazione può essere delegata ad uno o più partecipanti, o anche a un estraneo, determinandosi i poteri e gli obblighi dell'amministratore.Le maggioranze cui fare riferimento per giungere alla nomina dell'amministratore della comunione sono quelle indicate dall'art. 1105 c.c.Tale norma, composta da quattro commi specificatamente dedicati all'amministrazione della cosa comune, recita:Amministratore della comunioneTutti i partecipanti hanno diritto di concorrere nell'amministrazione della cosa comune.Per gli atti di ordinaria amministrazione le deliberazioni della maggioranza dei partecipanti, calcolata secondo il valore delle loro quote, sono obbligatorie per la minoranza dissenziente.Per la validità delle deliberazioni della maggioranza si richiede che tutti i partecipanti siano stati preventivamente informati dell'oggetto della deliberazione.Se non si prendono i provvedimenti necessari per l'amministrazione della cosa comune o non si forma una maggioranza, ovvero se la deliberazione adottata non viene eseguita, ciascun partecipante può ricorrere alla autorità giudiziaria. Questa provvede in camera di consiglio e può anche nominare un amministratore.A differenza del condominio, in questo caso, le maggioranze nella comunione per la nomina dell'amministratore si calcolano solo per quote e non anche per teste.Nel condominio, si rammenta, per la nomina dell'amministratore è necessario il voto favorevole della maggioranza degli intervenuti all'assemblea che rappresentino quanto meno la metà del valore dell'edificio (art. 1136, secondo e quarto comma, c.c.)Salvo il caso in cui gli atti d'acquisto specifichino il valore delle quote, però, visto e considerato che la legge ne fa presumere l'uguaglianza (art. 1101, primo comma, c.c.), non si sbaglia nell'affermare che nel silenzio del titolo, maggioranze per quote e per teste coincideranno per cui, in tali casi, la nomina dell'amministratore sarà valida se riporterà il voto favorevole della maggioranza dei comunisti (così si chiamano i titolari di una quota del bene in comunione).A differenza dell'amministratore del condominio quello della comunione non ha compiti assegnategli ex lege.Ciò vuol dire, pertanto, che, come espressamente specificato dal succitato secondo comma dell'art. 1106 c.c. sarà l'assemblea della comunione a dovergli indicare compiti e quindi riconoscergli i corrispettivi poteri.La nomina giudiziale, infine, è consentita solo se necessaria al compimento di atti di amministrazione che diversamente non si riesce a compiere (art. 1105, quarto comma, c.c.) e non anche per il condominio nel caso di mancata nomina da parte dell'assemblea.
riproduzione riservata
Articolo: L'amministratore della comunione
Valutazione: 4.33 / 6 basato su 3 voti.

L'amministratore della comunione: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Alessandro Semerano
    Alessandro Semerano
    Venerdì 25 Giugno 2010, alle ore 16:12
    Nel caso di un fabbricato con 5 appartamenti e 4 proprietari(un proprietario ha 2 appartamenti) le quote sono da intendersi 5 oppure 4?grazie per l'attenzionesalutiAlessandro
    rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
Notizie che trattano L'amministratore della comunione che potrebbero interessarti
Condominio: nessun compenso extra all'amministratore revocato

Condominio: nessun compenso extra all'amministratore revocato

Amministratore di condominio - Nel caso in cui l'incarico dell'amministratore di condominio venga revocato non è previsto alcun compenso se l'assemblea è contraria alla proroga dei suoi poteri
Revoca dell'amministratore giudiziario

Revoca dell'amministratore giudiziario

Condominio - L'assemblea condominiale è l'organo competente a nominare e revocare l'amministratore. Per l'amministratore giudiziario i condomini potranno agire in giudizio per chiedere la revoca del mandatario.
Le spese per la manutenzione del tetto

Le spese per la manutenzione del tetto

Ripartizione spese - Quali sono le norme cui fare riferimento ai fini della ripartizione delle spese in condominio nel caso d'interventi al tetto? La risposta nell'articolo 1123 C.C.

L'amministratore del piccolo condominio

Condominio - Quando il numero dei condomini, ossia dei proprietari delle unità immobiliari, è pari a cinque, o superiore, l'assemblea deve nominare un amministratore, se l'assemblea non provvede, la nomina è fatta dall'autorità giudiziaria.

Dimissioni dell'amministratore di condominio. Quando sono possibili?

Amministratore di condominio - È consuetudine parlare della revoca dell'amministratore di condominio. Si sa che il legale rappresentante dei condomini può essere revocato in qualsiasi momento dall'assemblea.

Ripartizione compenso dell'amministratore di condominio

Amministratore di condominio - Una volta incaricato l'amministratore, salvo diverso accordo, ha diritto ad una retribuzione, la quale nell'art. 1135 c.c. ha sollevato qualche interrogativo.

Riforma del condominio, molti amministratori rischiano il posto

Condominio - La così detta riforma del condominio, dal 18 giugno 2013 i condomini con meno di dieci partecipanti potranno decidere di revocare l'amministratore, così molti amministratori rischiano di restare disoccupati.

Amministratore e passaggio di consegne

Condominio - Una recente sentenza del Tribunale di Bari, la n. 967 del 17 marzo 2010, ci permette di chiarire, allo stato attuale, quali siano gli strumenti a disposizione

I provvedimenti dell'amministratore

Condominio - L'amministratore è il mandatario dei condomini. Egli agisce per loro nome e conto ai fini della gestione delle parti comuni dello stabile.
REGISTRATI COME UTENTE
295.654 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Pensilina tetto 150
    Pensilina tetto 150...
    605.00
  • Isolamento
    Isolamento...
    29.00
  • Box auto prefabbricato
    Box auto prefabbricato...
    6300.00
  • Caravan box base
    Caravan box base...
    3260.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Mansarda.it
  • Officine Locati
  • Faidacasa.com
  • Kone
  • Faidatebook
  • Weber
  • Black & Decker
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.