Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Perché scegliere un professionista per il Superbonus 110%

Le mansioni che i professionisti svolgono per una buona pratica di Superbonus 110%. Architetto, ingegnere e commercialista, come possono collaborare tra loro?
09 Marzo 2021 ore 14:12 - NEWS Detrazioni e agevolazioni fiscali
superbonus 110% , superbonus , ecobonus 110 , superbonus

L’effetto Superbonus 110%


Sta capitando sempre più di chiedersi se il super bonus 110%, emanato dallo Stato, sia davvero così come viene descritto (un'imperdibile opportunità) o se durante i lavori si possa incappare in qualche possibile imprevisto.

Come possiamo immaginare, molti hanno dedotto che si tratti di una trovata pubblicitaria in un periodo storico del tutto unico.

Lavori in cantiere: il superbonus 110%

Così gli italiani, attratti dal forte richiamo della parola lavori gratuiti, si sono precipitati in una ricerca furiosa alla miglior ditta e al miglior tecnico che potesse garantire loro di approfittare dei vantaggi del superbonus .

Tutto questo ha comportato uno stato agitazione e pressione nei confronti di ditte e tecnici, visti i tempi ridotti.

Il giusto approccio al Superbonus


Gli interventi da svolgere per poter accedere al Superbonus sono di efficientamento energetico e miglioramento sismico. Pertanto, dobbiamo sottolineare che parliamo di interventi importanti e non del tutto leggeri o poco invasivi.

Anziché correre nel rintracciare la miglior ditta che fornisca servizi chiavi in mano la domanda che bisogna porsi prima di chiedere preventivi è:

  • Posso ottenere il superbonus?

  • A chi posso rivolgermi per una consulenza di fattibilità?

  • Nel caso in cui posso usufruire del bonus, cosa bisogna pagare?

Per rispondere a queste domande dobbiamo ricordare che gli attori protagonisti del Superbonus 110% sono i professionisti incaricati di gestire il progetto energetico, strutturale e fiscale.

L’iter di lavoro dei professionisti per il Superbonus 110%


Questa breve linea guida vuole indicare l’iter di lavorazione dei tecnici al fine di svolgere i lavori nella massima serenità e consapevolezza.

L’incentivo emanato dal governo prevede una serie di passaggi ben precisi, passaggi che i professionisti incaricati devono eseguire e portare a termine con chiarezza e competenza.

CONSIGLIATO amazon-seller
Isolamento termico sottotetto
A cosa serve : Spessore 50 mm. dimensioni 13 metri x 1,20 = mq. 15,60 - Il materassino isolante specifico per le...
prezzo € 67.8
COMPRA


Il miglior modo per procedere all’ottenimento del superbonus è affidarsi a un professionista. Gli argomenti che risaltano immediatamente sono il progetto energetico, strutturale e fiscale gestionale.

Nello specifico, il commercialista verifica la situazione fiscale e parallelamente il progettista, architetto o ingegnere che sia, svolge la prima fase di analisi del fabbricato, fase vitale al fine di indicare la giusta strada da seguire.



I punti cardine che i professionisti affronteranno sono:

  • Verifica della conformità urbanistica dell’immobile

  • Studio di fattibilità dell’intervento e progettazione preliminare

  • Progettazione definitiva e esecutiva

  • Gestione fiscale del credito

  • Direzione dei Lavori e Stato Avanzamento dei Lavori

Gestione e capienza fiscale, cosa sono?


È il primo approccio del lungo cammino affrontato da professionisti e committente.
La prima domanda da porsi è capire se la detrazione sia compatibile con il proprio regime fiscale e in caso affermativo quanto si può dedurre dagli eventuali lavori da svolgere.

Questa breve analisi, redatta dal commercialista, avvia il lavoro del progettista e dello stesso commercialista. Questi ultimi, si muovono secondo le indicazioni della capienza fiscale.

La capienza fiscale non è altro che la calcolazione di quante tasse si pagano in cinque o dieci anni. È come se assegnassimo un budget per l’importo massimo detraibile, oltre questo budget non avremmo incentivi.

Professionisti a lavoro per Superbonus 110%

È una fase vitale e consente la realizzazione di un documento sul quale i professionisti sviluppano uno studio di fattibilità.

Per il commercialista è fondamentale capire a quanto ammonta la capienza fiscale del committente al fine di poter realizzare un documento di fattibilità del credito e organizzare la finanza e valutare se pagare l’eventuale intero importo lavori, per poi detrarre, o cercare sin da subito acquirenti del credito.


Superbonus e verifica della conformità urbanistica dell’immobile


La prima regola del superbonus è la legittimità dell’immobile, ovvero tutto deve essere in regola. La conformità urbanistica è la verifica che il fabbricato sia in regola.
Questa analisi inizia con un accesso agli atti presso il Comune, il Genio Civile e il Catasto.

Gli enti amministrativi citati sono i regolatori ufficiali del territorio comunale e provinciale, dunque, essi possiedono tutti i Fascicoli dei fabbricati delle loro aree territoriali.

Richiedendo l’accesso agli atti si ha la possibilità di copiare tutti i documenti presenti, come anche le tavole di progetto depositate, per proseguire con la verifica della conformità urbanistica.

A volte si può incappare in documenti datati, ma con lavori svolti di recente.

Confronto dei documenti ritirati durante l’accesso agli atti per il superbonus

La mancata comunicazione di inizio lavori in Comune crea una illegittimità, il fenomeno chiamato abusivismo. Verificare la conformità urbanistica è un passaggio inderogabile!

Questo compito spetta al tecnico incaricato, architetto o ingegnere, il quale verifica l’immobile confrontandolo con le tavole di progetto depositate in Comune e documenti catastali.

L’obiettivo è quello di non avere illegittimità urbanistica.

L’accesso agli atti


Questa procedura è una richiesta fondamentale per recuperare i documenti del fabbricato comprensivi di progetto definitivo, eventuali progetti architettonici e strutturali in variante, certificato di agibilità, certificato di collaudo, relazione geologica, se presente.

L’accesso agli atti è una richiesta onerosa e varia a seconda del Comune di riferimento. Si chiama diritto di segreteria e varia in base alla datazione dell’immobile per via della catalogazione in vari archivi comunali.

Se il nostro fabbricato è antecedente al 1942 e non abbiamo mai realizzato dei lavori, molto probabilmente non risulterà presso l’ufficio urbanistica del Comune e in Genio Civile. Il 1942 è l’anno in cui è nata la Legge Fondamentale dell’Urbanistica, la Legge 1150, che regolamenta il territorio con il Piano Regolatore Generale.

In caso di difformità urbanistica cosa può fare il nostro tecnico?


Avere un immobile illegittimo è un problema, in quanto ci ostacolerà quando andremo a intervenire sull’immobile con delle modifiche, manutenzioni oppure quando decideremo di venderlo. Molti cittadini, non sono neanche a conoscenza che il proprio immobile ha delle difformità e il rischio di scoprirlo in fase di eredità o di vendita è molto alto.

È cura dell’architetto incaricato redigere una pratica di sanatoria, laddove è possibile sanare l’abuso.

La sanatoria consente all’architetto di presentare un progetto dell’oggetto di abuso, dimostrare che è in regola con le varie normative dietro pagamento del diritto d’istruttoria, ovvero una multa.

Lo studio di fattibilità per il superbonus: cos’è e a chi serve?


Una volta accertata la conformità urbanistica e eventualmente aver realizzato la sanatoria, si può procedere con lo studio di fattibilità.

Lo studio prevede un primo approccio alla progettazione preliminare con il fine di definire gli interventi principali, stilare un computo metrico estimativo grossolano per calcolarne i budget e evidenziare la fattibilità del progetto.

Superbonus e tecnici: redazione dello studio di fattibilità tecnico-economica

Per il commercialista è fondamentale capire l’importo lavori per realizzare un documento di fattibilità del credito. Capirne l’ammontare dell’importo dei lavori può permettere di organizzare la finanza del committente e valutare la strategia di detrazione più interessante.

Per l’architetto e ingegnere è importante definire i punti cardini della progettazione e assegnare dei budget di spesa.

Superbonus e cessione del credito: come può essere gestito?


Attraverso lo studio di fattibilità dell’architetto, il commercialista può elaborare possibili combinazioni del credito e successivamente gestirle:

  • Il committente paga le opere e detrae il 110% dell’importo in 5 e/o 10 anni;

  • la ditta esegue lo sconto del 100% in fattura accollandosi le detrazioni;

  • il committente paga le opere e vende il credito a un terzo interessato (Istituto di credito, Aziende);

  • la ditta esegue uno sconto in fattura e il committente paga la restante quota delle opere, entrambi detraggono;

  • la ditta esegue uno sconto in fattura, il committente paga una quota e il terzo interessato paga la restante quota dei lavori, tutti detraggono.

A chi presentare la documentazione per il Superbonus?


Attraverso il portale dell’Enea e l'Agenzia delle Entrate, il tecnico comunica la documentazione necessaria al fine di validare il cantiere.

Può essere fatto a cantiere in corso o ultimato. I documenti da inoltrare sono notevoli ma non c’è da preoccuparsi.

Superbonus e gestione della contabilità fiscale

L’inoltro della documentazione rappresenterà ufficialmente la comunicazione dell’avvalersi del superbonus 110% e di conseguenza si potrà portare la documentazione in un istituto di credito per proporre l’acquisto del futuro credito.

In caso contrario si può ricevere un finanziamento per l’avvio del cantiere.

Il commercialista gestisce con cura tutto il fatturato e le rispettive ricevute di pagamento del cantiere per poter presentare il credito presso l’istituto di credito.


Superbonus: progettazione definitiva, energetica e sismica


Chiarito il punto fiscale e stabilita la strategia del credito si procede passando nuovamente il testimone all’architetto. Sarà cura del progettista incaricato di redigere il progetto definitivo da depositare in Comune e in Genio Civile nel caso di sismabonus.

Progetto definitivo per lavori di Superbonus

È una fase importante in cui lacune, incomprensioni, anomalie dell’immobile incidono sulla responsabilità del tecnico incaricato e non sulla proprietà. In questa fase l’architetto incaricato dovrà essere scrupoloso e certosino perfino sul rilievo dell’edificio. La tolleranza di errore è del 2%.

L’obiettivo di questa fase è definire l’intervento con il massimo della precisione e redigere insieme alle varie tavole di progetto, il computo metrico generale definitivo, ovvero l’elenco delle lavorazioni e costi che il cantiere prevede.

Completata questa fase si può procedere con il protocollo della documentazione presso gli enti interessati e la successiva cantierizzazione.


Superbonus e direzione dei lavori


Avviato il cantiere, la direzione dei lavori, ovvero l’architetto incaricato, guida le ditte nella realizzazione e esecuzione dei lavori.

È compito dell’ architetto redigere il progetto esecutivo e computo metrico esecutivo per aumentare il grado di precisione sui costi di cantiere e avere corrispondenza con le fatture delle ditte.

La direzione lavori comprende una buona e maniacale contabilità dei lavori attraverso il SAL Stato avanzamento dei lavori. Elencare i lavori eseguiti e pianificare quelli prossimi è fondamentale per la gestione dei pagamenti e il SAL aiuta il committente a comprendere l’avanzamento del cantiere e organizzare il flusso degli acconti.

Direzione dei lavori e superbonus 110

Per gli interessati alla vendita del credito è fondamentale raggiungere il 30% del completamento del cantiere al fine della successiva vendita del credito.

I consigli per una buona pratica di Superbonus 110%


Una volta evidenziate le mansioni dei professionisti che operano sul superbonus, si comprende quanto sia semplice ma allo stesso tempo complessa la procedura per ottenere le detrazioni tanto ambite.

È fondamentale una figura di coordinamento che vada dallo studio di fattibilità alla direzione dei lavori, e che tuteli necessariamente l’interesse esclusivo del committente. Competenze ed etica che un architetto o un ingegnere possiedono e ne fanno una professione intellettuale.

Nel primo punto del contratto di affidamento professionale si legge che l’architetto tutela gli interessi del committente secondo scienza e diligenza e in piena autonomia, tenendo conto del livello scientifico raggiunto dalla sua professione, così come generalmente riconosciuto.

Architetto e ditta per la realizzazione di una soluzione tecnologica

È il momento in cui molti aspetti possono essere chiariti in architettura.

È l’occasione per creare collaborazione e sinergia tra tecnici come architetto, ingegnere e geometra che da sempre hanno creato confusione sulle competenze e offuscato la mente del committente.

Tre figure con competenze differenti tra loro, estremamente fondamentali per un cantiere, che devono collaborare sempre con l’amore per l’architettura e con il fine del recupero del patrimonio storico del nostro Paese.

riproduzione riservata
Articolo: Le mansioni del professionista per il Superbonus 110%
Valutazione: 5.67 / 6 basato su 6 voti.

Le mansioni del professionista per il Superbonus 110%: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
327.969 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Le mansioni del professionista per il Superbonus 110% che potrebbero interessarti


Superbonus 110%: ci si avvia all'estensione alle seconde case e proroga al 2022

Fisco casa - Novità in tema di superbonus 110% a fronte di alcuni emendamenti al Decreto Rilancio: si preannuncia estensione al 31 dicembre 2022, alle seconde case e alle imprese

Superbonus 110%: nessuna detrazione in caso di unico proprietario di edificio

Affittare casa - Non potrà beneficiare del Superbonus 110, introdotto con il Decreto Rilancio, il proprietario di un edificio costituito da più unità immobiliari. Vediamo perché

Superbonus 110 per cappotto termico interno: sì ma ad alcune condizioni

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Via libera al Superbonus 110 per il cappotto termico interno, se l'edificio è sottoposto a vincoli o a divieti. Ecco i chiarimenti dell'Agenzia delle Entrate.

Superbonus 110%: proroga fino al 2022

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Tra le novità introdotte col pacchetto di emendamenti alla Legge di Bilancio figura la proroga del Superbonus 110%. Più tempo per fruire della detrazione fiscale

Superbonus 110%: possibile proroga fino al 2024

Fisco casa - Secondo il Ministro per lo Sviluppo Economico, Stefano Patuanelli, in audizione sul Recovery Fund, potrebbe esserci una revisione della durata del Superbonus 110%.

Superbonus 110: le novità contenute nella Legge di Bilancio 2021

Fisco casa - Varata la Legge di Bilancio 2021 con le modifiche apportate al Superbonus 110: la proroga, nuovi interventi agevolabili e tipologie di immobili: ecco cosa cambia

Niente Superbonus 110% per la sostituzione delle vetrate

Fisco casa - Gli interventi sulle vetrate degli immobili non rientrano nel superbonus 110%. L'Agenzia delle Entrate non ammette deroghe poiché non costituiscono superfici opache.

Superbonus 110: ecco i chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Con la circolare n.30/E dell’Agenzia delle Entrate arrivano nuovi chiarimenti per quanto concerne il Superbonus 110%. Vediamo le principali novità sull'argomento

Superbonus: nella bozza del Recovery Plan si parla di proroga

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Il Superbonus potrebbe essere prorogato fino al 2023. La novità tanto attesa è contenuta nel Recovery Plan, che dovrà essere approvato dalla Commissione Europea
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img massimogiannini
Leggendo il Decreto Rilancio deduco che un intervento di rifacimento e isolamento termico delle superfici orizzontali come un tetto e dei balconi sono fattibili con detrazione...
massimogiannini 28 Marzo 2021 ore 10:23 44
Img matteomazza
Buongiorno, categoria F4 posso accere al superbonus 110%, oppure alla ristrutturazione 50%?Grazie...
matteomazza 22 Marzo 2021 ore 19:20 3
Img francesca r.
Buonasera, nel mio condominio, un palazzo di sei piani, il rivestimento è in cortina. La costruzione risale agli anni 50 e la cortina esterna finora ha retto egregiamente...
francesca r. 15 Marzo 2021 ore 11:39 16
Img geneshys
Gentillissimi, Vi scrivo per avere delucidazioni in merito a una questione che per me non risulta pienamente chiara. Magari è solo un mio limite d'interpretazione. Sto per...
geneshys 02 Marzo 2021 ore 23:27 7
Img luisolp
Salve, il condominio in cui abito dovrebbe effettuare dei lavori di coibentazione sfruttando il superbonus 110 e cedendo il credito ad una Esco. Contemporaneamente io vorrei...
luisolp 28 Febbraio 2021 ore 11:12 3