Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Lavori condominiali e contestazione delle deliberazioni

Per l'impugnazione di deliberazioni che concernono interventi su cose comuni è necessario contestare la deliberazione con la quale si decide e non quella di spesa.
18 Ottobre 2013 ore 01:16 - NEWS Condominio
delibera , manutenzione , nullità , annullabilità

LavoriNel caso di contestazione di opere di ristrutturazione o di semplici interventi di manutenzione deliberati dall'assemblea condominiale, la decisione che dev'essere impugnata è quella che li ha stabiliti e non quella con cui s'è deciso sulle relative spese.


Parola di Cassazione e di recente, del Tribunale di Savona che ha ribadito un orientamento espresso dagli ermellini qualche anno fa.


La controversia sorge anche in relazione alle spese per il funzionamento dell'impianto di riscaldamento conseguenti alla decisione del distacco da parte di alcuni condomini.


Prima d'entrare nel merito vale la pena ricordare la differenza sostanziale e profonda dei vizi d'invalidità delle deliberazioni assembleari.


Nullità e annullabilità delle deliberazioni


Per lunghi anni è stato incerto quali delibere dovessero essere considerate nulle e quali annullabili.


C'è voluto un intervento chiarificatore delle Sezioni Unite della Cassazione per portare chiarezza in materia.


Nella famosa sentenza n. 4806/05, la massima espressione della Corte nomofilattica ha specificato che sono da ritenersi nulle le delibere prive degli elementi essenziali, con oggetto impossibile o illecito (contrario all'ordine pubblico, alla morale e al buon costume), con oggetto che non rientra nella competenza dell'assemblea, che incidono sui diritti individuali, sulle cose, sui servizi comuni o sulla proprietà eslusiva di ognuno dei condomini o comunque invalide in relazione all'oggetto.


TribunaleDiversamente sono da ritenersi annullabili le delibere con vizi relativi alla regolare costituzione dell'assemblea, quelle adottate con maggioranza inferiore a quella prescritta dalla legge o dal regolamento condominiale, quelle affette da vizi formali in violazione di prescrizioni legali, convenzionali, regolamentari attinenti al procedimento di convocazione o informazione in assemblea, quelle genericamente affette da irregolarità nel procedimento di convocazione, quelle che richiedono maggioranze qualificate in relazione all'oggetto.


L'amministratore si dimentica di convocare un condomino? La delibera è annullabile.


L'assemblea decide di vietare ad uno dei proprietari l'uso del parcheggio? La decisione è nulla.


La differenza sta anche nei tempi d'impugnazione:


a) la delibera annullabile dev'essere impugnata entro trenta giorni dall'adozione (per i presenti dissenzienti ed astenuti) o dalla comunicazione (per gli assenti);


b) la decisione nulla può essere impugnata in qualunque momento, fatti salvo gli effetti della prescrizione per le azioni di restituzione e l'eventuale usucapione.


La riforma ha sostanzialmente recepito questo orientamento.


Contestazione della delibera giusta


Quando s'impugna si deve stare attenti ad impugnare la deliberazione attinente all'oggetto della contestazione.


È questo il senso della decisione del Tribunale di Savona che s'è rifatto ad una decisione della Cassazione, la n. 1890 del 21 febbraio 1995, nella quale si diceva che in materia di condominio negli edifici, al potere dell'assemblea del condominio di deliberazione, nelle forme e con le maggioranze prescritte, l'esecuzione delle opere necessarie per la conservazione e per il godimento delle parti comuni e per l'esercizio dei servizi condominiali, fa riscontro l'obbligo di ciascun condominio di contribuire alle relative spese, discendente dalla titolarità del diritto reale sull'immobile ed integrante un'obbligazione propter rem preesistente all'approvazione, da parte dell'assemblea, dello stato di riparto, ed in concreto direttamente correlato alla precedente deliberazione, di esecuzione delle opere.



Ne consegue che, quando la contestazione del condominio investa, prima ancora che il quantum dell'obbligo di contribuzione, il relativo an, è tale ultima deliberazione che deve essere impugnata; nel termine di decadenza di cui all'art. 1137, comma 3, c.c., ove si assuma essere la deliberazione affetta da vizi formali, perché presa in violazione di prescrizioni legali, convenzionali o regolamentari attinenti al procedimento di convocazione o di informazione dell'assemblea, o da eccesso di potere o da incompetenza; svincolata da tale termine nel caso di delibera radicalmente nulla perché esorbitante dai limiti delle attribuzioni dell'assemblea o concernente innovazioni lesive dei diritti di ciascun condominio sulle cose o servizi comuni o su quelle di proprietà esclusiva di ognuno di essi) (Trib. Savona 5 giugno 2013).


Nel caso di specie il condomino impugnava una delibera di ripartizione delle spese del riscaldamento quando, invece, contestava l'operazione di distacco.


Insomma nell'agire in giudizio il condomino aveva impugnato la deliberazione sbagliata.

riproduzione riservata
Articolo: Lavori condominiali e contestazione delle deliberazioni
Valutazione: 5.50 / 6 basato su 2 voti.

Lavori condominiali e contestazione delle deliberazioni: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
323.342 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Lavori condominiali e contestazione delle deliberazioni che potrebbero interessarti


Condomino non può impugnare delibera con cui si stabilisce fargli causa

Condominio - Il condomino contro il quale il condominio inizia una causa, o alla cui azione la compagine decide di resistere, non può votare all'assemblea che lo riguarda.

La delibera condominiale è nulla o annullabile? Lo decide il giudice, entro certi limiti

Assemblea di condominio - Se una deliberazione adottata da un'assemblea condominiale debba essere considerata nulla o annullabile lo decide il giudice, salvo i casi previsti dalla legge.

Delimitazione del parcheggio condominiale

Condominio - Se un condominio è dotato di area a parcheggio comune, l?assemblea, legittimamente ed al fine di disciplinarne l?uso, può decidere di delimitarla

Delibera assemblea condominiale: quando può essere nulla o annullabile

Assemblea di condominio - Differenza tra delibera nulla o annullabile; quando i condomini possono impugnare una delibera e quali sono i termini da rispettare per invocare l'invalidità.

Che cos'è una delibera condominiale programmatica?

Assemblea di condominio - L'assemblea di condominio può decidere su un argomento, oppure può decidere che su quell'argomento deciderà in seguito. In tal caso si ha una delibera programmatica.

Lavori straordinari di notevole entità in condominio

Manutenzione condominiale - I lavori straordinari non sempre sono di notevole entità, quindi non sempre si applica la maggioranza qualificata ex art. 1136, co.4. Nel dubbio, deciderà il giudice.

Quando si può ottenere la sospensione dell'efficacia della delibera condominiale

Assemblea di condominio - L'impugnazione della delibera condominiale non comporta automaticamente la sospensione della sua efficacia. Come fare per ottenerla e quali sono i presupposti?

La modifica delle tabelle millesimali contrattuali

Tabelle millesimali - La modificazione delle tabelle millesimali contrattuali deve avvenire con il consenso di tutti i condomini.Diversamente la deliberazione di modifca è nulla.

È inderogabile il termine per impugnare la delibera condominiale?

Regolamento condominiale - La clausola del regolamento contrattuale che stabilisce entro 15 giorni il termine per impugnare la delibera condominiale, viola il divieto di cui all'art. 1138 c.c.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img lb00
Buongiorno, Vi chiedo un chiarimento per risolvere un dubbio che mi attanaglia da un po', sperando che qualcuno di voi possa illuminarmi:stiamo effettuando dei lavori in una...
lb00 21 Gennaio 2021 ore 17:00 2
Img gabrielefranzò
Ciao a tutti !! Sono nella fase conformità per quanto riguarda ecobonus 110% e volevo domandarvi se la variazione di una porta ad un arco in muratura rientra nella...
gabrielefranzò 05 Gennaio 2021 ore 16:34 1
Img ciroafeltra@live.it
Buonasera a tutti, chiedo scusa in anticipo non ho ben capito se c'è una sezione in cui presentarsi.Mi servirebbe un consiglio. Vivo a Roma possiedo una cantina di 9 mq...
ciroafeltra@live.it 04 Dicembre 2020 ore 17:09 2
Img lpaola
Buonasera, Avrei bisogno di un chiarimento, visto che da sola non ne sono venuta a capo. Abito in un appartamento all'interno di un condominio. A luglio scorso ho rifatto dei...
lpaola 21 Novembre 2020 ore 22:24 4
Img fralavoriincasa
Buongiorno, alcuni settimane fa mi sono accorto dell'installazione di un cancello chiuso a chiave, su un'area comune di cui sono da rogito comproprietario, nessuno mi ha avvisato...
fralavoriincasa 12 Novembre 2020 ore 19:20 4