Come illuminare la cucina con i lampadari più adatti

NEWS DI Lampade a sospensione24 Maggio 2016 ore 11:54
I lampadari da cucina sono la scelta più corretta per illuminare l'ambiente, a patto che si tengano in considerazione alcune regole molto semplici ed intuitive.

Lampadari per illuminare la cucina: come progettare in maniera corretta


L’illuminazione in cucina con i lampadari presuppone alcune considerazioni molto importanti dal punto di vista funzionale. Nella progettazione di questo ambiente e conseguentemente del suo arredamento è buona norma tenere conto di tante variabili, prima fra tutte la posizione delle diverse zone di lavoro rispetto alle aperture verso l’esterno dell’abitazione.

In base a queste notizie, infatti, è possibile prevedere dei punti luce artificiali che sopperiscano a eventuali carenze nell’ illuminazione naturale offerta da finestre o porte-finestre.

Lampadari da cucina: illuminare le varie zone di lavoro
La soluzione generalmente più corretta prevede lampadari da cucina o punti luce in genere, diretti su specifiche zone di lavoro ma anche nei punti dove sono collocati gli elettrodomestici. Questi ultimi sono comunque dotati di illuminazione interna quando vengono messi in funzione, come nel caso del forno, oppure quando si aprono le ante, come avviene per il frigo.

Tramontata definitivamente l’era dei mensoloni soprapensili con i faretti incassati che illuminavano la testa piuttosto che il top su cui si lavora, oggi si preferiscono i punti luce più strategici: sotto i pensili, sotto la cappa a illuminare il piano cottura e sotto il top di lavoro ad illuminare l’interno dei cassetti e dei cestoni quando vengono aperti.

Con l’avvento della tecnologia a Led è diventato molto più pratico e funzionale gestire questo tipo d’illuminazione, grazie alla possibilità di sistemare punti luce ovunque.

Resta importante, in ogni caso, garantire un’illuminazione di fondo della cucina anche in condizioni più generali, ad esempio quando si deve entrare in questo ambiente e si desidera subito che sia illuminato, oppure, molto più semplicemente, quando si deve assicurare una buona illuminazione sul tavolo o la penisola da pranzo quando la cucina è abitabile.


Lampadari da cucina: Artemide, Ameluna

Lampadari da cucina: Artemide, Ameluna

Lampadari da cucina: Artemide, Ameluna
Lampadari da cucina: particolare del modello Ameluna di Artemide

Lampadari da cucina: particolare del modello Ameluna di Artemide

Lampadari da cucina: particolare del modello Ameluna di Artemide
Lampadari da cucina: Artemide, Aurora

Lampadari da cucina: Artemide, Aurora

Lampadari da cucina: Artemide, Aurora
Lampadari da cucina: Artemide, Babilonia

Lampadari da cucina: Artemide, Babilonia

Lampadari da cucina: Artemide, Babilonia
Lampadari da cucina: Artemide, Orsa

Lampadari da cucina: Artemide, Orsa

Lampadari da cucina: Artemide, Orsa
Lampadari da cucina: Luceplan, Supergiù SxG

Lampadari da cucina: Luceplan, Supergiù SxG

Lampadari da cucina: Luceplan, Supergiù SxG
Lampadari da cucina: Luceplan, Pétale

Lampadari da cucina: Luceplan, Pétale

Lampadari da cucina: Luceplan, Pétale

I lampadari in cucina, rappresentano la scelta più corretta, a patto che si tengano in considerazione alcune regole, semplici e intuitive. Nella gallery trovate alcune idee dalle ultime collezioni di aziende leader del settore illuminotecnico.

Vediamo nello specifico come illuminare una cucina a seconda di come è organizzata a livello spaziale e funzionale.


Quali lampadari scegliere per illuminare una cucina senza zona pranzo


Nel caso di una cucina che non preveda anche il tavolo, una volta assicurata l’illuminazione corretta delle varie zone di lavoro così come specificato in precedenza, basterà semplicemente posizionare un punto luminoso al centro del soffitto in modo da permettere una illuminazione di fondo dell’ambiente.
Lampadari da cucina: Artemide, Febe
Si potrà scegliere sia una plafoniera, se l’ambiente è piccolo, sia un lampadario sospeso, purché questo abbia un filo di sospensione piuttosto corto e il corpo esterno riflettente, che lasci passare la luce anche in maniera indiretta, per evitare il più possibile la formazione di zone in ombra.

Per quanto riguarda lo stile, va da sé che anche gli apparecchi per illuminare seguono quello adottato per il resto dell’arredamento, con chiari riferimenti a colori, materiali, finiture e più in generale al design presente già in casa .

Nell’immagine il modello Febe di Artemide, essenziale nella forma quanto funzionale nelle performance, grazie a uno spessore minimo che non ne riduce il rendimento, anzi, lo esalta.


Lampadari in una cucina abitabile con tavolo da pranzo


La soluzione classica della cucina abitabile separata dal resto della zona giorno è tuttora adottata in varie situazioni sia di appartamento sia di abitazione indipendente.

In questo caso si rende necessario illuminare in maniera adeguata soprattutto la zona dove sono collocati tavolo e sedie. Posizionare dei lampadari sospesi che abbiano come punto di riferimento il piano del tavolo è la scelta ovviamente più corretta, purché ciò non vada a discapito dell’illuminazione del resto dell’ambiente creando delle zone d’ombra fastidiose.

C’è anche da considerare la forma, la tipologia del tavolo e come è posizionato nella stanza: quadrato o tondo, rettangolare o ovale, fisso o allungabile, al centro oppure appoggiato al muro.

Lampadari da cucina: Luceplan, Silenzio
Se la forma del tavolo fisso è quadrata o tonda, un unico lampadario sospeso o con più corpi illuminanti raggruppati in una conformazione sola può bastare, dipenderà poi dalla grandezza del tavolo stesso e dal numero di posti a sedere come calibrare la potenza illuminante dell’apparecchio.

Se invece il tavolo è rettangolare, ovale oppure allungabile, è preferibile scegliere come apparecchi illuminanti dei lampadari di forma allungata con più punti luminosi, oppure una serie di lampadari a corpo unico, più piccoli, posizionati nel senso della lunghezza, in asse con il tavolo.


Illuminare con lampadari da cucina un open space con unico tavolo


Nel caso, molto frequente nel design d’interni contemporaneo, di una cucina realizzata in un open space e con un unico tavolo per il pranzo o la penisola al posto del tavolo a dividere gli spazi, il lampadario seguirà le stesse regole di quello sul tavolo rettangolare o allungabile.

Se il tavolo non ha il lato lungo molto più accentuato in lunghezza rispetto all’altro, allora un lampadario sospeso centrato su di esso basterà ad illuminare questa zona. In particolar modo, una sospensione dal design particolare accentrerà l’attenzione in quanto sarà l’unico punto luce a soffitto dell’intero living.

Lampadari da cucina: Artemide, Ameluna
Un modello particolarmente d’impatto potrebbe essere Ameluna, di Artemide, nato dalla partnership di Artemide e Mercedes-Benz. Ameluna ha un design asimmetrico ed è realizzato con materiali trasparenti per creare atmosfere ad alto impatto emotivo.

Nella sua semplicità, ma solo in apparenza, questo apparecchio nasconde un cuore di optoelettronica integrata nel corpo trasparente. Un nastro di alluminio supporta i Led inserendosi nel profilo inferiore per non interrompere la sinuosità e purezza delle forme

La luce è sia diretta che rifratta parzialmente grazie al corpo trasparente, illuminando in questo modo sia il tavolo sia il resto dell’ambiente. In più, si creano innumerevoli effetti cromatici attraverso uno spot RGBW Led.

Anche il modello Supergiù SxG di Luceplan offre la possibilità di essere utilizzata in due maniere differenti grazie al riflettore movibile in verticale, con un semplice gesto. In questo modo, se si alza il riflettore la luce si concentra verso il basso mentre , al contrario, se il riflettore viene alzato il flusso luminoso si diffonde in maniera omogenea verso l’alto.

Nella gallery una rassegna di immagini di Ameluna e Babilonia, altro modello Artemide, e Supergiù SxG di Luceplan.


Lampadari per una cucina in open space con il tavolo rettangolare o la penisola


Altra situazione può venirsi a creare se nella zona giorno open space c’è un tavolo rettangolare molto allungato o una penisola. In questo ultimo caso è molto pronunciato l’andamento longitudinale nella conformazione della penisola stessa, a maggior ragione quando i posti a sedere sono solo da un lato.

Lampadari da cucina: Artemide, Aurora
L’illuminazione deve essere assicurata allo stesso modo per tutti i commensali, quindi deve provenire da un lampadario sospeso con corpo principale dal design allungato e vari punti luce oppure da più corpi illuminanti disposti nel senso della lunghezza.

In questo caso, essendo un unico ambiente, si potrà fruire, anche se indirettamente, dell’illuminazione diffusa da altri punti luce nel resto della zona giorno, per cui il lampadario sulla penisola potrà essere concentrato su questa zona.

Per lo stile, ancora di più bisogna far riferimento all’ambiente circostante per materiali e finiture, oltre che per i colori.

Il modello Aurora, sempre di Artemide, disponibile in varie colorazioni del corpo esterno, potrebbe essere la soluzione giusta per dimensioni e design, da collocare in serie da due o tre in senso longitudinale, adatta sia in ambienti moderni sia in ambienti arredati in stile classico o vintage.

Il lampadario a sospensione Aurora si ispira alle lampade Tiffany perché crea effetti particolari grazie al passaggio della luce che attraversa i vetri colorati in varie nuance.
Il risultato è un’illuminazione combinata: diretta e indiretta, diffusa, bianca e leggermente colorata.

Aurora sfrutta le qualità tipiche del vetro lavorato a mano combinandole con la tecnologia del Led ad elevata potenza. Questo emette un fascio controllato da un riflettore in modo da emettere effetti illuminanti diversi sia per intensità che per effetto cromatico, a seconda del punto del diffusore opalino che viene interessato dal passaggio del flusso luminoso.

In questo modo si ha un’illuminazione di fondo diretta nell’ambiente che risulta bianca e confortevole a cui si aggiungono sfumature colorate calde e delicate provenienti dall’anello esterno.

Lampadari da cucina: Artemide, Orsa
Notevole anche il modello di lampadario sospeso Orsa, dove l’estrema semplicità degli elementi costitutivi del corpo esterno permette alla luce di delineare il volume stesso dell’oggetto (cit.). Di chiara ispirazione minimalista, Orsa è formata da un sottile stelo di alluminio che si allarga alla base creando lo spazio per il Led, coperto da un diffusore in modo da risultare invisibile, così da trasformare la lampada in un disco di luce sospeso (cit.).

Se vi piace lo stile minimalista nordico, allora apprezzerete il modello CompendiumLampadari da cucina: Luceplan, Compendium, di Luceplan, progettato dal designer norvegese Daniel Rybakken. Si tratta di un modello scultoreo dal corpo snello allungato, con le due estremità a forma cilindrica e la parte centrale in estruso di alluminio a sezione alettata dove trovano posto i circuiti Led.

Le alette permettono di schermare l’emissione luminosa delle sorgenti ad alta efficienza. Non a caso il nome Compendium si rifà al compendium o paraluce, utilizzato come schermo per l’obiettivo degli apparecchi reflex.



Nuovi lampadari da cucina tecnologici e multifunzionali


Risulta interessante il trend moderno che vede gli apparecchi illuminanti, così come anche altri articoli, progettati come elementi multifunzionali. Ci sono ad esempio dei modelli di cappe che fungono anche da lampadari, così come dei lampadari che aggiungono alla funzione primaria quella di abbattere i rumori.
Lampadari da cucina: Luceplan, Silenzio
E’ il caso del modello Silenzio, di Luceplan, che offre comfort acustico oltre che luminoso. Si tratta di un sistema di illuminazione performante anche nel campo della fonoassorbenza, da poter personalizzare esteticamente grazie ai tessuti Kvadrat che aiutano a coordinare anche il lampadario al resto dell’ambiente.

Anche Pétale, design Odile Decq, aggiunge alla funzione primaria quella di assorbire i rumori grazie alla particolarità di sfruttare la stessa tecnologia dei normali pannelli fonoassorbenti.

riproduzione riservata
Articolo: Lampadari da cucina
Valutazione: 6.00 / 6 basato su 4 voti.
  • fs
  • fs
  • fs
  • fs

Lampadari da cucina: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Notizie che trattano Lampadari da cucina che potrebbero interessarti
Illuminazione in stile

Illuminazione in stile

La luce è una forma di energia, così viene definita nel campo elettromagnetico.Essa però nella vita quotidiana assume ruoli e valori diversi, soprattutto...
La zona pranzo

La zona pranzo

Nelle abitazioni più moderne, se lo spazio è sufficiente, anche senza rigide suddivisioni esiste una zona destinata al pranzo, ben distinta dalla cucina e dal salotto.
Soggiorno, camera da letto, cucina: per ogni ambiente le nostre proposte di lampadari moderni

Soggiorno, camera da letto, cucina: per ogni ambiente le nostre proposte di lampadari moderni

I lampadari moderni, dalle forme originali, i colori vivaci ed un'illuminazione sofisticata, sono in grado impreziosire in modo unico ogni ambiente della casa.
Lampadari sospesi: punti luce di charme per la casa

Lampadari sospesi: punti luce di charme per la casa

I lampadari a sospensione sono un'ottima soluzione per illuminare gli ambienti della casa e il loro design curato li rende oggetti di culto e vere attrazioni.
Chandelier per una casa moderna

Chandelier per una casa moderna

Per un ambiente scenografico senza grossa fatica, ecco i chandelier moderni: lampadari caratterizzati da tradizione e innovazione materica.
usr REGISTRATI COME UTENTE
290.237 Utenti Registrati
usr
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Libreria angolare laccata bianca e rossa seminuoca con illuminazione led
    Libreria angolare laccata bianca e...
    1690.00
  • Blocco cucina art
    Blocco cucina art...
    1526.00
  • Progettazione bagno con illuminazione
    Progettazione bagno con...
    300.00
  • Cucine cucina su misura profondita 50 cm profondita ridotta
    Cucine cucina su misura profondita...
    1000.00
  • Opere di cartongesso Napoli
    Opere di cartongesso napoli...
    20.00
  • Antico dipinto francese marina olio su tela
    Antico dipinto francese marina...
    1900.00
  • Pensilina naxos policarbonato
    Pensilina naxos policarbonato...
    75.00
  • Console veneziana laccata e dipinta
    Console veneziana laccata e dipinta...
    690.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Inferriate.it
  • Officine Locati
  • Mansarda.it
  • Weber
  • Kone
  • Faidatebook
  • Black & Decker
MERCATINO DELL'USATO
€ 40.00
foto 1 geo Napoli
Scade il 30 Giugno 2018
€ 39 000.00
foto 6 geo Torino
Scade il 09 Settembre 2018
€ 160 000.00
foto 4 geo Viterbo
Scade il 31 Dicembre 2018
€ 49 000.00
foto 6 geo Torino
Scade il 16 Settembre 2018
€ 800.00
foto 6 geo Torino
Scade il 16 Settembre 2018
€ 28.00
foto 6 geo Frosinone
Scade il 31 Dicembre 2018
VENDI SUBITO IL TUO USATO DI CASA
Inserisci annuncio
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.