Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

La valutazione della rumorosità spetta al giudice

La valutazione del rumore per stabilirne l'intollerabilità è operazione rimessa al giudice che non è obbligato a rispettare, nei minimi, i parametri indicati dalla legge.
11 Luglio 2012 ore 10:56 - NEWS Normative
rumore , intollerabilità , immissioni , giudice

RumoreEsiste una norma nel nostro ordinamento giuridico che disciplina l'ipotesi di immissioni, di vario genere, così dette intollerabili.


Tra queste vi sono quelle rumorose.


L'articolo cui si fa riferimento è l'844 del codice civile.


Recita la norma:


Il proprietario di un fondo non può impedire le immissioni di fumo o di calore, le esalazioni, i rumori, gli scuotimenti e simili propagazioni derivanti dal fondo del vicino, se non superano la normale tollerabilità, avuto anche riguardo alla condizione dei luoghi.


Nell'applicare questa norma l'autorità giudiziaria deve contemperare le esigenze della produzione con le ragioni della proprietà. Può tener conto della priorità di un determinato uso.



Silenzio sì, ma non totale assenza di rumore



Insomma, il rumore non deve essere inesistente ma non può nemmeno diventare intollerabile.


Com'è stato egregiamente evidenziato dalla Corte di Cassazione il limite di tollerabilità non è assoluto, ma relativo alla situazione ambientale, secondo le caratteristiche della zona, per cui tale limite è più basso in zone destinate ad insediamenti abitativi, ma è anche vero che la normale tollerabilità non può essere intesa come assenza assoluta di rumore.

In altri termini, il fatto che un rumore venga percepito non significa anche che sia intollerabile.

La normale tollerabilità, poi, va riferita alla sensibilità dell'uomo medio. Non si può, infine, non tenere conto della durata continua o della occasionalità delle immissioni sonore.

Nella specie i giudici di merito, ritenendo scarsamente percepibili le immissioni di rumore, hanno tenuto conto di tutti gli elementi essenziali (il rumore della ventola d'aspirazione era percepibile solo nelle ore serali o notturne; la ventola era situata in immobile addirittura non confinante con quello della attrice e funzionava solo quando veniva usato il bagno, per eliminare i cattivi odori)(Cass. 11 febbraio 2011 n. 3440).


Detta in modo sintetico: non esiste il diritto a reclamare il silenzio assoluto ma si può ottenere che non si esageri.


In questo contesto, sempre con riferimento ai rumori, qual è il limite di tollerabilità superato il quale il malcapitato può chiedere che siano presi provvedimenti?


La domanda è stata posta più volte perché oltre all'art. 844 c.c. esistono una serie di norme di legge che fissano in modo ben preciso i limiti delle immissioni rumorose.


Rumore2Il quesito è stato affrontato in diverse occasioni dalla Corte di Cassazione e recentemente lo scorso 25 giugno.


Il caso riguardava una persona che chiedeva fossero presi provvedimenti contro una macelleria: i frigoriferi di quell'attività, secondo chi se ne lamentava, erano troppo rumorosi.



Come valutare l'intollerabilità



In effetti nel corso del giudizio di merito s'è accertata questa intollerabilità.


Il macellaio non ci stava e ricorreva in Cassazione: a suo dire, infatti, i rumori era perfettamente in regola in quanto osservavano i limiti previsti dal d.p.c.m. 1.3.1991 e 14.11.1997 (quelli che fissano le soglie massime di rumore).


La Cassazione, in conformità al proprio orientamento maggioritario, non s'è detta d'accordo.


Si legge in sentenza, che la giurisprudenza di questa Corte ha evidenziato,in particolare, che i parametri fissati dalle norme speciali a protezione dell'ambiente e di esigenze della collettività, pur potendo essere considerati come criteri minimali di partenza, al fine di stabilire l'intollerabilità delle immissioni, non sono necessariamente vincolanti per il giudice civile, potendo questi pervenire al giudizio di intollerabilità, ex art. 844 c.c., delle immissioni, ancorchè contenute nei limiti di detti parametri, sulla scolta di un prudente apprezzamento che consideri la particolarità della situazione concreta e dei criteri fissati dalla norma civilistica.

La relativa motivazione, ove adeguatamente motivata costituisce accertamento di merito insindacabile in sede di legittimità (Cass. 25 giugno 2012 n. 10587).



Conclusioni



In sostanza bisogna tenere distinti due piani:


a) quello pubblicistico;


b) quello privatistico.


Nella prima ipotesi per essere a norma è sufficiente che i rumori non superino le soglie indicate dai provvedimenti legislativi vigenti.


Rumore3Nel caso delle controversie tra privati, invece, i rumori possono essere considerati intollerabili anche se ricadenti in quell'ambito, poiché tale valutazione è rimessa alla discrezionalità del giudice adito.


Quanto alle conseguenze dell'accertamento dell'intollerabilità, non è detto che la cessazione dell'attività sia l'unica soluzione.


In giudice, infatti, può ordinare pure solamente l'adozione di accorgimenti utili ad eliminare il rumore o a riportarlo entro limiti accettabili.


La parte che ha causato l'intollerabilità, in tal caso, fermo restando l'eventuale risarcimento del danno per il passato, dovrà adeguarsi a quanto prescritto dal giudice a meno che non decida di contestare la decisione giudiziale.

riproduzione riservata
Articolo: La valutazione della rumorosità spetta al giudice
Valutazione: 5.57 / 6 basato su 7 voti.

La valutazione della rumorosità spetta al giudice: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
329.295 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano La valutazione della rumorosità spetta al giudice che potrebbero interessarti


Rumori intollerabili e limiti normativi

Condominio - Comprar casa in condominio e solamente dopo accorgersi che l?appartamento è inondato da rumori d?ogni genere; chissà quante volte è capitato. Nel

Immissioni e ruolo di proprietario ed inquilino

Normative - Le immissioni intollerabili alla luce della normativa dettata dal codice civile e le responsabilità nel caso d'unità immobiliare locata.

Rumori intollerabili e diritto al silenzio

Condominio - La Cassazione, con una sentenza dello scorso 11 febbraio, la n. 3440, torna ad occuparsi dei rumori intollerabili e della sostanziale insussistenza di

Rumori molesti in condominio e rapporto con la situazione ambientale

Leggi e Normative Tecniche - Il limite di tollerabilità del rumore non è assoluto ma dev'essere individuato rapportando il rumore alla situazione ambientale nonché alla rumorosità di fondo.

Cosa accade quando il rumore è causato dalla pubblica amministrazione?

Leggi e Normative Tecniche - Anche la pubblica amministrazione deve contenere il rumore entro certi limiti; altrimenti, vi deve porre rimedio per il futuro e pagare i danni, per il passato.

Realizzare un controsoffitto isolante in aderenza

Isolamento termico - Come realizzare un controsoffitto acusticamente isolante, senza dove ridurre sensibilmente l'altezza utile interna dei locali applicando materiali antivibranti.

Attività rumorose e sanzioni penali

Liti tra condomini - Quella dei rumori che distrubano le attività delle persone, il loro riposo e più in generale la quiete pubblica è questione che genera spesso contrasti e contenziosi anche a livello penale.

Vita privata e familiare e immissioni illecite

Proprietà - Contro le immissioni illecite si può pretendere il risarcimento del danno non patrimoniale alla vita privata e familiare, anche in assenza di danno alla salute.

Immissioni moleste

Normative - Le immissioni rappresentano una delle molestie maggiori al diritto di proprieta'. Cosa fare quando diventano intollerabili.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img anonimo
Ciao a tutti,scrivo per chiedere il parere di un esperto o di qualcuno che ha avuto esperienza dello stesso problema:Abitiamo in un palazzo di recente costruzione (circa 2005), al...
anonimo 04 Marzo 2021 ore 15:54 4
Img pippo185
Salve, ho un dubbio che mi sta facendo impazzire. Ho una casa di nuova costruzione con due bagni e ho notato un rumore strano ma non riesco a capire quale sia la causa, quando al...
pippo185 18 Maggio 2020 ore 15:51 4
Img giovi84
Salve, avevamo la necessità di mettere la doccia e siccome il bagno aveva una 40ina di anni, abbiamo rifatto anche il fondo e sostituito i sanitari. Fatto ciò i...
giovi84 30 Giugno 2019 ore 11:30 1
Img guidomaniglia
Salve a tutti, Ho acquistato un appartamento all'ultimo piano di un condominio ed effettuato lavori di ristrutturazione di cui impianto di riscaldamento tramite ventilconvettori...
guidomaniglia 11 Marzo 2019 ore 11:44 3
Img cronenberg
Da qualche giorno sento un rumore costante 24h su 24h di gocciolamento + pressione all'interno del muro sopra il wc, cosa può essere? Il rumore proviene sopra 30 cm la...
cronenberg 20 Maggio 2018 ore 10:49 1