Umidità ascendente risanare con intonaco traspirante

NEWS DI Risanamento umidità12 Giugno 2015 ore 16:49
Ecco alcune possibili soluzioni per combattere in modo semplice e veloce il problema dell'umidità di risalita dal sottosuolo che attanaglia le nostre abitazioni.

Cos'è l'umidità di risalita?


Svariate sono le forme di umidità che possono colpire gli edifici in calcestruzzo e maggiormente quelli in muratura. La più diffusa riguarda essenzialmente piani terra e cantinati ed è l'umidità di risalita per capillarità dal suolo, nota anche come umidità ascendente.

Il problema dell'umidità di risalita è sempre stato presente all'interno delle nostre case, rendendo insalubri gli ambienti in cui viviamo quotidianamente.
Questo fenomeno si verifica grazie alla capacità dell'acqua di risalire per capillarità ovvero attraverso pori e condotti presenti nei materiali costituenti le murature.

bacchetta di plastica elettrizzanteTutto questo sembrerebbe impossibile poiché va a sfidare le ben note leggi di gravità.
In realtà il fenomeno si verifica perché innescato da forze di tipo elettrico che si generano tra le pareti dei capillari e le molecole d'acqua presenti nel sottosuolo.

Per spiegare in maniera semplice il fenomeno si potrebbe richiamare l'esperimento della bacchettina di plastica elettrizzata per sfregamento, che tutti da piccoli abbiamo provato a fare almeno una volta.

Questa bacchettina elettrizzata per sfregamento tende ad attirare verso di sè i pezzetti di carta. Allo stesso modo la medesima bacchettina di plastica elettrizzata è in grado, se posta in prossimità di un flusso d'acqua, come potrebbe essere quello del rubinetto, di deviarlo.

Essenzialmente quindi parliamo di forze elettrostatiche di piccola entità che con interventi mirati possono essere contrastate.


Cause dell'umidità di risalita


L'umidità di risalita può interessare sia le vecchie costruzioni che quelle recenti e si verifica quando il sistema di isolamento con il piano di posa, quasi sempre umido, è mancante, inefficace o danneggiato.

L'umidità provenente dal sottosuolo grazie al fenomeno della risalita capillare dei liquidi attraverso i pori di un materiale, risale dalle fondamenta e si manifesta nella zona bassa delle murature con distacchi d' intonaco , escrescenze del tipo muffa e cose del genere.

Ogni caso è diverso dall'altro; i parametri che determinano il grado di risalita dell'umidità sono:

frantumazione intonaco-la presenza di acqua nel sottosuolo
-la porosità
-la capacità assorbente dei materiali da costruzione
-l'influenza dei fenomeni atmosferici e stagionali

Infatti, si verificano casi in cui l'altezza dell'umidità tende ad aumentare nei mesi freddi o piovosi, poiché non vi è evaporazione naturale.

Il comportamento del materiale da costruzione varia a seconda della tipologia, ma soprattutto in relazione alla porosità, ovvero la predisposizione di un materiale ad assorbire l'acqua.
Quest'acqua, penetra nel materiale muovendosi poi al suo interno attraverso il fenomeno fisico della risalita capillare.

Aspetto importante quando si parla della capillarità riguarda il diametro dei capillari; a quelli più sottili corrisponderà una maggiore risalita e viceversa.


Danni provocati dall'umidità di risalita


I danni che l'umidità presente nelle pareti delle nostre case può comportare possono essere di diversa natura.
Si parla di danni statici, quando la struttura si indebolisce; ciò accade nella misura in cui i sali presenti sia nel terreno che nel materiale da costruzione, tendono a sciogliersi nell'acqua, la quale, per risalita capillare tende a penetrare nel materiale stesso.

L'acqua penetrata nel materiale tenderà in parte a evaporare mentre il sale presente in soluzione rimarrà intrappolato nell'intonaco.

Il sale, durante il fenomeno di evaporazione, tende a cristallizzarsi aumentando di volume, comportando la rottura dello strato d'intonaco. In questo modo la struttura resterà nuda e quindi sarà molto più facilmente attaccabile da tutti gli agenti degradanti esistenti in natura.

Ci possono essere dei danni estetici che si manifestano sulle murature con macchie e aloni, presenza di muffa, intonaco che si sfalda, colore che si scrosta, efflorescenze saline.

sollevamenti e decoesioni nella pellicola pittoricaI danni alla salute sono dovuti essenzialmente alle escrescenze del tipo muffa che si sviluppano nell'intonaco; questa è a tutti gli effetti un fungo che si alimenta con l'umidità.

Le sue spore sono nocive e si impregnano negli armadi e nei vestiti.

Inoltre, l'elevato tasso di umidità all'interno di un ambiente, dovuto alla presenza di un muro umido e freddo, provoca una maggior presenza di condensa, soprattutto durante il periodo invernale e comporta inevitabilmente condizioni ambientali insalubri che possono procurare malattie come raffreddori, sinusiti, mal di gola, artriti, reumatismi, ecc..

Non è da sottovalutare l'aspetto riferito ai danni economici che questo fenomeno comporta.
Infatti, parliamo di costi di riscaldamento eccessivi proprio per la presenza di muri freddi.
L'utilizzo di deumidificatori, nonché la necessità di eseguire di continuo opere di rifacimento dell'intonaco, della pittura, dei pavimenti in legno, mobili rovinati, tappezzeria e simili.


Come risolvere il problema dell'umidità di risalita


Per risolvere questo problema si può optare per l'utilizzo di un intonaco protettivo del tipo traspirante macroporoso, a base di calce idraulica naturale, prodotto dall'azienda Weber e denominato weber.san calce.



Questo intonaco a base di calce naturale, ha la capacità di annullare l'effetto prodotto dalla combinazione di umidità e sali che tende a far perdere alle murature quasi il 50% del loro potere isolante, comportando notevoli dispersioni di calore.

Davvero semplice nella sua applicazione, questo prodotto non necessita di trattamento antisale, contrasta l'aggressione salina e deumidifica, risultando ideale per murature interne ed esterne, anche con notevoli spessori.

Composto essenzialmente da calce e pozzolana amorfa;quest'ultima è la principale responsabile dell'aspirazione rapida dell'acqua contenuta nei muri.
La sua posa in opera segue il normale ciclo di intonacatura delle pareti murarie eseguita a due mani.

applicazione Biocalce Tasciugo, di Kerakoll.Un altro prodotto che può essere utilizzato con la stessa funzione, anch'essa di origine completamente naturale, è la Biocalce® Tasciugo®, prodotta dall'azienda KERAKOLL spa.

Questo intonaco protettivo assicura una disidratazione continua del muro e attiva il processo di asciugamento per vaporizzazione anche in presenza di forti concentrazioni di umidità di risalita.

Una delle sue caratteristiche principali è la capacità di assorbimento che risulta superiore a quella delle murature e questo le permette di assorbire, dunque di eliminare dalla parete, l'acqua proveniente dal fenomeno di risalita capillare dell'umidità.

intonaco traspirante Mapestop di Mapei, applicazionePer cercare di bloccare o quanto meno di limitare questo problema si può decidere di operare creando un taglio nella muratura.

Parliamo di taglio chimico, realizzato utilizzando una microemulsione siliconica concentrata, come Mapestop della Mapei, da diluire in cantiere.

Questa soluzione è a base di silani e silossani, ed è esente da solvente; applicata all'elemento intressato ha proprio la funzione di bloccare questo fenomeno di risalita capillare sul nascere.

Un altro metodo è l'utilizzo della tecnologia Domodry, un sistema biocompatibile che può essere applicato a qualsiasi struttura che manifesti il fenomeno di umidità ascendente.

sistema biocompatibile contro l'umidità DomotryL'obiettivo di questa tecnologia innovativa, che oggi si sta ampiamente diffondendo sul mercato, è quello di neutralizzare la carica elettrica dell'acqua presente nel terreno che si trova a stretto contatto con la muratura, impedendone così la risalita.

L'umidità già presente nel muro, viene gradatamente espulsa per evaporazione naturale.

Questa tecnologia si basa sull'utilizzo di un dispositivo di piccole dimensioni dotato di display, ovvero un generatore di deboli onde elettromagnetiche, innocue per l'organismo umano.

Le onde tedono a neutralizzare il potenziale elettrico, bloccando alla fonte il fenomeno di risalita capillare dell'acqua.

Applicato a parete, il dispositivo viene collegato elettricamente all'impianto di casa e ha un raggio d'azione sferico che varia dai 6 ai 15 m. Il tempo di azione per annullare il problema della risalita oscilla dai 12 ai 18 mesi dall'installazione dell'impianto.

riproduzione riservata
Articolo: Intonaco traspirante contro l'umidità di risalita
Valutazione: 4.30 / 6 basato su 142 voti.

Intonaco traspirante contro l'umidità di risalita: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Antonio
    Antonio
    Domenica 2 Ottobre 2016, alle ore 07:29
    Ho fatto risanare un muro affetto da umidità di risalita con un intonaco traspirante, adesso che devo imbiancare, il muratore, per non vanifiare il tutto, mi ha detto di usare una pittura traspirante.
    Il mio dubbio è se prima di pitturare posso dare una mano di fissativo o fondo.
    rispondi al commento
  • Ing.montesano
    Ing.montesano
    Martedì 17 Maggio 2016, alle ore 10:24
    Infatti è un ottimo prodotto, ci fa piacere avere un suo riscontro positivo!!
    rispondi al commento
  • Vittorio T.
    Vittorio T.
    Lunedì 16 Maggio 2016, alle ore 17:17
    Webersan lo trovo personalmente uno dei migliori. L'intonaco traspirante ha abbattuto l'umidità ascendente completamente. Lo consiglio.
    rispondi al commento
  • Bartoli
    Bartoli
    Giovedì 27 Febbraio 2014, alle ore 14:58
    Salve, a proposito degli intonachi deumidificanti macroporosi, ho un dubbio: se da una parte si deumidifica il muro, non è che, dall'altra, l'umidità entra più facilmente dall'esterno impregnando nuovamente il muro? Non è un arma a doppio taglio?Grazie
    rispondi al commento
  • Geppobss
    Geppobss
    Domenica 10 Novembre 2013, alle ore 10:33
    Buongiorno, all'interno dell'immobile di campagna al piano terreno, (zona climatica E) ho il problema dell'umidità di risalita, esternamente è stato fatto il cappotto, il tetto dovrà essere coibentato, stiamo valutando o un intonaco protettivo( costo 80 euro circa al mq) o intercapedine di cartongesso o di muratura, i metri quadri interessati sono 90, quale soluzione potrebbe essere la migliore?
    Suggerimenti?
    Grazie.
    rispondi al commento
    • Ing.montesano
      Ing.montesano Geppobss
      Lunedì 11 Novembre 2013, alle ore 22:17
      Buongiorno, se creare l'intercapedine in cartongesso non comporta spese eccessive è la soluzione migliore, perché permette una vera e propria ventilazione.
      La scelta deve essere fatta considerando sia i costi che la possibilità di esecuzione.
      La soluzione dell'intonaco protettivo è sicuramente meno invasiva, e più facile da realizzare ma può costare qualcosa in più.
      rispondi al commento
  • Stefano
    Stefano
    Sabato 9 Novembre 2013, alle ore 17:45
    Trovo veramente che sia stato scritto un bel articolo spiegando bene gli aspetti tecnici.
    Le metto una pulce nell'orecchio: non ha mai provato misurare ponderalmente (UNI 11085) l'umidità all'interno della muratura prima e dopo (dopo 6 mesi, dopo 1, 2, 3 anni) l'installazione di un intonaco risanante?
    Io penso di averlo fatto su almeno 500 edifici.
    Si scoprono delle fastidiose verità.
    Complimenti per la chiarezza dell'esposizione.
    Saluti.
    rispondi al commento
    • Ing.montesano
      Ing.montesano Stefano
      Lunedì 11 Novembre 2013, alle ore 11:41
      La ringrazio per i complimenti, effettivamente questo trattato nell'articolo è un argomento molto interessante, da cui è possibile trarre innumerevoli spunti, anche perché è un problema molto diffuso.
      Relativamente alla pulce nell'orecchio proverò a fare queste misurazioni, magari proponendo un caso studio e riportando i risultati in un prossimo articolo.
      Saluti.
      rispondi al commento
    • Parigi Mosè
      Parigi Mosè Stefano
      Venerdì 30 Settembre 2016, alle ore 11:33
      Articolo esauriente ma mi piacerebbe approfondire l'osservazione fatta da Stefano, riguardo alla misurazione dell'umidità successivamente ai trattamenti con intonaci traspiranti e quant'altro.
      rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
Notizie che trattano Intonaco traspirante contro l'umidità di risalita che potrebbero interessarti
Sistemi di deumidificazione

Sistemi di deumidificazione

Ristrutturazione - Intonaci risananti per il miglioramento del comfort abitativo
L'intonaco di cocciopesto

L'intonaco di cocciopesto

Materiali edili - Tra i rivestimenti naturali più utilizzati per risolvere il problema dell'umidità nelle pareti c'è l'intonaco di cocciopesto, un'antica tecnica tuttora valida.
Intonaci macroporosi

Intonaci macroporosi

Ristrutturazione - Intonaci macroporosi contro l'umidità: rimedi che pescano dal passato, rivisti in chiave moderna, per bloccare l'azione di agenti atmosferici e umidità dal terreno.

Cause e rimedi per l'umidità di risalita

Risanamento umidità - Anche per gli intonaci eseguiti a regola d'arte vi sono delle cause di origine naturale che ne compromettono funzionalità ed estetica, come la presenza di umidità.

Degrado dei prospetti

Ristrutturazione - Il processo di deterioramento delle facciate degli edifici, incide principalmente sull'estetica dell'immobile ed obbliga ad immediati interventi manutentivi.

Muri di tompagno: difetti di esecuzione

Ristrutturazione - Alcuni consigli utili sulla giusta posa in opera delle chiusure perimetrali.

Risanamento di un vano scale

Risanamento umidità - L'intervento descritto in questo articolo riguarda alcuni lavori di risanamento dall'umidità che hanno interessato il vano scale di una villetta privata.

Intonaci in argilla

Ristrutturazione - Sano, traspirante e naturale, l'intonaco in argilla e' alla base delle costruzioni e delle ristrutturazioni che abbracciano la politica della bioedilizia.

Malta di risanamento contro l'umidità

Ristrutturazione - Come intervenire su edifici ammalorati dall'umidità, utilizzando prodotti specifici come la malta a base di calce naturale, idonei anche per contesti di restauro
REGISTRATI COME UTENTE
296.620 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Rifacimento intonaco Bologna e provincia
    Rifacimento intonaco bologna e...
    29.00
  • Intonaco fine per interni in argilla Claytec Fei 06
    Intonaco fine per interni in...
    18.85
  • Intonaco premiscelato
    Intonaco premiscelato...
    7.20
  • Intonaco stampato su-muro
    Intonaco stampato su-muro...
    50.00
  • Ferro da stiro vaporella Polti
    Ferro da stiro vaporella polti...
    68.98
  • Poltrona classica con braccioli
    Poltrona classica con braccioli...
    119.95
integra
Natale in Casa
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Policarbonato online
  • Mansarda.it
  • Officine Locati
  • Faidatebook
  • Weber
  • Kone
  • Black & Decker
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.