Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Inquinamento ambientale da RAEE. come comportarsi

NEWS Impianti rinnovabili04 Febbraio 2019 ore 16:20
Smaltire correttamente i Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche è di molto importante per diminuire l'impatto dei loro componenti sull'ambiente.

Inquinamento ambientale da RAEE


L'attenzione ai temi ambientali coinvolge tutti i campi del nostro vivere quotidiano: la mobilità sostenibile, la corretta alimentazione, il rispetto delle biodiversità, il chilometro 0, l'uso di energia rinnovabile, la bioarchitettura, la raccolta differenziata, il riciclo delle materie prime, etc.

Inquinamento ambientale
E parlando di rifiuti è impossibile non approfondire la questione legata alla corretta gestione dei RAEE, ossia dei rifiuti di apparecchiature elettriche.


AEE e RAEE: cosa sono e come si gestiscono?


AEE è l'acronimo di Apparecchiature elettriche ed elettroniche, ossia tutti quei dispositivi che quotidianamente utilizziamo la cui accensione e il funzionamento dipendono da correnti elettriche (spina elettrica ma anche batteria): parliamo quindi di televisore, computer, telefono, lavatrice, asciugatrice, congelatore, frigorifero, aspirapolvere, ferro da stiro, lampadine, etc.

Sono, quindi, ricomprese anche apparecchiature di generazione, trasferimento e misurazione della corrente. Una volta che cessano di funzionare o ce ne vogliamo disfare per usura o per malfunzionamenti esse diventano rifiuto, cioè RAEE.


Riciclo RAEE

Riciclo RAEE

Riciclo RAEE
Rifiuti RAEE

Rifiuti RAEE

Rifiuti RAEE
Elettrodomestici RAEE

Elettrodomestici RAEE

Elettrodomestici RAEE
Discarica RAEE

Discarica RAEE

Discarica RAEE
Classificazione RAEE

Classificazione RAEE

Classificazione RAEE

La normativa che regola la gestione dei RAEE in Italia è il Decreto Legislativo n. 49 del 14 marzo 2014 Attuazione della direttiva 2012/19/UE sui rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE) che si pone la finalità di prevenire o ridurre l'impatto sull'ambiente derivante dall'utilizzo di tali dispositivi, promuovendone il riuso e il riciclo.
Ma i RAEE non sono solamente rifiuti di provenienza domestica, anzi la maggior quantità scartata proviene dalle attività artigianali, industriali, etc.

A seconda dell'origine si dividono quindi in:

- RAEE domestici, prodotti nelle nostre case;

- RAEE professionali, risultato di aziende e libere professioni.

Ciò di cui ci andremo ad occupare è sicuramente la prima categoria con cui abbiamo a che fare tutti i giorni, ossia i rifiuti domestici.
Vediamo, quindi, come comportarci per un corretto smaltimento dei RAEE.


RAEE domestici: come comportarsi


La lavatrice si è rotta? Dobbiamo liberarci della vecchia tv?
Innanzitutto è necessario sapere che i RAEE, a seconda delle componenti, si dividono in cinque categorie:

  • R1 freddo e clima: congelatori, condizionatori, frigoriferi

  • R2 grandi bianchi: lavatrici, cappe, forni, asciugatrici

  • R3 Tv e monitor: tv, schermi

  • R4 piccoli elettrodomestici: telefoni, ventilatori, tostapane, robot da cucina

  • R5 sorgenti luminose: lampadine a led, a basso consumo, a neon.



Qualora quindi avessimo bisogno di disfarci di uno dei dispositivi sopra indicati (elenco non esaustivo) abbiamo due alternative: la prima è chiedere il ritiro gratuito al negoziante dal quale si è acquistato il nuovo prodotto.
È importate sapere che le attività commerciali con superficie di vendita superiore a 400 mq sono obbligati al ritiro di un vecchio dispositivo anche senza acquisto di nuovo, purché abbia una dimensione inferiore a 25 cm.

In alternativa è necessario contattare l'azienda di smaltimento dei rifiuti del proprio comune per chiederne il ritiro o per conferirlo direttamente presso il centro di raccolta autorizzato.
In particolare, per i RAEE esistono Centri di Raccolta, Centri di Riutilizzo ed Impianti di trattamento.

I centri di raccolta registrati presso il Centro di Coordinamento RAEE, sono apposite aree adibite al deposito di RAEE. Essi sono realizzati e gestiti dai comuni e dalle aziende affidatarie della gestione dei rifiuti, sono aperti a tutti i cittadini e alle utenze che possono consegnare gratuitamente i RAEE domestici.

I Centri di Raccolta possono effettuare il servizio di ritiro dei RAEE da uno o più comuni e accogliere i RAEE provenienti dalla distribuzione.

I Centri di Riutilizzo sono apposite aree adibite al deposito preliminare alla raccolta dei RAEE domestici destinati alla preparazione per il riutilizzo.
Sono realizzati e gestiti dai comuni e dalle aziende abilitate alla gestione dei RAEE, sono aperti a tutti i cittadini e alle utenze che possono consegnare gratuitamente i RAEE domestici.

Gli Impianti di Trattamento, accreditati al Centro di Coordinamento RAEE, infine, sono apposite aree adibite al trattamento dei RAEE, nel pieno rispetto delle normative ambientali con l'obiettivo di massimizzare il recupero e la valorizzazione dei materiali.


Inquinamento ambientale e RAEE


Ma perché è così importante conferire i RAEE nella maniera corretta?

Ogni anno in Italia si producono circa 800.000 tonnellate di rifiuti elettronici, stima destinata a salire, visto l’utilizzo sempre più consistente della tecnologia nella vita quotidiana e la diffusione della cultura usa e getta che coinvolge moltissimi settori.
La presenza di diverse campagne pubblicitarie e di sensibilizzazione sul tema è dovuta al fatto che i RAEE non sono semplici rifiuti ma contengono al loro interno sostanze e gas potenzialmente inquinanti: pensiamo solo ai gas contenuti nei frigoriferi o a i metalli pesanti come mercurio, rame o piombo.

I RAEE 1-3-5, e in parte 4, contengono rifiuti pericolosi ed è pertanto di fondamentale importanza conferirli correttamente in maniera tale da evitare la dispersione di questi componenti nell'ambiente: l'aria, il terreno e le falde acquifere potrebbero esserne contaminati.
Il recupero degli elementi sopra indicati non è importante solo per la prevenzione dell'inquinamento ambientale ma anche per il riutilizzo degli stessi per altre apparecchiature: i metalli contenuti, con il loro alto valore di mercato, possono essere reimpiegati dimezzando i costi anche per la loro nuova estrazione.

Inquinamento RAEE
Proprio per questa potenzialità la raccolta dei RAEE è spesso oggetto di un mercato illecito che prevede lo smaltimento e il traffico illegale di tali rifiuti: anche in ragione di ciò è indispensabile diffidare della raccolta porta a porta da parte di persone non autorizzate, ma rivolgersi solo a centri specializzati nella raccolta. I rischi del mercato clandestino sono legati al finanziamento di attività illecite e alla continua diffusione di discariche abusive risultato del disfacimento di tutte quelle componenti non nobili e quindi non vendibili dei RAEE.


Inquinamento ambientale da RAEE: consigli


Oltre al corretto conferimento degli stessi al momento del loro inutilizzo, è possibile mettere in atto alcune strategie per diminuire l'impatto che tali rifiuti hanno sul nostro ambiente:

- quando si acquista un nuovo elettrodomestico sceglierne uno almeno in classe energetica A+

- spegnere gli interruttori in caso di inutilizzo, in maniera tale da evitare dissipazione di corrente

- conferire in maniera corretta tutte le tipologie di rifiuti, effettuando la raccolta differenziata

- essere portatori di comportamenti corretti in materia di rispetto dell'ambiente, in famiglia, con gli amici e sul lavoro.


Inquinamento ambientale da RAEE: campagna di sensibilizzazione


In Italia esiste il Centro di Coordinamento RAEE, organismo centrale che si occupa di ottimizzare la raccolta, il ritiro e la gestione dei Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche.


Tra le varie attività promuove la diffusione della cultura al corretto smaltimento dei rifiuti anche attraverso RAEE Man, il supereroe che dispensa consigli ai privati cittadini sul tema.
Per ulteriori informazioni, quindi, è possibile visitare il sito, dove sono contenute una serie di informazioni utili circa la situazione normativa e le modalità di conferimento dei RAEE.
Centro di Cordinamento RAEE

riproduzione riservata
Articolo: Inquinamento elettronico Raee
Valutazione: 5.67 / 6 basato su 3 voti.

Inquinamento elettronico Raee: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
REGISTRATI COME UTENTE
309.299 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
Quanto costa, dove lo trovo? Sei un Azienda ? Pubblica i tuoi Prezzi Quì !
  • Rimozione smaltimento eternit
    Rimozione smaltimento eternit...
    1900.00
  • Dispositivo monitoraggio inquinamento indoor TecnovAir R
    Dispositivo monitoraggio...
    699.00
  • Cucina nuova
    Cucina nuova...
    1690.00
  • Ventilazione meccanizzata ambienti Latina
    Ventilazione meccanizzata ambienti...
    250.00
  • Misuratore di consumo energia elettrica
    Misuratore di consumo energia...
    11.99
  • Presa intelligente wifi
    Presa intelligente wifi...
    25.99
Notizie che trattano Inquinamento elettronico Raee che potrebbero interessarti


Raee: cosa sono e quali le novità della normativa

Piccoli elettrodomestici - Quali sono le novità in ambito di rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche. Aumentano i dispositivi elettronici che rientreranno nella normativa Raee

Smaltimento dei Raee

Piccoli elettrodomestici - Un corretto smaltimento dei Raee è fondamentale per la salvaguardia dell'ambiente e consente di riciclare materiali utili per la produzione di nuovi apparecchi.

Fine vita vecchi elettrodomestici

Leggi e Normative Tecniche - Gli elettrodomestici casalinghi rientrano nella categoria dei RAEE, ossia rifiuti particolari che devono seguire procedure specifiche per il loro smaltimento.

Veleni in casa

Cucina - L'EPA, l'agenzia americana per la protezione dell'ambiente, ha denunciato che tra le pareti domestiche è presente un'alta concentrazione di sostanze tossiche.

Mobili: uso e riuso

Fai da te - Una serie di iniziative, mercatini, siti e soluzioni originali, per riciclare e incentivare in tempo di crisi, il riuso di mobili e arredi, in maniera creativa.

Immondizia creativa

Arredamento - Il riciclo si fa arte, questa la mission del concorso itinerante di creatività pittura e design, Rifiuti in cerca d'autore, giunto alla sua terza edizione.

Ecomondo 2013

Progettazione - Sostenibilità ambientale, arte e Green Economy sono stati i protagonisti della diciassettesima Edizione di Ecomondo, dal 6 al 9 novembre a Rimini Fiera.

Piastrelle dai vecchi televisori

Progettazione - Il progetto GlassPlus prevede la creazione di una piastrella in gres porcellanato attraverso l'utilizzo della frazione vetrosa degli schermi di vecchi televisori.

Ristrutturazione Sostenibile

Ristrutturazione - State pensando di ristrutturare casa? Ecco qualche spunto di riflessione per valutare e magari ridurre l'impatto che tale intervento potrebbe avere sull'ambiente.