Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Salotto italiano e marocchino a confronto

La disposizione dei componenti d'arredo può diventare una chiave di lettura per comprendere le differenze tra modi di vivere la casa di tradizioni culturali diverse.
- NEWS Arredamento
salotto , salotti , marocco , marocchino

salotto occidentaleNelle hall di costosi alberghi come in abitazioni di grande lusso vengono spesso ricostruite le atmosfere dei paesi islamici e orientali.
La tradizione di riferimento utilizzava materiali poveri e autoctoni e assemblaggi semplici e minimalisti per necessità.
Mistificando queste premesse, lo stile etnico dei paesi occidentali talvolta ripropone e a volte snatura codici stilistici e comunicativi esotici in maniera tutt'altro che filologica e a prezzi non sempre accessibili.

Si descrive di seguito un modello di salotto molto radicato nella cultura islamica, in particolare marocchina, affinché dalla conoscenza e dall'analisi di esso possano trarsi ispirazioni che, opportunamente rivisitate, permettano di creare ambientazioni insolite ma adattabili alla nostre case e al nostro modo di vivere.


Si intende dare risalto non tanto alle forme, ai colori, ai materiali, alle decorazioni, quanto alle ragioni della disposizione dei vari componenti d'arredo al fine di comprendere le relazioni che tali ambientazioni possono stimolare.

Nella tradizione occidentale il classico salone ospita un elemento imprescindibile: il sofà. Quest'ultimo è ottenuto dalla composizione di un elemento base, la cosiddetta piazza.
Il divano è raramente posto al centro di una stanza.
Di norma divide due ambienti all'interno dello stesso locale, come ad esempio il soggiorno propriamente detto dalla zona pranzo, o è ubicato lungo una parete del locale. In entrambi i casi il divano diventa un limite e chiude o definisce uno dei confini dell'ambiente che si intende creare.


schema di salotto all'italianaQuesta soluzione basica può diventare più articolata aggiungendo e componendo più moduli.

Possiamo infatti costruire saloni composti da più divani opposti e paralleli, oppure adiacenti e perpendicolari tra di loro, con penisole o isole o accostando una o più poltrone.
Comunque vengano associati questi elementi, il risultato è uno spazio circoscritto e riconoscibile all'interno del quale possono trovare posto elementi secondari quali tavolini, porta riviste o altri elementi.

Oltre alle logiche meramente funzionali legate agli elementi di seduta o di appoggio, talvolta non pensiamo a come la disposizione dei vari elementi determini lo spazio dentro il quale avvengono processi comunicativi.
In pratica, seduti sul divano, gli interlocutori devono potersi vedere in primo luogo, ascoltare e talvolta toccare, senza interferenze e con spazi a misura d'uomo tali da rendere ottimale ed efficace l'interazione.

schema di salotto marocchinoImitare lo stile etnico, senza comprendere queste dinamiche comunicative, significa snaturare il messaggio e il significato profondo di tradizioni millenarie.
Nella tradizione marocchina il divano ha una disposizione dei moduli a ferro di cavallo, ossia occupa tre pareti di una stanza e lascia libero un lato che ne rappresenta l'accesso.
La continuità dei moduli e la loro disposizione è tale da cancellare ogni tipo di gerarchia che invece il salotto all'italiana crea.

In effetti, il sofà composto dal maggior numero di piazze è considerato, anche inconsciamente, l'elemento principale e il divano minore o le poltrone come elementi secondari.
Inoltre, il divano obbliga ad un contatto anche fisico più stretto tra persone sedute al di sopra di esso, mentre tale contatto è ridotto per coloro i quali siedono sulle poltrone normalmente monoposto.
In questo senso può generarsi una gerarchia di altro tipo, secondo la quale chi occupa l'unica poltrona presente ha un ruolo particolare.


Il salotto marocchino appiana queste gerarchie come in una tavola rotonda, di cui rappresenta in effetti la riproposizione geometricamente semplificata, per cui non vi è interruzione e ogni posto è uguale all'altro dal punto di vista delle relazioni funzionali e umane.


salotto marocchinoÈ, inoltre, normalmente privo di schienale. Lo schienale rappresenta un ulteriore limite, un confine tra un avanti e un retro, una barriera alla comunicazione e alla libertà compositiva.
Il modulo del salone marocchino è in pratica un puff a forma di parallelepipedo e a pianta quadrata che, accostato con moduli analoghi secondo le esigenze anche temporanee, può dare origine a molteplici soluzioni.

Privi di schienale, dunque di un fronte, di un retro e di fianchi, i puf possono originare sedute a ferro di cavallo quando completi, ma anche semplici L. Talvolta, ma più raramente, si possono posizionare secondo due file opposte e parallele, nel caso di elementi fisici insormontabili, come la presenza di un camino o di una portafinestra sul lato opposto a quello di ingresso.
Gli schienali sono normalmente sostituiti da cuscini disposti liberamente e dalle esuberanti fantasie cromatiche.


Al centro dello spazio si trova solitamente un tavolino dalle forme circolari oppure poligonali, comunque inscrivibili in una circonferenza, come a creare un centro gravitazionale che di norma è anche il baricentro della sala; questo perché da ogni punto del sofà senza soluzione di continuità sia possibile osservare gli altri commensali e raggiungere con uguale facilità cibi e vivande posizionati sul tavolino stesso.

Se i lati del ferro di cavallo risultano diseguali, si tende ad accostare più tavolini piuttosto che utilizzare un unico tavolino rettangolare, da evitare in coerenza con la volontà di eliminare ogni gerarchia.

riproduzione riservata
Articolo: Salotto italiano e marocchino a confronto
Valutazione: 3.50 / 6 basato su 4 voti.

Salotto italiano e marocchino a confronto: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Manuela
    Manuela
    Venerdì 25 Ottobre 2013, alle ore 15:28
    Desidererei sapere dove poter acquistare quel divano marrocchino verde.
    rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
332.898 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Salotto italiano e marocchino a confronto che potrebbero interessarti


Divano: il re del living

Arredamento - Protagonista indiscusso del salotto, il divano è oggi un complemento dallo stile giovane, essenziale ma, soprattutto, personale.

Poltroncine morbide ed avvolgenti

Divani e poltrone - Morbide, generose, comode. Sono le poltroncine che, grazie alla forma e ai materiali utilizzati, avvolgono come in un abbraccio, regalano un indescrivibile comfort.

Salotto componibile: design e sartorialità su misura

Divani e poltrone - Il salotto componibile è una soluzione versatile d'imbottito capace di soddisfare diverse esigenze spaziali e personali oltre che creare composizioni originali.

Salotto moderno: consigli e proposte d'arredo

Divani e poltrone - Il salotto moderno, grazie ai numerosi complementi sul mercato, può essere arredato in maniera sempre diversa e versatile scegliendo lo stile che si preferisce.

Il salotto da comporre come un puzzle

Divani e poltrone - La nuova frontiera del salotto moderno è quella del salotto in continua evoluzione: flessibile, comodo, versatile, giusto per ogni occasione, personalizzabile.

Pollutec Maroc 2011

Bioedilizia - La terza fiera internazionale di Pollutec Maroc che si terrà a Casablanca ad Ottobre sarà un appuntamento di sicuro interesse per i settori delle energie rinnovabili e delle tecnologie sostenibili.

Tessuti a prova di macchia

Tessile - Preservare l'amato divano dall'usura si puo', con i nuovi tessuti speciali a prova di macchia.

Le ultime tendenze dei salotti da giardino

Sistemazione esterna - I salotti da giardino formati da divani e poltroncine, piani d'appoggio, chaise longue e sedie a sdraio, sono ideali per godersi pienamente i propri spazi esterni.

Pouf proposti al Salone del Mobile

Divani e poltrone - Il pouf, a seconda delle dimensioni, rappresenta la soluzione ottimale per chi vuole distendersi in totale relax e, al contempo, arredare la zona living.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img tempus_fugit
Buongiorno a tutti,vi chiedo consiglio su comedovemetterecosa in un salotto/soggiorno.Nella pianta allegata è già presente un'ipotesi di arredamento che non mi...
tempus_fugit 30 Luglio 2021 ore 17:39 5
Img rikirevenge
Salve, Volevo ricreare in salotto l'ambiente riportato in foto. Ho escluso le rocce in vetroresina dei laghetti perché poco veritiere. L'unica soluzione che si avvicina...
rikirevenge 13 Febbraio 2020 ore 13:21 6
Img claudiobrambilla
Ciao, devo arredare un piccolo salotto e vorrei metterci un mobile per la TV (anche minimale) un divano (mi piacciono quelli angolari o con chaise longue) e un tavolo con 6 sedie...
claudiobrambilla 23 Giugno 2017 ore 16:57 7
Img federicadm86
Ciao a tutti...un consiglio. Dovrei riarredare il salotto...il progetto è più o meno quello riportato nell'immagine.Ho intenzione di posizionare un lampadario sopra...
federicadm86 03 Giugno 2017 ore 13:01 4
Img machyg
Ciao a tutti,qualche tempo fa siamo andati a visitare lo showroom di DONDI salotti, questa azienda propone un tessuto prodotto solo da loro chiamato "carezza" che imita...
machyg 05 Luglio 2014 ore 14:40 1