Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Scadenze Imu 2020: per chi slitta al 2021?

Si avvicina la scadenza del 16 dicembre prevista per il pagamento della seconda rata dell’Imu. Vediamo quali sono le novità di quest’anno per la tassa sulla casa
11 Dicembre 2020 ore 10:11 - NEWS Fisco casa

Scadenza Imu 2020: le date da ricordare


Siamo ormai prossimi alla scadenza del 16 dicembre prevista per il saldo della seconda rata dell’Imu 2020, la tassa sulla casa. Facciamo il punto della situazione e vediamo quelle che sono le novità di quest’anno in merito alla nuova Imu, che, dal 1° gennaio 2020, accorpa Imu e Tasi.

Come avvenuto negli anni passati restano ferme le date che ormai tutti gli italiani conoscono molto bene: il 16 giugno, la data prevista per l’acconto e il 16 dicembre, la data del saldo.


Imu 2020: chi deve pagare?


Anche per la nuova Imu valgono le regole applicate in precedenza, in base alle quali il presupposto dell’imposta è essere possessore di immobili, intendendosi per tali il proprietario dell’immobile, il titolare di un diritto reale come usufrutto, uso, enfiteusi, abitazione, e superficie.

Pagamento IMU
Sono esclusi dal campo di applicazione della tassa gli immobili destinati ad abitazione principale, a meno che si tratti di unità immobiliari rientranti nelle categorie catastali A1, A8 o A9 (ovvero case signorili, ville e castelli).

Per abitazione principale si intende l’immobile presso il quale il contribuente e il suo nucleo familiare hanno stabilito la residenza anagrafica e dimora abituale.

Ricordiamo che da quest'anno viene meno l'esenzione per i proprietari di immobili appartenenti ai titolari di pensioni estere iscritti all'Aire.

In sostanza, sono soggetti al pagamento della nuova Imu, i possessori di seconde case indipendentemente dalla categoria catastale di appartenenza e di immobili di lusso pur destinati ad abitazione principale.


Cancellazione dell’Imu 2020: per chi?


A fronte dell’emergenza sanitaria da Covid-19 che ha messo in ginocchio il nostro Paese, il Governo ha previsto, a favore di taluni soggetti, l’esenzione dal pagamento Imu, sia relativamente all’acconto del 16 giugno scorso che in riferimento alla seconda rata del 16 dicembre 2020.

Scadenze IMU 2020
Per quali soggetti è stata prevista la cancellazione della tassa sugli immobili?

In particolare, sono stati esentati dal versamento della rata di dicembre gli immobili:

  • adibiti a stabilimenti balneari marittimi, lacuali e fluviali e gli immobili costituenti stabilimenti termali;

  • gli alberghi e le pensioni aventi fine di lucro in categoria catastale D/2, comprese le relative pertinenze;

  • gli immobili adibiti ad agriturismi, villaggi turistici, ostelli della gioventù, rifugi di montagna, affittacamere per brevi soggiorni, case e appartamenti per vacanze, bed & breakfast, residence e dei campeggi.

Come si può constatare con il Decreto Rilancio si è voluto venire incontro alle esigenze del settore turistico fortemente coinvolto dalla crisi economica. Le strutture ricettive sono state duramente colpite dall’emergenza sanitaria da coronavirus, pertanto per il Governo è diventato prioritario sollevarle dal pagamento di questa tassa.


Gli esoneri del Decreto Agosto e Decreto Ristori


Con i Decreto Agosto e Decreto Ristori, successivamente e sempre per far fronte alle difficoltà economiche, altre specifiche categorie sono state esonerate dal versamento della seconda rata dell’Imu.

Si tratta dei titolari della attività colpite dalle chiusure e dalle limitazioni di orario imposte dai vari Dpcm, cinema, teatri, sale per concerti, discoteche, sale da ballo, e infine bar, ristoranti, palestre centri estetici e sale giochi.


Conguaglio Imu 2020 al 28 febbraio


Le novità per quanto riguarda le scadenze Imu 2020 non finiscono qua. Oltre alle date del 16 giugno e del 16 dicembre 2020 alcuni contribuenti dovranno segnare in rosso sul calendario anche il 28 febbraio 2021.


La scadenza del saldo Imu 2020 è confermata per il 16 dicembre ma, a causa del rinvio per i Comuni dell’aggiornamento delle aliquote, viene prorogato il termine per versare il conguaglio dell’imposta. Il contribuente potrà dunque attendere il 28 febbraio 2021 senza dover incorrere in alcuna sanzione o in pagamento di interessi.

La disposizione che consentirà di dilazionare il pagamento dell'imposta in due tranche è contenuta nella legge di conversione del decreto, con il quale viene stabilita la proroga dello stato di emergenza da Covid-19.

Rinvio delibera aliquote da parte dei Comuni e gli effetti sulla seconda rata Imu


Come sopra anticipato, la previsione di una nuova data per il conguaglio dell'Imu 2020 si è resa necessaria a fronte del rinvio al 31 dicembre 2020 del termine ultimo entro il quale i Comuni dovranno provvedere a inserire sul sito del Mef l’aggiornamento delle aliquote da applicare e il relativo regolamento.

Lo spostamento del termine, normalmente fissato al 28 ottobre, per la delibera delle nuove aliquote, ha dunque avuto ripercussioni sui termini di pagamento di eventuali conguagli dell’imposta sulla casa.

Conguaglio IMU 2020
Come conseguenza di tale slittamento, per il pagamento della seconda rata, fissata al 16 dicembre, si dovranno applicare le vecchie aliquote, nonostante la nuova Imu abbia fatto il suo ingresso a partire dal 1° gennaio 2020.
Per calcolare l’importo da corrispondere il 16 dicembre si dovranno utilizzare le aliquote del 2019.

Per la seconda rata, infatti, il contribuente pagherà la stessa cifra versata per l'acconto del 16 giugno 2020, per il cui calcolo si è fatto riferimento alla metà dell’importo dovuto a titolo di Imu e Tasi nell’anno 2019.

Le regole dello scorso anno dovranno essere applicate anche per ciò che concerne le esenzioni e le agevolazioni.

riproduzione riservata
Articolo: IMU ultime novità 2020-2021
Valutazione: 5.50 / 6 basato su 2 voti.

IMU ultime novità 2020-2021: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
323.456 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano IMU ultime novità 2020-2021 che potrebbero interessarti


Quali sono le scadenze per Imu e Tasi 2018?

Fisco casa - Si avvicinano gli appuntamenti con il Fisco per quanto concerne l'Imu e la Tasi 2018. Vediamo quando devono essere pagate le imposte sulla casa: acconto e saldo

Pace fiscale per i tributi comunali: ecco di cosa si tratta

Fisco casa - Non solo multe e bollo auto potranno beneficiare della pace fiscale; il condono è consentito anche per quei tributi comunali sulla casa come IMU, TASI e TARI.

IMU e TASI 2018 scadenza al 17 dicembre

Fisco casa - È ormai vicina la scadenza per il versamento della seconda rata dell'IMU e della TASI. Quando i contribuenti dovranno effettuare il saldo e modalità di calcolo.

IMU e TASI: niente rottamazione!

Fisco casa - Non si farà la sanatoria per il mancato pagamento delle imposte sulla casa, IMU e TASI; sono queste le ultime novità. I Comuni sono esclusi dalla pace fiscale

IMU e TASI: ravvedimento operoso per chi non ha pagato

Fisco casa - In caso di ritardo nel pagamento di IMU e TASI si potrà fruire del ravvedimento operoso, un beneficio in base al quale si potrà ridurre la sanzione applicata.

Tasi 2017: scadenza e modalità di pagamento della seconda rata

Fisco casa - Si avvicina l'appuntamento annuale con le imposte sulla casa: fissata al 18 dicembre la scadenza della seconda rata della Tasi, la tassa su servizi indivisibili

Per la Cassazione IMU e TASI possono essere pagate dall'inquilino

Fisco casa - Per la Corte di Cassazione le imposte indirette come Imu e Tasi possono essere addebitate totalmente al conduttore. Vediamo quali sono le novità sull'argomento.

Scade oggi il termine per il pagamento prima rata IMU e TASI 2019

Fisco casa - Scade oggi 17 giugno il termine per pagare la prima rata dell'IMU e TASI per l'anno 2019. Ecco chi deve pagare e come fare se si è in ritardo con il pagamento.

Unificazione Imu e Tasi: arriva la conferma del Governo

Fisco casa - Importanti novità su Imu e Tasi. Al via il progetto di unificazione delle imposte sulla casa per arrivare ad una tassa unica. Si punta alla semplificazione.