Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Imu e Tari per i residenti all'estero: chi beneficia dello sconto?

La legge di Bilancio 2021 ha reintrodotto lo sconto IMU e confermato quello sulla TARI. Ecco quando IMU e TARI vanno pagate da cittadini italiani residenti all'estero
- NEWS Fisco casa

Imu e Tari, come funziona per gli italiani all'estero?


Sono molti i cittadiniresidenti all'estero proprietari in Italia di almeno un immobile.
Come funziona, in relazione a detti immobili, l'applicazione delle imposte sulla casa come Imu e Tari?

Vediamo prima brevemente in cosa consistono questi tributi.

Pensionati residenti all'estero
L'Imu consiste nell'imposta municipale unica che ha preso il posto dell'Ici.

La Tari è la tassa per finanziare la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti.

Analizziamole separatamente e verifichiamo come nel tempo si è evoluta la normativa che riguarda tutti gli italiani proprietari di case che hanno trasferito la loro residenza all'estero.


Imu e italiani residenti all'estero


La nuova Legge di Bilancio di previsione dello Stato per l'anno finanziario 2021, la n. 178 del 30 dicembre 2020, ha posto in essere alcune modifiche sostanziali per i titolari di una pensione internazionale, maturata lavorando in Stati della comunità europea o con Stati esteri non comunitari in convenzione con l'Italia.

In particolare la norma introdotta dal comma 48, dell'art. 1, ha previsto una riduzione pari al 50% dell'imposta dovuta da applicarsi a una sola unità immobiliare ad uso residenziale, a condizione che sia non locata o data in comodato d'uso.

Per beneficiare della riduzione non è richiesta l'iscrizione all'AIRE.

Cosa vigeva prima di questa sostanziale variazione?


A decorrere dall'anno 2020, l'imposta unica comunale di cui all'articolo 1, comma 639, della legge 27 dicembre 2013, n. 147, era stata abolita, a eccezione delle disposizioni relative alla tassa sui rifiuti (TARI).

L'imposta municipale propria (IMU) era disciplinata dalle disposizioni di cui ai commi da 739 a 783. Cosa vigeva prima di questa sostanziale variazione?

Fino al 2013 le unità immobiliari situate in Italia e possedute da cittadini italiani residenti all'estero, a titolo di proprietà o di usufrutto, potevano essere considerate abitazioni principali, purché non venissero date in locazione.

La riconduzione nell'ambito della categoria di abitazione principale consentiva l'esenzione dall'Imu ove sussistessero tutte le altre condizioni per l'esenzione dall'imposta in base alla normativa in materia.

Immobili residenti all'estero
Successivamente con l'approvazione della Legge 80/2014, art.9 bis, imponeva importanti variazioni al regime applicato. L'assimilazione all'abitazione principale prima prevista, è venuta meno e gli immobili appartenenti a cittadini residenti all'estero vengono considerati seconde case con conseguente applicazione dell'Imu.

Tuttavia, a partire dal 1° gennaio 2015, veniva introdotta l'esenzione dall'imposta a favore dei cittadini che avevano trasferito all'estero la residenza purché pensionati. Per costoro, il beneficio dell'esenzione veniva riconosciuto alle seguenti condizioni e requisiti.
Vediamo quali:

  • il cittadino doveva essere iscritto all'AIRE (Anagrafe degli italiani residenti all'estero);

  • il cittadino doveva essere pensionato;

  • la pensione doveva essere erogata dallo Stato estero dove il cittadino italiano aveva spostato la residenza;

  • l'unità immobiliare per la quale si chiedeva l'esenzione doveva essere posseduta a titolo di proprietà o usufrutto e non doveva essere data in locazione o in comodato d'uso.

Questo voleva dire che se la pensione veviva erogata dallo Stato italiano, non si aveva titolo per godere del beneficio fiscale.

Resta possibile tuttavia, al fine di ottenere il beneficio dell'esenzione, richiedere il trasferimento fiscale della pensione dallo Stato italiano allo stato in cui è stata fissata la residenza.
Si tratta, in particolare, del trasferimento della pensione all'amministrazione dello Stato estero che provvederà a stabilire la nuova tassazione in funzione della propria normativa fiscale.

Alla luce delle nuove norme che succede se il cittadino italiano residente all'estero è proprietario di diversi immobili?

Nessuna delle unità immobiliari possedute potrà essere identificata come abitazione principale.

È importante, però, che ciascun contribuente verifichi il regolamento IMU vigente nel comune dov'è ubicato l'immobile per verificare le aliquote e le relative agevolazioni.


Che cos'è l'AIRE


Per poter godere della riduzione dell'Imu, per il cittadino italiano residente all'estero non è più indispensabile essere iscritto all'AIRE.

Ma che cos'è l'AIRE?

L'AIRE è una banca dati, istituita con legge 27 ottobre 1988 n. 470, contiene i dati dei cittadini italiani che hanno trasferito la residenza in uno Stato estero per un periodo superiore a 12 mesi.

Sono i Comuni ad avere il compito di gestire questa banca dati, sulla base delle informazioni provenienti dalle rappresentanze consolari all'estero.


Che cos'è l'abitazione principale?


Per abitazione principale si intende l'immobile che viene utilizzato stabilmente come dimora, cioè nel quale il contribuente ha fissato la residenza o il domicilio.

La definizione è rilevante ai fini delle esenzioni dalle imposte sulla casa previste dalla legge che, nello specifico, ritiene come abitazione principale:

l'immobile, iscritto o iscrivibile nel catasto edilizio urbano come unica unità immobiliare, nel quale il possessore dimora abitualmente e risiede anagraficamente. Per pertinenze dell'abitazione principale si intendono esclusivamente quelle classificate nelle categorie catastali C/2, C/6 e C/7, nella misura massima di un'unità pertinenziale per ciascuna delle categorie catastali indicate, anche se iscritte in catasto unitamente all'unità ad uso abitativo. Art. 13 D.l. 201/2011


Tari e italiani residenti all'estero


Per quanto riguarda la Tari si fa riferimento alle regole fissate dalla Legge 80/2014 in base alla quale l'imposta è dovuta nella misura ridotta dei 2/3 rispetto alla somma dovuta.

Imposte casa italiani all'estero
La Legge di Bilancio 2021 non ha apportato alcuna variazione al regime della Tari.


Imu e Tari per chi vive all'estero: le scadenze


Il termine ultimo per il pagamento dell'acconto è fissato per mercoledi 16 giugno, il saldo invece, è il termine ultimo per il saldo è giovedi 16 dicembre 2021.

In ogni caso si può pagare in ritardo avvalendosi della regolarizzazione spontanea entro un anno dal mancato versamento, attraverso l'istituto del ravvedimento operoso applicando una piccola sanzione del 3,75 oltre agli interessi legali calcolati tenendo conto degli effettivi giorni di ritardo.


Modalità di pagamento


Il pagamento delle imposte, qualora dovute dai cittadini italiani residenti all'estero, può essere effettuato tramite bonifico bancario a favore del Comune dove sono ubicati gli immobili. Per le coordinate bancarie l'interessato dovrà rivolgersi all'Ufficio Tributi del Comune, oppure consultando il sito istituzionale del Comune stesso.



Poiché talvolta i Comuni, in base all'autonomia amministrativa di cui dispongono, possono apportare delle variazioni alle modalità di pagamento, è sempre bene rivolgersi al Comune stesso per tutte le informazioni del caso.

riproduzione riservata
Articolo: Imu e tari per chi risiede all'estero
Valutazione: 4.64 / 6 basato su 81 voti.

Imu e tari per chi risiede all'estero: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Myrna
    Myrna
    Sabato 27 Novembre 2021, alle ore 18:41
    Sono residente in Francia e ho una pensione Svizzera, sono iscritta al' AIRE.
    Ho una casa di proprieta in Italia dove vado soltanto per le ferie, ho diritto dello sconto sul IMU e TARI??
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Myrna
      Mercoledì 1 Dicembre 2021, alle ore 09:45
      La legge prevede uno sconto del 50% ai soli lavoratori che hanno prestato servizio durante la vita lavorativa in Italia e nei paesi della Comunità Europea, oltre ad altri Stati convenzionati con il nostro Paese. In pratica bisogna aver versato contributi, oltre che in Italia, in almeno un'altra nazione. Cordiali saluti.
      rispondi al commento
  • Tester
    Tester
    Martedì 2 Novembre 2021, alle ore 16:52
    Mio marito si è trasferito all'estero nel 2016 ed io sono rimasta nella casa di mia proprietà fino al 2020.
    In questo anno mi sono trasferita all'estero ed iscritta al'AIRE.
    Il mio comune mi chiede il pagamento dell'IMU per 2016/2017/2018 e 2019 dicendo che in quanto non separata perdo l'agevolazione per la prima casa.
    Mi aiutate per favore?
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Tester
      Mercoledì 3 Novembre 2021, alle ore 09:30
      Se Lei è unica proprietaria della casa ed è stata residente fino al 2020 è esentata dal pagamento dell'imu. Il comune Le ha fatto il calcolo sulla presunzione anche del Suo trasferimento nello stesso periodo di Suo marito. Deve testimoniare che ha vissuto in tutti questi anni nell'abitazione e proporre ricorso avverso al provvedimento. Cordiali saluti.
      rispondi al commento
      • Tester
        Tester Pasquale
        Giovedì 4 Novembre 2021, alle ore 05:33
        Grazie mille.
        Come dimostro che sono stata residente fino al 2020?
        rispondi al commento
        • Pasquale
          Pasquale Tester
          Giovedì 4 Novembre 2021, alle ore 11:29
          Può dimostrare attraverso i consumi delle utenze a servizio della casa (energia elettrica, gas e acqua) che non sono a zero. Cordiali saluti.
          rispondi al commento
  • Molfese Giuseppe
    Molfese Giuseppe
    Giovedì 12 Agosto 2021, alle ore 09:04
    Risiedo in francia perchè non ho diritto allo sconto del 50% sll'IMU
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Molfese Giuseppe
      Giovedì 12 Agosto 2021, alle ore 17:43
      La legge prevede uno sconto del 50% ai soli lavoratori che hanno prestato servizio durante la vita in Italia e nei paesi della Comunità Europea, oltre ad altri Stati convenzionati con il nostro Paese. In pratica bisogna aver versato contributi, oltre in Italia, in almeno un'altra nazione. Cordiali saluti.
      rispondi al commento
  • Bruno
    Bruno
    Lunedì 28 Giugno 2021, alle ore 17:58
    Mia madre è italiana nata in Francia iscritta all'AIRE e ha una piccola pensione pagata dalla Francia, non ha mai lavorato in Italia.
    Avrà diritto alla riduzione del 50% per la casa che ha in Italia?
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Bruno
      Mercoledì 30 Giugno 2021, alle ore 10:09
      Sì, ne ha facoltà di beneficiare della riduzione del 50% su una sola abitazione di proprietà sul territorio italiano. Cordiali saluti.
      rispondi al commento
      • Mcarminati
        Mcarminati Pasquale
        Giovedì 1 Luglio 2021, alle ore 11:15
        Attenti: secondo questo articolo, scritto da Laura Garavini, una parlamentare eletta all'estero che ha proposto la legge,  la pensione deve essere la totalizzazione anche di periodi lavorati in Italia, vedi https://www.garavini.eu/index.php/it/news/797-esenzioni-imu-per-i-pensionati-aire-chi-ne-ha-dirittoSe non si ha mai lavorato in Italia, non dovrebbe esserci l'esenzione 
        rispondi al commento
        • Pasquale
          Pasquale Mcarminati
          Lunedì 5 Luglio 2021, alle ore 19:20
          Innanzitutto La ringrazio per il Suo intervento che porta chiarimenti fondamentali sulla reale applicazione della legge. Questo comporta una revisione sui giudizi formulati in precedenza, restringendo i benefici di legge ai soli lavoratori che hanno prestato servizio durante la vita in Italia e nell'Unione Europea, oltre ad altri Paesi convenzionati con il nostro Paese. Cordiali saluti.
          rispondi al commento
  • Helmut
    Helmut
    Venerdì 18 Giugno 2021, alle ore 16:19
    Sono citatino austriaco e ho la residenza in Austria.
    Ancora lavoro e sto pagando l'IMU per la mia casa in Italia.
    Quando vado in pensione avro l'agevolazione come i cittatini italiani o sono escluso?
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Helmut
      Lunedì 21 Giugno 2021, alle ore 15:11
      Sì, se la legge rimane quella in vigore. La voglio comunque rasserenare, che a tutti gli effetti sarà equiparato ad un cittadino italiano pensionato, residente all'estero. Cordiali saluti.
      rispondi al commento
  • Losso Salvatore
    Losso Salvatore
    Giovedì 17 Giugno 2021, alle ore 11:52
    I cittadini residenti all'estero iscritti all'Aire possono avere la riduzione del 50% dell'IMU e la riduzione di 2/3 della tariffa Tari a condizione che la pensione venga erogata dallo Stato estero dove il cittadino è residente ma, se il cittadino ha passato la sua vita lavorativa SOLTANTO IN ITALIA, egli non può avere la pensione di uno Stato estero.
    Ciò costituisce la beffa della legge.
    Per cui lascio a Voi ogni commento in proposito.
    Salvatore Losso dalla Polonia
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Losso Salvatore
      Giovedì 24 Giugno 2021, alle ore 17:21
      Concordo pienamente con Lei. Cordiali saluti.
      rispondi al commento
  • Gianpy
    Gianpy
    Mercoledì 16 Giugno 2021, alle ore 00:17
    Lavoro in Germania e sono iscritto regolarmente all'AIRE da 30 anni.
    Ho diritto alla riduzione del 50% per l'IMU e dei 2/3 per la TARI?
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Gianpy
      Giovedì 17 Giugno 2021, alle ore 00:08
      La riduzione del 50% spetta solo ai pensionati residenti all'estero ma non ai lavoratori. Questa è la norma contenuta nell'ultima legge di bilancio in vigore dal 1° gennaio 2021. La Tari è dovuta secondo le tariffe e le agevolazioni approvate dal comune dove è ubicato il Suo l'immobile. Cordiali saluti.
      rispondi al commento
  • De marco adriana
    De marco adriana
    Giovedì 3 Giugno 2021, alle ore 18:43
    Salve i miei genitori entrambi pensionati vivono al estero in germania e sono iscritti AIRE vorei sapere se devono pagare l imu 
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale De marco adriana
      Mercoledì 9 Giugno 2021, alle ore 17:36
      Sì. Per l'anno 2021 è stata introdotta una riduzione del 50% sull'Imu dovuta sulla sola unità immobiliare residenziale a disposizione, libera e non locata. Cordiali saluti.
      rispondi al commento
  • Maria
    Maria
    Giovedì 3 Giugno 2021, alle ore 09:59
    L'articolo non tratta dell sconto del 50% per i pensionati AIRE dal 2021.
    rispondi al commento
  • espandi
  • espandi
  • espandi
  • espandi
Torna Su Espandi Tutto
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
334.150 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Imu e tari per chi risiede all'estero che potrebbero interessarti


Canone RAI: pagano anche gli italiani che risiedono all'estero?

Fisco casa - Anche i cittadini che risiedono all’estero sono tenuti al pagamento del canone RAI se intestatari dell’utenza dell’energia elettrica della casa presente in Italia?

Cancellato il Bonus prima casa per i residenti all’estero con il Decreto fiscale 2022

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Decreto Fiscale 2022: abolito il bonus prima casa a favore degli Italiani all'estero. Niente riduzione sull'imposta di registro in caso di acquisto della prima casa

Imu pensionati all'estero: ecco le modifiche con la Manovra 2021

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Con la Legge di Bilancio 2021 vengono introdotte nuove agevolazioni in ambito di Imu e Tari a favore dei pensionati che hanno stabilito la residenza all'estero.

I residenti all'estero godono delle agevolazioni prima casa

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Forniti chiarimenti dall'Agenzia delle Entrate in materia di agevolazioni prima casa, spettano anche per i cittadini che vivono e risiedono stabilmente all’estero

IMU 2021: niente esenzione per i pensionati iscritti all'Aire

Fisco casa - Dal 2020 viene meno l'esenzione dal pagamento IMU per gli italiani all'estero iscritti all'AIRE. La novità 2021 è che in alcune condizioni possono pagare al 50%

IMU per gli Italiani residenti all'estero

Fisco casa - Gli italiani residenti all'estero che posseggono immobili in Italia hanno l'obbligo di pagare IMU e TASI: vediamo in quali casi si può usufruire dell'esenzione.

È prossima la scadenza per l'acconto Imu 2021

Fisco casa - Il prossimo 16 giugno scade il termine per il pagamento del primo acconto IMU 2021. Tutte le agevolazioni e le riduzioni previste dall'ultima Legge di Bilancio.

Rinvio Tari 2020 per emergenza Covid-19

Fisco casa - Per aiutare le famiglie in difficoltà economica causata dal lockdown per Coronavirus, molti Comuni d'Italia hanno rinviato il pagamento della Tassa sui rifiuti.

Pignoramento del conto corrente per chi non paga Imu e Tari

Fisco casa - Se passa un emendamento alla Legge di Bilancio 2020, i contribuenti potrebbero vedersi bloccati conti correnti per IMU e TARI non pagate. Ed è subito polemica.