Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Nuova Imu 2020: come si calcola

NEWS Fisco casa11 Giugno 2020 ore 09:20
Si avvicina la scadenza del 16 giugno per il pagamento della prima rata dell'Imu 2020. Vediamo chi deve pagare e come è possibile effettuare il calcolo dell'imposta

Cosa è l'IMU e chi deve pagare


A partire dal 1° gennaio abbiamo detto addio alla Tasi . È arrivata infatti la nuova Imu che ha accorpato la Tasi venuta meno. Questo non ha determinato una sostanziale variazione circa i criteri di calcolo della tassa sulla casa.

Quanto sarà l'ammontare della nuova imposta lo potremo vedere con l'approvazione delle aliquote da parte dei Comuni che avverrà entro il 31 luglio.

Calcolo Imu
In questo articolo vedremo qual è la formula per calcolare la nuova IMU a fronte dell'acconto da versare entro il 16 giugno.

Precisiamo innanzitutto che l' Imu (l'imposta municipale unica) è dovuta dal proprietario o dal titolare di altro diritto reale, per il possesso di fabbricati, aree fabbricabili e terreni agricoli.

L'Imu non è dovuta dai proprietari di immobili destinati ad abitazione principale, cioè presso i quali il possessore e il suo nucleo familiare hanno stabilito la residenza o dimora abituale. L'esenzione si applica anche alle pertinenze di categoria catastale C2, C6 e C7.

Sono soggette all'Imu le abitazioni principali che rientrino in una delle seguenti categorie catastali:

  • A/1 abitazioni di tipo signorile;

  • A/8 ville;

  • A/9 castelli o palazzi di eminenti pregi artistici o storici.


Chi non deve pagare l'IMU?


L'imposta municipale unica non si applica:

-ai possessori dell'abitazione principale a eccezione di quelle rientranti nelle categorie catastali A1, A8 e A9, comprese le relative pertinenze C2, C6 e C7, nella misura massima di una pertinenza per ciascuna categoria.

Come calcolare Imu
Sono assimilati all'abitazione principale:

  • le unità immobiliari delle cooperative a proprietà indivisa adibite ad abitazione principale dei soci assegnatari;

  • le unità immobiliari delle cooperative a proprietà indivisa destinate a studenti universitari assegnatari, anche ove non sia stata fissata la residenza anagrafica;

  • i fabbricati di civile abitazione destinati ad alloggi sociali;

  • la casa coniugale che venga assegnata al genitore affidatario dei figli;

  • un'unità immobiliare non locata, posseduta dai soggetti appartenenti alle Forze armate, alle Forze di polizia, al personale dei Vigili del fuoco nonché a quello appartenente alla carriera prefettizia;

  • l'unità immobiliare non locata appartenente ad anziani e disabili che siano stati ricoverati presso case di cura o di riposo, in caso di specifica delibera comunale.

Si ricorda che a partire da quest'anno non è prevista l'esenzione per i titolari di pensione estera che siano iscritti all'Aire.


Le aliquote IMU


Per procedere al calcolo dell'Imu è necessario conoscere le aliquote applicabili.
L'aliquota base è pari al 8,6 per mille con eventuali variazioni che i Comuni potranno apportare; potranno infatti aumentarla fino al 10,6 per mille o ridurla fino al completo azzeramento.
Influiscono sulla decisione del Comune le possibilità di bilancio dell'amministrazione comunale.

Gli enti locali hanno massima autonomia ma non possono influire sull'aliquota pari al 7,6 per mille che deve essere pagata sugli immobili a uso produttivo di rientranti nella categoria D poiché la tassa su questi immobili deve essere riscosso dallo Stato.

Come calcolare l'IMU
In riferimento ad abitazioni di categoria A1, A8 e A9 (comprese le pertinenze), si applicherà un'aliquota base pari al 5 per mille che potrà essere aumentata fino al 6 per mille o riducibile fino al totale azzeramento.


Come avviene il calcolo dell'Imu?


Per poter individuare l'importo da pagare si dovrà disporre in primo luogo della visura catastale.
La base per il calcolo dell'IMU è la rendita catastale, dato che è rinvenibile dalla visura catastale.

La visura può essere richiesta gratuitamente recandosi all' Agenzia delle Entrate, oppure online nel sito dell'Agenzia delle Entrate munendosi di:

  • codice fiscale del titolare;

  • foglio, mappale e subalterno dell'immobile, dati reperibili dal contratto di acquisto dello stesso.


Si ricorda che se non sono intervenute variazioni non sarà necessario munirsi di nuove visure catastali.

Una volta che si dispone della rendita catastale occorre seguire i seguenti passi:

  • rivalutare la rendita catastale del 5%, ovvero moltiplicare il valore della rendita per 1.05;

  • moltiplicare il valore della rendita rivalutata per il coefficiente di ogni immobile in relazione al quale si dovranno effettuare i pagamenti;

  • il risultato così ottenuto dovrà essere moltiplicato per le aliquote che, come abbiamo visto prima, dovranno essere deliberate da ciascun Comune.


Quali sono i coefficienti per il calcolo dell'Imu


Per il calcolo Imu 2020 bisogna conoscere i coefficienti degli immobili.

Il Coefficiente pari a 160 viene utilizzato in riferimento ai seguenti immobili:

  • fabbricati di gruppo A (abitazioni), esclusa la categoria A/10 (uffici e studi privati);

  • i fabbricati di categoria C/2 (magazzini e locali di deposito);

  • C/6 (stalle, scuderie, rimesse e autorimesse senza fini di lucro);
  • C/7 (tettoie).


Il coefficiente pari a 140 viene applicato in riferimenti ai seguenti immobili:

  • i fabbricati di categoria B (tra i quali case di cura senza fini di lucro e uffici pubblici);

  • i fabbricati di categoria C/3 (laboratori per arti e mestieri);

  • C/4 (fabbricati e locali per esercizi sportivi senza fini di lucro);

  • C/5 stabilimenti balneari e di acque curative senza fini di lucro.


Il coefficiente pari a 80 viene utilizzato in riferimento a:

  • fabbricati di categoria D/5 (istituti di credito, cambio e assicurazione)
    A/10.

Il coefficiente sarà pari a 65 per:

  • fabbricati di categoria D (D5 esclusi), che vanno dagli opifici alle sale cinematografiche;

  • fabbricati di categoria C/1.


Scadenza IMU, quando si deve pagare?



Dal 2013 l'IMU si versa in 2 rate: acconto e saldo.
Anche per quest'anno, con il debutto della Nuova Imu si dovrà pagare l'acconto il 16 giugno e il saldo il 16 dicembre.

Per quanto concerne l'acconto, l'imposta dovrà essere versata in misura pari alla metà di quanto versato l'anno precedente a titolo di Imu e Tasi.

Qualora nel 2019 non si possedessero immobili, l'acconto dell'Imu per l'immobile acquistato nei primi mesi del 2020 non sarà dovuto e l'intera imposta sarà corrisposta al saldo del 16 dicembre. Il pagamento dovrà essere effettuato utilizzando il modello F24.

riproduzione riservata
Articolo: Imu come si calcola
Valutazione: 5.00 / 6 basato su 203 voti.

Imu come si calcola: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Italy
    Italy
    Lunedì 13 Luglio 2020, all or 12:59
    Sono residente all'estero con una casa ereditata in Italia.
    Ho pagato l'IMU fino al 2014.
    Il mio consulente mi ha in seguito comunicato che non dovevo piu' pagarlo.
    Sono molto preoccupata perchè ho scoperto che dovevo e lo devo.
    Vorrei sapere come posso calcolare quanto devo e se c'è un extra (multa) da pagare.

    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Italy
      Mercoledì 15 Luglio 2020, all or 16:15
      Per calcolare l'Imu deve essere in possesso di una visura catastale per ricavare la rendita della Sua abitazione. La stessa va aumentata del 5% e moltiplicata per il coefficiente 160; il valore ottenuto va moltiplicato, infine, per l'aliquota del 7,6/1000. Per qiuanto attiene ai mancati versamenti pregressi può avvalersi dell'istituto del ravvedimento operoso pagando una sanzione del 3,75% annuo oltre agli interessi legali dello 0.05%. Ne ha facoltà solo per l'anno 2019 e 2020. Cordiali saluti.
      rispondi al commento
  • Manu82
    Manu82
    Giovedì 11 Giugno 2020, all or 11:44
    Essendo l'IMU una tassa comunale il comune non é obbligato a fare il calcolo e a chi ne faccia richiesta dare F24 da versare?
    Chiedo questo perché per principio essendo tassa comunale se vuoi che ti paghi mi presenti 'il conto' in genere funziona cosi..
    Nel nostro comune l'addetta ha sempre avuto da ridire e faceva il calcolo solo su espressa richiesta del cittadino.
    Personalmente, di lavoro faccio altro, ho provato ad utilizzare il servizio calcola IMU ma già alla richiesta della 'rendita castale' non so rispondere!
    Può il comune rifiutarsi di effettuare il calcolo delegandolo ai propri cittadini?
    Le persone anziane ma anche non devono essere obbligate a pagare un ente/studio che provveda per loro conto?
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Manu82
      Lunedì 15 Giugno 2020, all or 10:00
      Concordo pienamente. Dovrebbe essere l'Ente esattore ad emettere l'F24 per il tributo come avviene, peraltro, per la tassa sui rifiuti con il bolletino precompilato. Cordiali saluti.
      rispondi al commento
  • Dona3
    Dona3
    Lunedì 11 Settembre 2017, all or 23:23
    Ho acquistato la mia prima casa a marzo 2017 ma ancora non ho trasferito la residenza.
    Devo quindi pagare l'IMU per il periodo marzo/giugno con la mora per il ritardo, ma non riesco a capire come calcolarla! 
    Dovrò pagare anche la seconda rata del l'IMU a dicembre anche se trasferisco la residenza tra un paio di settimane?
    rispondi al commento
  • Steve
    Steve
    Giovedì 23 Febbraio 2017, all or 13:44
    Sono un cittadino Americano residente in America.
    Ad aprile 2016 ho acquistato un appartamento in Italia per andarci in vacanza. 
    Devo pagare l'IMU come seconda casa?
    Posso avere una agevolazione?
    Da Aprile 2016 non ho ancora pagato nulla, cosa dovrei fare? 
    Spero di avere il vostro aiuto. 
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Steve
      Venerdì 24 Febbraio 2017, all or 20:05
      L’imu è dovuta anche dai cittadini stranieri residenti all'estero che possiedono un immobile sul territorio italiano. La residenza anagrafica nell'abitazione acquistata è un requisito fondamentale per avere i benefici di legge. Nel Suo caso l'Imu è calcolata come seconda casa, senza alcuna agevolazione ed era tenuto a pagarla già dall'aprile scorso. Le consiglio di mettersi in regola e pagare al più presto aderendo all'istituto del "ravvedimento operoso" entro l'anno di scadenza del mancato pagamento. In questo modo pagherà solo una piccola sovrattassa e gli interessi legali. Cordiali saluti.   
      rispondi al commento
  • Fortebuono.giuseppe
    Fortebuono.giuseppe
    Martedì 15 Settembre 2015, all or 06:55
    Vivo in Svizzera con tutta la famiglia e gran parte dei risparmi li ho investiti per fare una casa con 3 appartamenti in Calabria. Ai figli ho dato ciascuno un appartamento come donazione, qui in Svizzera siamo in affitto, eppure ci fanno pagare l'imu come seconda casa (anche se siamo iscritti all'Aire).Premetto che la casa è sfitta.
    rispondi al commento
    • Anonymous
      Anonymous Fortebuono.giuseppe
      Martedì 15 Settembre 2015, all or 10:08
      Infatti per le abitazioni di proprietà dei cittadini italiani residenti all'estero purtroppo non è più prevista la possibilità di assimilazione ad abitazione principale inizialmente contemplata dalla Legge e quindi l'Imu è dovuta.
      rispondi al commento
  • Davides
    Davides
    Martedì 10 Marzo 2015, all or 18:33
    Buonasera volevo chiedervi:io e mia moglie abitiamo nella ns1casa lei traferisce residenza dai suoi genitori e si trasferisce con mia figlia ,non ha nessun immobile intestato e comincia a pagare la sua meta come 2 casa.Io rimango a vivere pago come 1 casa (luce acqua gas intestate a me) il comune dice che anche io devo pagare come 2 casa perche il nucleo familiare si è trasferito.premetto mia mongli non ha case e ne richiede altre agevolazioni.
    rispondi al commento
    • Anonymous
      Anonymous Davides
      Mercoledì 11 Marzo 2015, all or 09:43
      La legge prevede che si possa godere dell'agevolazione prima casa per un solo immobile del nucleo familiare. Quindi non capisco perché il comune le chiede questo.
      rispondi al commento
  • Francescooooooo
    Francescooooooo
    Mercoledì 17 Dicembre 2014, all or 16:18
    Salve volevo chiedervi:abito con mio cn la mia famiglia,ma ho acqustato circa 7 anni fa una casetta di 60 mq quindi sono il proprietario..Adesso su questa casa di mia proprietà ci pago l IMU perché come se fosse la mia seconda casa...NOn ho allacciato nessuna utenza ne acqua ne gas ne luce devo pagare lo stesso?Poi avevo pensato di girarla come garagr si può fare?
    rispondi al commento
  • Paolo43
    Paolo43
    Martedì 10 Giugno 2014, all or 08:42
    Ho una domanda da sottoporvi (scusate se questa non fosse la sede idonea). Abito nella prima casa di proprietà di mia moglie e possiedo una casa di mia esclusiva proprietà che affitto.Si è sempre parlato per quanto riguarda ICI ed ora IMU di pagamento dovuto sulla prima casa con agevolazioni se abitazione principale. Sulla mia prima casa è dovuta l'IMU?
    rispondi al commento
    • Anonymous
      Anonymous Paolo43
      Martedì 10 Giugno 2014, all or 10:56
      Sì.
      rispondi al commento
  • Deboraht
    Deboraht
    Martedì 20 Maggio 2014, all or 21:51
    Salve, ho acquistato il mio unico immobile a Marzo 2014 come prima casa, ma causa problemi nell'assegnazione del numero civico da parte del Comune non è possibile prenderci la residenza pur abitandoci regolarmente; pertanto l'imu verrà calcolata come seconda casa; giusto? E' possibile procedere in qualche modo per evitare il pagamento dell'imposta non dovuta (dichiarazioni, autocertificazioni, ecc.)?Grazie Mille per l'eventuale risposta.
    rispondi al commento
  • espandi
  • espandi
Torna Su Espandi Tutto
Sostieni Lavorincasa
REGISTRATI COME UTENTE
318.558 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Imu come si calcola che potrebbero interessarti


Tari maggiorata: ecco i chiarimenti da parte del Mef

Fisco casa - Con la circolare del Mef, pubblicata il 20 novembre scorso sono, stati definiti i nuovi criteri di calcolo della Tari le modalità di rimborso per i contribuenti

Tari maggiorata per errore: i consumatori chiedono il rimborso

Fisco casa - La Tari, tassa sui rifiuti urbani, in alcuni Comuni italiani sarebbe stata pagata addirittura il doppio a causa di un errore di calcolo della sua quota variabile

Come si calcola la TARI

Fisco casa - Ecco le istruzioni e le regole per il calcolo della Tari, la tassa sui rifiuti, introdotta con la IUC, insieme a IMU e Tasi, per sostituire la Tares e la Tarsu.

Dimensionamento radiatori e caldaia

Impianti di riscaldamento - Raccogliendo informazioni sugli ambienti e sul tipo di radiatori da utilizzare è possibile stimare il numero di elementi necessari e scegliere anche la caldaia.

Progettazione Strutturale

Progettazione - In caso di realizzazione di una nuova struttura o ristrutturazione di una struttura esistente, un aspetto notevole è costituto dalla progettazione strutturale.

RES: nuova tassa sui rifiuti

Leggi e Normative Tecniche - Manca poco più di un anno all'entrata in vigore della nuova tassa sui rifiuti, che andrà a sostituire le attuali TARSU e TIA.

Dal 1° luglio 2015 nuove modalità di calcolo e nuovi standard minimi di prestazione energetica

Leggi e Normative Tecniche - In arrivo un decreto del Ministero dello Sviluppo Economico che aggiornerà metodo di calcolo e requisiti minimi per edifici di nuova costruzione e ristrutturazioni.

Immobili, dal valore ICI all'IMU nel calcolo ISEE 2015

Fisco casa - In vigore dal 1 gennaio 2015 il nuovo ISEE, l'Indicatore della situazione economica equivalente delle famiglie: gli immobili sono valutati non più ai fini ICI, ma IMU.

Calcolo rapporti aeroilluminanti

Leggi e Normative Tecniche - I rapporti aeroilluminanti esprimono il rapporto, per ogni locale dell'immobile, tra la sua superficie di pavimento e quella delle aperture esterne presenti.