Più comfort e meno rischi con un circuito elettrico per bagno a norma di legge

Progettare l'impianto elettrico di un bagno significa confrontarsi con la norma specifica, al fine di disporre correttamente prese e interruttori per la luce.
Pubblicato il

Impianto elettrico del bagno a norma di legge


Progettare l'impianto elettrico di un bagno comporta l'avere ben chiara la disposizione dei sanitari così da poter disporre nel modo più corretto e più funzionale sia le prese sia i punti luce e anche eventuali zone di alimentazione.

Bisogna inoltre confrontarsi e prendere a riferimento la normativa riguardante l'argomento trattato, per rispettare le distanze di sicurezza ed evitare qualsiasi problema di elettrocuzione per contatti diretti o indiretti tipici dell'ambiente bagno.

Disegno delle zone classificate dalla Norma CEI 64/8 per bagno con doccia
Occorre immaginare i movimenti che si dovranno compiere così da prendere coscienza di tutte le esigenze da soddisfare e verificare se il circuito dovrà essere di tipo base oppure più avanzato, dunque standard o addirittura domotico.

Inoltre, è bene avere una visuale aperta a 360° al fine di rispettare anche l'estetica del bagno, magari la geometria del rivestimento o comunque la logica che si è voluta conferire, oltre che lo stile della stanza.

Naturalmente, dopo aver elaborato alcune idee e messo a fuoco le necessità, si deve consultare un esperto abilitato nel settore, un'impresa iscritta alla Camera di Commercio affinché possa realizzare l'impianto elettrico a regola d'arte e secondo normativa.

L'impresa esecutrice del lavoro dovrà elaborare e rilasciare al committente, al termine dell'opera, la dichiarazione di conformità dell'impianto eseguito, una certificazione che dimostra ciò che è stato compiuto, creato in piena sicurezza.



Norma CEI come guida


Per realizzare un impianto elettrico a regola d'arte occorre conoscere la Norma CEI (Comitato Elettrotecnico Italiano) 64-8 entrata in vigore il 1° marzo 1993 con la variante del 1° settembre 2011 che stabilisce le prestazioni minime dell'impianto elettrico domestico classificandolo secondo tre livelli:

- Livello 1 di tipo base- Livello 2 di tipo standard- Livello 3 di tipo domoticoIl primo comprende punti-prese e punti-luce in un numero minimo, a differenza del secondo che inserisce anche una dotazione di elementi più ampia; il terzo è sicuramente più evoluto e contemporaneo giacché trattasi d'impianto tecnologicamente elevato.

Dell'intera norma, la parte riguardante in modo specifico il bagno, i locali con presenza di vasca o doccia, è la 701, una sezione all'interno della quale sono descritte quattro zone differenti secondo il grado di rischio, caratterizzate da un pericolo che va a ridursi man mano che ci si distanzia dal bordo della vasca da bagno o dalla doccia.

Disegno delle zone classificate dalla Norma CEI 64/8 per bagno con vasca
Zona 0
è individuata dal volume interno alla vasca da bagno o al piatto doccia.
Per le docce senza piatto, l'altezza della zona 0 è di 10 cm e la sua superficie ha la stessa estensione orizzontale della zona 1. Data la presenza di acqua in condizioni ordinarie di esercizio, questa zona deve essere considerata ovviamente la più pericolosa.

Zona 1 è individuata dal volume sovrastante la vasca da bagno o il piatto doccia fino a un'altezza di 2,25 m; nel caso in cui il fondo della vasca o della doccia sia a più di 15 cm sopra il pavimento, la quota di 2,25 m verrà misurata a partire dal fondo e non dal pavimento.
Per le docce senza piatto la zona 1 si estende in verticale per 1,20 m dal punto centrale del soffione posto a parete o a soffitto. La zona 1 non include la zona 0 e lo spazio sotto la vasca da bagno o la doccia è considerato zona 1.

Zona 2 comprende il volume immediatamente circostante la vasca da bagno o il piatto doccia esteso fino a 0,6 m in orizzontale e fino a 2,25 m in verticale con la distanza verticale misurata dal pavimento. Per le docce senza piatto non esiste una zona 2 ma una zona 1 aumentata a 1,20 m come indicato al punto precedente.

Zona 3 si ottiene dal volume esterno alla zona 2, o della zona 1 in caso di mancanza del piatto doccia, fino alla distanza orizzontale di 2,40 m.

Tutti i membri dell'impianto elettrico installati in ciascuna zona devono possedere precisi requisiti in termini di grado di protezione (idoneità alle condizioni ambientali) e riparo dai contatti indiretti.



Dotazione minima


Disegno delle altezze utili a posizionare un punto-presa per bagnoAll'interno del bagno, secondo la variante alla norma Cei 64/8, occorre dotarsi di un numero minimo di prese e interruttori, fissato per tutti e tre i livelli a due punti prese, una nei pressi dello specchio e una per la lavatrice, più due punti luce.

Si ricorda che il punto-presa è quello che può alimentare una o più prese all'interno della stessa scatola e questo va disposto a un'altezza di 110 cm sia nel caso di bagno sia per cucina.

La dotazione minima di prese e punti luce varia nel numero secondo il livello scelto solitamente negli ambienti quali lavanderia, zona living e notte.
In queste stanze le prese potranno essere sistemate a un'altezza di 30 cm dal pavimento, a differenza degli interruttori che vanno posti a 110 cm dal suolo.

Insomma, l'impianto elettrico del bagno, oltre a rispettare le indicazioni normative, deve tener conto dei parametri riguardanti gli ambienti a rischio aumentato e pertanto è opportuno tenere sempre a mente una regola base secondo cui più ci si avvicina con la corrente alla vasca o doccia, più il pericolo è gravoso giacché la resistenza del corpo, in condizioni di umidità o comunque con presenza di acqua sulla pelle è davvero nulla, quindi, anche basse tensioni di contatto sono letali.


riproduzione riservata
Impianto elettrico del bagno
Valutazione: 4.71 / 6 basato su 17 voti.
gnews
  • whatsapp
  • facebook
  • twitter

Inserisci un commento



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
Alert Commenti
347.055 UTENTI
SERVIZI GRATUITI PER GLI UTENTI
SEI INVECE UN'AZIENDA? REGISTRATI QUI
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img alexmareschi
Buongiorno.Ho da 2 anni problemi di muffa nelle zone segnate di rosso. Sotto la finestra e nella piccola muretta divisoria alta 1mt.Che dispositivo posso usare per debellare...
alexmareschi 04 Luglio 2024 ore 13:09 10
Img adriano24
Buongiorno: abito in un palazzo di 6 piani, e l'inquilino sopra di me sta facendo ristrutturazione, e fa un bagno nuovo sopra la mia camera. É permesso o deve...
adriano24 28 Giugno 2024 ore 12:12 4
Img bartoli
Cosa deve fare un condomino per installare nel suo garage privato una Wallbox di ricarica della sua auto elettrica? Ho letto che basta mandare un acomunicazione all'amministratore...
bartoli 15 Giugno 2024 ore 13:16 4
Img giuseppefos
Ciao. Ho da poco acquistato casa e dovrò rifare l'impianto elettrico ex novo. Non riesco a capire se è necessario presentare una CILA o no.Grazie a chi saprà...
giuseppefos 30 Maggio 2024 ore 18:00 2
Img crl34
Buongiorno a tutti, per problemi di isolamento termico ho deciso di sostituire il serramento della finestra del bagno. Inizialmente pensavo di andare sul PVC ed ho già in...
crl34 27 Maggio 2024 ore 14:03 7