Impianto di raffrescamento estivo: quale soluzione scegliere

NEWS DI Impianti di climatizzazione25 Aprile 2016 ore 09:08
L'impianto di raffrescamento, così come anche quello di riscaldamento, deve essere progettato su misura in base alle caratteristiche proprie dell'ambiente casa.

Comfort abitativo con un buon impianto di raffrescamento


Chi soffre il caldo estivo valuta subito di inserire, all’interno della propria abitazione, o in fase di realizzazione o in quella di ristrutturazione, un sistema che possa generare un clima consono alle proprie necessità termo igrometriche.


Sistemi radianti PANTHERM

Sistemi radianti PANTHERM

Sistemi radianti PANTHERM
Applicazione sistemi radianti PANTHERM

Applicazione sistemi radianti PANTHERM

Applicazione sistemi radianti PANTHERM
Sistemi radianti GIACOMINI

Sistemi radianti GIACOMINI

Sistemi radianti GIACOMINI
Pannello radiante fonoassorbente a soffitto REHAU

Pannello radiante fonoassorbente a soffitto REHAU

Pannello radiante fonoassorbente a soffitto REHAU
Sistema a velcro REHAU

Sistema a velcro REHAU

Sistema a velcro REHAU

Soddisfare questo bisogno comporta necessariamente il raffronto con tecnici esperti nel settore giacché le varianti sono innumerevoli e ciascun ambiente, caratterizzato in modo differente, richiede sistemi specifici per risparmiare energeticamente e conseguentemente anche economicamente.

Inoltre, è opportuno dotarsi di strumenti che possano generare un comfort abitativo favorevole senza danneggiare la salute umana a causa di repentini sbalzi termici quali quelli che possono venirsi a creare posizionandosi dinanzi ad un ventilatore.



La casa va dunque climatizzata e cioè bisogna predisporre una serie d’operazioni al fine di creare condizioni termo igrometriche che soddisfino gli utenti in tutte le stagioni mediante interventi di riscaldamento, raffrescamento, ventilazione, umidificazione, deumidificazione.



Impianti di climatizzazione


Generalmente un impianto di climatizzazione si compone di una centrale di produzione, di trasformazione energetica, di una rete di distribuzione fluidi vettori quale acqua o aria o gas refrigeranti, elementi terminali di diffusione a convezione o conduzione o irraggiamento, sistemi di regolazione del tipo a centraline, cronotermostati, valvole termostatiche.

Gli impianti possono essere pensati centralizzati nel momento in cui s’inserisce una sola centrale di produzione che va a collegarsi, mediante una rete di distribuzione, ai terminali disposti in ciascuna camera. Oppure il sistema può essere del tipo de-centralizzato cioè con l’inserimento di unità di produzione per ogni singola stanza.

In più, il sistema può essere del tipo artificiale se si utilizzano fonti energetiche non rinnovabili quali l’elettricità oppure naturale se s’impiegano mezzi rinnovabili o si adotta un impianto di bioclimatizzazione, di raffrescamento passivo ad esempio.

I climatizzatori possono essere condizionatori se hanno la sola funzione di raffreddare un ambiente, climatizzatori a pompa di calore se riscaldano, deumidificano e filtrano anche l’aria, garantendo benessere sia estivo sia invernale.

Riscaldamento e raffrescamento per superfici radianti REHAU
I condizionatori esistono del tipo on-off alternando fasi di attivazione a quelli di spegnimento secondo la temperatura impostata all’interno dell’ambiente, del modello inverter consentendo una regolazione automatica della temperatura ed evitando continue accensioni e disattivazioni con conseguenti risparmi energetici.

I modelli fissi si differenziano tra monosplit, multisplit, canalizzati, senza unità esterna, installati a pavimento, a parete, a soffitto. Quelli portatili sono quelli composti di un’unità interna e da un’altra che è possibile trasportare nella stanza dove si ha necessità di refrigerare, con la consapevolezza di adottare uno strumento con una minore resa rispetto a quelli fissi, fermo restando la potenza.

Quelli più in voga nell’ultimo periodo sono i così detti pannelli radianti, un sistema di tubi, realizzati in materiale resistente alle alte temperature, che gestiscono sia il freddo sia il caldo offrendo un comfort davvero eccellente con un buon risparmio energetico.


Pannelli radianti per l'impianto di raffrescamento


Gli impianti a pannelli radianti
funzionano secondo il principio d’irraggiamento con basse dispersioni termiche, buon isolamento degli elementi principe del sistema.

Secondo le caratteristiche dell’appartamento, se in fase di nuova realizzazione o ristrutturazione, secondo il tipo d’intervento di manutenzione straordinaria da voler compiere e gli obiettivi da raggiungere, s’inseriscono i tubi nel pavimento, nelle pareti piuttosto che nel soffitto, lasciandosi consigliare, come già ripetuto, da un tecnico che possa quantificare le dispersioni d’energia, valutare dove meglio collocare tubi o altri mezzi di climatizzazione.

Sistema radiante di PANTHERM
Per un’efficiente refrigerazione, la temperatura minima della superficie del pavimento deve essere pari a circa 19.5°C, velocità dell’aria inferiore a 0.25 m/s, gradiente termico verticale inferiore ai 3°C, la temperatura dell’aria essere compresa tra i 23 e i 26°C.

Quest’ultima è tanto importante per la climatizzazione tanto irrilevante per il raffrescamento per irraggiamento giacché gli scambi termici avvengono tramite il passaggio di calore tra il corpo umano e il pavimento così come tra le pareti e le superfici più fredde.

In sostanza, le temperature di tutte le superfici presenti all’interno dell’ambiente tendono a equilibrarsi grazie ad un efficiente scambio di calore, tra zone più calde e quelle più fredde, realizzato senza movimenti dell’aria.


Pannelli a soffitto, parete o a pavimento


Le tubazioni possono essere installate, secondo i casi e le necessità progettuali, direttamente nella parete per poi essere ricoperte di strato d’intonaco oppure in un pannello di cartongesso a soffitto, proprio all’interno dello spessore della lastra.

Variando il materiale, il collocamento, si modifica anche la resa del pannello radiante, il valore di temperatura, e pertanto è necessario confrontarsi con alcune tabelle riportanti i valori esatti di resa termica corrispondentemente alle diverse temperature operative.

Altro modo è di disporre le tubazioni sotto il massetto di pavimento con passi diversi, distanze variabili secondo la resa da voler ottenere.

Pavimenti e pareti radianti GIACOMINI
Le rese devono essere calcolate per avere una temperatura superficiale pavimento minimo di 19.5°C per evitare di raffreddare troppo i piedi e di formare troppa condensa sulle fredde superfici.

Qual è la posizione migliore per disporre i tubi: a pavimento, a soffitto, a parete?

In realtà, non esiste una risposta univoca giacché le varianti sono davvero tante e le condizioni domestiche, le esigenze degli utenti pure, con preferenze davvero soggettive.

Spesso chi sceglie un sistema di riscaldamento a pannelli radianti, colloca i tubi a pavimento così da far distribuire il calore in modo più uniforme secondo le traiettorie naturali, proprie del calore, che dal basso tende a spostarsi verso l’alto. Facendo questo, si sceglie di utilizzare lo stesso impianto anche per il raffrescamento estivo introducendo in aggiunta, a soffitto, un sistema corretto di deumidificazione.

Il raffrescamento estivo realizzato con pannelli radianti a pavimento genera una bella frescura, piacevole sulla pelle, senza movimenti d’aria e conseguentemente di polvere.

Applicazione sistema radiante di PANTHERM
Esistono casi in cui, magari per la presenza di corpi scala, a chiocciola o di altro genere, di collegamento tra il seminterrato con funzione di cantina e il piano rialzato, è preferibile scegliere altri sistemi di condizionamento, ad esempio canalizzato, poiché il vano libero della scala risucchia il freddo favorendo la taverna che già di per sé è più fresca.

Altre situazioni sono presenti con riscaldamento di tipo tradizionale e la volontà è di raffrescare con il minimo intervento possibile e dunque o con sistemi di condizionamento mobili, monosplit a parete o soffitto, oppure sistemi canalizzati con creazione di abbassamento di cartongesso a soffitto.

Insomma, le soluzioni da adottare e i sistemi di raffrescamento sono innumerevoli, motivo per il quale è opportuno confrontarsi con i tecnici specializzati affinché, in base alle caratteristiche dell’edificio, all’orientamento della casa , al tipo di superficie su cui installare l’impianto, la proposta progettuale sia il più possibile adeguata alle necessità.


Deumidificazione degli ambienti


Nel momento in cui si sceglie il sistema di raffrescamento radiante, è fondamentale inserire anche un buon sistema di deumidificazione che impedisca l’eccessiva formazione di condensa causata da valori elevati di umidità relativa.

Difatti, il deumidificatore tratta l’aria eliminando una certa quantità d’acqua che ristabilisce i valori di umidità relativa di circa 50-55% U.R.

In sostanza, per progettare e installare un buon impianto di raffrescamento radiante bisogna inserire anche un gruppo frigo, pompa di calore che fornisca dell’acqua alla temperatura di 15°C durante il funzionamento estivo, poi una valvola di miscelazione se il gruppo frigo fornisce acqua refrigerata a bassa temperatura variabile tra i 7 e i 12°C.

Da aggiungere un sistema di deumidificazione per sfruttare l’acqua ad alta temperatura riducendo i consumi elettrici del sistema, dispositivo di sicurezza estiva composto di termostato installato sul collettore di ritorno che blocca la pompa dell’impianto nel momento in cui la temperatura si abbassa oltre i 18°C.

Sistema di regolazione radiante NEA di REHAU
Infine è utile anche un umidostato o sonda TH che rileva la temperatura ambientale e l’umidità, più una centralina elettrica per i valori da rilevare dalle sonde installate in ogni camera o dagli stessi umidostati.

Oggigiorno, la tipologia presa in considerazione è quella sulla quale ci si è soffermati maggiormente, dunque a sistema radiante giacché garantisce diversi vantaggi quali un buon comfort a minor consumo sia in fase estiva sia invernale, non occupa spazi con elementi ingombranti dato che è posto il tutto sotto struttura, non genera rumori, non smuove correnti d’aria e non movimenta la polvere, i costi di gestione sono nettamente inferiori rispetto ai sistemi tradizionali.


Aziende di riferimento


Una delle aziende cui poter fare riferimento per i servizi offerti, per le soluzioni in materiale polimerico, è Rehau che offre un contributo decisivo per vincere le sfide ecologiche ed economiche del futuro.

Applicazione sistema radiante  di REHAU
Altra azienda è Giacomini, produttrice di membri e sistemi che impiegano l’acqua per climatizzare gli ambienti con il minimo consumo energetico.

PHANTERM è un’azienda che sviluppa sistemi radianti innovativi adatti alle abitazioni di nuova costruzione, alle ristrutturazioni ed anche agli edifici industriali.

Applicazione sistema radiante di PANTHERM
Le diverse aziende comprendono soluzioni a pavimento, a parete e a soffitto, adatte a garantire buona distribuzione del calore, giusta temperatura e dunque massimo benessere intutte le stagioni.

riproduzione riservata
Articolo: Impianto di raffrescamento
Valutazione: 5.63 / 6 basato su 8 voti.
  • fs
  • fs
  • fs
  • fs

Impianto di raffrescamento: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Notizie che trattano Impianto di raffrescamento che potrebbero interessarti
Novità per impianti radianti

Novità per impianti radianti

Gli impianti di riscaldamento a pannelli radianti si stanno sempre più diffondendo nelle nostre abitazioni, anche grazie agli incentivi fiscali per l'istallazione...
Climatizzatore radiante

Climatizzatore radiante

Massimo comfort e la riduzione dei consumi energetici...
Riscaldamento a pannelli radianti

Riscaldamento a pannelli radianti

Migliori risultati nella resa degli impianti solari.
Pavimenti radianti ribassati

Pavimenti radianti ribassati

Il nuovo sistema di riscaldamento radiante a pavimento permette un piu' ampio utilizzo rispetto ai tradizionali impianti.
Libretti Impianti Climatizzazione

Libretti Impianti Climatizzazione

Il Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico, del 10 Febbraio 2014, ha definito i libretti per gli impianti di climatizzazione ed efficienza energetica.
usr REGISTRATI COME UTENTE
290.233 Utenti Registrati
usr
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Impianto di climatizzazione
    Impianto di climatizzazione...
    5500.00
  • Caleffi defangatore magnetico filtro 3-4" dirtmag
    Caleffi defangatore magnetico...
    74.70
  • Impianto irrigazione per giardini
    Impianto irrigazione per giardini...
    500.00
  • Impianto elettrico Monza e Brianza
    Impianto elettrico monza e brianza...
    2800.00
  • Controtelai Orchidea
    Controtelai orchidea...
    171.00
  • Ristrutturazione completa zona milano monza crema lodi
    Ristrutturazione completa zona...
    35.00
  • Finitura wpvc isomur
    Finitura wpvc isomur...
    15.00
  • Forbice lowe 1 impugnatura curva
    Forbice lowe 1 impugnatura curva...
    34.47
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Mansarda.it
  • Officine Locati
  • Inferriate.it
  • Weber
  • Faidatebook
  • Kone
  • Black & Decker
MERCATINO DELL'USATO
€ 40.00
foto 1 geo Napoli
Scade il 30 Giugno 2018
€ 800.00
foto 6 geo Torino
Scade il 16 Settembre 2018
€ 49 000.00
foto 6 geo Torino
Scade il 16 Settembre 2018
€ 500.00
foto 2 geo Roma
Scade il 31 Luglio 2018
€ 28.00
foto 6 geo Frosinone
Scade il 31 Dicembre 2018
€ 380.00
foto 6 geo Frosinone
Scade il 31 Dicembre 2018
VENDI SUBITO IL TUO USATO DI CASA
Inserisci annuncio
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.