Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Impianto domestico di base: il quadro elettrico

NEWS Idee fai da te12 Agosto 2019 ore 10:21
Lo sviluppo di un semplice impianto elettrico inizia dal quadro che contiene interruttori magnetotermici e differenziali, poi prosegue all'interno dell'abitazione

Impianto elettrico casa di base


L’energia elettrica perviene all’abitazione nel contatore dell’Enel o di un altro gestore dotato di interruttore generale. Dopo di questo c’è un quadro elettrico generale con interruttore magnetotermico e differenziale da cui si dipartono le varie linee elettriche.

Queste vengono differenziate in linea che alimenta le prese e linea che alimenta i punti luce.
Ma ad esse si affiancano anche quelle di alimentazione di singoli elettrodomestici, come forni, lavatrici, nonché caldaie, impianti esterni, campanelli. Questo rende più facile intervenire su questo o quel circuito in modo indipendente dal resto.


Collegamenti e collaudo del quadro elettrico

Collegamenti e collaudo del quadro elettrico

Collegamenti e collaudo del quadro elettrico
Salvavita

Salvavita

Salvavita
Impianto elettrico e contatori

Impianto elettrico e contatori

Impianto elettrico e contatori
Quadro elettrico

Quadro elettrico

Quadro elettrico
Quadro elettrico domestico

Quadro elettrico domestico

Quadro elettrico domestico

La linea di alimentazione delle prese si sviluppa all’interno dell’abitazione pervenendo a una serie di cassette di distribuzione da cui si dipartono le discese che alimentano le prese.
Simile sviluppo per la linea dell’impianto di illuminazione.

Schema semplificato di sviluppo linea di alimentazione elettrica prese di corrente in casa
Come si vede dallo schema impianto elettrico casa qui sopra, tutte le linee vengono dotate di interruttori magnetotermici inseriti nel quadro elettrico iniziale.
Tutto questo in linea generale, in quanto sono possibili molti altri sviluppi e arricchimenti.
Si ricorda che solo personale qualificato e abilitato può intervenire sull’impianto elettrico.


Il quadro elettrico casa


All’inizio dell’impianto elettrico domestico va installato un quadro elettrico per abitazione di comando con l'interruttore generale magnetotermico, che deve sempre essere bipolare per interrompere sia il conduttore di fase sia quello del neutro, seguito dall’interruttore differenziale, comunemente definito salvavita. Esistono anche interruttori magnetotermici con protezione differenziale integrata, mantenendo tuttavia le stesse prestazioni e caratteristiche degli interruttori magnetotermici.

Salvavita
Per questa installazione si può fare uso di particolari cassette da murare o da mettere fuori muro, a seconda delle esigenze. Vengono impiegate strutture modulari che consentono di inserire all'interno della cassetta, con determinati incastri, uno o più frutti, che sono veri e propri elementi elettromeccanici quali interruttori, relè e il resto.

Vi sono quadretti di dimensione standard, già predisposti per l'inserimento di diversi apparecchi di comando: conviene sempre acquistarne e montarne uno abbastanza capace perché l'esigenza dei servizi elettrici di un'abitazione può sempre aumentare e può esservi bisogno di aggiunte di vari comandi.

Per montare l'interruttore è necessario prima applicare al muro il quadretto portafrutti, per mezzo di tasselli a espansione. Ovviamente si dovranno praticare nel muro fori corrispondenti.
Quando si intende montare l'interruttore, va controllato che i cavi provenienti dal contatore siano scollegati dai morsetti di questo. Essi vanno collegati all'interruttore dell’ENEL, facendoli passare nell'apposito foro, solo dopo la sua installazione.

I cavi possono percorrere il tragitto in due modi diversi: in una guaina murata sottotraccia o in una canaletta applicata esternamente al muro.
L'interruttore si monta su un apposito binario metallico presente all'interno della cassetta.
Quindi si avvitano i conduttori di fase e neutro, marrone e blu, ai rispettivi morsetti.

Dalla parte opposta dell'interruttore vi sono i morsetti ai quali si collegano, rispettando fase con fase, i conduttori che, uscendo dall’interruttore proseguono verso l’interruttore differenziale.


Interruttore magnetotermico e differenziale
Dopo il montaggio si collegano al differenziale i conduttori che proseguono verso l'impianto di casa e solo allora si possono collegare i cavi che provengono dai morsetti del contatore/interruttore. Da questo momento, ripristinati i contatti, all'interruttore appena montato perviene tensione. L'interruzione avviene su entrambi i conduttori e non solo su quello di fase.

Nel quadretto, a un apposito frutto, o a un idoneo morsetto isolato, si fa giungere anche il cavo della terra dell’impianto di casa, al quale si collega il conduttore di terra che prosegue verso l’esterno e termina in un dispersore inserito nel terreno.
Questo deve restare sempre in funzione, cioè sempre collegato. D'ora in poi, tutte le volte che si deve intervenire sull'impianto elettrico si agisce sull'interruttore generale, per togliere la corrente.


Come montare il quadro elettrico casa a norma


Poggiato il quadretto al muro si procede alla tracciatura, sulla parete, dei punti in cui si deve forare. Il quadro deve essere posto in posizione soprelevata. Con la punta da muro si eseguono i fori per l’inserimento dei tasselli. Bisogna agire con attenzione per non allargare i fori più del necessario.

Come montare il quadro elettrico
Nei fori si inseriscono i tasselli a espansione in plastica fino al livello della superficie.
Poggiato il quadro in posizione si applicano le viti di fissaggio nei tasselli.
Si stringe fino ad un solido e stabile bloccaggio al muro.


L’interruttore magnetotermico


In un circuito applicato con canalette esterne si praticano anche i fori per avvitare queste al muro. In altri casi si predispongono le guaine murate. L’interruttore magnetotermico va inserito in un apposito binario all’interno del quadro. In questo modo si lavora sull’interruttore già montato.
Dalla canalina laterale giungono i cavi che provengono dal contatore- interruttore, ma non ancora collegati a esso.

Montaggio interruttore magnototermico
I cavi che alimentano il circuito interno vengono inseriti nella canalina esterna e fatti penetrare nel quadro, per collegarsi all’interruttore. Le estremità vanno spellate adeguatamente.


L’interruttore differenziale


Alla morsettiera presente sulla scatola del quadro si avvita il conduttore di terra, che è collegato a tutte le masse degli utilizzatori. Si collegano al magnetotermico anche i cavi che provengono dal contatore-interruttore.

Montaggio del differenziale
Quindi si inseriscono i cavi ai morsetti di uscita del magnetotermico che proseguono verso il differenziale. Sul binario si inserisce l’interruttore differenziale, accanto al magnetotermico.
Ora si effettuano i collegamenti tra magnetotermico e differenziale inserendo i cavi nei relativi morsetti.


Collegamento quadro elettrico domestico e collaudo


Ai morsetti di uscita del differenziale si collegano i cavi che proseguono verso l’impianto.

Il pannello frontale del quadro viene ora chiuso in modo che l’accesso interno non sia possibile.

Restano vari segmenti liberi per ulteriori installazioni. Infine si collegano al contatore-interruttore i cavi che alimentano il quadro, si immette tensione e si fanno le prove di funzionamento sia del magnetotermico sia del differenziale.

riproduzione riservata
Articolo: Impianti di base: il quadro elettrico
Valutazione: 6.00 / 6 basato su 1 voti.

Impianti di base: il quadro elettrico: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
REGISTRATI COME UTENTE
305.820 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Cersaie
Quanto costa, dove lo trovo? Sei un Azienda ? Pubblica i tuoi Prezzi Quì !
  • Impianto elettrico Monza e Brianza
    Impianto elettrico monza e brianza...
    2800.00
  • Ristrutturazioni. imbiancature, impianto idraulico a Milano
    Ristrutturazioni. imbiancature,...
    1000.00
  • Elettricista Roma e provincia
    Elettricista roma e provincia...
    80.00
  • Pirodiserbo elettrico 600°
    Pirodiserbo elettrico 600°...
    94.55
  • Tagliaerba elettrico
    Tagliaerba elettrico...
    128.00
  • Tagliaerba elettrico Black+Decker
    Tagliaerba elettrico black+decker...
    49.90
Notizie che trattano Impianti di base: il quadro elettrico che potrebbero interessarti
Numero Circuiti Elettrici in Casa

Numero Circuiti Elettrici in Casa

Impianti - La distribuzione di circuiti elettrici minimi è in funzione dei livelli prestazionali e dei metri quadrati degli appartamenti.
Impianto elettrico di cantiere

Impianto elettrico di cantiere

Impianti elettrici - Semplici verifiche visive permettono di stimare in prima approssimazione l'affidabilità dell'impianto elettrico del cantiere di casa propria in ristrutturazione.

Protezione Montante Elettrico, V3 CEI 64-8

Impianti - La protezione del montante con un proprio magnetotermico oltre che dalle caratteristiche dell'impianto elettrico, dipende dal valore che l'ente erogatore fornisce circa la corrente di corto circuito nel punto di consegna.

Quadro elettrico civile

Impianti - Il quadro è il punto di controllo e manutenzione dell'impianto elettrico di casa, in esso sono allocati i dispositivi di protezione, manovra e monitoraggio.

Cavi elettrici in casa

Impianti elettrici - Semplici osservazioni e salde conoscenze di base possono farci capire i principi e le modalità con cui è stato realizzato l'impianto elettrico di casa.

Fasi realizzazione impianto elettrico

Impianti - La realizzazione dell'impianto elettrico in una casa si effettua di regola dopo la realizzazione degli impianti idrici e prima degli impianti di climatizzazione.

Documenti quadri elettrici

Impianti - Lo schema elettrico di un quadro costituisce il primo documento di riferimento. Esso deve essere realizzato prima della costruzione del quadro ed aggiornato dopo.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img franksurax
Ciao,vivo in un condominio terminato di costruire da circa 2 anni da parte del costruttore, che ha fornito quindi garanzia decennale.2 mesi fa, 2 condomini hanno messo delle...
franksurax 05 Dicembre 2016 ore 14:47 2
Img berardinelli
Buongiornoil condominio è del 1973, il costruttore non ha mai avuto l'abitabilità.Ora l'amministratore si trova a richiedere i certificati gas ed elettrico a tutti i...
berardinelli 27 Agosto 2014 ore 09:43 4
Img vin76
Buon giorno,ho un grosso problema e da tempo che mi salta il salvavita anche di notte, non riesco a trovare il guasto.Chi mi puo dire cosa fare?Grazie...
vin76 23 Settembre 2014 ore 18:05 2
Img gemmapo
Ho un piccolo appartamento al mare, in una casa di due piani costruita nel 1963.I contatori dell'elettricità si trovano nell'androne di ingresso.Il mio appartamento si...
gemmapo 16 Ottobre 2014 ore 02:21 1
Img professionelettrico
Troppi infortuni per cause elettriche, ancora oggi, a distanza di 26 anni dalla entrata in vigore della Legge 46/90.Spesso le cause sono da ricercarsi nella approssimazione nella...
professionelettrico 21 Gennaio 2016 ore 22:08 1