Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Immissioni e ruolo di proprietario ed inquilino

NEWS Normative31 Agosto 2010 ore 09:45
Le immissioni intollerabili alla luce della normativa dettata dal codice civile e le responsabilità nel caso d'unità immobiliare locata.
immobili immissioni , proprietari , inquilino , responsabilità

ImmissioniUna recente sentenza della Suprema Corte di Cassazione, la n. 13881 del 9 giugno 2010, ci offre lo spunto per parlare della questione, sempre attuale, delle immissioni intollerabili.


La prospettiva, nel caso che ci occupa, è quella relativa alla ripartizione dei responsabilità tra proprietario e conduttore dell'unità immobiliare dalla quale provengono le immissioni oggetto delle lamentele.


Prima d'addentrarci nell'analisi dello specifico contenuto della sentenza vale la pena ricordare, per sommi capi, cosa debba intendersi per immissioni intollerabili.


Ai sensi dell'art. 844 c.c.


Il proprietario di un fondo non puo' impedire le immissioni di fumo o di calore, le esalazioni, i rumori, gli scuotimenti e simili propagazioni derivanti dal fondo del vicino, se non superano la normale tollerabilita', avuto anche riguardo alla condizione dei luoghi.


Nell'applicare questa norma l'autorita' giudiziaria deve contemperare le esigenze della produzione con le ragioni della proprieta'. Può tener conto della priorità di un determinato uso.


La norma prevede quella che, nel gergo giuridico, viene chiamata tutela inibitoria.


In sostanza chi si ritiene leso dalle immissioni provenienti dal fondo del vicino ed è in grado di provare la loro intollerabilità, può chiedere per via giudiziale la cessazione della loro causa, restando salvo il diritto d'agire al fine di ottenere il risarcimento del danno.


Si tratta di una prova estremamente difficile per due ordini di motivi:


Rumorea) provare l'intollerabilità di un'immissione (rumorosa, di odori ecc.) non è cosa semplice allorquando manchino dei dati oggettivi cui far riferimento;


b) in secondo luogo, in tale senso la giurisprudenza è costante, non avendo il limite di tollerabilità carattere assoluto, ma essendo esso relativo alla situazione ambientale, variabile da luogo a luogo, secondo le caratteristiche della zona e le abitudini degli abitanti, spetta al giudice del merito sia accertare in concreto il superamento della normale tollerabilità e l'individuazione degli accorgimenti idonei a ricondurre le immissioni nell'ambito della normale tollerabilità (ex multis Cass. n. 3438/10, fattispecie relativa ad immissioni rumorose).


Altro elemento fondamentale è quello dell'individuazione del responsabile.


Non v'è dubbio che, in primis, il soggetto cui fare riferimento è l'autore dell'immissione intollerabile.


Ci s'è chiesti, nel caso d'unità immobiliare data in locazione, se il proprietario possa essere chiamato in causa in ragione di una sorta di responsabilità oggettiva per i danni causati dal conduttore dell'immobile.


È questo il cuore della pronuncia della Cassazione citata in principio.


Nel caso di specie il proprietario di un appartamento citava in giudizio l'inquilino e il proprietario di un'unità immobiliare per sentirli condannare a causa delle immissioni provocate dal primo.


Nei giudizi di merito entrambi i convenuti venivano condannati.


Ciò perché:


a) l'inquilino era l'autore materiale dell'illecito;


b) il proprietario non lo aveva impedito e perciò era ritenuto responsabile ai sensi dell'art. 2051 c.c. quale custode del bene di sua proprietà.


Quest'ultimo, quindi, proponeva ricorso per Cassazione che veniva accolto.


Una recente sentenza della Suprema Corte di Cassazione, la n. 13881 del 9 giugno 2010, ci offre lo spunto per parlare della questione, sempre attuale, delle immissioni intollerabili.Secondo i giudici di legittimità, infatti, ai fini della responsabilità ex art. 2051 c.c. per i danni da cose in custodia occorre la sussistenza del rapporto di custodia con la cosa che ha dato luogo all'evento lesivo, rapporto che postula l'effettivo potere sulla stessa, ovvero la sua disponibilità giuridica e materiale con il conseguente potere di intervento su di essa, si rileva che secondo l'orientamento consolidato di questa Corte, mentre il proprietario dell'immobile locato, conservando la disponibilità giuridica, e quindi la custodia, delle strutture murarie e degli impianti in esse conglobati, è responsabile in via esclusiva ai sensi degli artt. 2051 e 2053 c.c. dei danni arrecati a terzi da dette strutture ed impianti, con riguardo invece alle altre parti ed accessori del bene locato, rispetto alle quali il conduttore acquista detta disponibilità con facoltà ed obbligo di intervenire onde evitare pregiudizio ad altri, la responsabilità verso questi ultimi, secondo le previsioni dell'art. 2051 c.c., grava soltanto sul conduttore medesimo (Cass. S.U. 11-11-1991; Cass.18-12-1996 n. 11321; Cass. 3/80/2005 n. 16231) (così Cass. 9 giugno 2010 n. 13881).


In definitiva per la Corte regolatrice, ad eccezione di strutture murarie ed impianti, per le cose che sono nella materiale disponibilità del solo conduttore in ragione del contratto di locazione risponde dei danni esclusivamente quest'ultimo.

riproduzione riservata
Articolo: Immissioni e ruolo di proprietario ed inquilino
Valutazione: 3.00 / 6 basato su 1 voti.

Immissioni e ruolo di proprietario ed inquilino: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Sostieni Lavorincasa
REGISTRATI COME UTENTE
317.484 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Quanto costa, dove lo trovo? Sei un Azienda ? Pubblica i tuoi Prezzi Quì !
  • Ristrutturazione gazebi Marino di Roma
    Ristrutturazione gazebi marino di...
    100.00
  • Ristrutturazione Appartamento Chiavi in mano
    Ristrutturazione appartamento...
    249.00
  • Pannelli universali impermeabilizzati Schluter-KERDI-BOARD
    Pannelli universali...
    22.08
  • Pannello in lana di vetro Isover Clima34 G3
    Pannello in lana di vetro isover...
    7.84
  • Soffiatore aspiratore trituratore elettrico black+decker
    Soffiatore aspiratore trituratore...
    85.00
  • Soffiatore a batteria black+decker
    Soffiatore a batteria black+decker...
    170.90
Notizie che trattano Immissioni e ruolo di proprietario ed inquilino che potrebbero interessarti


Per la Cassazione IMU e TASI possono essere pagate dall'inquilino

Fisco casa - Per la Corte di Cassazione le imposte indirette come Imu e Tasi possono essere addebitate totalmente al conduttore. Vediamo quali sono le novità sull'argomento.

Assicurazione per affitto

Affittare casa - Ci sono diversi modi per tutelarsi da un affittuario insolvente, tra cui la stipula di un'apposita polizza. Ma esistono anche delle polizze pensate per gli inquilini.

Vita privata e familiare e immissioni illecite

Proprietà - Contro le immissioni illecite si può pretendere il risarcimento del danno non patrimoniale alla vita privata e familiare, anche in assenza di danno alla salute.

Immissioni moleste

Normative - Le immissioni rappresentano una delle molestie maggiori al diritto di proprieta'. Cosa fare quando diventano intollerabili.

Ripartizione spese tra inquilino e proprietario

Ripartizione spese - Confedilizia, associazione dei proprietari, e i tre sindacati degli inquilini hanno aggiornato le tabelle di ripartizione spese tra inquilino e proprietario.

Affitti e canoni non pagati: cosa cambia con il Decreto Crescita

Affittare casa - Niente imposte sui canoni di locazione non percepiti. Ecco le novità introdotte con il Decreto Crescita pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 29 giugno scorso.

Polizza affitto casa per morosità: cosa copre?

Affittare casa - Nuove tutele per chi affitta un immobile e si trova a dover far fronte a un inquilino moroso. La polizza affitto casa interviene a protezione dei padroni di casa

Agevolazioni fiscali per i proprietari che affittano

Affittare casa - Il reddito della locazione, viene tassato in maniera differente a seconda del tipo di contratto e anche per i proprietari vi sono delle agevolazioni fiscali.

Attività rumorose e sanzioni penali

Liti tra condomini - Quella dei rumori che distrubano le attività delle persone, il loro riposo e più in generale la quiete pubblica è questione che genera spesso contrasti e contenziosi anche a livello penale.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img andreadamasco
Salve sono nuovo del forum,Mia moglie è proprietaria di un appartamento e come usufruttuaria c'è sua madre.Il problema è questo la madre non paga la sua...
andreadamasco 01 Febbraio 2018 ore 21:09 8
Img ad25
Buongiorno,vivo in un condominio privo di amministatore e con tabelle millesimali approvate per la ripartizione delle spese di ogni tipo.Lo stabile è del 2006, quindi...
ad25 20 Gennaio 2015 ore 15:44 1
Img bresy
Buongiorno,dopo il decesso di mio nonno, mio padre e mia nonna hanno ereditato a metà le proprietà di mio nonno, ovvero un palazzo.Mio padre quindi possedeva 1/4 del...
bresy 08 Settembre 2014 ore 10:00 1
Img sillysally
Buonasera,l'amministratore ha qualche responsabilità nel non aver mai avvisato il proprietario per un intero anno che gli inquilini non pagavano le spese condominiali?In...
sillysally 23 Maggio 2014 ore 21:16 3
Img zorrozorro
In caso di riunione dell'usufrutto con la nuda proprietà per i debiti condominiali non pagati dall'usufruttuario prima della cessazione dell'usufrutto e se costui non ha...
zorrozorro 16 Maggio 2014 ore 14:39 1