Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Il Gelsomino: guida alla coltivazione

Il Gelsomino, con i suoi boccioli delicati e dal profumo gradevole, è coltivato sia in giardino che in vaso per decorare gli spazi esterni e interni della casa.
03 Marzo 2021 ore 11:20 - NEWS Piante

Generalità del Gelsomino


Il Gelsomino
è una pianta appartenente alla famiglia delle Oleaceae, originaria dell’Asia Centrale, che conta almeno 200 specie.

Dal portamento rampicante oppure arbustivo in base alle dimensioni, il Gelsomino, o Jasminum, raggiunge un’altezza tra i 10 e i 15 m, con fiori dal profumo intenso a forma di stella, con un lungo tubulo alla base e foglie dalle caratteristiche variabili a seconda della specie.


Pianta di Gelsomino da gardenersworld.com

Pianta di Gelsomino da gardenersworld.com

Pianta di Gelsomino da gardenersworld.com
Gelsomino rampicante

Gelsomino rampicante

Gelsomino rampicante
Gelsomino boccioli

Gelsomino boccioli

Gelsomino boccioli
Gelsomino in vaso da gardening.knowhow.com

Gelsomino in vaso da gardening.knowhow.com

Gelsomino in vaso da gardening.knowhow.com
Gelsomino siepe

Gelsomino siepe

Gelsomino siepe

Esistono anche varietà di Gelsomino rampicante adatte ad abbellire i giardini rivestendo grigliati e archi, da associare ad altre specie come le rose rampicanti e le Clematis per ottenere un effetto fortemente decorativo.

Il colore dei fiori di Gelsomino, invece, è in genere il bianco ma a volte possono essere presenti tonalità che vanno dal rosa fino al giallo e al rosso.


Coltivazione e cura del Gelsomino


Piantare il Gelsomino è molto facile, dal momento che si tratta di una pianta senza dubbio resistente. Il terriccio ideale per il gelsomino è sicuramente ben drenato e dal PH neutro.

Gelsomino ramo
Per quanto riguarda invece l’esposizione, si consiglia quella in pieno sole per favorire una crescita ottimale.

La temperatura che il Gelsomino pianta può sopportare senza subire danni cambia però a seconda della varietà: quelle più rustiche come il Jasminum officinale, il nudiflorum e il floridum possono resistere anche a -15°C; mediamente resistenti sono il Jasminum polyanthum e il revolutum mentre sono piuttosto delicati il Jasminum Sambac e il grandiflorum.


Gelsomino in vaso


Il Gelsomino può essere coltivato sia in piena terra che in vaso.
In quest’ultimo caso, si consiglia di scegliere varietà dalle dimensioni più contenute come il Jasminum Odoratissimum e il polyanthum oppure quelle più delicate per consentire la crescita in serra nella stagione invernale.

Gelsomino in vaso da homekitchenbuzz.com
Il contenitore giusto deve avere una larghezza di almeno 30 cm e una certa profondità. Anche nella coltivazione in vaso, bisogna optare per un terriccio sciolto composto da un miscuglio di terra da giardino e ghiaia.

La coltivazione in vaso della Jasmine pianta è semplice: basta scavare una buca larga il triplo rispetto al vaso e profonda circa 20-30 cm in più.
Infine, è necessario collocare sul fondo della buca un po’ di stallatico maturo e assicurare sempre un buon drenaggio attraverso uno strato di argilla espansa.


Irrigazione e concimazione del Gelsomino


Il Gelsomino, se coltivato in piena terra, deve essere innaffiato in media una volta a settimana almeno nei primi 2 anni di vita per poi lasciare l’irrigazione della pianta in piena autonomia utilizzando l’acqua piovana.

Gelsomino nudiflorum da gardenia.net
Se invece il Gelsomino bianco è coltivato in vaso, bisognerà somministrare delle irrigazioni più frequenti, soprattutto in presenza di un clima particolarmente secco.
Il concime va applicato soprattutto nella fase di messa a dimora, aggiungendo al terriccio una buona dose di concime organico.

Successivamente, per ottenere una Gelsomino fioritura abbondante, si raccomanda di somministrare del concime liquido ricco in potassio, da aprile a giugno, con una cadenza settimanale o quindicinale.


Riproduzione del Gelsomino


Se si desidera moltiplicare la pianta, è possibile utilizzare sia il metodo per talea che la propaggine, da eseguire entrambi in primavera.

Nella procedura per talea, bisogna prelevare un ramo e tagliarlo in corrispondenza di un nodo, lasciando almeno 2 foglie apicali, per poi inserirlo in un contenitore con del terriccio leggero. Si deve inoltre aver cura di mantenere il substrato abbastanza umido e di coprire il contenitore con una pellicola di plastica. In questo modo, per ottenere la radicazione, saranno sufficienti dalle 4 alle 8 settimane.

Gelsomino arabian da epicgardening.com
Se si sceglie la propaggine, i tempi saranno più lenti ma i risultati più soddisfacenti. Dopo aver scelto un ramo flessibile, sarà necessario eliminare le foglie e piegarlo al suolo per inserirlo in un vaso, in modo da interrare due nodi fogliari su una lunghezza di 10-15 cm.

Dal vaso dovranno uscire le foglie apicali e la parte del ramo emergente dovrà avere una lunghezza di circa 20 cm e presentare almeno 10 foglie. La radicazione, con questo metodo, avverrà nell’arco di 6-8 mesi e successivamente sarà possibile staccare il ramo dalla pianta madre per poi proseguire con la coltivazione.


Potatura del Gelsomino


La potatura del Gelsomino non deve essere eseguita in modo regolare, dal momento che la pianta predilige crescere senza un’eccessiva opera di contenimento. L’intervento è consigliato solamente in presenza di rami vecchi e secchi da eliminare preferibilmente in primavera.



Per avere dei boccioli forti e rigogliosi, si consiglia di accorciare i rami dopo la fioritura arrivando fino alla gemma che ha dato l’ultimo fiore.


Significato e curiosità del Gelsomino


Il Gelsomino è associato simbolicamente alla dolcezza, alla sensualità e alla capacità di essere amabili e attraenti. La pianta del Gelsomino officinale era nota già nell’antichità ai Greci e ai Romani ma, dopo essere andato perduto, fu reintrodotto in Europa nella metà del 1400 dai navigatori spagnoli.

Gelsomino olio
Il primo a possedere un esemplare di Gelsomino fu Cosimo de’ Medici che, volendo possederlo in modo esclusivo, proibì ai giardinieri di riprodurlo o di regalarlo.
Il divieto fu, secondo la tradizione, interrotto da un giovane giardiniere che regalò un ramoscello di Gelsomino alla fidanzata in occasione del suo onomastico.

La fanciulla, non volendo che la pianta sfiorisse, la conservò in terra: in questo modo, il Gelsomino non solo si conservò a lungo ma gettò nuovi germogli.
Attualmente, in molte zone d’Italia il Gelsomino viene coltivato per essere utilizzato in profumeria, in particolar modo per ricavarne un profumatissimo olio per massaggi.


Acquistare il Gelsomino


Il Gelsomino può essere acquistato sotto forma di esemplare adulto o in semenza presso aziende agricole specializzate e vivai. Anche online, sull’emporio virtuale di Amazon, è presente un’ampia scelta sia di cultivar di Gelsomino in vaso che di miscugli di sementi.

CONSIGLIATO amazon-seller
Gelsomino
PIANTA VERA CON SISTEMA PLANTI': concimata per sei mesi, pacciamata dal trapianto per una minima manutenzione. Le...
prezzo € 26
COMPRA


Sempre online, è disponibile anche una vasta gamma di prodotti cosmetici a base di Gelsomino, come olii essenziali, fragranze profumate e creme per il corpo.

riproduzione riservata
Articolo: Il gelsomino
Valutazione: 5.00 / 6 basato su 3 voti.

Il gelsomino: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
328.165 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Il gelsomino che potrebbero interessarti


Prendersi cura del Gelsomino d'inverno

Piante - Il Gelsomino, pianta d'origine asiatiche, è molto resistente soprattutto a climi rigidi. Ma per avere fioriture perfette bisognerà prendere qualche precauzione.

Consigli per la cura di piante rampicanti fiorite e sempreverdi

Giardinaggio - Le piante rampicanti sono esemplari sempreverdi o fioriti, molto apprezzati per l'estetica, la crescita rapida e la capacità di rivestire muri o le staccionate.

Falso gelsomino: privacy assicurata

Piante - Un sempreverde dal fogliame rigoglioso e dal profumo inconfondibile, facile da coltivare e in grado di creare angoli discreti e privati, in giardino come in terrazza.

Guida alle piante profumate sul balcone: coltivazione e cura

Orto e terrazzo - Le piante profumate sul balcone sono semplici da coltivare, e con le loro fioriture vivaci e le profumazioni intense rendono piacevole e colorato ogni terrazzo.

Geranium Rozanne

Giardino - Perenne arbustivo, molto scenografico e tappezzante, il Geranium Rozanne è una varietà giovane, a fioritura abbondante ideale per bordure.

Piante invernali che resistono al freddo: quali sono e come coltivarle

Giardinaggio - Sono tanti i fiori e le piante invernali che non temono il freddo e sbocciano anche con le basse temperature. Ecco le piante più belle da coltivare di inverno.

Piante da esterno: bellezza e privacy con le siepi da balcone

Piante - Oltre al giardino, con le siepi si può abbellire anche il proprio balcone, con gusto e originalità. Da quelle naturali a quelle sintetiche, le idee non mancano!

Giardino invernale coperto

Giardinaggio - Scegliendo e coltivando specie resistenti alle basse temperature, è possibile creare e decorare un giardino d'inverno dai colori sgargianti ed intensi profumi.

Solanum ornamentale

Giardino - Il solanum ornamentale è un mini arbusto caratterizzato da bacche estremamente colorate, in grado di decorare il giardino o il davanzale durante l'autunno.