• progetto
  • cadcasa
  • ristrutturazione
  • caldaia
  • clima
  • forum
  • consulenza
  • preventivi
  • computo
  • mercatino
  • mypage
madex

Il collante

In commercio esistono diversi tipi di collanti per l'edilizia: l'utilizzo più frequente è per la posa di pavimenti e di rivestimenti interni.
Pubblicato il
Indice dei Contenuti

Stanza da ristrutturareIl collante è quella sostanza che permette di tenere uniti o, per meglio dire, incollati più oggetti. Detta così può sembrare un po' generica come definizione: in realtà l'argomento è un tantino più complesso e tale complessità è dovuta al fatto che in commercio ne esistono diversi tipi per l'edilizia a seconda dell'uso che se ne deve fare. Andiamo con ordine.

La maggior parte dei collanti oggi in commercio è di natura sintetica ed è usato per la posa di pavimenti e di rivestimenti: essi vengono usati anche per lavorazioni che prevedono l'uso di compensati, legno lamellare, parquet e pannelli multistrato.

La norma UNI EN 12004 stabilisce una classificazione degli adesivi per ceramica e materiali lapidei attraverso una serie di parametri quali la definizione di requisiti minimi del prodotto, metodi di prova e prestazioni fornite. Ogni collante poi viene fornito di un simbolo di conformità - presente sia sulla confezione che nella documentazione relativa al prodotto - collegato al tipo di applicazione. La normativa inoltre riporta sinteticamente per ciascun collante la classe di prestazione, le caratteristiche opzionali e la composizione chimica.

I collanti più noti sono:

- Collanti sintetici a dispersione, detti anche idrosolubili, di solito usati per l'incollaggio di parquet;

- Colle contenenti leganti quali resine acriliche o viniliche, usate principalmente per il fissaggio e la protezione di decorazioni a tempera o acrilico su muri, legno, pietra;

- Collanti a base di resine naturali, solitamente utilizzati per l'incollaggio di carta da parati.

Esistono poi i collanti a reazione, chiamati così poiché induriscono a seguito di una reazione chimica tra i loro componenti.

Tra i collanti a reazione troviamo:

- I Collanti epossidici: in edilizia si usano per realizzazione di riprese di getto monolitiche tra Incollaggio pavimenticalcestruzzo fresco e calcestruzzo vecchio e per sigillatura monolitica di fessure di massetti.

- I Collanti poliuretanici: risultano particolarmente adatti per pavimenti e pareti in ceramica di bagni e docce poiché hanno un'ottima resistenza all'umidità.

- I Collanti a base di resine fenoliche e melamminiche: usati per incollare elementi in legno lamellare.

In realtà i collanti a reazione, come abbiamo potuto vedere, posseggono una elevata resistenza al calore e all'umidità pertanto sono utilizzati anche per l'incollaggio di moquettes, pavimenti in gomma e piastrelle su sottofondi solidi e per incollare materiali porosi o non resistenti ai solventi quali, ad esempio, i pannelli EPS per i sistemi di isolamento termico a cappotto. Per l'acquisto di collanti sintetici sarebbe opportuno scegliere quelli a basso contenuto di solventi, cioè meno del 5%.

Da quanto abbiamo visto fin qui si evince che l'acquisto di un collante deve essere effettuato in relazione all'uso che se ne deve fare: ecco qualche riferimento.

Incollaggio piastrelleKeralastic di MAPEI è un adesivo reattivo migliorato indicato per l'incollaggio di piastrelle ceramiche, pietre naturali e artificiali ma anche per superfici in metallo, legno, fibrocemento, gomma, PVC, linoleum. Applicato in strato continuo realizza una perfetta impermeabilizzazione su cui applicare le piastrelle: grazie all'ottima resistenza all'umidità esso risulta adatto a superfici sottoposte a contatti accidentali con acqua, per esempio piani di cucine in legno.

Per l'incollaggio di moquettes può essere indicato l'adesivo per pavimenti n. 654 di Saratoga: si tratta di un collante acrilico in dispersione acquosa, privo di solventi e caratterizzato da un'alta presa iniziale. Le sue caratteristiche lo rendono idoneo ad essere usato anche per incollare pavimenti e rivestimenti in PVC.

Un buon esempio di colla da parati a base di resine naturali è data da AK Paper di Gattocel, collante concentrato in polvere che, una volta sciolto in acqua, diventa pasta adesiva inodore e facilmente lavorabile: con una confezione si possono posare dai 30 ai 50 mq di carta da parati.

mapei

saratoga

gattocel

riproduzione riservata
Il collante
Valutazione: 3.17 / 6 basato su 6 voti.
gnews
  • whatsapp
  • facebook
  • twitter

Inserisci un commento o un'opinione su questo contenuto



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
Alert Commenti
346.938 UTENTI
SERVIZI GRATUITI PER GLI UTENTI
SEI INVECE UN'AZIENDA? REGISTRATI QUI
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img edoardo99
Buongiorno a tutti e grazie per avermi accettato nel gruppo. Ho un problema con la maniglia del mio frigorifero. Mi si è staccata e vorrei capire come ripristinarla. Ho...
edoardo99 18 Gennaio 2024 ore 11:49 12
Img barbara toma
BuongiornoSto facendo ristrutturare il mio appartamento.Si tratta di diversi lavori, tra qui la costruzione di un paio di pareti, il rifacimento del massetto e la piastrellatura...
barbara toma 04 Gennaio 2024 ore 15:09 2
Img rollo79
Buongiorno.Abbiamo un’officina meccanica ed a breve dovremo fare un ampliamento. All’impresa che realizza il capannone abbiamo appaltato anche le pavimentazioni in...
rollo79 31 Marzo 2023 ore 13:19 1
Img zioriky
Buonasera,ringrazio anticipatamente dei consigli che mi darete, sempre puntuali ed utili in questo spendido forum.Cercherò di fare domande chiare e dirette.Stiamo valutando...
zioriky 09 Agosto 2022 ore 18:30 2
Img perima87
Ciao a tutti, ho da poco ristrutturato casa ed il mio architetto ha spinto a tutti costi per fare i bagni in resina.In particolare uno dei due, quello con la doccia, ha il...
perima87 19 Luglio 2022 ore 12:52 8