• progetto
  • cadcasa
  • ristrutturazione
  • caldaia
  • clima
  • forum
  • consulenza
  • preventivi
  • computo
  • mercatino
  • mypage
madex

Gloriosa superba: consigli utili per la coltivazione e cura

La Gloriosa superba è una pianta ideale per decorare balconi e giardini, grazie alle sue fioriture multicolore. Scopriamo insieme come coltivarla e curarla
Pubblicato il

Gloriosa Superba: come coltivarla e curarla


La Gloriosa superba (nota anche come Giglio rampicante) è una pianta bulbosa originaria dell'Africa e dell'Asia meridionale, appartenente alle famiglie delle Colchicaceae o delle Liliaceae (a seconda delle classificazioni).
Questa pianta produce fusti lunghi fino a 180-200 cm circa e fioriture colorate, caratterizzate da tepali in nuance rosso, giallo, fucsia ed arancione, i quali, aprendosi progressivamente, donano al fiore una forma particolare.

È proprio grazie a quest'ultima che la Gloriosa viene denominata anche Giglio di fuoco.

Gloriosa superba - Foto: PixabayGloriosa superba - Foto: Pixabay

Il tubero della Gloriosa ha una forma allungata, piuttosto insolita.
Per ottenere una pianta resistente e vigorosa, occorre prediligere bulbi di buona qualità: questi, devono infatti essere rigidi, avere una misura medio-grande, e infine, possedere una gemma integra.

La selezione più diffusa in commercio è la Gloriosa superba rothschildiana, importata in Europa dall'Uganda. Tuttavia, è possibile acquistare anche varietà differenti, come la Gloriosa aurea, la Gloriosa sessilifolia e la Gloriosa modesta.


Coltivazione della Gloriosa rothschildiana


La Gloriosa Superba rothschildiana può essere coltivata sia in vaso che in piena terra. Per un buon risultato, è importante avere a disposizione un terreno fertile composto da elementi drenanti.

Pianta di Gloriosa superba rothschildiana - Foto: UnsplashPianta di Gloriosa superba rothschildiana - Foto: Unsplash

Il periodo ideale per la messa a dimora dei bulbi di Gloriosa è la primavera.
La pianta inizia a ingiallire durante i mesi autunnali ed è opportuno non reciderla prematuramente, bensì, lasciar terminare il suo ciclo vitale in modo naturale.

Ciò è fondamentale per consentire al bulbo di assorbire gli elementi nutritivi necessari alla sua sopravvivenza.

Coltivare la Gloriosa in vaso


Tra i metodi più apprezzati e semplici per coltivare la Gloriosa, vi è l'utilizzo dei vasi.
Le dimensioni dei contenitori dove sistemare i bulbi del giglio rampicante devono essere di almeno 20 cm.

Gloriosa superba di colore rosso - Foto: UnsplashGloriosa superba di colore rosso - Foto: Unsplash

Sullo store online di Leroy Merlin è possibile acquistare vasi di ogni tipo, anche in terracotta, un materiale naturale e salubre. I prezzi dei contenitori da 20,8 cm e 27 cm variano da 4,50€ a 9,00€.

Una delle particolarità della Gloriosa, è la tipologia di messa a dimora dei tuberi: questi, infatti, vanno piantati in posizione orizzontale e ricoperti da circa 20 cm di terra.
È consigliabile piantare un solo bulbo per ogni vaso.

Coltivare la Gloriosa in piena terra


Per coltivare la Gloriosa in piena terra, oltre ad avere un suolo ricco e drenante, è necessario che le temperature esterne non siano inferiori a 5 °C.

Piantare la Gloriosa in piena terra - Foto: UnsplashPiantare la Gloriosa in piena terra - Foto: Unsplash

Se si opta per la messa a dimora in piena terra ma il clima è troppo rigido, è opportuno estrarre i tuberi dal terreno, pulirli per bene e riporli all'interno di un sacchetto contenente torba o vermiculite.

In tali condizioni, i bulbi devono essere conservati a temperature superiori a 5 °C, fino alla primavera successiva.


Crescita e sistemazione del giglio rampicante


La crescita della Gloriosa avviene in circa due mesi, dopodiché, iniziano a spuntare le prime fioriture.

Per far sì che questo vegetale rimanga in posizione eretta, è necessario utilizzare dei sostegni, come ad esempio, reti metalliche o recinzioni in legno, alle quali i viticci delle foglie possono ancorarsi agevolmente.

Sostegni per rampicanti - Foto: ObiSostegni per rampicanti - Foto: Obi

Presso gli store di OBI si possono trovare strutture realizzate appositamente per le piante rampicanti, come la rete in polietilene da 0,5mx5m (11,95€) oppure, i tralicci fissi in legno ad arco e rettangolari (da 29,95€ e 49,95€).

La Gloriosa può essere posizionata in pieno sole o a mezz'ombra.

Quando la gemma non è ancora spuntata, la soluzione ideale consiste nel sistemare il vaso in modo che il terriccio rimanga sempre all'ombra. Dopo la nascita della pianta, è bene esporre alla luce del sole le parti verdi della stessa.


Preparazione del terreno drenante


La Gloriosa necessita di un terreno ben drenato, poiché non è resistente ai ristagni idrici (i principali nemici di tutti i bulbi).

Per preparare un terriccio adatto a questa pianta, occorre quindi utilizzare la pietra pomice o altri materiali drenanti, quali l'argilla espansa, la sabbia e la ghiaia, e mischiarli alla terra di cui si dispone.

CONSIGLIATO amazon-seller
COMPO Concime per Ciclamini e Bulbose
€ 7.1
invece di € 9.99 COMPRA


Per la coltivazione dei gigli rampicanti, è sufficiente usare un terriccio universale e arricchirlo con fertilizzanti biologici appositi, come ad esempio il prodotto Compo (specifico per bulbose) e il concime liquido Gesal, acquistabili su Amazon al costo rispettivo di 5,70€ e 10,99€.


Seminare e propagare la Gloriosa


Generalmente, per propagare la Gloriosa, è possibile impiegare i semi, oppure, suddividere il bulbo principale della pianta e i gambi.

Tepali colorati - Foto: PixabayTepali colorati - Foto: Pixabay

Dopo la morte dei fiori si può formare il frutto, il quale contiene, appunto, i semi.
Dato che la coltivazione dei semi è piuttosto complessa ed è necessario attendere alcuni anni per lo sviluppo del tubero, tendenzialmente, è più conveniente propagare la pianta dividendo il bulbo stesso.


Manutenzione della Gloriosa


Per la corretta manutenzione del giglio rampicante è necessario svolgere alcuni interventi specifici, come ad esempio, il taglio dei fiori secchi (in modo da irrobustire il tubero).

Inoltre, è opportuno innaffiare la Gloriosa regolarmente, soprattutto quando il terriccio è completamente asciutto, così da evitare i ristagni idrici.


Un altro metodo efficace per non rischiare di causare il marciume radicale della pianta, consiste nel non utilizzare i sottovasi e nell'impiegare contenitori forati.

riproduzione riservata
Gloriosa superba coltivazione e cura
Valutazione: 5.50 / 6 basato su 2 voti.
gnews

Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
346.610 UTENTI
SERVIZI GRATUITI PER GLI UTENTI
SEI INVECE UN'AZIENDA? REGISTRATI QUI
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img valeria.vitali.84
Buongiorno a tutti,avrei bisogno di qualche consiglio per il giardino, devo partire da zero, al momento si presenta invaso da erbe infestanti, qualche consiglio per...
valeria.vitali.84 31 Gennaio 2014 ore 20:24 1