Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Gatti liberi di circolare in condominio

NEWS Regolamento condominiale16 Agosto 2019 ore 10:11
La libera circolazione dei gatti in condominio è un fenomeno noto a tutti noi, per la loro natura. Vediamo i principali paletti normativi entro cui può muoversi

Gatti liberi in condominio


Una delle caratteristiche dei gatti è la libertà!

Circolano ovunque gli venga in mente, vanno avanti finché non li fermano elementi obiettivi, diciamo così, come può essere il vuoto quando sono in cima a un albero, tetto, etc.

Gatto su balcone in condominio
Per il resto si intrufolano ovunque in silenzio e con agilità. Non li fermano cornicioni, finestre aperte, etc. In altre società non sarebbero gli unici animali: in India ad esempio sui tetti potremo incontrare delle scimmie!

A noi bastano i gatti che, quindi, più di tutti gli animali domestici rappresentano l’istinto e lo stato libero e selvaggio.

Gatto e vaso rotto
Anche quando sono in cima a un lampadario del salotto, il loro piccolo-grande mondo resta libero e selvaggio. Il fatto che siano liberi, non vuol dire che siano nomadi; come vedremo, la stessa legge ha riconosciuto il loro attaccamento al territorio tutelando le c.d. colonie feline.

Insomma, piaccia o no, il gatto non si piega alla natura umana. Naturalmente, la legge, pur rispettando il loro senso di libertà e territorialità, non manca di tutelare interessi a queste superiori, per i casi in cui sai messa a rischio la salute umana, o si altri animai o in generale l’integrità di persone e cose.

Entriamo dunque nel vivo dell’argomento.


Gatti domestici e condominio


Come forse noto oramai a tutti, la legge di riforma del condominio (L. n. 220/2012) ha risposto a una delle questioni più dibattute dentro e fuori le aule di tribunale, quella relativa all’ammissibilità del divieto di animali domestici in condominio .

Sopperendo al silenzio del codice, che tante incertezze aveva creato, prevede testualmente al co.4 dell’art. 1138 c.c. che:

le norme del regolamento non possono vietare di possedere o detenere animali domestici (v. art. 1138, co. 5 c.c.).


La norma secondo la giurisprudenza non può essere aggirata dai condòmini nemmeno all’unanimità.


La tutela delle colonie feline


Il nostro ordinamento ha recepito negli ultimi anni la sempre maggiore sensibilità della società verso gli animali domestici; tra le tante norme che se ne sono occupate, qui citiamo la L. n. 281/1991.

Gatto su tetto in condominio
Tale testo normativo ha dato tutela alle colonie feline, cioè i gruppi più o meno numerosi nei quali i gatti vivono stanziandosi in un determinato territorio.

Per quanto qui interessa, la legge prevede che:

7. È vietato a chiunque maltrattare i gatti che vivono in libertà.
8. I gatti che vivono in libertà sono sterilizzati dall'autorità sanitaria competente per territorio e riammessi nel loro gruppo.
9. I gatti in libertà possono essere soppressi soltanto se gravemente malati o incurabili.
10. Gli enti e le associazioni protezioniste possono, d'intesa con le unità sanitarie locali, avere in gestione le colonie di gatti che vivono in libertà, assicurandone la cura della salute e le condizioni di sopravvivenza (art. 2 co.7-10, L. n. 281/1991).


La libertà dei gatti è quindi rispettata, anzi, in un certo modo tutelata ma nel rispetto della salute pubblica, certamente, oltre che del loro stesso gruppo.

La loro incolumità, al pari di tutti gli altri animali, è poi oggi tutelata da altre nuove norme quali quelle di cui al Tit. IX bis, del codice penale, intitolato:

Dei delitti contro il sentimento degli animali (Tit. IX bis c.p.)

introdotto dalla L. n. 189/2004 o quelle in materia di soccorso stradale nel Codice della Strada etc. Infine, per completare il quadro normativo, è importante andare a verificare cosa prevedono le normative locali.


Gatti randagi e condominio


Le colonie feline sono ammesse in condominio?

Secondo l’opinione prevalente, sì.

Ciò nel rispetto innanzitutto della noma di cui all’art. 1102, co.1 c.c., secondo cui:

ciascun partecipante può servirsi della cosa comune, purché non ne alteri la destinazione e non impedisca agli altri partecipanti di farne parimenti uso secondo il loro diritto (art. 1102, co.1, c.c.).


Ove la presenza dovesse arrecare disturbo o danno alla vita dei condòmini, potrà essere regolata o, nei casi più gravi, esclusa: l’assemblea o lo stesso amministratore a seconda delle competenze, potranno stabilire determinate norme che consentano il contemperamento degli interessi degli animali con quelli della salute e dell’ordine della vita in condominio.

Tale contemperamento non sempre si raggiunge con facilità; nei casi più gravi è possibile chiedere l’intervento del Sindaco, che potrà eventualmente emanare i provvedimenti che ritiene più utili; detti provvedimenti saranno a loro volta impugnabili davanti al tribunale amministrativo.

Per eventuali danni si potrà chiedere il risarcimento al responsabile in sede civile o penale a seconda dei casi.


Gatti liberi in condominio e danni


Se i gatti sono liberi di circolare, i loro padroni rispondono dei danni che i gatti producono vivendo la propria libertà.

Gatti liberi in condominio

Pensiamo ad esempio a casi come la rottura di vasi e i danni conseguenti a cose o persone (anche se in questo caso, bisogna ricordare che i vasi devono essere collocati in maniera sicura).

Pensiamo ancora ai danni provocati dall’urina del gatto agli indumenti stesi o ai problemi di igiene vari che possono essere provati dalla stessa urina o dalla sporcizia.

Naturalmente, il collegamento causale tra il danno e il comportamento del gatto o del suo responsabile, dev’essere provato.

Come i padroni dei gatti domestici, così anche coloro che si prendono cura di animali randagi possono essere chiamati a rispondere di eventuali danni: tale responsabilità come sempre va valutata a seconda del caso concreto.

L’obbligo del risarcimento del danno è previsto dalla norma generale sulla responsabilità civile da fatto illecito di cui all’art. 2043 c.c. secondo cui:

qualunque fatto doloso o colposo, che cagiona ad altri un danno ingiusto, obbliga colui che ha commesso il fatto a risarcire il danno (art. 2043 c.c.)

in caso di immissioni (quali rumori, esalazioni, scuotimenti etc.) intollerabili ex art. 844 c.c..

Inoltre, il codice prevede una forma speciale di responsabilità dei padroni per il danno causato degli animali, secondo cui:

Il proprietario di un animale o chi se ne serve per il tempo in cui lo ha in uso, è responsabile dei danni cagionati dall'animale, sia che fosse sotto la sua custodia, sia che fosse smarrito o fuggito, salvo che provi il caso fortuito (art. 2052 c.c.).


In sede penale, le responsabilità discendono da varie norme quali ad es. il disturbo delle occupazioni o del riposo delle persone (v. art. 659 c.p.), danneggiamento (v. art. 635 c.p.) etc.

Poi vi è l’illecito di omessa custodia e malgoverno di animali (v. art. 672 c.p.), ora depenalizzato.

riproduzione riservata
Articolo: Gatto libero in condominio
Valutazione: 6.00 / 6 basato su 4 voti.

Gatto libero in condominio: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
REGISTRATI COME UTENTE
309.202 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
Quanto costa, dove lo trovo? Sei un Azienda ? Pubblica i tuoi Prezzi Quì !
  • Adeguamento antincendio autorimesse Condominiali
    Adeguamento antincendio...
    250.00
  • Via di qui cani e gatti disabituante
    Via di qui cani e gatti...
    9.76
  • Progettazione di interni
    Progettazione di interni...
    300.00
  • Facciate condominio
    Facciate condominio...
    50.00
  • Telo copertura frangivista per ringhiera
    Telo copertura frangivista per...
    21.49
  • Robot aspirapolvere iRobot Roomba
    Robot aspirapolvere irobot roomba...
    288.98
Notizie che trattano Gatto libero in condominio che potrebbero interessarti


Regolamento condominiale contrattuale e posizione dell'inquilino

Regolamento condominiale - Il regolamento condominiale non dev'essere rispettato dall'inquilino se il proprietario non l'ha accettato o se non c'è uno specifico accordo

Regolamento di condominio e animali, cosa dice la Cassazione

Regolamento condominiale - È usuale che nei regolamenti condominiali ci si imbatta nella clausola che recita: vietata la detenzione di animali domestici. Un'indubbia limitazione del diritto d'uso della propria unità immobiliare.

È possibile la formazione di un regolamento condominiale giudiziale?

Regolamento condominiale - In questo articolo viene approfondita la questione relativa alla possibilità, per ogni condomino, di chiedere la formazione di un regolamento condominiale giudiziale.

Condominio 4.0: un convegno sulle nuove opportunità relative al mondo condominiale

Leggi e Normative Tecniche - Condominio 4.0: un convegno organizzato da Harley&Dikkinson a Roma per fare una analisi su tutte le opportunità lavorative relative alla gestione condominiale.

Lavori di ristrutturazione e consultazione del regolamento condominiale

Manutenzione condominiale - Se il condomino deve eseguire lavori di ristrutturazione della propria unità immobiliare, è bene che consulti il regolamento per conoscere eventuali divieti.

Animali in condominio: quali sono le regole da seguire

Regolamento condominiale - Quali regole presiedono alla tenuta degli animali in condominio? Quali le modifiche apportate dalla riforma? Vediamo qui il quadro normativo e giurisprudenziale.

Spese ascensore in condominio: spettano anche a chi abita al piano terra

Parti comuni - Suddivisione delle spese per la manutenzione e sostituzione dell'ascensore. Sono dovute anche da chi ha un locale o negozio con accesso diretto a piano terra.

Edificio e box autonomi, non sempre si può parlare di condominio

Assemblea di condominio - Edificio e boxes in condominio: quando si può parlare di unico complesso condominiale e quando invece sono entità autonome?

Revisione tabelle millesimali senza unanimità

Tabelle millesimali - Con la sentenza 18477 del 9 agosto delle sezioni unite della Cassazione sarà sufficiente la maggioranza in assemblea per avere la revisione delle tabelle millesimali.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img simonecet
Salve, scusate ho fatto un errore nel titolo ma non mi lascia correggerlo ora..una mia amica ha appena acquistato un appartamento in un condominio, e con sua delusione ha scoperto...
simonecet 20 Dicembre 2018 ore 14:18 8
Img feliceroma
Buon giorno a tutti, vorrei porvi un problema: il regolamento di condominio contrattuale può essere modificato a maggioranza?...
feliceroma 05 Agosto 2017 ore 13:21 1
Img mariaditomaso
Posseggo un appartamento al mare in un condominio formato da più corpi di fabbrica a schiera di numero di piani differenti (da 1 a 6).La coperture sono di vario tipo: in...
mariaditomaso 11 Febbraio 2014 ore 17:47 1
Img didy
Buongiorno,sono proprietario di una seconda casa situata in un complesso condominiale formato da tre edifici che si affacciano sulla piscina condominiale.La piscina ha quattro...
didy 29 Luglio 2015 ore 17:17 1
Img ivok
Salve,nel giugno 2013 ho affittato un piccolo locale di 30 mq. piano terra ad una paninoteca affiancata da altre 3 attività.Solo ora i condomini citano il regolamento...
ivok 01 Febbraio 2014 ore 18:10 2