Frazionamento e accorpamento sono manutenzione straordinaria

NEWS DI Catasto29 Settembre 2014 ore 11:41
Il Decreto Sblocca Italia ha modificato la definizione valida a livello nazionale di manutenzione straordinaria incorporando anche il frazionamento e l'accorpamento.

Definizione di manutenzione straordinaria


frazionemanto e accorpamentoIl Decreto Legge 133/2014 (il cosiddetto Sbocca Italia) ha introdotto un'importante modifica alla definizione di manutenzione straordinaria che compare all'articolo 3, comma 1, lettera b) del Testo Unico in materia edilizia, ossia il D.P.R. 380/2001. Tale modifica coinvolge in particolar modo gli interventi di frazionamento o accorpamento di unità immobiliari.

Cito la definizione di manutenzione straordinaria così come valeva fino all'entrata in vigore dello Sblocca Italia: [si intendono per manutenzione straordinaria] le opere e le modifiche necessarie per rinnovare e sostituire parti anche strutturali degli edifici, nonché per realizzare ed integrare i servizi igienico-sanitari e tecnologici, sempre che non alterino i volumi e le superfici delle singole unità immobiliari e non comportino modifiche delle destinazioni di uso.

regioniNella definizione riportata gli interventi di frazionamento e di accorpamento di unità immobiliari non rientravano perché tali da alterare volumi e superfici delle singole unità immobiliari.
Questi interventi venivano quindi qualificati come ristrutturazione edilizia.
O meglio, ciò avveniva nella maggior parte delle Regioni, poiché alcune di esse (come Lombardia, Veneto e in certi casi particolari Emilia Romagna), fruendo dei poteri conferiti alle Regioni in materia edilizia, avevano già legiferato sul proprio territorio inserendo il frazionamento e l'accorpamento negli interventi di manutenzione straordinaria.

Le differenze tra Regioni creava una disomogeneità sul territorio nazionale. In alcune di esse il frazionamento e l'accorpamento rientravano nella categoria della manutenzione straordinaria, godendo di una procedura burocratica semplificata, mentre in tutte le altre gli stessi interventi erano classificati come ristrutturazione edilizia, implicando un iter autorizzativo più articolato ed anche più dispendioso perché comportava il pagamento del contributo di costruzione (costo di costruzione + oneri di urbanizzazione primaria e secondaria).

Il Decreto Sblocca Italia ha fortunatamente risolto la disomogeneità territoriale integrando gli interventi di frazionamento e accorpamento di unità immobiliari nella definizione di manutenzione straordinaria valida a livello nazionale.

Cito ora la definizione di manutenzione straordinaria così come da nuove modifiche: [si intendono per manutenzione straordinaria] le opere e le modifiche necessarie per rinnovare e sostituire parti anche strutturali degli edifici, nonché per realizzare ed integrare i servizi igienico-sanitari e tecnologici, sempre che non alterino la volumetria complessiva degli edifici e non comportino modifiche alle destinazioni d'uso; nell'ambito degli interventi di manutenzione straordinaria sono ricompresi quelli consistenti nel frazionamento o accorpamento delle unità immobiliari con esecuzione di opere anche se comportanti la variazione delle superfici delle singole unità immobiliari nonché del carico urbanistico purché non sia modificata la volumetria complessiva degli edifici e si mantenga l'originaria destinazione d'uso.


Cosa comporta l'inserimento del frazionamento e accorpamento nella definizione di manutenzione straordinaria?


Alcune conseguenze di questa modifica sono già citate all'interno del Decreto Sblocca Italia. Innanzitutto una semplificazione delle procedure edilizie. Non è più necessario un permesso di costruire ma una pratica edilizia semplificata, come una Scia o una Cil, a seconda di cosa prevedono le singole Regioni per la manutenzione straordinaria.

Altra conseguenza è la riduzione degli oneri a carico dei proprietari. Non essendo più classificati come ristrutturazione, il frazionamento e l'accorpamento (sempre che i lavori non riguardino parti strutturali dell'edificio) pagheranno un contributo di costruzione commisurato all'incidenza delle sole opere di urbanizzazione. In pratica meno tasse rispetto a prima sulla pratica edilizia.

frazionamento villaLa semplificazione e la riduzione degli oneri faciliterà la vita soprattutto a chi ha messo in vendita quadrilocali e ville e non riesce a trovare acquirenti. Negli ultimi anni il mercato di queste tipologie di abitazione ha subito un drastico calo, mentre sopravvive meglio il mercato dei bilocali. Se non si riesce a vendere un quadrilocale o una villetta, può allora rivelarsi utile frazionare l'immobile in appartamenti più piccoli e più facilmente vendibili.

Abbiamo detto che la modifica della normativa inerente frazionamenti e accorpamenti porta certamente vantaggi ai proprietari. In alcuni casi esistono però anche degli svantaggi e questi riguardano l'applicazione dell'IVA qualora il frazionamento o l'accorpamento richiedano dei lavori edili.

Prima della modifica della normativa questi interventi (in quanto ristrutturazione edilizia) beneficiavano dell' IVA agevolata al 10% su tutto. Ora, trattandosi di manutenzione straordinaria, l'IVA agevolata al 10% continua ad essere applicabile, ma con alcune eccezioni.

manutenzione straordinariaSe la medesima ditta fornisce e posa i materiali, l'IVA è sempre al 10% su tutto.
Se invece i materiali e la posa sono fatturati da ditte diverse, l'IVA sui materiali è al 22%, mentre al 10% sulla posa.

A complicare le cose c'è poi l'installazione dei cosiddetti beni di valore significativo (ascensori e montacarichi, infissi, caldaie, videocitofoni, condizionatori, sanitari e rubinetterie, impianti di sicurezza), che nel caso di manutenzione straordinaria richiede l'applicazione dell'IVA in una modalità un po' particolare. Per un approfondimento in merito consiglio la lettura dell'articolo Beni di valore significativo, dove troverete alcune importanti informazioni.

A fronte di un'eventuale maggiorazione dell'IVA su alcuni lavori edili, possiamo però affermare che la modifica della normativa inerente il frazionamento e l'accorpamento porta sicuramente dei miglioramenti: omogeneità sul territorio nazionale, semplificazione delle procedure e riduzione degli oneri sulla pratica edilizia. Nella maggior parte dei casi la possibile maggiorazione dell'IVA sui lavori edili di cui abbiamo parlato non arriva a superare il risparmio ottenuto sugli oneri.
Quindi nel complesso si potrà riscontrare un vantaggio economico per i proprietari.

riproduzione riservata
Articolo: Frazionamento e accorpamento sono manutenzione straordinaria
Valutazione: 4.31 / 6 basato su 16 voti.

Frazionamento e accorpamento sono manutenzione straordinaria: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Notizie che trattano Frazionamento e accorpamento sono manutenzione straordinaria che potrebbero interessarti
Con lo Sblocca Italia rinnovare, frazionare o accorpare appartamenti è diventato più facile

Con lo Sblocca Italia rinnovare, frazionare o accorpare appartamenti è diventato più facile

Leggi e Normative Tecniche - Lo Sblocca Italia snellisce l'iter burocratico per chi intende realizzare opere edilizie su appartamenti esistenti ed anche per frazionamenti e accorpamenti.
Decreto Sblocca Italia

Decreto Sblocca Italia

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Sgravi fiscali per chi acquista casa per affittarla a canone concordato e misure per i lavori in casa, previsti nel Decreto Sblocca Italia approvato ieri in Senato.
Accorpamento di due unità immobiliari

Accorpamento di due unità immobiliari

Soluzioni progettuali - Se la famiglia si ingrandisce con l'arrivo di figli, la necessità di nuovi spazi può essere soddisfatta attraverso la fusione di due appartamenti adiacenti.

L'installazione di un condizionatore è sufficiente per avere diritto anche al bonus mobili?

Detrazioni e agevolazioni fiscali - L'installazione di una pompa di calore che comporta risparmio energetico può godere della detrazione sulle ristrutturazioni ed è presupposto per il bonus mobili

Unità immobiliare condominiale: frazionamento e vendita

Assemblea di condominio - I proprietari delle unità immobiliari hanno diritto a partecipare all'assemblea e la deliberazione assunta senza la loro convocazione è annullabile, in quanto risulta viziato.

Lavori in casa con una semplice comunicazione: facciamo chiarezza

Leggi e Normative Tecniche - È on line la campagna di comunicazione per informare i cittadini delle novità grazie alle quali sarà più veloce ed economico realizzare alcuni interventi edilizi.

Manutenzione straordinaria bagno: comprende anche l'installazione sanitari?

Leggi e Normative Tecniche - Dal Tar della Toscana arrivano importanti chiarimenti sulla possibilità o meno di considerare l'installazione di sanitari intervento di manutenzione straordinaria

Manutenzione Straordinaria

Restauro edile - Gli interventi di manutenzione straordinaria sono quelli necessari a rinnovare e sostituire parti anche strutturali o realizzare e integrare impianti e servizi igienici.

Opere edilizie: quali le differenze tra ristrutturazione e restauro?

Restauro edile - Ristrutturazione e restauro sono due categorie d'intervento distinte: la prima punta alla trasformazione, la seconda alla conservazione dell'organismo edilizio.
REGISTRATI COME UTENTE
295.627 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Manutenzione ordinaria e straordinaria bologna
    Manutenzione ordinaria e...
    35.00
  • Giunti Schluter-DILEX
    Giunti schluter-dilex...
    5.07
  • Ristrutturazione casa Bologna
    Ristrutturazione casa bologna...
    350.00
  • Manutenzione straordinaria casa Como
    Manutenzione straordinaria casa...
    269.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Inferriate.it
  • Officine Locati
  • Mansarda.it
  • Weber
  • Faidatebook
  • Black & Decker
  • Kone
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.