La crepa nel muro: quali possono essere le cause e come intervenire per consolidare?

NEWS DI Soluzioni progettuali17 Maggio 2018 ore 11:34
Le fondazioni possono avere problemi strutturali da risolvere rapidamente per non incorrere in danni ingenti; questi si rendono visibili attraverso crepe nei muri

Problema strutturale nelle fondazioni, come risolverlo


Le crepe nei muri, le porte e le finestre che non si chiudono più come allo stato originale, le lesioni nella pavimentazione o nei rivestimenti, spesso sono indice di cedimento delle fondazioni e di crisi strutturale dell'immobile.

Il problema del cedimento va diagnosticato, occorre analizzare e comprendere le cause che lo hanno generato, verificare se dipende dalla struttura dell'edificio oppure dall'interazione della stessa con il terreno su cui poggia.

Attraverso dei sopralluoghi, i tecnici di aziende specializzate possono provvedere subito ad acquisire tutti i dati disponibili e quelli progettuali, a compiere indagini geologiche, per cercare d'indidividuare la storia del dissesto.


Cedimenti in fondazione

Cedimenti in fondazione

Cedimenti in fondazione
Consolidamento fondazioni

Consolidamento fondazioni

Consolidamento fondazioni
Cedimenti differenziali

Cedimenti differenziali

Cedimenti differenziali
Consolidare con Systab

Consolidare con Systab

Consolidare con Systab
Esecuzione micropali in fondazione

Esecuzione micropali in fondazione

Esecuzione micropali in fondazione
Risanamento fondazioni con Systab

Risanamento fondazioni con Systab

Risanamento fondazioni con Systab
Consolidamento fondazioni

Consolidamento fondazioni

Consolidamento fondazioni
Consolidamento terreni e fondazioni

Consolidamento terreni e fondazioni

Consolidamento terreni e fondazioni

Attraverso un sopralluogo, esaminano il quadro fessurativo, elemento fondamentale per comprendere il cinematismo che si è verificato e che potrebbe essere ancora in atto, poi provvedono a integrare i dati disponibili qualora non fossero sufficienti, studiando ed elaborando un progetto di consolidamento con la possibilità d'intervenire attraverso iniezioni di resine e miscele consolidanti nel terreno, con micropali attivi a bassa invasività etc.

L'intervento di consolidamento viene eseguito da personale molto qualificato e da tecnici operativi sempre presenti sul cantiere; il piano di manutenzione dell'opera, inoltre, ha indicazioni puntuali sui tempi e modi per eseguire l'azzeramento del quadro fessurativo.


Come stabilizzare gli edifici che hanno subito un cedimento strutturale delle fondazioni


Stabilizzare
gli edifici che hanno subito un dissesto, ridando loro sicurezza, è possibile grazie all'esperienza dei tecnici professionisti di aziende come SYStab, che da anni si occupa di geotecnica e di tecniche innovative di consolidamento fondazioni.

Piastra di collegamento palo d'infissione
Si tratta di tecnologie all'avanguardia utili a ripristinare la sicurezza delle strutture interessate da cedimenti differenziali delle fondazioni, d'interventi mirati e di bassa invasività.

Sono soluzioni diverse secondo il tipo di applicazione, la causa emersa, le condizioni d'intervento e i limiti di operatività, il rapporto costi e risultati.


Quali sono le principali cause di cedimento e di una crepa nel muro?


La crepa nel muro spesso è un segno visibile di cedimento del terreno, in altre parole si tratta di cedimenti differenziali, di movimenti non omogenei della struttura che provocano dunque distorsioni e rotture sulle murature e sugli altri elementi della costruzione.

Alcune cause di dissesto riguardano proprio la distribuzione non omogenea dei carichi, i terreni eterogenei, la presenza di scavi in prossimità delle fondamenta, gli abbassamenti della falda acquifera, la presenza di pozzi, l'esecuzione di emungimenti localizzati.

Tra le altre cause ci sono le perdite di acqua dalla rete idrica e fognaria, la presenza di alberi con apparati radicali nelle vicinanze delle fondazioni, la presenza di nuovi carichi determinati dalla costruzione di nuovi edifici nelle vicinanze o la realizzazione di sopraelevazioni negli edifici esistenti, la presenza di terreni argillosi sensibili alle variazioni di umidità con ritiri e rigonfiamenti ciclici, di sovraccarichi localizzati, di movimenti di versante in zone collinari o montuose.

Tecnici SYSTAB
Nel caso si vogliano compiere delle sopraelevazioni e aumenti di carichi per modifiche strutturali o sovraccarichi localizzati, come accade ad esempio in ambito industriale o zone adibite a stoccaggio di materiali per la presenza di macchinari pesanti, è bene migliorare la portanza dei terreni e quindi affidarsi a validi ingegneri e geologi.

Un edificio deve mantenersi sano anche per resistere a eventi estremi come quelli legati al sisma, e quindi occorre eseguire interventi di manutenzione costante per evitare l'insorgere di problematiche oppure per limitarne l'entità, insomma per mantenere in sicurezza lo stabile.


Analisi strutturale e consolidamento delle fondazioni con resine espandenti


Uno dei sistemi per consolidare le fondazioni e il nodo terreno fondazione, è quello basato sull'uitlizzo delle resine espandenti, tecnologia adottata sia per gli edifici pubblici sia per quelli privati, per quelli di carattere industriale e storico.

Le resine espandenti sono ideali per recuperare gli edifici con cedimenti differenziali delle fondazioni, legati alla presenza di terreni argillosi e alle variazioni di umidità.

Servono a riempire le cavità sotterranee, a stabilizzare pavimenti industriali e non, a incrementare le caratteristiche geomeccaniche dei terreni in vista di sopraelevazioni, incrementi di carico e adeguamenti sismici.

Quelle utilizzate dalla SYStab sono resine bicomponenti molto espansive, che riempiono vuoti e cavità dovuti al dilavamento o essiccamento oltre che ritiro dei terreni argillosi, poi compattano il terreno con incremento della resistenza meccanica, impermeabilizzano e separano l'acqua, riattivano la fondazione, ripristinano il corretto appoggio della superficie fondale sul terreno ottimizzando la distribuzione dei carichi in modo omogeneo.


L'iniezione e il consolidamento con resine avvengono a lenta espansione cioè con tempi di reazione superiori al minuto e mediante l'esecuzione di piccoli fori con diametro massimo di 25 mm.

La sostanza espandente attraversa quindi tutto lo strato della fondazione fino a raggiungere il piano di appoggio, luogo dove è predisposto il tubicino d'iniezione.

L'azione espandente della resina si diffonde nel terreno con un raggio di azione consolidante di circa 1.5 m. L'intera fase è monitorata con livelli laser per la verifica delle controspinte e dei sollevamenti bilanciati.


Verifica strutturale e consolidamento delle fondazioni con micropali


Il consolidamento delle fondazioni con micropali si adotta nel momento in cui il dissesto aggrava in modo rilevante la struttura e soprattutto quando le condizioni geotecniche fanno abbandonare il funzionamento a fondazione diretta.

È un sistema che consente di trasferire il carico della struttura, o parte di esso, a terreni stabili in profondità, a grandi volumi di terreno per i quali non si potrebbero ricorrere alla resina giacché si avrebbe bisogno di una quantità elevata di materiale con costi elevati e risultati non certo affidabili.

Consolidamento delle fondazioni, by SYSTAB
Per problematiche di maggiore entità, quindi, si ricorre al consolidamento con micropali di acciaio che riattivano la fondazione cercando di sollevare e recuperare il cedimento, ridurre l'invasività al minimo senza apportare alcuna vibrazione dannosa oppure nessuna estrazione del terreno.

I micropali precaricati Systab Srl sono caratterizzati da un sistema modulare di pali attivi composti di elementi in acciaio ad alta resistenza S355 infissi nel terreno a pressione, con idonei martinetti idraulici, diametro variabile tra i 76 e i 114 mm.

Lo spessore è di 8 mm, sono possibili anche altri spessori se necessari, la lunghezza del palo è in funzione delle condizioni geotecniche e in base alle esigenze del progetto.

Soluzioni d'avanguardia SYSTAB
I micropali hanno l'innesto tra i moduli per l'avvitamento, sono elementi filettati, c'è un collegamento tra il palo e la struttura mediante piastre di acciaio, tasselli chimici oppure meccanici, bulloni di acciaio ad alta resistenza.

I pali a vite con eliche discontinue sono per condizioni geologiche particolari, situazioni in cui il semplice palo pressoinfisso può non essere idoneo oppure essere insufficiente, condizioni in cui è necessario realizzare fondazioni profonde per nuove costruzioni e in tempi molto rapidi.

È una tecnica attiva dotata di sistema modulare di pali in acciaio S460NH composti da una batteria di elementi infissi nel terreno secondo rotazione, movimento che fa sì che il palo si avviti nel terreno, senza estrazione di terreno grazie all'ausilio di motori idraulici installati su macchine operatrici compatte.

Palo a vite elica discontinua
L'elemento di punta ha una o più eliche discontinue, secondo il tipo di applicazione, difatti quelle particolari possiedono estensioni successive caratterizzate pure da eliche.

Il diametro delle eliche varia da 300 a 350 mm circa, la forma e il passo non arrecano disturbo al terreno durante l'infissione del palo; il diametro del palo standard è di 76 mm, lo spessore è pari 8-16 mm, la lunghezza varia in funzione delle condizioni geotecniche e delle esigenze di progetto.

L'innesto tra i moduli avviene per bullonatura, il collegamento del palo alla struttura è fatto con piastre di acciaio, tasselli chimici o meccanici, bulloni di acciaio ad alta resistenza.

Il palo può essere rimosso dal terreno, la reversibilità del palo è completa, il sistema è idoneo per strutture temporanee in zone vincolate.


Fondazioni problemi strutturali e soluzioni: la Redazione consiglia

Come risolvere i problemi strutturali nelle fondazioni


Logo SYSTABSe la casa evidenzia crepe nei muri, si consiglia di prendere contatto con l'azienda Systab Srl specializzata nel consolidamento dei terreni e delle fondazioni.

L'intervento è studiato su misura, secondo il tipo di problematica presente, con la tecnologia più adatta alla circostanza al fine di raggiungere risultati duraturi, poco invasivi e con costi contenuti.

Le soluzioni proposte sono rapide, eseguite da un team di geologi e ingegneri qualificati che intervengono subito facendo un sopralluogo gratuito, analizzando il problema e proponendo alla committenza il rimedio migliore.

riproduzione riservata
Articolo: Fondazioni: problemi strutturali e soluzioni
Valutazione: 5.50 / 6 basato su 12 voti.
SYStab è specializzata in consolidamento delle fondazioni e recupero di edifici lesionati da cedimenti del terreno. Opera con soluzioni a bassa invasività mediante iniezione di resine espandenti e/o micropali precaricati in acciaio.

Fondazioni: problemi strutturali e soluzioni: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Notizie che trattano Fondazioni: problemi strutturali e soluzioni che potrebbero interessarti
Il problema delle crepe nei muri: ecco come risolverlo

Il problema delle crepe nei muri: ecco come risolverlo

Restauro edile - Le crepe nei muri sono un grande problema sempre più diffuso. Le soluzioni di SyStab sono un sistema valido e poco invasivo per mettere in sicurezza un edificio
La tecnologia dei micropali per consolidare il terreno di fondazione

La tecnologia dei micropali per consolidare il terreno di fondazione

Soluzioni progettuali - I micropali sono un metodo poco invasivo per consolidare simultaneamente terreni e fondazioni, facendo uso di iniezioni a base di cemento o di resine espandenti
Le resine espandenti, un'ottima soluzione per consolidare le fondazioni

Le resine espandenti, un'ottima soluzione per consolidare le fondazioni

Restauro edile - Le iniezioni con resine a lenta espansione proposte da SYSTAB sono una soluzione efficiente e poco invasiva per risolvere i problemi di cedimenti in fondazione.

Crepe sotto controllo

Ristrutturazione - Il monitoraggio è il metodo migliore per individuare le cause di una fessura, ed è l'unico mezzo per conoscerne con certezza i movimenti e prevederne l'evoluzione.

Crepe nei muri: come riconoscerle e intervenire con tempestività

Restauro edile - Crepe nelle murature: quali tipologie di lesioni esistono e a cosa sono dovute. Uretek ci spiega quando queste fessure sono pericolose e in che modo intervenire

Riparare l'intonaco dei muri esterni

Fai da te Muratura - I muri esterni possono presentare crepe di diversa gravità: quelle non strutturali possono venire riparate in modo tale da rendere l'intervento completamente invisibile.

Monitoraggio crepe

Ristrutturazione - Come intervenire in caso di individuazione di crepe e fessure sui muri, utilizzando spie di monitoraggio per il controllo dell'andamento nel corso del tempo.

Cause di degrado nei muri a secco

Ristrutturazione - Spesso si assiste al crollo di muri perimetrali o di terrazzamenti fatti da rocce sciolte, molteplici le cause, ecco alcuni esempi e alcune valide indicazioni.

Risolvere il problema del cedimento dei terreni

Restauro edile - In edifici anche recenti possono manifestarsi crepe sui muri e su pavimenti dovuti a cedimenti differenziali verticali del terreno sottostante alle fondazioni.
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.