• progetto
  • cadcasa
  • ristrutturazione
  • caldaia
  • clima
  • forum
  • consulenza
  • preventivi
  • computo
  • mercatino
  • mypage
madex

Fiori di lillà: consigli per la cura e la coltivazione

I lillà sono fiori estremamente scenografici e molto profumati. Ecco una guida pratica con utili consigli per coltivare e curare al meglio la pianta di lillà
Pubblicato il

Caratteristiche della pianta di lillà


Il Lillà è un arbusto proveniente dall'Asia settentrionale e dall'Europa.

Dall'aspetto un po' vintage, il lillà viene spesso coltivato per l'inconfondibile e delicata bellezza dei suoi fiori. Abbellisce parchi e giardini, conferendo un tocco di naturale eleganza e raffinatezza.
I suoi fiori profumati vengono anche spesso utilizzati per realizzare composizioni floreali per matrimoni.

Coltivato in piena terra, il lillà può raggiungere i 5 metri d'altezza.

I fiori di lillà si presentano riuniti in pannocchie di vario colore.
La varietà più diffusa è quella lilla, viola chiaro. Ma esistono anche specie dai fiori bianchi, rosa, gialli e rossi.

I fiori di gran parte delle varietà sono molto profumati.


Dove è consigliabile coltivare la pianta di lillà


I fiori di lillà sono particolarmente indicati per riempire di colore giardini e aiuole.

L'ideale è coltivare i fiori di lillà direttamente a terra, prediligendo una zona ben soleggiata, anche se sopportano bene perfino le aree a mezz'ombra.

Coltivazione lillà - Foto PixabayColtivazione lillà - Foto Pixabay

Per quanto riguarda il clima, si tratta di una pianta molto robusta che resiste sia al caldo che al freddo.


Quando si semina il lillà


Questa pianta cresce bene sia in piena terra che in vaso.

Il periodo ideale per procedere con la messa a dimora è ottobre, un periodo in cui le temperature non sono ancora fredde e la pianta ha così tempo e modo di sviluppare le nuove radici prima del sopraggiungere della primavera.


Consigli per la cura dei lillà


La pianta dei lillà è un arbusto piuttosto rustico e resistente.
Si tratta quindi di una pianta piuttosto facile da coltivare proprio perché poco esigente.

Il terreno ideale è fertile e profondo, in grado di trattenere l'umidità, e meglio se calcareo e con livello di pH neutro.

Cura dei lillà: pianta poco esigente - Foro PixabayCura dei lillà: pianta poco esigente - Foto Pixabay

In genere, per quanto concerne l'apporto idrico, per questa specie botanica è sufficiente l'acqua piovana. Tuttavia, specie nei periodi di caldo torrido, è consigliato annaffiarla una volta ogni 7-8 giorni.

Per la coltivazione in vaso, è bene optare per le varietà nane.
Vanno sempre posizionate in zone soleggiate e ben luminose, e irrigate un po' più spesso, ma solo quando il terreno risulta ben asciutto.

I lillà in vaso vanno rinvasati ogni 3 anni circa.

Concimazione e potatura


A fine inverno, è bene somministrare del concime granulare a lenta cessione, da mettere alla base dell'arbusto in modo che si rinforzi.

In inverno bisogna eliminare i succhioni e le parti della pianta che risultano deboli o danneggiate, recidendola alla base.

I lillà non necessitano di una vera e propria potatura - Foto PixabayI lillà non necessitano di una vera e propria potatura - Foto Pixabay

Durante la primavera e l'estate, invece, occorre diradare i rami eccessivamente fitti e fare spesso delle cimature così da facilitare l'emissione di nuove gemme.

Inoltre, è anche consigliato spuntare i germogli troppo lunghi.


La pianta di lillà viene spesso attaccata dai batteri che fanno annerire e poi seccare le foglie. Non appena si notano delle macchie brune, è bene intervenire con apposite disinfestazioni.


Come si riproduce la pianta di lillà


I lillà si possono riprodurre in vari modi.

Le tecniche più diffusamente utilizzate sono le talee legnose, da eseguire nel pieno della stagione estiva, e la divisione dei polloni, che si può eseguire in qualsiasi stagione, a esclusione del periodo della fioritura.

CONSIGLIATO amazon-seller
Terriccio piante fiorite
€ 7.65
COMPRA


Molto meno diffusa e sconsigliata è la moltiplicazione per seme, in quanto richiede anni prima di vedere comparire la prima fioritura.


In che mese fiorisce il lillà


La fioritura dei lillà raggiunge il suo culmine nel pieno della primavera, nei mesi di aprile e maggio. I fiori di lillà sono molto scenografici, oltre che molto profumati.

Fioritura dei lillà - Foto PixabayFioritura dei lillà - Foto Pixabay

Si presentano raggruppati in grappoli piramidali. Questi possono essere singoli o doppi, più o meno densi. Il colore più comune è il violetto ma, a seconda della varietà, ne esistono anche bianchi, rosa e rosso.


Quanto durano i fiori di lillà


Nonostante l'indiscutibile bellezza scenografica, purtroppo, i fiori di lillà durano molto poco: appena una decina di giorni. Se poi, malauguratamente dovesse piovere, la sfioritura viene anche anticipata.


Varietà dei fiori di lillà


Vi sono più di 30 specie di lillà e, dai loro incroci, sono derivate tante altre varietà e ibridi. Le varietà principali sono le seguenti:

  • Syringa Vulgaris: varietà di dimensioni importanti con fiori, semplici o doppi, molto profumati. Fiorisce da aprile a maggio;

  • Syringa Villosa: varietà originaria della Cina con fiori bianco-viola disposti in una pannocchia piramidale, che fanno la loro comparsa a inizio giugno;

  • Syringa reticolata: originaria del Giappone del nord, questa varietà è caratterizzata da fiori bianchi gradevolmente profumati. Riuniti in pannocchie, compaiono a inizio estate;

  • Syringa Tinkerbell: varietà nana con fiori rosa molto profumati che sbocciano verso la fine della primavera;

  • Syringa Reflexa: varietà dai fiori con un odore assai sgradevole.


Significato dei fiori di lillà


Nel linguaggio dei fiori, il significato dei lillà cambia a seconda del colore dei fiori.

Il comunissimo viola simboleggia l'innamoramento ma anche la rottura di un fidanzamento. Il bianco invece è simbolo di purezza e innocenza.

Lillà: fiori pieni di significato - Foto PixabayLillà: fiori pieni di significato - Foto Pixabay

Un'antica leggenda narra che i fiori di lilla erano il luogo dove le fate erano solite riunirsi. E quando le fate avvertivano dei presagi negativi, piantavano dei fiori di lillà per tenere lontano il male e ripristinare pace e serenità.


Cosa fare con i fiori di lillà


Nei tempi antichi, si riteneva che i fiori di lillà possedessero importanti qualitá terapeutiche e curative.

Nello specifico, a questi fiori venivano riconosciute proprietà febbrifughe, così come anche il potere di alleviare il mal di stomaco e i problemi digestivi in genere.
Con l'olio ricavato dalla macerazione dei fiori si curavano anche i reumatismi.

I fiori di lillà possono essere usati in cucina. Indicati per preparazioni sia dolci che salate, hanno un gusto leggermente agrodolce, tendente all'agrumato.

In cucina sono perfetti nelle creme e si abbinano molto bene ai formaggi morbidi e delicati tipo la ricotta. Infine, si possono usare anche per creare sciroppi molto profumati da usare sui dolci anche a scopo decorativo.

riproduzione riservata
Fiori di lillà, guida alla coltivazione e cura
Valutazione: 5.75 / 6 basato su 4 voti.
gnews

Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
346.619 UTENTI
SERVIZI GRATUITI PER GLI UTENTI
SEI INVECE UN'AZIENDA? REGISTRATI QUI