• progetto
  • cadcasa
  • ristrutturazione
  • caldaia
  • clima
  • forum
  • consulenza
  • preventivi
  • computo
  • mercatino
  • mypage
madex

Il filadelfo: come prendersi cura del fiore dell'angelo

Noto anche come Gelsomino della Madonna o fiore dell'angelo, Il filadelfo è una pianta comune, eppure profumatissima e molto decorativa: ecco come prendersene cura
Pubblicato il

Il filadelfo: un ornamento per giardino o balcone


Molti lo conoscono come Fiore d'angelo, o gelsomino della Madonna: il Filadelfo adorna i giardini o i balconi, con i suoi fiori bianchi e delicati.

Si tratta infatti di una pianta arbustiva ornamentale perenne, originaria dell'Europa, dell'Asia e del Nord America.
Il filadelfo può raggiungere fino a due metri di altezza e si presenta con un portamento eretto, foglie dalla forma ovale e fiori bianchi.


I fiori del Filadelfo


Un perfetto candore contraddistingue i fiori dell'angelo, che sono di color bianco neve, hanno una forma a coppa e sono profumatissimi.

Iniziano a fiorire nei primi giorni d'estate e il loro profumo si spande nell'aria, intenso e persistente.

I fiori del filadelfo sono bianchissimi
La corolla è formata da 4 petali lobati, mentre il calice si compone di 4 sepali verdi. Questo fiore presenta dei frutti, piccolissime capsule che contengono dei semi scuri.


Diverse varietà di filadelfo


Il filadelfo si può trovare in diverse varietà: oltre al tradizionale Philadelphus coronarius, quello che cresce spontaneo, vi sono infatti diverse specie ibride.

Ecco le principali.

Il Philadelphus Belle Etoile


Questa varietà di filadelfo è ibrida e può raggiungere fino a 3 metri di altezza.
Fiorisce in primavera, producendo fiori profumatissimi, dai petali bianco-dorati.
Vive bene in pieno sole, con un terreno ben drenato.

È ideale per realizzare siepi fiorite, ma anche come pianta ornamentale per il giardino.

Philadelphus Virginalis


Un altro ibrido piuttosto comune è il Philadelphus Virginalis: si caratterizza per delle foglie caduche e può raggiungere i due metri in altezza.

Fiorisce nel mese di maggio, coprendosi di fiori bianchi, dal profumo intenso, semidoppi o doppi e con una corolla a scodella.

Il filadelfo virginalis
Si tratta di una specie che richiede scarsa manutenzione, e quindi facile da coltivare un po' ovunque. Preferisce il pieno sole, ma vive senza problemi anche in penombra.

Philadelphus Manteau d'Hermine


Questa varietà del filadelfo ha un portamento eretto e compatto ed è alta circa un metro. Le sue foglie sono più piccole del philadelphus tradizionale e hanno un colore verde chiaro. Anch'esso fiorisce a maggio, è resistente anche alle basse temperature e si adatta bene a ogni tipo di terreno.


La coltivazione del philadelphus coronarius


Il philadelphus coronarius non ha particolari esigenze ambientali, tuttavia riesce a esprimersi al meglio in posizioni soleggiate o di penombra.

Importante curare il terreno in cui mettere a dimora il filadelfo
Si adatta facilmente a qualsiasi tipo di terreno, ma dovrà essere ben drenato e ricco di sostanze organiche.

Generalmente si accontenta dell'acqua piovana, ma nei periodi di siccità prolungata la pianta va irrigata con costanza e abbondanza, specie durante la fioritura.

Da non dimenticare, infine, la concimazione, che va fatta in autunno e primavera, utilizzando un concime granulare per piante verdi fiorite.


Fiori della Madonna in vaso


Il Filadelfo può essere anche coltivato in vaso. In questo caso serve una maggiore attenzione alle caratteristiche ambientali. Innanzitutto servirà un terreno soffice e ben drenato, e la pianta andrà irrigata ogni tre settimane.

Per quanto riguarda il concime, ne basterà uno basico, liquido, oppure qualcosa a lento rilascio, che consenta uno sviluppo rigoglioso e compatto della pianta.

Il filadelfo può essere coltivato anche in vaso
Il vaso dovrà essere largo e avere una profondità minima di 50 centimetri.

Sul fondo, per un drenaggio ottimale, è consigliabile cospargere uno strato di ghiaia o di perlite. Quindi si procederà con il terriccio.
A questo punto si può fare l'invasatura, bagnando abbondantemente il terreno.

La manutenzione del filadelfo in vaso si completa a fine estate, dopo la fioritura, mescolando del concime, stallatico o cornunghia, per migliorare la fioritura.
La stessa operazione dovrà essere fatta all'inizio della primavera.


La moltiplicazione del Filadelfo


Il filadelfo si riproduce diversamente a seconda che sia appartenente a una specie spontanea oppure ibrida.

Il filadelfo si può riprodurre in diversi modi
Nel primo caso la riproduzione avviene infatti per seme, nel secondo mediante talea.

Riproduzione attraverso la semina


Per riprodurre il Fiore dell'angelo attraverso la semina si dovranno mettere i semi a germinare in un substrato di terreno soffice, mescolato a torba, che andrà mantenuto costantemente umido finché non compariranno le nuove piantine.

Il filadelfo si può riprodurre con i semi
Una volta che quest'ultime saranno cresciute a sufficienza andranno trasferite in vasi singoli, dove andranno coltivate per un anno. Dopo la messa a dimora definitiva, inizieranno a produrre fiori dopo il terzo anno di vita.

La propagazione per talea dei fiori della madonna


I fiori della madonna si possono riprodurre, come detto prima, anche per talea, allo scopo di ottenere nuovi esemplari ibridi. Si dovranno utilizzare talee di legno tenero, dalla lunghezza variabile tra gli 8 e i 12 centimetri.



Andranno prelevate in estate dalla pianta principale e dovranno essere messe a radicare all'interno di un miscuglio composto da sabbia e torba, in parti uguali.

Il cassone andrà posto in un luogo chiuso. Le talee che hanno attecchito potranno essere messe a dimora definitiva dopo un anno.


Quando e come fare la messa a dimora del philadelphus


Il fiore dell'angelo va messo a dimora definitiva in periodi ben specifici, ossia in autunno o in primavera. Si dovrà scavare una buca di circa 40 cm che dovrà essere ben drenata sul fondo. Quindi la pianta andrà posizionata all'interno, avendo cura di separare bene le radici.

Il terreno del filadelfo va irrigato abbondantemente
Gli spazi vuoti, fino all'altezza del colletto, andranno riempiti con terriccio di scavo, a cui andrà aggiunto del concime organico. Si dovrà quindi compattare bene il tutto e irrigare abbondantemente.


La potatura del filadelfo


Ogni anno il filadelfo dovrà essere potato. In che modo?
Basterà accorciare i rami più lunghi, naturalmente subito dopo la fioritura.

Non è tutto: alla fine dell'inverno è fondamentale recidere i rami vecchi e quelli che risultano danneggiati dal freddo, in modo da dare nuovo vigore alla pianta.

Il filadelfo va potato con cura
Importante: nella stagione fredda potrebbe essere utile proteggere la pianta alla base con pacciamatura di foglie secche, sebbene il fiore della Madonna sia una pianta che sopporta bene i rigori dell'inverno. Si tratta di un'attenzione in più sicuramente utile.


Malattie e parassiti del filadelfo: quali sono e come intervenire


Come ogni pianta anche il filadelfo ha i propri nemici naturali: questa pianta teme gli afidi nei periodi più caldi e umidi, ma può essere soggetto anche a dei funghi, come oidio o mal bianco, che tende a soffocare le foglia producendo degli ammassi biancastri e polverosi.

Come intervenire?
Si possono effettuare in primavera, prima della fioritura, dei trattamenti preventivi antifungini e antiparassitari.

filadelfo , fiore dell'angelo , philadelphus , giardino
riproduzione riservata
Filadelfo consigli di coltivazione e cura
Valutazione: 5.00 / 6 basato su 1 voti.
gnews

Filadelfo consigli di coltivazione e cura: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Giada
    Giada
    Mercoledì 8 Marzo 2023, alle ore 09:38
    Adoro questi fiori, hanno un profumo buonissimo.
    Mi piacerebbe metterli in giardino a ridosso della cancellata, come una siepe.
    Dite che si può fare?
    rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
346.241 UTENTI
SERVIZI GRATUITI PER GLI UTENTI
SEI INVECE UN'AZIENDA? REGISTRATI QUI