Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Fare causa al condominio

NEWS Condominio16 Marzo 2010 ore 14:31
Può accadere, e non è raro, che non sia il condominio a dover iniziare una causa bensì che la compagine condominiale sia citata in giudizio da chi ritiene leso un proprio diritto
condominio , condomini , codice penale
Può accadere, e non è raro, che non sia il condominio a dover iniziare una causa bensì che la compagine condominiale sia citata in giudizio da chi ritiene leso un proprio diritto.CausaPer chiarire la questione è necessario dare risposta ad alcuni interrogativi:a)che significa fare causa al condominio?b)chi può fare causa al condominio?c)chi deve essere citato in giudizio?Partiamo dal primo quesito.La risposta, tanto semplice quanto giusta, ci porta a dire che fare causa al condominio significa agire per sentire accolta la propria domanda in relazione ad una questione inerente la gestione e conservazione delle cose comuni.Le ragioni alla base della stessa possono essere le più varie: ottenere un risarcimento quale conseguenza del danno causato dalle parti comuni, sentirsi riconosciuta la proprietà di una cosa che il condominio ritiene parte comune dello stabile, far rispettare un contratto ecc.È fondamentale sottolineare un elemento: agire contro il condominio, ad oggi vuol dire chiamare in giudizio i singoli condomini in persona del legale rappresentante degli stessi, ossia l'amministratore.Come la giurisprudenza ha evidenziato, infatti, il condominio non è soggetto di diritto: esso non può configurarsi nemmeno come ente di gestione e l'amministratore rappresenta immediatamente i singoli partecipanti, nei limiti del mandato conferito secondo le quote di ciascuno (Cass. SS.UU. n. 9148/08).Da un punto di vista prettamente giuridico ciò vuol dire che le conseguenze dell'azione giudiziaria, siano esse favorevoli o contrarie per il sodalizio condominiale, producono effetti direttamente nei confronti dei singoli comproprietari non esistendo un soggetto giuridico che prende il nome di condominio.L'azione contro il condominio, o meglio contro i condomini per questioni inerenti le parti comuni, può essere iniziata da chiunque.CausaCosì potrà essere uno stesso condomino, il quale, ad esempio, reclama la proprietà esclusiva di una cosa che, invece, l'assemblea condominiale ritiene comune, ad agire contro i suoi vicini.Allo stesso modo non v'è ragione d'escludere che possa essere un estraneo a far causa al condominio.L'azione può trovare la propria ratio giustificativa in un rapporto contrattuale (si pensi all'appaltatore che agisce per il recupero dei crediti vantati in relazione al lavori svolto) o, più semplicemente, nella violazione del così detto principio del neminem laedere, ossia nell'ambito della responsabilità extracontrattuale (si pensi alla persona che scivola sulle scale condominiali, riportando lesioni).L'individuazione della persona da citare in giudizio è cosa importante, anzi fondamentale, ai fini di una corretta instaurazione del contraddittorio.Al riguardo è necessario distinguere i casi in cui si dovrà individuare tale soggetto nell'amministratore di condominio da quelli in cui, invece, indipendentemente dalla presenza di questa figura, è necessario chiamare in causa direttamente i condomini.La differenza a livello generale è la seguente: bisognerà sempre citare in giudizio i condomini quando la questione è relativa a problematiche inerenti la proprietà delle parti comuni (si pensi a chi chiede l'accertamento delle proprietà esclusiva di una parte di cortile).Per le questioni inerenti, invece, la gestione e conservazione delle parti comuni dello stabile sarà sufficiente chiamare in causa l'amministratore: non si tratta di un'individuazione obbligatoria poichà si può comunque agire direttamente contro (tutti) i condomini.Vale la pena, infine, domandarsi che cosa accade se si deve agire per questioni attinenti alla gestione delle parti comuni ma il condominio non ha l'amministratore.Al riguardo le soluzioni sono due:a)chiamare i causa direttamente tutti i condomini;b)ai sensi dell'art. 65 disposizioni di attuazione del codice civile richiedere la nomina di un curatore speciale ai sensi dell'art. 80 Cod. Proc. Civ.È evidente che l'individuazione di una figura unica (l'amministratore o come in quest'ultimo caso un curatore) piuttosto che l'azione contro tutti, sia di grande vantaggio in termini di razionalità del giudizio e, non meno importante, di costi per intraprenderlo.
riproduzione riservata
Articolo: Fare causa al condominio
Valutazione: 3.20 / 6 basato su 5 voti.

Fare causa al condominio: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Mariangela Morriello
    Mariangela Morriello
    Giovedì 9 Febbraio 2012, all or 16:23
    Io ho un'attivita' commerciale in una palazzina con 4 inquilini. da molto tempo mi impediscono di svolgere la mia attivita' in tranquillita',ostacolandomi in qualsiasi cosa. Cosa posso fare per far valre i miei diritti da affittuario del locale? A cosa mi posso appellare? Ne va della mia salute....attendo consiglio ,grazie
    rispondi al commento
  • Riccardo Locatelli
    Riccardo Locatelli
    Mercoledì 3 Agosto 2011, all or 17:42
    Il condominio dove risiedo è stato citato in causa da un condomino perché secondo lui le fioriere soprastanti il suoappartamento, che sono di proprietà di un altro condomino, provocano l'insorgere di muffa sulle pareti delle sue stanze. Dovendosi il condominio difendere, abbiamo commissionato perizie di esperti e patrocinazioni da avvocati. Il condomino citante è obbligato anche lui alla partecipazione di tali spese di professionisti, essendo anche lui parte del condominio???Grazie
    rispondi al commento
  • Mario
    Mario
    Domenica 20 Febbraio 2011, all or 23:24
    Dovrei intrapendere un causa contro il mio condomio per il seguente motivo, violazione e falsa applicazzione del codice civile ed violazione del regolamento di condominio contrattuale. volevo sapere i costi per affrontare la causa
    rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
Sostieni Lavorincasa
REGISTRATI COME UTENTE
319.088 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Fare causa al condominio che potrebbero interessarti


Scegliere il difensore del condominio

Condominio - Il condominio, inteso quale gruppo di persone che hanno una serie di beni in proprietà comune, può essere parte in causa in un procedimento giurisdizionale

Appartamento in comunione, chi convocare in assemblea?

Condominio - Un appartamento,in comunione,ubicato in condominio dà diritto a tutti i comproprietari di ricevere l'avviso di convocazione dell'assemblea?

Divisione del condominio

Condominio - La legge consente, in determinate condizioni, di dividere il condominio esistente in più parti che per caratteristiche strutturali possono poi costituirsi in autonomi condomini.

Spese ascensore in condominio: spettano anche a chi abita al piano terra

Parti comuni - Suddivisione delle spese per la manutenzione e sostituzione dell'ascensore. Sono dovute anche da chi ha un locale o negozio con accesso diretto a piano terra.

Sbattere la tovaglia in condominio può portare ad una condanna penale?

Condominio - Sbattere la tovaglia dalla finestra è cosa che può essere vietata dai regolamenti condominiali e comunali ma non da ritenersi è reato penale.

La legittima difesa in casa è legge dopo l'approvazione del Senato

Leggi e Normative Tecniche - Via libera definitivo alla legittima difesa che ha avuto l'approvazione anche del Senato. La nuova formulazione dell'articolo 52 del codice penale. Ecco le novità

Codice fiscale del condominio

Ripartizione spese - Il condominio, al pari di qualunque altra organizzazione di persone, è tenuto a richiedere all'amministrazione finanziaria l'attribuzione di un codice fiscale.

Detrazione fiscale per la ristrutturazione dei condomini minimi

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Nella risoluzione n. 74/E l'Agenzia delle Entrate chiarisce che nel caso di condomini minimi, per fruire della detrazione per ristrutturazione occorre il codice fiscale.

La nomina del curatore speciale del condominio

Liti tra condomini - La questione della nomina del curatore speciale del condominio, è strettamente connessa con le liti che interessano la compagine condominiale.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img kito
Salve a tutti,qualcuno sa come si ripartisce correttamente la bolletta dei consumiidrici?C'è qualche software o foglio di calcolo in Excel?Grazie.So che è compito...
kito 12 Giugno 2006 ore 07:41 9
Img lmontuschi
Ciao!ho comprato un appartamento in un condominio composto da :6 appartamenti ... i proprietari sono 5.sotto ci sono 2 negozi di un altro proprietario ...è obbligatorio...
lmontuschi 04 Luglio 2006 ore 13:12 7
Img robbie1956
A corredo del mio appartamento vi è già un garage detenuto in proprietà indivisa con altro condomino.L'accesso al box con una autovettura, anche piccola,...
robbie1956 25 Luglio 2007 ore 07:03 5
Img luma18
Buon giorno, chiedo consulenza a questo proposito. Abitavo (perché ora la mia casa è in vendita) in un appartamento composto da 4 unità abitative...
luma18 17 Marzo 2020 ore 13:33 8
Img gabrielee
Spiego il più brevemente e chiaramente possibile la situazione. Entro nell'appartamento sabato 1/2/2020. Mi accorgo subito la sera stessa che il citofono non funziona.
gabrielee 20 Marzo 2020 ore 14:30 1