Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Riscaldare la casa con i fancoil al posto dei radiatori

Fancoil al posto dei radiatori è una scelta ottima per soddisfare a pieno i bisogni delle case contemporanee e dei consumatori odierni con stili di vita diversi
- NEWS Impianti di riscaldamento
fancoil , ventilconvettori , radiatori

Riscaldare casa con i fan coil


L'inverno è alle porte e si sente il bisogno di riscaldare la propria casa con sistemi all'avanguardia efficienti, a basso consumo, di bella presenza e poco ingombranti.

I fancoil sono ventilconvettori, ovvero dei terminali appartenenti agli impianti di riscaldamento e di climatizzazione.
Sono composti da un carter metallico con due batterie di scambio termico, un ventilatore, un filtro dell'aria, una piccola vasca di raccolta della condensa, collegamenti esterni con le reti dell'acqua calda, un involucro di copertura atto a celare la struttura, i collegamenti elettrici, quelli idraulici, le valvole di intercettazione.


Ventilconvettore galletti

Ventilconvettore galletti

Ventilconvettore galletti
Fan coil galletti

Fan coil galletti

Fan coil galletti
Ventilconvettore by Caldaie Murali S.r.l.

Ventilconvettore by Caldaie Murali S.r.l.

Ventilconvettore by Caldaie Murali S.r.l.
Ventilconvettore a parete di Aermec S.p.A.

Ventilconvettore a parete di Aermec S.p.A.

Ventilconvettore a parete di Aermec S.p.A.
Fancoil by Aermec

Fancoil by Aermec

Fancoil by Aermec

Il ventilconvettore funziona a tutto ricircolo dell'aria cioè preleva l'aria dall'ambiente mediante il ventilatore, poi la convoglia attraverso il filtro per liberarla dalle impurità, la dirige verso la batteria di scambio e qui, per convezione forzata, scambia il calore con l'acqua e la espelle.

CONSIGLIATO amazon-seller
Ventilconvettore Verticale
Climatizzazione...
prezzo € 479.9
COMPRA


È naturale che nel caso di riscaldamento il calore sia prelevato, mentre in quello di raffrescamento sia ceduto.


Riscaldamento fancoil: pro e contro


Gli appartamenti contemporanei hanno i fancoil per riscaldare la casa piuttosto che i classici radiatori, obsoleti e di vecchia generazione; questi sistemi sono tra i più moderni e consentono di risparmiare sia energeticamente sia economicamente, di rispettare inoltre l'ambiente.

Questa scelta è oggi compiuta anche in virtù di un ritmo di vita differente, a causa del quale la casa viene vissuta in tempi stretti, in modo discontinuo, solitamente poche ore la sera, e i radiatori classici non sono in grado di soddisfare questi rapidi cambiamenti.

Riscaldamento fan coil e non più con i termosifoni
I classici termosifoni hanno diversi limiti, trasmettono il calore per convezione, fanno circolare aria piena di polveri e compositi volatili organici, i cosìddetti VOC, particelle inalate da chi abita la casa e lo spazio riscaldato.

Il sistema dei radiatori funziona grazie a dell'acqua che viene riscaldata all'interno delle tubazioni e degli elementi verticali degli stessi, ottenendo un massimo rendimento alla temperatura dell'acqua calda di alimentazione pari a 70° o 80°C.

L'ambiente si riscalda con i moti convettivi che vengono a generarsi, quindi più il termosifone resta acceso e più la massa sarà in movimento nello spazio; inoltre, l'aria calda che si forma subisce delle stratificazioni che comportano solitamente un po' di disagio termico, oltre a uno spreco di combustibile, aria disidratata e necessità di deumidificare.

Ventilconvettori elettrici
Per le ragioni sopra elencate, oggi si preferiscono i ventilconvettori che possiedono un funzionamento proprio differente e difatti generano costantemente un flusso di aria forzata mediante il ventilatore, aria sempre in movimento secondo un attivo ricircolo che vieta ristagni e stratificazioni dell'aria.

Il vantaggio più assoluto delle fan coil unit sta proprio nel poter con una sola macchina sia riscaldare sia raffreddare in modo discontinuo cioè in fasce orarie differenti e anche per brevi intervalli di tempo, poi il fancoil è alimentato con acqua a bassa temperatura e quindi si ha un risparmio energetico, il livello di umidità resta sempre nei limiti del benessere ambientale.

Funzionamento ventilconvettori in case moderne
Gli svantaggi dipendono dal tipo di ventilconvettore, dal modello e dalla marca, dal consumo che, in alcune macchine non tecnologicamente avanzate, può raggiungere addirittura quello del riscaldamento a radiatore, naturalmente non in merito al gas bensì all'elettricità.

Altro svantaggio può essere quello di avere il pavimento freddo giacché l'aria calda tende a salire verso il soffitto; questo problema si può risolvere con una serie di rivestimenti oggi diffusi in commercio proprio per rendere più tiepida la superficie calpestabile.


Riscaldamento fan coil e i suoi consumi


I consumi di un fan coil variano secondo il modello di macchina scelto e soprattutto in base all'utilizzo di chi vive la casa e alle caratteristiche spaziali, di superficie, d'isolamento termico, degli infissi presenti.

CONSIGLIATO amazon-seller
Termoconvettore Vetro Smart
Potenza 1500 watt e dimensioni 76 x 38 x 9 cm...
prezzo € 98
invece di € 101.99 COMPRA


Esistono due diverse tipologie di ventilconvettori: i fan coil a parete e i fan coil a soffitto; i primi sono collocati all'interno di un appartamento come i radiatori, però sono formati generalmente da involucri di alluminio con dentro una batteria e la ventola; i ventilconvettori a soffitto sono appunto installati a soffitto o meglio incassati all'interno di un controsoffitto che deve essere necessariamente realizzato, vengono controllati tramite telecomando e regolati per una buona diffusione omogenea del calore.

Galletti condizionatori
I ventilconvettori galletti di Galletti sono di diverso modello e tipologia per soddisfare ogni tipo di esigenza e FLAT S è un ventilconvettore con mobile di design a uscita aria verticale, si installa a vista contro le pareti, è da 1-3 kW.

Si tratta di un prodotto innovativo in termini progettuali, garantisce infatti prestazioni sonore eccellenti e il mobile di copertura possiede un colore RAL9010 che ben s'integra ovunque, con un pannello frontale in lamiera di acciaio, fiancate, griglia superiore e portelle laterali in ABS stabilizzato agli UV.

La griglia superiore è caratterizzata da un flap e alette orientabili, il flap possiede un microinterruttore che interrompe il funzionamento dell'unità quando è posto in posizione di chiusura, la batteria di scambio termico è ad alta efficienza, in tubo di rame con alette di alluminio, i ventilatori centrifughi sono a doppia aspirazione e realizzati in ABS antistatico con pale a profilo alare più moduli sfalsati.

FLAT S: il ventilconvettore galletti
Il motore elettrico ha 3 oppure 6 velocità ed è montato su supporti antivibranti, il filtro dell'aria è rigenerabile e si estrae con facilità in ogni operazione di manutenzione, i pannelli di comando sono disponibili e rientrano tra gli accessori.


Opiniosi sull'uso dei ventilconvettori


Gli stili di vita e le attese di comfort sono cambiate negli ultimi anni, si punta molto sul risparmio e sulla salvaguardia dell'ambiente. I radiatori risalgono oramai all'età premoderna e la casa solitamente resta non occupata per la maggior parte della giornata se non alla sera.

I ventilconvettori sono ad oggi la soluzione più ricercata perché offrono diverse possibilità di regolazione e programmazione della temperatura e quelli Aermec hanno un sofisticato sistema di controllo del clima a microprocessore, specie nel modello FCX.

I ventilconvettori FCX sono adatti sia per il riscaldamento sia per il raffreddamento e la deumidificazione, s'installano su impianti a 2 o 4 tubi e si possono abbinare a qualsiasi generatore di calore. Le unità sono quindi adatte al condizionamento dell'aria, sono disponibili per diversi ambienti e diverso genere d'installazione, con possibilità anche di essere canalizzati.

Sono caratterizzati da motori a diversa velocità, hanno ventilatori in ABS con girante munito di alette a profilo alare e coclea ispezionabile, livello basso di rumorosità, scarso assorbimento elettrico del motore, singola o doppia batteria di scambio termico con 3 o 4 ranghi a seconda del modello.


FCX: il ventilconvettore AERMEC
Opinione comune è che quanto più la regolazione risulta immediata, puntuale e versatile, tanto maggiore è il riconoscimento dell'utente e quindi tanto minore è il consumo di combustibile,con un notevole risparmio anche in termini economici: i ventilconvettori rispondono pienamente a tutto ciò.


Fan coil prezzi


Un'idea di quanto possa costare un ventilconvettore ci viene da Caldaie Murali che evidenzia una serie di ventilconvettori elettrici di marche differenti coi relativi prezzi indicativi da definire meglio al momento dell'acquisto.

Fan coil AERMEC, modello OMNIA HL, by CaldaieMurali.it
Ad esempio, il ventilconvettore fan coil AERMEC modello OMNIA HL 11 con comando è venduto a partire da 266€ iva inclusa, può avere un'installazione verticale oppure orizzontale, misura con i piedini esattamente 600 x 640 x 187 mm, pesa 13.6 kg, è di colore bianco.

Questo ventilconvettore possiede unità adatte al condizionamento dell'aria, motori plurivelocità di cui tre selezionabili, ventilatori in ABS con girante dotato di alette a profilo alare e coclea ispezionabile.

Il livello di rumorosità è scarso così come l'assorbimento elettrico del motore, l'unità HL è dotata di serie di filtro ionizzatore PLASMACLUSTER nelle versioni PC e PCM.


Il modello OMNIA HL 36 con comando elettrico incluso è venduto al pubblico invece al prezzo indicativo di 469€, ha installazione sia verticale sia orizzontale, con misure pari a 623x1200x198 mm, peso di 20.6 kg, di colore bianco.

Il gruppo ventilante centrifugo è a tre velocità, la silenziosità è massima, di elevato design con linee arrotondate, nuova griglia di distribuzione aria regolabile, spegnimento automatico con chiusura della griglia di distribuzione aria, regolazione elettronica della temperatura.

Il cambio di velocità è automatico sul ventilatore così come la stessa accensione e spegnimento nella versione con termostato, è garantita anche la reversibilità degli attacchi idraulici in fase d'installazione, la perdita di carico nelle batterie di scambio termico è bassa, ha una notevole facilità d'installazione e di manutenzione.

Gli impianti di riscaldamento a radiatori sono ormai sostituiti dai fan coil o ventilconvettori per soddisfare meglio gli stili di vita dei consumatori contemporanei caratterizzati da discontinuità di soggiorno e da limitazioni dei costi di gestione.

riproduzione riservata
Articolo: Fancoil al posto dei radiatori
Valutazione: 4.18 / 6 basato su 127 voti.

Fancoil al posto dei radiatori: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Altero Tenti
    Altero Tenti
    Giovedì 12 Maggio 2022, alle ore 18:13
    Con il 110% stiamo facendo i seguenti lavori:Impianto fotovoltaico da 6 kW con accumulo da 10 kW, cappotto esterno, finestre con vetrocamera, pompa di calore con accumulo e sostituzione dei classici termosifoni con fan coil.
    Per i fan coil non ho dubbi sulla loro funzionalità e economicità rispetto al termosifone, il dubbio e il rumore su reparto notte camere da letto.
    Avete esperienza in merito alla rumorosità dei fan coil per le camere da letto?
    Qualcuno li ha già installati?
    Con che risultato?
    Che tipologia avete installato?
    tentialtero@gmail.com
    Altero Tenti
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Altero Tenti
      Lunedì 16 Maggio 2022, alle ore 16:30
      Ormai tutti i fancoil hanno decibel e frequenze molto bassi. In particolare è possibile limitare ancora di più l'effetto, azionando la funzione d'impostazione in modalità "Sleep" o "Night", per cui anche nella camera da letto trovano facilmente applicazione.  In commercio si possono trovare di tutti i tipi dagli slim dai 10/11 cm di profondità ai large di elevate potenze per soddisfare tutte le esigenze. Cordiali saluti.
      rispondi al commento
  • Christian
    Christian
    Sabato 26 Febbraio 2022, alle ore 08:56
    Buongiorno e complimenti per l'articolo.
    Le spiego. Ho un'abitazione dotata di termosifoni datati e quindi da sostituire, ma ho anche intenzione di aggiungere ventiltermoconvettori a pavimento per questioni di risparmio energetico.
    La ragione di duplicare il sistema di riscaldamento èlegata alla rumorosità che mi aspetto da un sistema a ventilconvettori durante le ore notturne rispetto ad un classico sistema a radiatori.
    Lei è a conoscenza di simili installazioni con radiatori e ventilconvettori nei medesimi ambienti, e hanno senso?
    Quali eventuali pro e contro, al di la' dello spazio richiesto?
    Un'altra domanda riguarda l'utilizzo di una macchina Hitachi Yutaki S80 o S80 combi per raffrescamento, riscaldamento e acqua calda sanitaria.
    L'elettricità sara' fornita tramite pannelli solari.
    Vorrei sapere se lei ha esperienza con questa macchina e quali eventuali pro e contro vede.
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Christian
      Lunedì 28 Febbraio 2022, alle ore 12:01
      Negli ultimi anni il riscaldamento domestico, a sistema misto, è diventato abbastanza comune. Il vantaggio di questa soluzione è che permette di raggiungere rapidamente la temperatura programmata e di mantenerla più a lungo per l'azione statica dei classici temosifoni. L'nstallazione dei ventilconvettori viene consigliata in ambienti superiori ai 20 mq. ma non disdegna la sua efficiacia anche sotto tale soglia. Riguardo alla rumorosità notturna, se programmato alla minima velocità, non è assolutamente fastidioso. Il consiglio, in questo caso, è di abbassare la temperatura di esercizio della caldaia ed allungare i tempi di accensione del cronotermostato con il duplice effetto: caldo prolungato e costi ridotti. Riguardo all'installazione della pompa di calore Hitachi Yutaki S80 è un prodotto eccellente, impiegata moltissimo nel Superbonus 110% per l'alta efficienza energetica, ha un campo di mandata da 20° ad 80° con una notevole capacità di impiego e di una facilità nell'utilizzo anche da persone meno esperte. Cordiali saluti.
      rispondi al commento
  • Danieleannaro
    Danieleannaro
    Sabato 19 Febbraio 2022, alle ore 14:49
    Salve gentilissimo esperto. Le spiego ho una casa residenziale in campagna calcolando che siamo a 800 mt d altezza dal mare quindi freddo e umido.. La casa è non coibentata.. O già impianto caldaia pellet Ungaro con pannelli con boiler e termosifoni.. Ma non riesco a riscaldare oltre i 18 gradi quindi condensa muffe ecc nell opens pace volevo allacciare un fan coil che ferroli da 10kw... Si puo fare? Lasciando oltre i termosifoni ne faccio saltare i 2 Dell open space... Ed e vero che la caldaia non potei regolarla oltre i 50 gradi perché funzionano così? Grazie mille   
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Danieleannaro
      Lunedì 21 Febbraio 2022, alle ore 13:02
      Come ha già capito, il problema sta nell'insufficiente/inesistente isolamento della Sua abitazione che sarebbe opportuno intervenire, magari usufruendo dei vari Bonus in vigore. Il fancoil lo può tranquillamente installare e la caldaia può andare benissimo oltre i 50°, avrà un effetto di caldo immediato nell'open space. Cordiali saluti.
      rispondi al commento
  • Saria
    Saria
    Venerdì 21 Gennaio 2022, alle ore 07:51
    È possibile creare un impianto che alternativamente alimenti i fan coil con acqua calda prodotta dalla caldaia a gas o con elettricità, e che in estate possano essere usati per condizionare?
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Saria
      Venerdì 21 Gennaio 2022, alle ore 17:51
      Sì, è possibile avere un unico impianto con terminali a fancoil che fanno la doppia azione. D'inverno si attiva la classica caldaia o pompe di calore a ciclo invertibile e d'estate sono i refrigeratori a fare da raffrescamento. Cordiali saluti.• refrigeratori
      rispondi al commento
  • Jpizzza
    Jpizzza
    Venerdì 17 Dicembre 2021, alle ore 14:26
    Vorrei riscaldare un Dehors di 20mq che è appoggiato su un lato alla parete di casa e pensavo all installazione di un fancoil.
    Le chiedo quale mi consiglia?
    Ne basta uno?
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Jpizzza
      Lunedì 20 Dicembre 2021, alle ore 10:18
      Ne basta uno, con una potenza non inferiore a 2,5 - 3,0 kw. L'importante è che questa superficie da riscaldare abbia una limitazione del volume con teli-tenda in Pvc o similare, altrimenti Le servirà più una stufa a gas "fungo". Cordiali saluti.
      rispondi al commento
      • Jpizza
        Jpizza Pasquale
        Lunedì 20 Dicembre 2021, alle ore 14:55
        Grazie mille gentilissimo.
        rispondi al commento
  • Mirian
    Mirian
    Sabato 11 Dicembre 2021, alle ore 18:45
    Noi vorremmo mettere i fan coil per l'inverno e l'estate, avevamo l'impianto a gas con i termosifoni dal momento che abbiamo tolto il massetto ci hanno consigliato di cambiare le tubazioni con un diametro maggiore.
    L'impresario è contrario a passare le tubazioni dentro il massetto e passare dietro casa che poi andrà coperto con il cappotto.
    Lei cosa mi consiglia prima di mettere il massetto.
    Poi è meglio i fancoil con il motore o senza?
    Dovremo mettere cinque,  uno in cucina e soggiorno a open space, andito e tre camere.
    Come energia avremo il fotovoltaico.
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Mirian
      Martedì 14 Dicembre 2021, alle ore 18:45
      Sono entrambe soluzioni praticabili è solo una questione di praticità. Nello specifico non bisogna lesinare sulla sezione dei tubi ed il loro grado di isolamento termico per evitare gli spiacevoli fenomeni di condensazione estiva. Riguardo ai fancoil con motore o senza, se cè spazio e non ci sono vincoli particolari, sono consigliabili quelli con il motore. Cordiali saluti.
      rispondi al commento
  • Giuseppe Frau
    Giuseppe Frau
    Mercoledì 24 Novembre 2021, alle ore 17:32
    Vorrei un consiglio prima di fare il massetto.
    Mi consiglia di mettere le tubature è installare i fancoil con unità esterna o quelle senza unità?
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Giuseppe Frau
      Giovedì 25 Novembre 2021, alle ore 16:32
      Per comodità e facilità di esecuzione sarebbe opportuno predisporre le tubazioni prima di realizzare il massetto. Su come utilizzare e di disporre i fancoil dipende dal tipo di impianto che intende realizzare: se collegati ad una classica caldaia a gas (in sostituzione dei termosifoni), oppure con o più unità esterne a pompa di calore (ad elettricità). Cordiali saluti.
      rispondi al commento
  • Alessandro Capurro
    Alessandro Capurro
    Venerdì 5 Novembre 2021, alle ore 13:54
    Buon pomeriggio, sto realizzando un impianto idronico con Ariston Nimbus Pocket M 40 Net.Vorrei sapere se come fan coil sono consigliabili e preferibili (in termini di efficienza, necessità di manutenzione e funzionamento) quelli a split (in alto), a parete (in basso) o a incasso (in basso).Incanalerò le condense negli scarichi.Grazie.
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Alessandro capurro
      Lunedì 8 Novembre 2021, alle ore 10:49
      E' preferibile montare i fancoil in basso in quanto l'aria riscaldata tende naturalmente a salire e di conseguenza avrà il termostato interno che si spegnerà quasi subito con una differenza di temperatura di 2° circa tra il pavimento e la soffitta. Cordiali saluti.
      rispondi al commento
  • Marco
    Marco
    Venerdì 5 Novembre 2021, alle ore 12:58
    Interessante, soprattutto perché abbiamo noie con la caldaia a gas nell'appartamentino in condominio di 35 mq. composto da un soggiorno, un bagno e una cucina.
    Non sappiamo in che condizioni sia l'impianto idraulico del riscaldamento (la casa è del 1984) riguado al calcare accumulato negli anni.
    Ci sono due radiatori in metallo non più funzionanti, una caldaia con la canna fumaria non più efficiente e posta in cucina.
    Siamo in dubbio se trasformare tutto in elettrico oppure trovare un'alternativa.
    Se ci date una mano a fare chiarezza ve ne saremmo grati.
    Marco
    rispondi al commento
    • Pasquale
      Pasquale Marco
      Lunedì 8 Novembre 2021, alle ore 10:42
      Nonostante gli aumenti e le condizioni speculative di mercato, il gas naturale rimane ancora il più conveniente rispetto all'energia elettrica. Convertire il tutto sull'elettrico significa dotarsi di un piano cottura ad induzione, uno scaldacqua elettrico per l'acqua calda sanitaria, un paio di climatizzatori a pompa di calore e un termoconvettore per il bagno. questo Le comporterà un aumento di potenza da 3 a 6 kw con costi fissi in bolletta più che raddoppiati, solo in parte recuperati dall'elimininazione del contratto di fornitura di gas. Rimane il calcolo dei consumi piuttosto empirico ma tendenziale, suscettibile in base alle proprie esigenze personali; per una accensione del riscaldamento di 4 ore giornaliera per n. 2 clima, uso piano cottura per 1 ora al giorno (in media sono oltre 2 ore effettive) e 1 ora del termo nel wc, per questo tipo di scelta il consumo medio è di circa 10 kw giorno per una bolletta energetica invernale (circa 7 mesi) di 600,00 euro, oltre ai citati costi fissi. Con il gas, usando due ventilconvettori a 50°, un normalissimo termoarredo nel wc ed il solito piano fuochi, il consumo medio è di circa 2,5 mc. giorno per una bolletta di 450,00 euro. La scelta su dove orientarsi è sempre difficile, in ogni caso troverà i pro e i contro in entrambe le soluzioni. Cordiali saluti.
      rispondi al commento
    • Deltap2
      Deltap2 Marco
      Mercoledì 25 Maggio 2022, alle ore 13:35
      Col gas si cucina meglio, molto meglio.
      Regola la potenza non in continuo, ma a sbalzi.
      Recipienti ferromagnetici.
      L'induzione comporta ventole sotto al piano di cottura per dissipare il calore che si sviluppa all'interno dei transistor.
      Pertanto sotto al piano deve circolare l'aria.
      Non è di sicuro un buon posto per tenere il forno sotto al piano di cottura.
      Se si dovesse rompere il vetro, si butta tutto.
      Un pessimo elettrodomestico.
      rispondi al commento
  • espandi
  • espandi
  • espandi
Torna Su Espandi Tutto
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
339.407 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Fancoil al posto dei radiatori che potrebbero interessarti


Impianti Termici Moderni

Impianti - Una casa moderna dovrebbe essere caratterizzata anche da moderni impianti, in grado di fornire condizioni di comfort, costi contenuti ed impatto ambientale minimo.

Estetica Fancoil

Impianti - L'incasso dei fancoil è tuttora una delle soluzioni più adottate per ridurre l'impatto estetico di queste apparecchiature indispensabili negli impianti termici.

Fancoil o ventilconvettori

Impianti di riscaldamento - I fancoil o ventilconvettori, climatizzano in estate e riscaldano d'inverno utilizzando una tecnologia semplice ed affidabile basata sull'acqua come fluido termovettore.

Manutenzione Fancoil

Impianti di climatizzazione - Sicurezza, economicità ed efficienza sono le principali caratteristcihe degli impianti idronici a fancoil, che sono sempre più diffusi, apprezzati ed installati

Radiatori a Gas Canalizzati

Impianti - I radiatori a gas possono essere installati facilmente per l'integrazione di impianti di riscaldamento esistenti, canalizzati sfruttando i controsoffitti.

Ventilconvettore e termoconvettore: bassi consumi e minimo impatto estetico

Impianti di climatizzazione - Ventilconvettori e termoconvettori, due soluzioni per il riscaldamento dalle ridotte dimensioni, in grado di inserirsi con discrezione negli ambienti della casa

Climatizzazione con chiller

Impianti di climatizzazione - Un chiller ad energia elettrica può essere utilizzato come generatore termico quando gli impianti idronici hanno potenzialità termiche particolarmente elevate.

Freddo ed impianti termici

Impianti - Comportamento degli impianti termici nei periodi particolarmente freddi e rigidi e considerazioni pratiche sulla loro corretta progettazione e realizzazione

Temperature di Riscaldamento in casa

Impianti di riscaldamento - La tecnologia impiantistica ha ridefinito le temperature dei terminali riscaldanti riducendone i valori con il migliorare delle prestazioni dei generatori termici.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img maxg85
Buongiorno a tutti, il prossimo anno ristrutturerò casa e vorrei sostituire la mia caldaia a condensazione con una pompa di calore full electric + fotovoltaico. Al momento...
maxg85 17 Marzo 2022 ore 10:47 1
Img linomarco
Ciao a tutti, utilizzando i calcolatori in rete non si hanno calcloli attendibili, giusto?Ho acquistato dei radiatori, sembra che la resa di in linea con quello che le stanze...
linomarco 22 Dicembre 2021 ore 15:02 4
Img giuseppe cuti
Singola unità immobiliare in condominio: nell'ambito degli interventi trainati, un condomino vorrebbe approfittare dell'agevolazione fiscale prevista per l'impianto termico...
giuseppe cuti 22 Ottobre 2021 ore 17:58 1
Img nadia garbellini
Buongiorno a tutti, ho recentemente acquistato una baita di tre piani, circa 35 mq a piano, così composta: PT cucina e soggiorno con stufa e caminoP1 camera, bagno e...
nadia garbellini 02 Ottobre 2021 ore 12:43 2
Img 19stefano89
Buongiorno, sono prossimo all'acquisto di un appartamento di circa 85mq su 2 piani aperto su 3 lati.L'appartamento sarà realizzato con i casseri a perdere in polistirolo e...
19stefano89 24 Ottobre 2020 ore 12:47 3