Caldaie e pompe di calore: la nuova etichetta energetica

NEWS DI Leggi e Normative Tecniche05 Ottobre 2015 ore 15:00
In vigore da pochi giorni le nuove norme europee sull'etichettatura degli impianti di riscaldamento per la casa, delle pompe di calore e delle soluzioni ibride.
caldaia condensazione , pompa di calore

Etichetta energetica


È novità degli utili giorni l'entrata in vigore una serie di regolamenti europei che introducono delle novità importanti per gli impianti di riscaldamento di casa.
Parliamo dei Regolamenti 811/2013, 812/2013, 813/2013 e 814/2013 sull’etichettatura energetica e progettazione compatibile, pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale della Comunità Europea del 2013 e resi operativi dal 26 settembre 2015, con modalità e tempi uguali in tutti gli Stati dell’Unione Europea.


Regolamento UE e Direttiva Ecodesign: ecco cosa cambia


Etichetta energeticaLa prima novità importante che si segnala è la nuova etichettatura energetica per una serie di prodotti, quali i sistemi per il riscaldamento degli ambienti e per la produzione di acqua calda sanitaria fino a 70 kW di potenza nominale, bollitori fino a 500 litri, così come le misure di Ecodesign per gli stessi prodotti ma fino a 400 kW di potenza nominale o con volume fino a 2mila litri.

Via libera dunque ad apparecchi quali caldaie a condensazione, pompe di calore, sistemi ibridi che hanno migliori standard in termini di efficienza energetica.

Le nuove regole valgono per i nuovi prodotti che andranno a essere immessi sul mercato a partire dal 26 settembre 2015. I rivenditori che hanno ancora nei loro magazzini caldaie e scaldabagni tradizionali potranno continuare a venderli fino a esaurimento.
In sostanza la loro abolizione sarà graduale, potendo essere ancora installate caldaie non a condensazione purché la loro data di fabbricazione risulti anteriore al 26 settembre 2015.

L’obbligo riguarda quindi i produttori e i rivenditori. Per i singoli utenti a partire dal 26 settembre 2015, chi vorrà installare una caldaia in casa propria, dovrà acquistare solo modelli a condensazione, ma non significa che dovrà procedere alla sostituzione della caldaia di casa che non sia a condensazione.


La nuova etichettatura energetica


Su tali prodotti scatta l’obbligo di apporre una nuova etichetta energetica che riporti in modo chiaro e comprensibile le prestazioni del prodotto quali:

-la classe energetica
-la potenza nominale massima di funzionamento
-il livello di potenza sonora.

L’etichetta energetica deve essere resa disponibile dal fabbricante ed è responsabilità del rivenditore rendere visibile la nuova etichettatura nel proprio punto vendita su ciascun apparecchio.
Inoltre, l’etichetta dovrà essere visibile anche nei siti internet, sul materiale promozionale e nei listini e offerte commerciali.

Inoltre per avere la marcatura CE, le caldaie a condensazione, le pompe di calore e i sistemi ibridi dovranno rispettare requisiti più restrittivi.


L’etichetta di sistema


Etichetta caldaia a condensazioneOltre all’etichetta di prodotto è anche prevista un’etichetta di sistema quando si combinano apparecchi di riscaldamento con dispositivi di controllo della temperatura e dispositivi solari.
In sostanza l’etichetta di insieme è il documento che classifica un sistema composto da più apparecchiature, come ad esempio l’impianto per il riscaldamento composto da un impianto solare e uno a caldaia o quello per l’acqua calda sanitaria.

In questi casi l’etichetta di sistema deve essere rilasciata:

- dal produttore quando immette il sistema sul mercato

- dal distributore, nel caso in cui vende un sistema composto da apparecchi e componenti forniti da produttori diversi

- dall’installatore quando assembla e installa, sotto la propria responsabilità, un impianto costituito da apparecchi e componenti forniti da produttori diversi.


Effetti e vantaggi


Un cambiamento epocale quello che entra in vigore il 26 settembre 2015, così come l’ha definito Assotermica, l’Associazione produttori apparecchi e componenti per impianti termici che determina benefici per il mercato interno dell’efficienza energetica e nuove opportunità per la filiera termoidraulica, grazie alla maggiore diffusione di tecnologie a elevate prestazioni, quali proprio le caldaie a condensazione, le pompe di calore e le soluzioni ibride.

Ma vantaggi e benefici sono anche per i singoli cittadini, visto che con le nuove apparecchiature per il riscaldamento degli ambienti di casa potranno ottenere una sensibile riduzione della bolletta per la fornitura dell’energia elettrica.

Sostituendo una vecchia caldaia con una a condensazione che riporti i nuovi standard di efficienza energetica nella nuova etichettatura, si possono ottenere risparmi energetici stimati di circa il 20-30% dei consumi per il riscaldamento di casa che, insieme alla produzione dell’acqua calda sanitaria, rappresenta circa l’80% dei consumi di una moderna abitazione.

Si ricorda, inoltre, che l’installazione di questi moderni impianti di riscaldamento permette di godere dell’agevolazione fiscale al 65%, la possibilità cioè di detrarre dall’IRPEF (Imposta sul reddito delle persone fisiche) e dall’IRES (Imposta sul reddito delle società) una quota pari al 65% fino al 31 dicembre 2015, anche se si prevede nella prossima Legge di Stabilità, uno slittamento del bonus al 2016.

Infine vantaggi anche per il nostro Paese chiamato a soddisfare gli obiettivi europei per la tutela e salvaguardia dell’ambiente.

riproduzione riservata
Articolo: Etichetta energetica caldaia
Valutazione: 5.50 / 6 basato su 2 voti.

Etichetta energetica caldaia: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Notizie che trattano Etichetta energetica caldaia che potrebbero interessarti
Nuovo sistema ibrido con pompa di calore e condensazione

Nuovo sistema ibrido con pompa di calore e condensazione

Impianti di climatizzazione - La nuova pompa di calore combinata a un generatore a condensazione che raffresca e riscalda gli ambienti, produce acqua calda e aumenta l'efficienza energetica.
Il sistema ibrido caldaia a condensazione con pompa di calore ad aria

Il sistema ibrido caldaia a condensazione con pompa di calore ad aria

Impianti di riscaldamento - Con il nuovo sistema ibrido caldaia a condensazione con pompa di calore ad aria, riscaldare la casa e produrre l'acqua calda sanitaria costa meno e conviene!
Detrazione 65% per sistemi di riscaldamento integrati caldaia+pompa di calore

Detrazione 65% per sistemi di riscaldamento integrati caldaia+pompa di calore

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Pubblicata sul sito dell'Enea una faq che chiarisce la detraibilità al 65% di sistemi di riscaldamento integrati costituiti da caldaia a condensazione e pompa di calore.

Sistemi integrati di climatizzazione

Impianti - Sistemi intelligenti che coordinano il funzionamento di pannelli solari termici, pompe di calore e caldaie a condensazione, al fine di ottenere alti livelli di efficienza complessiva dell'impianto.

Temperatura Fumo Caldaia

Impianti di riscaldamento - Il sistema di scarico dei fumi delle caldaie costituisce parte integrante dell'impianto gas e richiede una specifica progettazione per potenze superiori ai 35 kW.

Caldaia a condensazione e pompa di calore: quale scegliere?

Impianti di climatizzazione - La caldaia a condensazione e la pompa di calore sono ideali per risparmiare energia e ridurre i costi in bolletta. Prima di scegliere scopriamo le differenze.

Pompa calore, caldaia, solare termico

Impianti - Le pompe di calore aria/acqua possono essere utilizzate anche in combinazione con altri generatori o sistemi termici, producendo i cosiddetti sistemi integrati.

Obblighi e Convenienza dei Sistemi Ibridi

Impianti di riscaldamento - I sistemi ibridi, rispettando le leggi, consentono di utilizzare nuove tecnologie per massimizzare il comfort del clima in casa, ridurre le spese e salvaguardare l'ambiente.

Condensazione GPL

Impianti di riscaldamento - Le caldaie a GPL sono disponibili anche con tecnologia a condensazione in zone non metanizzate,con riduzioni delle spesa energetica e dell'inquinamento ambientale.
REGISTRATI COME UTENTE
295.492 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Biasi caldaia a condensazione recupera dgt 24s
    Biasi caldaia a condensazione...
    795.00
  • Biasi caldaia a condensazione classe a recupera
    Biasi caldaia a condensazione...
    890.00
  • Unical caldaia a condensazione kw 24 cor
    Unical caldaia a condensazione kw...
    755.00
  • Unical caldaia a condensazione kw 35 konm
    Unical caldaia a condensazione kw...
    1190.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Inferriate.it
  • Mansarda.it
  • Officine Locati
  • Black & Decker
  • Faidatebook
  • Weber
  • Kone
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.