Estinzione anticipata del mutuo

NEWS DI Mutui e assicurazioni casa28 Ottobre 2014 ore 00:49
L'estinzione anticipata del mutuo è la possibilità per il sottoscrittore di un contratto di versare alla banca l'importo residuo per saldare il debito.
mutuo , estinzione mutuo , rate mutuo
Arch. Carmen Granata

Cos'è l'estinzione anticipata del mutuo?


Il debitore che stipula un contratto di mutuo per l'acquisto o la ristrutturazione di una casa, ha la possibilità di recedere da questo contratto in anticipo rispetto alla scadenza fissata.
Si tratta della cosiddetta estinzione anticipata del mutuo, cioè la possibilità per il sottoscrittore di versare alla banca l'importo residuo per saldare il debito, in modo da risparmiare sugli interessi previsti sulle rate da versare ancora.

estinzione anticipata del mutuoQuesta facoltà è prevista dall'articolo 40, comma 1, del Testo Unico Bancario e quindi deve essere contemplata in tutti i contratti di mutuo.
Alcune banche fissano un limite temporale di 18 mesi, prima del quale non accettano l'estinzione del mutuo, ma si tratta di una clausola non valida, perché in contrasto con il citato articolo.

Il debito può essere estinto in tutto o in parte, per cui l'estinzione del mutuo può essere totale o parziale. Nel primo caso il debitore arriva a rimborsare definitivamente il finanziamento. Nel secondo caso, invece, pur non avendo a disposizione tutta la somma necessaria a coprire il capitale residuo, può rendere meno gravoso il peso del debito, perché, versando una certa cifra, può ridurre l'importo delle rate ancora da pagare o, a seconda del contratto stipulato, accorciare il periodo previsto per il pagamento.

Pertanto, se si ha intenzione di richiedere un'estinzione parziale è importante informarsi bene su cosa prevede il proprio contratto. Se, ad esempio, l'obiettivo è quello di pagare una rata più bassa, ma il proprio contratto prevede solo l'accorciamento del periodo di ammortamento, lasciandola invariata, sarà inutile procedere.


Penale per estinzione anticipata del mutuo


In passato le banche prevedevano il versamento da parte del cliente di una penale, cioè una commissione di spesa, per difendersi da questa eventualità.
Infatti l'Istituto di Credito non ha interesse a che il mutuo venga estinto prima, perchè perderebbe gli interessi previsti.

La previsione di dover pagare alla banca questo compenso inibiva i clienti dall'avvalersi di tale possibilità, che risultava poco vantaggiosa.
Dal 2007, anno di entrata in vigore della legge n. 40, nota come legge Bersani, la normativa è cambiata e non è più possibile per le banche richiedere questa penale.

estinzione anticipata del mutuoPertanto, chiunque voglia estinguere un mutuo stipulato dopo il 2 febbraio 2007, non deve fare altro che farne richiesta alla banca, presentando una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà, e versare l'importo residuo.
Anche se il contratto stipulato prevede il pagamento di penali alla banca in caso anticipato, queste clausole devono ritenersi nulle, in virtù della vigenza del decreto Bersani.

Per i contratti stipulati prima del 2 febbraio 2007, le penali permangono, ma in virtù dello stesso decreto Bersani e dell'accordo intercorso tra ABI (Associazione Bancaria Italiana) e associazioni dei consumatori, sono state fortemente ridotte. Il loro importo, calcolato sul valore residuo da restituire, dipende dai seguenti fattori:
- tipo di mutuo stipulato (a tasso fiso, a tasso variabile o a tasso misto);
- data di stipula del contratto;
- data di scadenza del contratto.

Infatti, nel caso dei mutui a tasso variabile, se mancano meno di due anni alla scadenza, la penale è annullata. Se mancano tre anni, essa sarà dello 0,2% sull'importo residuo. Negli altri casi sarà dello 0,5% su tale importo.

Stesso discorso per i mutui a tasso fisso stipulati prima del 2001. Per quelli invece stipulati dal 2001 in poi, la penale massima sarà dell'1,9% se si è nella prima metà del periodo di ammortamento, dell'1,5% se si è nella seconda metà, dello 0,2% se si è nel terz'ultimo anno, mentre negli altri casi è nulla.

Per i mutui a tasso misto, infine si applicano le stesse penali previste per i mutui a tasso fisso, se al momento dell'estinzione, per mutui stipulati dal 2001, il tasso vigente è quello fisso.
Per tutti gli altri si applicano le penali previste per i mutui a tasso variabile.


Estinzione anticipata del mutuo e cancellazione dell'ipoteca


Il decreto Bersani ha snellito anche la procedura di cancellazione dell'ipoteca per i mutui fondiari. La cancellazione avviene infatti automaticamente, in contemporanea con l'estinzione finale del debito.

A tal fine, il creditore dovrà rilasciare al debitore una quietanza attestante la data di estinzione del mutuo e trasmettere in Conservatoria la relativa comunicazione entro 30 giorni dalla stessa data, senza ulteriori oneri per il debitore.

riproduzione riservata
Articolo: Estinzione anticipata del mutuo
Valutazione: 6.00 / 6 basato su 4 voti.
  • fs
  • fs
  • fs
  • fs

Estinzione anticipata del mutuo: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Notizie che trattano Estinzione anticipata del mutuo che potrebbero interessarti
Mutuo liquidità

Mutuo liquidità

Tra le diverse tipologie di mutuo, esaminiamo in questo articolo quella detta mutuo liquidità, assimilabile ad un prestito personale.
Casa a rate senza mutuo

Casa a rate senza mutuo

Negli Stati Uniti si sta diffondendo la pratica di comprare casa a rate senza che sia necessario accendere un mutuo con un istituto bancario.
Congelare le rate del mutuo

Congelare le rate del mutuo

Chi avverte uno stato di necessità temporanea di dover sospendere il pagamento del mutuo casa può, per un periodo massimo di 12 mesi, congelare le rate da pagare.
Mutuo condominiale

Mutuo condominiale

Il mutuo può essere stipulato non solo da un privato per l'acquisto o la ristrutturazione di una casa, ma anche da un intero condominio, quando ci sono spese ingenti.
Mutuo CAP

Mutuo CAP

Il mutuo con CAP, detto anche a tetto massimo, è un tipo di mutuo a tasso variabile che prevede che il tasso d'interesse non possa superare una determinata soglia.
usr REGISTRATI COME UTENTE
290.353 Utenti Registrati
usr
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Tunnel solare VELUX
    Tunnel solare velux...
    408.70
  • Tapparella elettrica e solare VELUX INTEGRA
    Tapparella elettrica e solare...
    435.54
  • Tenda oscurante a rullo VELUX
    Tenda oscurante a rullo velux...
    85.00
  • Tenda alla veneziana VELUX
    Tenda alla veneziana velux...
    95.16
  • Verniciatura porte interne
    Verniciatura porte interne...
    80.00
  • Porta aura finestratura
    Porta aura finestratura...
    755.00
  • Cabina armadio con pannelli di rivestimento
    Cabina armadio con pannelli di...
    599.00
  • Flipper big ben anni 70 originale funzionante
    Flipper big ben anni 70 originale...
    1190.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Mansarda.it
  • Officine Locati
  • Inferriate.it
  • Kone
  • Faidatebook
  • Black & Decker
  • Weber
MERCATINO DELL'USATO
€ 49 000.00
foto 6 geo Torino
Scade il 16 Settembre 2018
€ 380.00
foto 6 geo Frosinone
Scade il 31 Dicembre 2018
€ 500.00
foto 2 geo Roma
Scade il 31 Luglio 2018
€ 40.00
foto 1 geo Napoli
Scade il 30 Giugno 2018
€ 28.00
foto 6 geo Frosinone
Scade il 31 Dicembre 2018
€ 800.00
foto 6 geo Torino
Scade il 16 Settembre 2018
VENDI SUBITO IL TUO USATO DI CASA
Inserisci annuncio
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.