Errori e revisione delle tabelle millesimali

NEWS DI Condominio22 Aprile 2010 ore 13:32
Ancora una pronuncia della Cassazione in materia di revisione delle tabelle millesimali contrattuali: quando è possibile chiedere la revisione delle tabelle millesimali contrattuali?

Ancora una pronuncia della Cassazione in materia di revisione delle tabelle millesimali contrattuali.Revisione tabelle millesimali
Questa volta il Supremo Collegio con una sentenza del 26 marzo 2010, la n. 7300, si discosta dall'orientamento espresso dalle Sezioni Unite nel 1997, ribadito all'inizio del 2010 (con la sent. 1 febbraio 2010 n. 3001), in relazione al significato d'attribuire al termine errore.

Prima di tutto è lecito domandarsi:
quando è possibile chiedere la revisione delle tabelle millesimali contrattuali?


A norma dell'art. 69 delle disposizioni di attuazione del codice civile:
I valori proporzionali dei vari piani o porzioni di piano possono essere riveduti o modificati, anche nell'interesse di un solo condomino, nei seguenti casi:
1) quando risulta che sono conseguenza di un errore;
2) quando, per le mutate condizioni di una parte dell'edificio, in conseguenza della sopraelevazione di nuovi piani, di espropriazione parziale o di innovazioni di bassa portata, è notevolmente alterato il rapporto originario tra i valori dei singoli piani o porzioni di piano.
Tralasciamo quest'ultima ipotesi, che non desta particolari difficoltà interpretative per soffermare l'attenzione sul concetto di errore.
Le Sezioni Unite del Supremo Collegio, nel 1997 con la sentenza n. 6222, ebbero modo di affermare che l'errore il quale, ai sensi dell'art. 69 disp. att. c.c., giustifica la revisione delle tabelle millesimali non coincide con l'errore vizio del consenso, disciplinato dagli artt. 1428 e ss. c.c., ma consiste nella obiettiva divergenza tra il valore effettivo delle singole unità immobiliari ed il valore proporzionale ad esse attribuito nelle tabelle (Cass. SS.UU. 9 luglio 1997 n. 6222).
In pratica se si formavano delle tabelle millesimali errate (rispetto ai criteri legislativi) indipendentemente dal fatto che le stesse tabelle fossero, o meno, contrattuali era possibile chiederne la revisione.Il termine errore, pertanto, era riferito alle tabelle e non al consenso del condomino che le aveva firmate.
Solo il primo tipo d'errore, dunque, ne giustificava la revisione.Errori e revisione delle tabelle millesimali
Nonostante l'enunciazione di questo principio, in seno alla giurisprudenza delle Sezioni semplici della Cassazione, è andato formandosi un orientamento sostanzialmente difforme e successivo rispetto a quanto affermato dalla massima espressione del giudice nomofilattico.
Secondo questo filone interpretativo nel caso in cui la tabella millesimale è contrattuale, per l'appunto nella specie, l'azione prevista dall'art. 69 disp. att. cod. civ., fondata sull'oggettiva violazione del ricordato principio legislativo, non è esperibile, ed è esperibile invece l'ordinaria azione di annullamento del contratto, previa allegazione di un vizio della volontà (vedi in tal sento la sentenza di questa Corte, sez. II, 1 marzo 2000, n. 2253) (così Cass. 12 giugno 2001 n. 7908).
Sostanzialmente, per quest'indirizzo interpretativo, le tabelle contrattuali possono essere rivedute solo se il firmatario sia stato tratto in errore al momento della loro accettazione (ad esempio perché indotto a credere che si trattasse di tabelle in deroga ai criteri legali) e non anche perché la redazione della tabelle era stata fatta sulla base di criteri sbagliati.
L'onere di provare l'errore in cui si è incappati, naturalmente, spetta a chi se ne lamenta.
La ratio di tale presa di posizione è la seguente: poiché le tabelle contrattuali derogano ai criteri legali, non è possibile lamentare l'errore di redazione delle tabelle in quanto si è accettata a priori la divergenza rispetto ai parametri legali.

La sentenza n. 7300/10 si pone in una posizione intermedia rispetto a quelle citate.
Più d'ogni commento è utile riportare fedelmente il testo della decisione citata.
Secondo i giudici del Supremo Collegio, infatti, poiché, nonostante la forma adottata (conseguente alla predisposizione della tabella dall'unico originario proprietario ed alla accettazione dagli iniziali acquirenti delle singole unità immobiliari ovvero al raggiungimento di un accordo unanime da parte di tutti i partecipanti al condominio), la semplice dichiarazione di approvazione non ha natura negoziale, l'errore che, ai sensi dell'art. 69 disp. att. c.c., giustifica la revisione delle tabelle millesimali non coincide con l'errore vizio del consenso, disciplinato dall'art. 1428 c.c. e segg., ma consiste nella obiettiva divergenza tra il valore effettivo delle singole unità immobiliari ed il valore proporzionale ad esse attribuito nelle tabelle (Cass. 26 marzo 2010 n. 7300).

riproduzione riservata
Articolo: Errori e revisione delle tabelle millesimali
Valutazione: 3.75 / 6 basato su 4 voti.
  • fs
  • fs
  • fs
  • fs

Errori e revisione delle tabelle millesimali: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Notizie che trattano Errori e revisione delle tabelle millesimali che potrebbero interessarti
Revisione tabelle millesimali senza unanimità

Revisione tabelle millesimali senza unanimità

Con la sentenza 18477 del 9 agosto delle sezioni unite della Cassazione sarà sufficiente la maggioranza in assemblea per avere la revisione delle tabelle millesimali.
Sentenza  Cassazione n. 18477 del 9 agosto 2010

Sentenza Cassazione n. 18477 del 9 agosto 2010

Con la recente sentenza n. 18477 del 9 agosto delle sezioni unite della Corte di Cassazione si fa finalmente un po? di chiarezza riguardo alla questione...
Revisione tabelle millesimali

Revisione tabelle millesimali

Con una sentenza del 2010, la n. 3001 del 10 febbraio, la Corte di Cassazione si è occupata di tabelle millesimali per la ripartizione delle spese condominiali.
Chi paga la revisione delle tabelle millesimali?

Chi paga la revisione delle tabelle millesimali?

Chi paga la parcella del tecnico incaricato della revisione e modificazione delle tabelle millesimali dopo dei lavori di ridistribuzione spazi interni in un appartamento?...
Nuove conferme e vecchi dubbi riguardo alle tabelle millesimali

Nuove conferme e vecchi dubbi riguardo alle tabelle millesimali

Per l'approvazione e revisione di tabelle millesimali è sufficiente una deliberazione assembleare approvata con il voto favorevole della maggioranza degli intervenuti.
Discussioni Correlate nel Forum LavorincasaTag ForumRevisione tabelle millesimali
Img roberso
Buongiorno,nel mio condominio dopo tanti decenni siamo venuti a conoscenza che una stanza al piano terra utilizzata dal capocasa, e considerata parte comune, è in...
roberso 14 Gennaio 2014 ore 13:30 1
Img antospada
Salve sono un nuovo iscritto e vorrei porre il seguente quesito:uno dei condomini ha richiesto la revisione delle tabelle millesimali chiamando in giudizio gli altri condomini.A...
antospada 28 Luglio 2016 ore 20:58 1
usr REGISTRATI COME UTENTE
290.258 Utenti Registrati
usr
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Finanziamenti a tasso zero Latina
    Finanziamenti a tasso zero latina...
    167.00
  • Soppalchi grigliati acciaio
    Soppalchi grigliati acciaio...
    49.00
  • Isolamento fibre di cellulosa Roma
    Isolamento fibre di cellulosa roma...
    1200.00
  • Fibra di cellulosa insufflata Latina
    Fibra di cellulosa insufflata...
    1200.00
  • Pavimento esterno, mosaico di pietra di luserna
    Pavimento esterno, mosaico di...
    50.00
  • Panca italiana con gambe in ferro forgiato
    Panca italiana con gambe in ferro...
    340.00
  • Fioriera rosa rettangolare
    Fioriera rosa rettangolare...
    33.00
  • Victoria+albert vasca free standing barcelona nero pianoforte
    Victoria+albert vasca free...
    5325.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Officine Locati
  • Mansarda.it
  • Inferriate.it
  • Kone
  • Weber
  • Faidatebook
  • Black & Decker
MERCATINO DELL'USATO
€ 500.00
foto 2 geo Roma
Scade il 31 Luglio 2018
€ 68.00
foto 1 geo Milano
Scade il 31 Ottobre 2018
€ 380.00
foto 6 geo Frosinone
Scade il 31 Dicembre 2018
€ 39 000.00
foto 6 geo Torino
Scade il 09 Settembre 2018
€ 49 000.00
foto 6 geo Torino
Scade il 16 Settembre 2018
€ 28.00
foto 6 geo Frosinone
Scade il 31 Dicembre 2018
VENDI SUBITO IL TUO USATO DI CASA
Inserisci annuncio
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.