Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Erosione di strutture da vento e sabbia

Uno dei degradi che maggiormente si evidenziano sulle parti esterne dei fabbricati costruiti lungo i litorali marini, dipende dalla azione corrosiva di vento e sabbia.
29 Luglio 2012 ore 15:41 - NEWS Ristrutturazione

stato di degrado della pietra da fenomeno di erosioneLo stato di conservazione dei fabbricati, oggetto di studio da parte di operatori, professionisti e aziende, è suddiviso in tanti settori contraddistinto ciascuno da una propria complessità.

Appare chiaro che l'argomento è di assoluto interesse anche per la tutela del patrimonio edilizio realizzato in prossimità di aree dove sono più evidenti i fenomeni di degrado causati da caratteristiche condizioni climatiche e del paesaggio.

Erosione Eolica in prossimità dei litorali


Lungo le spiagge solitamente i venti, che provengono dal mare, producono un'azione di rilevo sulle strutture edilizie, accentuata anche dagli ampi spazi e dall'assenza di alture.

erosione di un pilastrino realizzato in conci di pietra calcareaPer avere una visione degli effetti di questa forza naturale, basta osservare la conformazione delle collinette di dune di sabbia che si allungano verso l'interno seguendo sia l'intensità sia la direzione del vento.
La stessa visione si ha del resto anche in certe regioni desertiche del nostro globo.

Nei litorali, dove sono presenti i fabbricati a margine della costa, oltre all'azione del vento, si associa anche un altro fenomeno determinato dall'azione dei granelli di sabbia.

Questi materiali sottili, infatti, una volta sollevati dal vento, impattano violentemente contro le superfici esercitando un'azione corrosiva.
È evidente che la consistenza di questo fattore dipende in parte dalla natura del materiale, ossia se poroso o compatto, dal trascorrere del tempo e da altre situazioni.

Danni sulle strutture edilizie


Nelle foto allegate, sono chiari gli effetti su alcuni edifici costruiti lungo una costa marina e costituiti da struttura muraria.

particolari erosione su parti lapidee e su giunti di connessione conci Nel primo esempio, in un vecchio fabbricato, si evidenziano, oltre lo stato di abbandono, anche alcuni particolari concernenti i conci in pietra erosi e modellati dall'azione combinata di vento e sabbia.

Si nota, infatti, il particolare di un pilastrino in pietra, posto a suddivisione di un'ampia finestra, che ha perso la conformazione originaria con la riduzione della sezione trasversale (resistente) di ogni singolo concio.

La differenza sostanziale del danno, sui singoli elementi lapidei che compongono la struttura, dipende anche da fattori naturali come l'azione dei vortici, che agiscono in maniera più violenta su alcune parti della superficie rispetto ad altre zone più protette.
Così come poc'anzi accennato, anche la natura del materiale determina la consistenza del degrado.

erosione anche su muratura in mattoni di argillaNell'esempio rappresentato in foto, infatti, la struttura portante, del fabbricato è in calcare, un materiale poroso che solitamente è preferito rispetto ad altre pietre proprio per la caratteristica naturale che rende questa roccia facile da lavorare e da sagomare.

Un altro aspetto da considerare, riguarda la posizione del singolo elemento lapideo, o concio in pietra, posto all'interno della struttura edilizia in muratura.

Questa condizione solitamente si genera durante la fase di costruzione del muro, ed è determinata dalla posizione degli strati sedimentari del blocco, ossia se disposti in posizione verticale o orizzontale.
La natura di questa roccia, formata da strati succedutisi nel tempo, fa sì che si ha una maggiore resistenza se il concio è collocato con la stratificazione orizzontale, ortogonale alla sollecitazione di carico.

effetti della erosione di vento e sabbia anche su altri parti di una struttura ediliziaPonendola in posizione verticale, si ha invece una maggiore probabilità di sfaldamento del materiale.

Questa consuetudine del resto, era una delle prime regole che seguivano i capomastri operanti in aree dove la tradizione costruttiva si basava su materiali naturali come la pietra calcarea.
Oltre questi fenomeni, un altro danno causato dall'azione erosiva del vento e sabbia, si evidenzia anche nello strato di connessione dei conci.

In un'altra foto si notano, infatti, altri danni sul medesimo involucro edilizio dovuti alla scarnificazione dei giunti con l'eliminazione della malta di allettamento e la scomposizione dell'intero apparecchio murario.

È pur vero che, in questo fabbricato, vi è stata anche una maggiore conseguenza dovuta allo stato di conservazione (senza copertura e infissi) che ha permesso ai venti di agire in tutta la loro potenza ma, tuttavia, occorre costatare effetti analoghi anche in ambienti più tradizionali.

In una delle illustrazioni successive, si nota come l'azione di abrasione da vento e sabbia, abbia causato dei danni a un fabbricato fronte mare, evidenziate sia su zone rifinite con intonaco e sia sui pilastrini in muratura della copertura.

particolare erosione su superficie in cementoPer rendere ulteriormente visibile le conseguenze sull'intonaco esterno, basta osservare un'altra immagine dove, oltre al degrado dovuto all'umidità di risalita che ha comportato il distacco dello strato di tonachino, si nota anche la corrosione della superficie a cemento causata dall'asportazione progressiva di piccole particelle di materiale.

Oltre l'intonaco e parti lapidee, non bisogna trascurare le conseguenze su altri materiali come: il ferro, il cemento armato, ecc.

Come interventi precauzionali contro questo fenomeno, si possono attuare le procedure indicate per gli interventi di restauro conservativo, oltre naturalmente un'adeguata manutenzione programmata che permetta di non lasciare per molto tempo a vista le parti edilizie all'azione corrosiva dei venti.

riproduzione riservata
Articolo: Erosione di strutture da vento e sabbia
Valutazione: 5.83 / 6 basato su 6 voti.

Erosione di strutture da vento e sabbia: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
328.222 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Erosione di strutture da vento e sabbia che potrebbero interessarti


Murature a rischio

Ristrutturazione - Come risanare vecchie murature con problemi di integrità strutturale. Risanare murature dopo il crollo.

Come risolvere il problema dell'umidità di risalita

Risanamento umidità - Con il sistema Aquapol, invertendo la polarità delle molecole di acqua, è possibile risolvere il gravoso problema dell'umidità ascendente nelle murature di casa

Il cemento non può essere impiegato nel recupero degli edifici storici

Materiali edili - Il cemento, sia come legante per malte e intonaci sia come cemento armato, è da evitare nel restauro e consolidamento degli edifici storici per numerosi motivi.

Consolidamento e protezione degli intonaci di pregio

Restauro edile - Nel restauro di un intonaco di pregio le tecniche di consolidamento e protezione sono fondamentali per garantirne la conservazione e non aggravare il degrado.

Facciate a bugnato

Facciate e pareti - Nelle facciate degli edifici storici è molto comune imbattersi in varie tipologie di bugnato realizzate in pietra, intonaco oppure semplicemente dipinte.

Pre-consolidamento e pulitura degli intonaci di pregio

Facciate e pareti - Nel restauro di un intonaco di pregio le tecniche di pulitura e pre-consolidamento sono fondamentali allo scopo di garantire una corretta prosecuzione dell'intervento.

Mare e Cemento Armato

Restauro edile - Il cemento armato è uno dei materiali maggiormente sensibili all'aggressione di agenti marini quali la salsedine, l'azione eolica, la forte evaporazione e l'erosione.

Rinzaffo

Facciate e pareti - La finitura di una parete è costituita da più strati di intonaco. Il primo tra questi è anche il più grossolano e si chiama rinzaffo, noto anche come abbozzo.

Calcare e danni ai rivestimenti

Ristrutturazione - Come rimediare ai danni provocati nel tempo dal contatto di acque ricche di calcare con i rivestimenti in ceramica degli ambienti domestici come bagni e cucine.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img raf52
Salve,vorrei consolidare una parete interna di 8x3 Mt con intonaco armato ( tipo Mapei, Keracoll..).Chiedo a quanto si aggira il costo compresa la manodopera e la fornitura del...
raf52 30 Gennaio 2021 ore 18:34 6
Img gian antoniosampietro
Buongiorno a tutti, sto ristrutturando un appartamento con solaio di tavelloni appoggiati sopra travi IPN120 con interasse di 1 mt. Decisamente sottodimensionato, e le flessioni...
gian antoniosampietro 20 Dicembre 2020 ore 15:11 1
Img robi77
Nel mio terreno di proprietà (guaio) si è verificata una frana, a 5-40 mt dalla casa di residenza. - Sapete se posso fruire di detrazioni o sconto in fattura per...
robi77 25 Novembre 2020 ore 11:10 1
Img steam_user
Buongiorno, durante una verifica con lo strutturista è emerso che i solai del mio appartamento sono costituti da travi di legno (l'edificio e dei primi del 900).Il suo...
steam_user 24 Ottobre 2017 ore 15:36 5
Img steam_user
Ciao a tutti, mi sto accingendo a procedere alla ristrutturazione della casa che ho acquistato. Durante il sopralluogo effettuato con un impresa, mi è stato segnalato...
steam_user 01 Agosto 2017 ore 15:04 2