Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Fonti rinnovabili: tutte le direttive nel Decreto legislativo

Sono state definite le procedure e i titoli abilitativi per l'installazione di impianti di fonti rinnovabili. Prevista anche la rimodulazione degli incentivi.
- Impianti rinnovabili
Barra Preventivi Online

Fonti rinnovabili: le novità contenute nel nuovo Decreto


La quota dei consumi energetici degli edifici nuovi, o sottoposti a ristrutturazioni rilevanti, che dovrà essere coperta da fonti rinnovabili, sale al 60%. Ciò è quanto riportato nel Decreto Legislativo 199/2021, con cui l'Italia ha recepito la Direttiva 2018/2001/UE circa la promozione dell'uso dell'energia da fonti rinnovabili.

Rinnovabili
Nel decreto sono inoltre indicati le procedure e i titoli abilitativi da utilizzare per l'installazione degli impianti negli edifici, nonché i nuovi criteri sulle cui basi sarà aggiornato il sistema degli incentivi alle rinnovabili.


60% dei consumi coperti dalle rinnovabili


Gli edifici realizzati ex novo, o sottoposti a ristrutturazione, sulla base di un titolo abilitativo presentato dal 13 giugno 2022 dovranno essere progettati in modo tale da garantire - tramite il ricorso ad impianti alimentati da fonti rinnovabili - la copertura del 60% dei consumi previsti per la produzione di acqua calda sanitaria e del 60% della somma dei consumi previsti per la produzione di acqua calda sanitaria, climatizzazione estiva ed invernale.
Tale obbligo decade qualora l'edificio è allacciato a una rete di teleriscaldamento e/o teleraffrescamento efficiente.

Negli edifici pubblici, la percentuale sale invece al 65%.


Rinnovabili: procedure e titoli abilitativi


Per ogni tipo di impianto, nel decreto vengono indicati sia la procedura da seguire che il titolo abilitativo da utilizzare.
Ad esempio, l'installazione dei collettori solari termici deve essere eseguita senza comunicazione né titolo abilitativo nei casi in cui:

  • trattasi di manutenzione ordinaria;

  • l'impianto è aderente o integrato nel tetto dell'edificio con la stessa inclinazione e lo stesso orientamento;

  • i componenti dell'impianto non modificano la sagoma degli edifici e la superficie dell'impianto non supera quella del tetto.


Rimodulazione degli incentivi


Entro il 13 giugno 2022, il Ministero per la transizione ecologica (Mite) emanerà dei decreti che ridefiniranno i sistemi di incentivazione per chi installa impianti da fonti rinnovabili.
L'incentivo verrà assegnato tramite una tariffa erogata dal Gestore dei Servizi Energetici (GSE). Per i grandi impianti (con potenza superiore a 1MW), saranno previste procedure competitive di aste al ribasso.

L'erogazione degli incentivi seguirà poi anche una serie di criteri. Tra questi, uno dei requisiti premianti, sarà la sostituzione dell'amianto con il fotovoltaico.

Identificazione delle aree idonee


Infine, il Mite definirà criteri omogenei per l'individuazione delle aree idonee, e non, all'installazione di impianti alimentati da fonti rinnovabili. L'installazione dovrà infatti avvenire minimizzando l'impatto ambientale e la porzione di suolo occupabile.

Presso il GSE sarà realizzata una piattaforma digitale che supporterà le Regioni nella scelta delle aree idonee.

riproduzione riservata
Energie rinnovabili dovranno coprire il 60% su edifici nuovi e ristrutturati
Valutazione: 5.86 / 6 basato su 7 voti.

Energie rinnovabili dovranno coprire il 60% su edifici nuovi e ristrutturati: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti