Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

In arrivo il nuovo digitale terrestre dvb t2

Il passaggio al nuovo digitale terrestre è stato posticipato. Dal 15 novembre le frequenze dei canali del digitale terrestre verranno spostate progressivamente.
- NEWS TV ed elettronica

A breve il passaggio a dvb t2, il nuovo digitale terrestre


Posticipata la data dello switch-off per il passaggio al nuovo digitale terrestre di seconda generazione, il DVB T2.

Dal 15 novembre le frequenze dei canali del digitale terrestre verranno spostate progressivamente per liberare la banda 700 MHz, per essere messe a disposizione delle compagnie telefoniche per l'attivazione della tecnologia 5G.

Nuovo digitale terrestre
Questo significa che da tale data molti dispositivi (tv o decoder) acquistati prima del 2017 non saranno in grado di supportare la nuova tecnologia, con la conseguenza che non potranno più trasmettere i nostri canali preferiti.

È possibile, invece, che una televisione prodotta dopo luglio 2016 consentirà di ricevere il nuovo segnale, con la conseguenza che sarà necessario soltanto effettuare una ricerca dei canali.

Come è avvenuto nell'arco degli anni 2009-2012 con la transizione dalla televisione analogica a quella digitale, il passaggio al digitale terrestre di nuova generazione DVB T2 in alcuni casi non sarà semplice, pertanto, è opportuno informarsi per tempo, in modo da essere pronti per tale cambiamento.


DVB T2: caratteristiche del nuovo sistema digitale terrestre


Il processo di switch off in favore del nuovo digitale terrestre, iniziato nel 2020, si concluderà nel 2023.

Per la completa sostituzione del vecchio sistema è stato infatti necessario un biennio, durante i quali sia il DVB T, sia il DVB T2 sono rimasti funzionanti.

Tale transizione riguarda tutte le Regioni italiane, ma con tempistiche diverse.

Lo scorso 27 novembre, il MISE ha riscritto il calendario per il passaggio alla nuova tecnologia, suddividendo le Regioni in quattro macroaree geografiche.

La prima Regione italiana interessata dalla transizione sarà la Sardegna (Area A1).

Dvb t2
Toccherà poi all'Area 2 costituita da Valle d'Aosta, Piemonte, Lombardia, tranne la provincia di Mantova, provincia di Piacenza, provincia di Trento, provincia di Bolzano e all'Area 3 in cui sono state ricomprese Veneto, provincia di Mantova, Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna, tranne la provincia di Piacenza, che avranno tempo per adeguarsi dal 3 gennaio 2022 al 15 marzo 2022.

Dal 1° marzo al 15 maggio 2022 toccherà all'Area 4, ossia Sicilia, Calabria, Puglia, Basilicata, Abruzzo, Molise, Marche.

E infine sarà la volta dell'Area 1B cioè Liguria, Toscana, Umbria, Lazio, Campania dal 1° maggio al 30 giugno 2022.

DVB T2: la nuova tv digitale


Il grosso cambiamento riguarda il passaggio dall'esistente DVB T, dotato di sistema di codifica digitale MPEG 2, al nuovo DVB T2 HEVC, ossia, High Efficiency Video Coding, il quale consentirà di fruire di contenuti digitali con una qualità video più alta, che supporterà anche l'ultra definizione 8k.

Dal prossimo anno ogni Regione avrà completato il passaggio e le vecchie tv o i vecchi decoder, che non supportano il nuovo DVB T2 non potranno essere utilizzati per visionare i canali Rai e Mediaset.

In ogni caso, prima di acquistare un nuovo televisore è bene verificare in concreto se il nostro dispositivo sia in grado o no di ricevere il nuovo segnale, effettuando un rapido e semplice test ed eventualmente anche provando a informarsi presso un punto vendita o un negozio di assistenza elettronica.


DVB T2: nuovo standard digitale terrestre


Nel 2020 è stato avviato il passaggio dal digitale terrestre DVB T1 (o DVB T, di prima generazione) al nuovo standard televisivo DVB T2.

Questo processo si è reso necessario per consentire una riorganizzazione delle frequenze tv in vista dell'arrivo del 5g.

La conseguenza di tali cambiamenti è un'inevitabile riduzione della disponibilità di frequenze per la televisione. Per riuscire a trasmettere tutti i programmi, occorre innovare il sistema di qualità della trasmissione video.

Passaggio a dvb t2
Tramite lo standard di compressione HEVC, High Efficiency Video Coding, è possibile ottenere una maggiore qualità dei video in una porzione minore di banda.

Il DVB T1, supportava frequenze dai 400 ai 690 MHz, mentre il DVB T2, soltanto le frequenze a 700 MHz. Questo significa che, per consentire agli utenti di vedere i vari programmi, tutte le emittenti televisive devono migrare dalle prime verso le seconde frequenze.


Nuovo decoder digitale terrestre e nuova tv digitale


Ma quali sono i modelli tv che occorre sostituire per poter accedere ai canali Rai e Mediaset?

Tutti i dispositivi e non dotati di tecnologia DVB T2 e acquistati antecedentemente al 1° luglio 2016, possono essere associati a un decoder, pertanto, potrebbe non essere necessario sostituirli con nuovi dispositivi.

La tv digitale acquistata dopo il 1° gennaio 2017 dovrebbe invece essere compatibile con il DVB T2, in quanto una legge ha provveduto a rendere obbligatoria la vendita esclusiva di tali apparecchi dopo quella data.


Come capire se la tv è compatibile con la tecnologia DVB-T2?


Gli apparecchi tv, acquistati a partire dal 2017, dovrebbero essere adeguati alle nuove disposizioni per supportare la nuova tecnologia di trasmissione dei segnali.

Ciò nondimeno, prima di affrontare qualsivoglia spesa, è opportuno, in ogni caso, accertarsi della eventuale compatibilità del nostro modello tv con quelli previsti per il passaggio al nuovo digitale.

Per effettuare tale accertamento è sufficiente eseguire un semplice test, al termine del quale è possibile conoscere l'effettiva ricezione del nuovo segnale.

Tv nuovo digitale
Utilizzando il telecomando in dotazione, basterà digitare il codice 100 (opzione RAI) o 200 (opzione Mediaset). Se a seguito della digitazione di tali codici, dovesse apparire la schermata con la scritta Test HEVC Main10, vuol dire che il televisore è compatibile con le nuove frequenze e, dunque, non sarà necessario sostituirlo o acquistare un nuovo decoder.

Se, al contrario, dovesse risultare il messaggio Canale non disponibile, significa che il televisore non è compatibile.

Nel caso non dovessero apparire né l'uno né l'altro avviso è consigliabile provare a risintonizzare tutti i programmi.


Costi DVB T2 e bonus tv


Chiarito cosa accadrà da qui a poco da un punto di vista tecnico, occorre valutare quali sono gli incentivi messi a disposizione dai recenti Governi per agevolare e sostenere i costi per il nuovo digitale.

Le misure messe in atto, sono sostanzialmente due: il c.d. bonus tv –decoder e il bonus rottamazione tv.

I bonus sono cumulabili.


Bonus tv – decoder dvb t2


I costi da sostenere per l'arrivo del nuovo sistema di digitale terrestre DVB T2 HECV sono relativi alla sostituzione della televisione e all'eventuale acquisto del decoder.

La Legge di Bilancio 2019 ha previsto un incentivo concesso per l'acquisto, dal 18 dicembre 2019 al 31 dicembre 2022, di un nuovo tv digitale o decoder dtv2, fino ad esaurimento scorte.

Chi può richiedere il bonus tv – decoder dvb t2?


Il bonus TV – decoder è una misura prevista per le famiglie con ISEE fino a 20 mila euro.

E' importante precisare che il contributo, pari a euro 30 (comprensivo di IVA), sarà riconosciuto una sola volta per nucleo familiare (ciò significa che solo un utente per nucleo potrà riceverlo per l'acquisto di un solo apparecchio), o da cittadini che al 31 dicembre 2020 risultino di età pari o superiore a settantacinque anni, residenti in Italia, ed esenti dal pagamento del canone tv ai sensi dell'articolo 1, comma 132, della legge n. 244 del 2007.


Per ottenere lo sconto, i cittadini dovranno presentare al venditore una richiesta per acquistare una TV o un decoder beneficiando del bonus.

Decoder seconda generazione e bonus rottamazione tv


Il bonus rottamazione TV, operativo dal 23 agosto 2021, è ulteriore contributo di cui si può beneficiare, rottamando contestualmente un televisore acquistato prima del 22 dicembre 2018, data di entrata in vigore dello standard di codifica HEVC MAIN 10 adottato dalla nuova tecnologia.



Si tratta essenzialmente di un incentivo, riconosciuto sotto forma di sconto praticato dal venditore dell'apparecchio televisivo sul prezzo di vendita, per un importo pari al 20% per cento del prezzo, entro l'importo massimo di 100 euro.

Chi può richiedere il bonus rottamazione tv?


I beneficiari del bonus rottamazione sono i cittadini che versano il canone TV mediante la bolletta elettrica oppure tramite modello F24 o, ancora, i cittadini che al 31 dicembre 2020 risultino di età pari o superiore ai settantacinque anni, residenti in Italia, ed esenti dal pagamento del canone tv ai sensi dell'articolo 1, comma 132, della legge n. 244 del 2007.

riproduzione riservata
Articolo: Dvb t2: il digitale terrestre di nuova generazione
Valutazione: 5.00 / 6 basato su 20 voti.

Dvb t2: il digitale terrestre di nuova generazione: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Angy
    Angy
    Giovedì 10 Febbraio 2022, alle ore 12:31
    Ma se la mia TV è nuova seppur del 2013, perché dovrei cambiarla?
    Perché non è Smart?
    In pratica devo spendere per forza dei soldi?
    rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
339.463 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Dvb t2: il digitale terrestre di nuova generazione che potrebbero interessarti


TV digitale: glossario

Impianti - Glossario suddiviso in quattro capitoli, per imparare a riconoscere i nuovi termini tecnici introdotti dall'avvento della tecnologia digitale terrestre.

Digitale Terrestre: domani scatta lo switch off

TV ed elettronica - Martedì 8 marzo 2022 tutte le TV nazionali passeranno dal codec MPEG-2 all'MPEG-4. Ecco cosa significa e soprattutto cosa fare e controllare per trovarsi pronti

DVb-T2: posticipato il passaggio al nuovo digitale terrestre

Leggi e Normative Tecniche - Importanti novità per il digitale terrestre: riscritto il calendario per il passaggio al nuovo MPEG-4 su base regionale e rinviato al 1 gennaio 2023 lo switch off

Televisione Digitale Terrestre

Impianti - Il digitale terestre ha notevolmente innovato il sistema delle trasmissioni televisive attraverso una serie di modalità e funzioni assolutamente innovative.

Decoder zapper ed interattivo

Impianti - In commercio, da collegare al proprio televisore ci saranno due tipi di decoder: zapper ed interattivo.

Salone dell'edilizia digitale, uno strumento per acquisire nuove competenze

Materiali edili - Fissata la data in cui si terrà il Salone dell'edilizia digitale 2022 per fornire alle imprese le competenze digitali per lo svolgimento delle proprie attività.

Digitale terrestre

Impianti - Entro il 2012 avverra' il progressivo passaggio delle trasmissioni televisive sul digitale terrestre.

Bonus Rottamazione Tv: vale anche per acquisti su Amazon?

TV ed elettronica - È attivo il Bonus Tv per l'acquisto di televisori conformi al nuovo digitale terrestre, dvb-t2, rottamando i vecchi apparecchi. Vale anche per acquisti su Amazon?

Decoder e videoregistratore digitale

TV ed elettronica - Essendo antieconomico acquistare un nuovo televisore per ogni camera è necessario valutare le migliori offerte del settore.