• progetto
  • cadcasa
  • ristrutturazione
  • caldaia
  • clima
  • forum
  • consulenza
  • preventivi
  • computo
  • mercatino
  • mypage
madex

Drenaggi e giardini pensili una soluzione green ed economica

Drenaggi e giardini pensili: caratteristiche, vantaggi e proprietà, normative di riferimento e prodotti utili alla corretta realizzazione di queste finiture.
Pubblicato il / Aggiornato il

Drenaggi e giardini pensili


Il giardino è un elemento fondamentale per il comfort abitativo; pertanto sempre più spesso si realizzano giardini pensili nelle abitazioni moderne.

Un giardino pensile è realizzato su elementi architettonici piani o inclinati e ha bisogno di un sistema di drenaggio e irrigazione artificiale per poter funzionare.

Giardino pensile  realizzato con Agrileca LaterliteGiardino pensile realizzato con Agrileca Laterlite

Di solito vengono realizzati giardini pensili sui solai esterni e sui garage, per non parlare di giardini pensili sui tetti, i cosiddetti tetti verdi.

La funzione benefica dei tetti verdi e dei giardini pensili è ben nota storicamente, perché permette di migliorare l'isolamento termico dell'edificio sfruttando l'inerzia termica del terreno.

Per questo è molto importante realizzare un buon impianto di drenaggio che permetta il corretto deflusso delle acque meteoriche e non faccia ristagnare l'acqua.


Step per la realizzazione di un giardino pensile


Per realizzare un giardino pensile a regola d'arte abbiamo schematizzato questi pochi passaggi:

  • analisi preliminare del posto in cui il giardino pensile si colloca

  • valutazione della stabilità statica e della efficienza del piano di posa del giardino pensile

  • progettazione in base alla metratura e alla esposizione del luogo

  • realizzazione dell'isolamento e del drenaggio del giardino pensile (vediamo qui una foto esempio di un sottofondo realizzato con l'argilla espansa della Leca - Laterlite)

  • posa a dimora delle piante e del terriccio


Stratodrenante Agrileca tetto verde LAterliteSottofondo Agrileca di Laterlite

Quanto costa la realizzazione di un giardino pensile?


Non si può stabilire con esattezza il costo di un giardino pensile, in quanto i prezzi possono variare in base alle esigenze, alle metrature e ai materiali utilizzati.

Possiamo però stabilire che in media la cifra può aggirarsi attorno a 70/80 €/mq per progetti semplici, fino ad arrivare a diverse centinaia di €/mq per progetti più ambiziosi, complessi e particolari.


Perché installare un giardino pensile: benefici e vantaggi


Innanzitutto i giardini pensili sono di grande impatto estetico.

Grazie alla loro realizzazione, si possono andare a ottenere benefici non ignorabili.
Ad esempio, il rivestimento erboso non è soltanto un abbellimento ma funge da isolante acustico alla struttura, evitando, grazie al suo essere un fonoassorbente naturale, forti rumori provenienti dall'esterno.

Importantissima è anche la capacità di isolare termicamente la struttura, aumentando il mantenimento del calore all'interno dell'edificio e aiutando a mantenere il fresco d'estate.

Altro grande vantaggio, è dato dalla capacità del rivestimento di preservare e salvaguardare dalle intemperie lo stato della superficie sulla quale è sistemato il giardino pensile-terrazzo.
I vantaggi dell'installazione di un giardino pensile non sono sicuramente soltanto di tipo tecnico, ma sono anche economici: la realizzazione di un giardino-terrazzo o di un tetto verde aumenta, infatti, in maniera considerevole il valore dell'abitazione nella quale esso è stato costruito.

Importante, e spesso poco considerato, è l'impatto benefico su adulti e bambini del poter godere di uno spazio verde.


Legislazione e normativa per i giardini pensili


La progettazione e realizzazione di un giardino pensile devono far riferimento a determinate regole stabilite dalla legislazione.
Si tratta di una normativa che fa riferimento in particolare a due documenti: le linee guida ministeriali Verde pensile: prestazioni di sistema e valore ecologico e la norma UNI 11235 istruzioni per la progettazione, l'esecuzione e la manutenzione di coperture a verde.

Le membrane per la copertura a verde, per avere il marchio CE, devono possedere la certificazione di resistenza alle radici secondo la norma europea UNI EN 13948.

Questa prova è riconosciuta in ambito CEN (Comitato Europeo di normazione) come assolutamente appropriata a decretare la resistenza alle radici delle membrane utilizzate nel realizzazione di giardini pensili.

Questo test viene definito test antiradice e va realizzato anche in funzione del bollino antiradice. Una volta realizzato il test, se non vi sono problematiche, si passerà all'analisi visiva delle membrane.

L'associazione tedesca per il verde pensile (FBB), ha stilato un elenco contenente le specie a rischio, di rimando alla norma FLL, che esclude dalla certificazione antiradice le specie con forte crescita rizomatosa (es. il bambù).

3d Geoplast Global3d Geoplast Global

Il giardino pensile è quindi una soluzione ottimale per chi vuole trasformare uno spazio inutilizzato in un piccolo angolo di paradiso.

Come si evince anche dalle normative sopra citate è fondamentale nella realizzazione di queste coperture giardino lo strato drenante, affinché si possano smaltire le acque meteoriche e i ristagni dovuti agli eccessi di irrigazione della vegetazione.

Come sempre in commercio esistono varie soluzioni che sfruttano teli in EPS o pannelli stampati. Ne vediamo qui alcuni esempi.

Giardini pensili e tetti verdi: i prodotti per la realizzazione


DRAINROOF della GEOPLAST è un pannello stampato in PP, studiato per la realizzazione di giardini pensili e coperture a verde. L'elemento viene posato sulla guaina impermeabilizzante del solaio e funge da drenaggio e accumulo delle acque meteoriche.

L'impiego di DRAINROOF assicura la protezione dell'isolamento della copertura dalle sollecitazioni termiche e meccaniche, prolungando così il tempo di vita dell'intera struttura del tetto e mantenendolo ventilato.
La presenza di piedini arrotondati contribuisce a salvaguardare la guaina da possibili incisioni.

Stratigrafia  Geoplast con prototto draindroofStartifia Draindroof della Geoplast

I coni che caratterizzano l'elemento DRAINROOF permettono l'accumulo dell'acqua piovana in eccesso, garantendo una riserva idrica per il substrato culturale.
L'acqua raccolta viene riutilizzata dalla vegetazione e reinserita nel suo ciclo naturale.

La superficie forata di DRAINROOF permette un drenaggio ottimale delle acque delle acque meteoriche.
Drainroof geoplastDrainroof della geoplast

DRAINROOF consente una riduzione del coefficiente di deflusso, contribuendo a diminuire la quantità d'acqua incanalata verso i sistemi di smaltimento a terra.
L'effetto del trattenimento delle acque meteoriche è direttamente proporzionale allo spessore dello strato colturale, alla sua capacità di ritenzione e alla massa vegetale presente.

DRAINROOF è un elemento in poliproline per il drenaggio e l'accumulo delle acque meteoriche nei giardini pensili. Il pannello ha dimensioni 50x50 cm e altezze variabili da 6 cm a 2,5 cm.

Altri prodotti per la realizzazione dei giardini pensili


Realizzazione di giardini pensili con prodotti Knauf

Le lastre TecnoDreno sono state espressamente progettate per la realizzazione di giardini pensili.

Consentono un corretto deflusso dell'acqua e possono essere installate su tetti verdi con debole pendenza in edifici di nuova costruzione e nelle ristrutturazioni.

Sul pannello viene posato un geotessile con funzioni di drenaggio e protezione dalla terra. Le lastre Tecnodreno in polistirene sinterizzato stampato sono state espressamente progettate per la realizzazione di giardini pensili, dove assicurano un corretto deflusso dell'acqua.

Tecnodreno della KnaufStratigrafia lastre Tecnodreno Knauf per giardini pensili

Leggere e resistenti, le lastre di Tecnodreno offrono una grande facilità e rapidità di posa nel pieno rispetto dell'ambiente. Tecnodreno, infatti, apporta un'influenza positiva sul microclima interno all'edificio, migliorandone il comfort termico e acustico e umidificando l'aria ambiente.

Lastra  Tecnodreno della Knauf Lastra Tecnodreno della Knauf

Regolando efficacemente il flusso dovuto alle precipitazioni, questo tipo di copertura contribuisce a limitare il rischio di inondazioni, evitando la saturazione delle condotte. Tecnodreno può anche contribuire ad assorbire l'inquinamento urbano e ridurre così l'inquinamento atmosferico.


Resistenza alla compressione 120 kPa; dimensioni: mm 1000x500x40 mm.

riproduzione riservata
Drenaggi e giardini pensili più semplici ed economici
Valutazione: 4.50 / 6 basato su 14 voti.
gnews
  • whatsapp
  • facebook
  • twitter

Inserisci un commento o un'opinione su questo contenuto



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
Alert Commenti
  • Pierluigi Panariello
    Pierluigi Panariello
    Giovedì 24 Febbraio 2022, alle ore 10:19
    Solitamente le più usate e le più versatili sono le piante grasse, ma si possono usare vari tipi di piante con un ridotto apparato.
    rispondi al commento
  • Danny79
    Danny79
    Mercoledì 23 Febbraio 2022, alle ore 20:42
    Articolo molto interessante, utilizzare un'antica usanza applicata al moderno.
    Quali sono le tipologie di piante comunemente usate e più adatte per queste soluzioni?
    rispondi al commento
  • Claretta
    Claretta
    Mercoledì 23 Febbraio 2022, alle ore 11:24
    Stupendo!
    Noi a casa nuova lo vorremmo fare.. quanto potremmo occupare su un terrazzo di 25mq?
    Il 60% oppure il 30%?
    Anche per una funzionalità maggiore e avere comunque del verde in un palazzo ormai spento e che di green non ha nulla..
    rispondi al commento
    • Silvia Sansiviero
      Silvia Sansiviero Claretta
      Mercoledì 23 Febbraio 2022, alle ore 22:58
      Ogni soluzione va vista nel dettaglio , solitamente l'importante è non sovraccaricare la struttura , poi la superficie utilizzabile varia anche in funzione del badget a disposizione .
      rispondi al commento
  • Enrico Passadore
    Enrico Passadore
    Mercoledì 29 Agosto 2012, alle ore 09:31
    Volevo chiedere se per fare un tetto giardino di un box con erba basta mettere sopra l'impermeabilizzante l'enkadrain e sopra 25 cm di terreno vegetale, senza cioè utilizzare un menbrana bugnata per l'accumulo dell'acqua (che secondo me non serve a gran che).
    Zona entroterra di Genova.
    Grazie ciao Enrico
    rispondi al commento
    • Silvia Sansiviero
      Silvia Sansiviero Enrico Passadore
      Mercoledì 23 Febbraio 2022, alle ore 22:52
      Utilizzare uno strato drenante è sempre necessario per isolare la struttura e proteggerla dalle infiltrazioni .
      rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
346.942 UTENTI
SERVIZI GRATUITI PER GLI UTENTI
SEI INVECE UN'AZIENDA? REGISTRATI QUI