Quando è possibile staccarsi dal riscaldamento centralizzato

Come effettuare il distacco dal riscaldamento centralizzato, in quali casi è consentito dalla legge e quanto costa. Vediamo quali sono le procedure da seguire.
Pubblicato il / Aggiornato il

Distacco riscaldamento centralizzato: quando è possibile


Se il riscaldamento centralizzato del condominio è diventato troppo caro ti chiedi se è possibile effettuare il distacco dall'impianto del condominio?

La risposta è positiva e il consenso viene proprio dalla legge. Occorre tuttavia il rispetto di alcune condizioni.

Ci si chiede in questo caso come avviene il riparto delle spese del riscaldamento all'interno del condominio. Vediamo più nel dettaglio come funziona.


Quali sono le condizioni per distaccarti dal riscaldamento condominiale


Tenuto conto del fatto che ormai il costo del riscaldamento è diventato proibitivo sono in molti a chiedersi come poter procedere per installare un sistema di riscaldamento autonomo.

Si tratta di una questione complessa e che ha da sempre comportato molti contenziosi all'interno dei condomini.

La situazione è divenuta più chiara a seguito della riforma del codice civile in materia avvenuta nel 2012 che ha introdotto in materia una disciplina ben precisa.

Riscaldamento centralizzato
Nel dare un riscontro positivo alla questione facciamo riferimento al disposto di legge. In particolare citiamo l'articolo 1118 codice civile, comma 4, in base al quale:

Il condomino può rinunciare all'utilizzo dell'impianto centralizzato di riscaldamento o di condizionamento, se dal suo distacco non derivano notevoli squilibri di funzionamento o aggravi di spesa per gli altri condomini. In tal caso il rinunziante resta tenuto a concorrere al pagamento delle sole spese per la manutenzione straordinaria dell'impianto e per la sua conservazione e messa a norma. Art. 1118 cod.civ.


Distacco riscaldamento centralizzato: quali sono i limiti da rispettare


Per potersi staccare dall'impianto di riscaldamento centralizzato devono essere rispettati alcuni requisiti. Le condizioni richieste dalla legge devono essere accertate con apposita relazione di un perito professionista specializzato o idraulico.

Tale relazione dovrà essere comunicata all'amministratore del condominio affinché tutti i condomini ne vengano a conoscenza.

Le condizioni da rispettare sono:

  • dal distacco non devono derivare notevoli squilibri di funzionamento;

  • il distacco non deve comportare un aggravio di spesa per gli altri condomini.


Distacco dal riscaldamento centralizzato: è necessario il consenso dell'assemblea?


Sulla base dell'attuale orientamento giurisprudenziale per distaccarsi dal riscaldamento condominiale non è necessario chiedere il consenso agli altri condomini.

Distacco riscaldamento
Se vengono rispettate le condizioni che abbiamo esposto e quindi se non vi sono danni a carico degli altri condomini, siamo di fronte a un diritto del condomino che può quindi in autonomia decidere di staccarsi dall'impianto centralizzato.

Nel momento in cui la perizia tecnica è stata comunicata all'amministratore quest'ultimo provvederà in assemblea a darne avviso agli altri condomini che non avranno alcun titolo per fare opposizione.

I condomini dissenzienti potranno al più contestare la validità della perizia esibita chiedendo ad altro professionista di presentare una seconda perizia.

A questo punto potrebbe esserci un contrasto tra le due che sarebbe in grado di bloccare l'esecuzione del lavoro comportando una diatriba legale.


Quali sono le spese da pagare in caso di riscaldamento autonomo


A seguito dell'avvenuto distacco, i diretti interessati non saranno più obbligati a pagare la quota relativa alle spese legati ai consumo per il riscaldamento.

Tuttavia, resteranno tenuti a pagare i costi legati alla manutenzione ordinaria e straordinaria dell'impianto centrale in quanto parte comune dello stabile.

Inoltre spetterà anche ai condomini distaccati l'obbligo di pagare le spese per l'eventuale messa a norma dell'impianto.


Distacco riscaldamento centralizzato e regolamento di condominio


Abbiamo visto che la legge, purché in presenza di determinati requisiti, non pone ostacoli al distacco di un condomino dal riscaldamento centralizzato.

Possono tuttavia esserci altre normative che pongono dei divieti.

Si tratta del regolamento di condominio che pertanto è bene consultare poiché in tal caso non sarà possibile procedere sia pure in assenza di pregiudizi agli altri condomini.

Distacco riscaldamento condominio
È opportuno altresì verificare infine se non esistono regolamenti edilizi e più in generale normative urbanistiche comunali e regionali che sanciscano tali divieti a tutela dell'ambiente e dell'efficienza energetica.

Vista la presenza di altre importanti normative dovrà essere cura del perito a cui il condomino si rivolge verificare la presenza di eventuali divieti a procedere.


Quali sono i costi da sostenere per distaccarsi dal riscaldamento del condominio


Se indubbiamente il disporre di un riscaldamento autonomo comporta un certo risparmio per ciò che concerne le spese legate ai consumi, un aspetto da non sottovalutare riguarda i costi da sostenere inizialmente per operare il distacco.

Innanzitutto, occorre mettere in conto la spesa che si dovrà effettuare per l'elaborazione della relazione tecnica da parte del perito relativa alla modifica dell'impianto che potrebbe aggirarsi intorno ai 1000 euro.

Seguirà l'acquisto della caldaia il cui costo dipenderà dalla tipologia che si vorrà acquistare e infine la spesa per la canna fumaria intorno ai 900 euro.

Ricordiamo che, a parte le deroghe previste dalla legge, la caldaia dovrà essere con scarico a tetto. Si evidenzia infine che qualora si opti per una caldaia a condensazione si potrà fruire dei benefici fiscali legati all'ecobonus.

riproduzione riservata
Distacco impianto riscaldamento condominiale
Valutazione: 3.83 / 6 basato su 6 voti.
gnews
  • whatsapp
  • facebook
  • twitter

Inserisci un commento



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
Alert Commenti
  • Papessa
    Papessa
    Lunedì 26 Settembre 2011, alle ore 12:17
    LEGGE DA APPROVARE
    rispondi al commento
  • Legale
    Legale
    Lunedì 11 Luglio 2011, alle ore 13:57
    @ Ciro: per il pavimento, salva diversa indicazione del regolamento contrattuale, non è necessaria alcuna autorizzazione.
    rispondi al commento
  • Ciro Murolo
    Ciro Murolo
    Sabato 9 Luglio 2011, alle ore 18:04
    Per cortesia voglio sapere se posso cambiare il pavimento nel mio balcone o ci vuole l'autorizzazione del condominio?grazie
    rispondi al commento
  • Aurizzi
    Aurizzi
    Mercoledì 6 Luglio 2011, alle ore 17:01
    Il mio commento è che non trovo giusto che devo pagare le spese di conservazione, quando io rinuncio alla mia percentuale di proprietà della caldaia.Vi faccio presente che la mia spesa annua è di 180 euro di gas xcucinare 400 euro xl'acqua calda 350 euro x riscaldamento, di un totale 930 euro a l'anno x 50 metri di casa.Mentre conosco una famiglia che spende molto meno di noi x160 metri di casa (visto fatture)loro hanno tutto autonomo
    rispondi al commento
  • Lucianocibin
    Lucianocibin
    Lunedì 27 Giugno 2011, alle ore 15:42
    Buongiorno. Desidero sapere se l'approvazione del testo della riforma del condominio e la conseguente possibilità di staccarsi dal riscaldamento centralizzato sarà applicabile anche per la regione Lombardia (in questa regione era fino ad ora praticamente vietato il distacco). Vorrei inoltre sapere come tale distacco sarà effettuabile dal punto di vista pratico: ossia sarà necessario richiedere una perizia che attesti il non aggravio delle spese per i condomini che intendono mantenere il riscaldamento centralizzato? Resto in attesa di una sua gradita risposta e sentitamente la ringrazio.
    rispondi al commento
  • Vitaliano Buganè
    Vitaliano Buganè
    Sabato 25 Giugno 2011, alle ore 11:00
    Sarebbe opportuno conoscere se,una volta scollegatosi dall'impianto centrale termico, i costi per la sostituzionedi una nuova centrale(x gli altri condomini) vanno ripartitifra tutti o solamente fra i condomino che utilizzano tale centrale termica.GrazieVb
    rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
347.070 UTENTI
SERVIZI GRATUITI PER GLI UTENTI
SEI INVECE UN'AZIENDA? REGISTRATI QUI
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img pier23
Buongiorno,ho un quesito da porvi .Ho un immobile formato da 2 piani riscaldati con caldaia a condensazione. Al secondo ed ultimo piano vorrei eliminare il riscaldamento...
pier23 04 Giugno 2024 ore 15:17 1
Img niodeipoveri
Buongiorno,spiego in breve, abbiamo ristrutturato uno stabile, dopo due anni dalla fine dei lavori al momento della verifica della caldaia, la ditta ha fatto presente che non...
niodeipoveri 22 Maggio 2024 ore 15:20 2
Img enrico ruggiero
Non uso più la stufa a pellet fra fumista e tecnici quest'anno avrò speso sui 1500 euro solo per questo, ritrovandomi al punto da capo. Stavo analizzando quindi un...
enrico ruggiero 23 Febbraio 2024 ore 17:32 2
Img alessandro de chiara
Buongiorno.Nel display utilizzatore della caldaia Daikin è possibile impostare il prezzo dell'energia elettrica e quello del gas, per decidere la convenienza (lo fa la...
alessandro de chiara 09 Dicembre 2023 ore 20:58 5
Img francesco.campa83
Buongiorno a tuttidevo ristrutturare un appartamento di circa 130 mq dei primi del 900 circa, posto al secondo piano di 5 e con soffitti alti 340 cm circa, a ridosso del centro di...
francesco.campa83 05 Dicembre 2023 ore 15:12 5