Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA
madex

Distacco dall'impianto centralizzato del condominio

Una argomentazione in assemblea di condominio è la spesa relativa alla centrale termica da parte dei condomini che hanno effettuato il distacco dall'impianto centralizzato.
22 Novembre 2011 ore 11:15 - NEWS Assemblea di condominio

Una delle argomentazioni più discusse in sede di assemblea di condominio è la ripartizione delle spese relative alla centrale termica da parte dei condomini che hanno effettuato il distacco dall'impianto centralizzato per avvalersi di un impianto autonomo.
Riunione di condominio
È bene evidenziare che le leggi vigenti in materia impongono l'utilizzo di impianti centralizzati per il riscaldamento e per far fronte alle crescenti esigenze di contenimento della spesa energetica degli edifici.

Infatti, i condomini che vogliono realizzare un impianto autonomo staccandosi dal centralizzato, devono descriverne i motivi con una relazione tecnica.


Cosa dice il Codice Civile in materia


L'articolo 1104 del Codice Civile recita quanto segue: ciascun partecipante deve contribuire nelle spese necessarie per la conservazione ed il godimento della cosa comune e nelle spese deliberate dalla maggioranza, fatta salva la facoltà di liberarsene con la rinunzia al suo diritto.
Codice Civile (Foto ing. Granato)
L'ultimo capoverso dell'articolo 1104 spesso innesca delle discussioni nelle assemblee condominiali circa la partecipazione alle spese relative all'impianto termico comune, in particolare da parte dei condomini che hanno scelto di realizzare un impianto autonomo indipendente in tutto e per tutto da quello centralizzato.

Tuttavia, lo stesso Codice Civile dispone, in altri articoli, che il condomino non può in nessun caso sottrarsi alle spese necessarie per la conservazione della cosa comune pur rinunciando ai suoi diritti, in questo caso coincidenti con l'utilizzo dell'impianto e della centrale termica comune.
Ogni condomino, quindi, è vincolato al pagamento degli oneri necessari per il mantenimento di un bene comune, in misura proporzionale alle quote di bene posseduto.

Similmente, come sancito più volte da diverse sentenze della Cassazione, in caso di cattiva erogazione del calore per malfunzionamento dell'impianto comune, ciascun condomino può avvalersi, con un accertamento giudiziale, di un risarcimento per il danno subito; tale risarcimento dovrà coprire anche le eventuali spese sostenute ed impreviste per far fronte al malfunzionamento dell'impianto centrale.


Scarico fumi e adduzione gas per l'impianto distaccato


Realizzato il distacco dall'impianto centrale e sostenute le spese per il mantenimento dell'impianto centrale, il condomino, termicamente indipendente, è esonerato dal sostenere le spese relative all'utilizzo dell'impianto.
Canna fumaria
Lo scarico dei fumi di una caldaia autonoma è un importante aspetto tecnico da curare per la realizzazione di un impianto termico indipendente, in un edificio condominiale , a seguito del distacco dall'impianto centrale.

Infatti, ciascun condomino che ha un impianto termico indipendente deve, nel rispetto delle leggi, realizzare il sistema di smaltimento dei fumi della propria caldaia, in modo da scaricarli a tetto.

Quanto appena descritto è semplice da realizzare, tecnicamente ed anche economicamente, per i condomini con appartamento posto immediatamente sotto il tetto o sotto la copertura dell'edificio; per i condomini con appartamento non all'ultimo piano la realizzazione di uno scarico dei fumi della caldaia a tetto, oltre ad un significativo peso economico, può risultare tecnicamente arduo per le elevate altezze e per gli eventuali passaggi in proprietà con altri condomini.

Infine, una situazione analoga allo scarico dei fumi si può presentare per le tubazioni di adduzione del gas per la caldaia dell'impianto autonomo.

In alcuni casi, infatti, potrebbe non essere possibile alimentare la caldaia indipendente con un tubo derivato dalla tubazione del gas che alimenta le varie cucine del condominio ; in particolare, ciò può accadere quando la caldaia si trova dal lato opposto dell'appartamento rispetto alla cucina.

In questo caso, i condomini con appartamento posto ad uno dei primi piani dell'edificio possono essere agevolati nella realizzazione di una tubazione del gas indipendente, dovendo posare una quantità ridotta di tubazioni rispetto a quelli con appartamenti ai piani superiori.

riproduzione riservata
Articolo: Distacco dall'Impianto Termico Centrale
Valutazione: 4.40 / 6 basato su 10 voti.

Distacco dall'Impianto Termico Centrale: Commenti e opinioni



ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Fimiano Antonio
    Fimiano Antonio
    Lunedì 10 Giugno 2013, alle ore 18:58
    Per quanto riguarda la nuova legge sui condomini n. 220 del 11/12/2012, ho comperato un appartamento all'ultimo e dovendo fare dei lavori di ristrutturazione ho deciso di staccarmi dal riscaldamento centralizzato con il riscaldamento autonomo.
    La mia richiesta è la seguente: lo scarico della caldaia deve essere a tetto come prevede la legge, lo scarico lo posso fare o devo chiedere l'autorizzazione all'Assemblea dei condomini?
    Grazie.
    rispondi al commento
    • Ing.granato
      Ing.granato Fimiano Antonio
      Giovedì 13 Giugno 2013, alle ore 09:03
      Per Fimiano Antonio: scarico a tetto, il resto dipende dal regolamento di condominio.
      rispondi al commento
  • Ninon
    Ninon
    Lunedì 4 Febbraio 2013, alle ore 16:38
    Ho bisogno a Napoli (Vomero) di un esperto, ma vero esperto per distacco dell'impianto di riscaldamento da quello condominiale.
    Argomentazioni valide per proposta in assemblea condominiale e analisi della situazione. Grazie
    rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
dona
Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News Sostieni Lavorincasa.it Lavorincasa.it sulle Google News
REGISTRATI COME UTENTE
328.900 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Distacco dall'Impianto Termico Centrale che potrebbero interessarti


Come distaccarsi dall'impianto di riscaldamento centralizzato?

Ripartizione spese - Ecco alcuni motivi e alcune informazioni su come distaccarsi dall'impianto di riscaldamento condominiale, ma per farlo bisogna prestare attenzione ad alcuni aspetti.

Riscaldamento: autonomo o centralizzato?

Ripartizione spese - L'impianto autonomo consente di impostare le temperature in base alle esigenze individuali, tuttavia non è detto che questo tipo di impianto porti sempre a dei consumi inferiori rispetto a quello centralizzato.

Impianto termico centralizzato

Impianti - L'impianto di riscaldamento centralizzato: come funziona? Perchè sceglierlo? Eccone illustrati funzionamento, vantaggi e svantaggi all'interno di uno stabile.

Distacco dall'impianto di riscaldamento condominiale, spese e autorizzazione dell'assemblea

Parti comuni - La legge consente a ciascun condomino di distaccarsi dall'impianto di riscaldamento condominiale purché siano rispettati determinati requisiti tecnici. Quali sono?

Primo decreto attuativo dlgs 192/05

Leggi e Normative Tecniche - Pubblicato ieri in Gazzetta Ufficiale il primo decreto attuativo del d. lgs 192/05: novita' per gli impianti di riscaldamento domestici.

Termoregolazione e contabilizzazione autonoma

Ripartizione spese - La gestione e manutenzione dell'impianto è di competenza del condominio. In sostanza l'amministratore di condominio, dovrà provvedere a mantenerlo in buono stato.

Radiatori a Gas Caratteristiche Tecniche

Impianti - Un radiatore a gas è un ottimo elemento integrativo di un impianto di riscaldamento quando lo stesso non soddisfa le esigenze di comfort di un ambiente.

Distacco dal riscaldamento condominiale in Piemonte

Condominio - In Piemonte vige una normativa regionale che si sovrappone a quella nazionale e restringe le possibilità per un condòmino di staccarsi dall'impianto centralizzato.

Contabilizzazione del riscaldamento domestico

Impianti - Ottenere una riduzione della spesa energetica, sulla base dell'effettivo consumo, grazie a sistemi di controllo integrabili, che favoriscono la gestione del riscaldamento domestico.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img scudieriaugusto
Un condominio dove gli appartamenti hanno riscaldamento indipendente, di quali interventi previsti dall'ecobonus possono usufruire?Sicuramente il cappotto termico.Poi devono per...
scudieriaugusto 30 Giugno 2020 ore 22:02 2
Img brillanti
Ciao a tutti, possiedo una villetta di 125 mq con cappotto e infissi termici, e come riscaldamento ho GPL, spesa annua 3500 € circa con caldaia a condensazione. Mi hanno...
brillanti 03 Novembre 2019 ore 18:12 2
Img patina
Buongiorno. Vorrei sapere se esistono indicazioni precise su come lasciare il termostato dei caloriferi quando il riscaldamento centralizzato è spento. In pratica la...
patina 24 Maggio 2019 ore 12:08 5
Img vuelle
Buongiorno a tutti, a novembre 2017 ho acquistato un appartamento da ristrutturare e, a oggi, non ho effettuato nessun tipo di lavoro. Per questo motivo, non ho mai abitato nel...
vuelle 31 Gennaio 2019 ore 18:31 3
Img zuzzurelonearistide
Ho appena acquistato un appartamento in condomino anni 70 dotato di impianto centralizzato a pavimento, purtroppo ad inizio lavori demolendo la pavimentazione del bagno le...
zuzzurelonearistide 27 Febbraio 2018 ore 11:11 3