Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA

Come riconoscere i principali difetti del legno

Riconoscere i principali difetti del legno permette di scegliere sempre materiale di prima qualità, oppure di intervenire per ripristinarne lo stato ottimale.
20 Marzo 2015 ore 00:36 - NEWS Bricolage legno

Difetti del legno


Il legno, specialmente se non è di scelta elevata, può presentare dei difetti più o meno gravi. Ad alcuni si può ovviare, ad altri meno.

Difetti del legno spaccatureSpaccature: sono frequenti in corrispondenza delle estremità di tavole e listelli. Se non sono molto lunghe non provocano gravi problemi. Basta tagliare via le parti danneggiate.

Cipollature: si tratta di un difetto abbastanza grave perché è indice di una resinosità troppo bassa e di un legno poco sano.

Soprattutto nei legni mal stagionati i vari anelli possono separarsi causando il classico aspetto a cipolla. La cipollatura estesa lungo tutta la lunghezza del pezzo è un indice di sofferenza durante la crescita.

Curvature e svergolature: sono causati da essiccazioni troppo rapide o assorbimento irregolare di umidità e anche da un non corretto immagazzinaggio. La curvatura, in particolare, è causata da un accorciamento (o un allungamento) delle fasce laterali delle tavole.

Sono frequenti nelle tavole e listelli di piccola sezione. Se sono ben visibili a occhio nudo conviene scartare i pezzi. La svergolatura, infatti, è un difetto molto grave che coinvolge tutto il pezzo e lo rende inadatto a costruzioni regolari.

Difetti del legno imbarcamentoImbarcamenti: l'imbarcamento è la tendenza del legno a curvarsi a causa di variazioni della temperatura o dell'umidità. L'imbarcamento provoca una perdita di planarità alle tavole che vanno scartate. È senz'altro il difetto più comune.

L'imbarcamento diminuisce, in genere, dal midollo alla periferia e varia in base alla resistenza e alla compattezza del legno.

I legni dolci tendono meno a imbarcarsi, mentre questo fenomeno interessa maggiormente i legni duri. Hanno scarso imbarcamento: pioppo, teak, douglas, pitch-pine, castagno, cipresso. Imbarcamento medio: pino, noce, olivo.
Imbarcamento elevato: abete, ciliegio, larice, betulla, olmo, rovere, acero, frassino, faggio, carpino.

Muffe: sono causate da un cattivo immagazzinaggio che ha provocato un forte assorbimento di umidità. Esaminate qualche pezzo, per capire quanto il danno sia esteso all'interno. Prima di acquistare tavole o travetti conviene sempre esaminare le loro estremità per scoprire se sono presenti solo le normali fessurazioni o si evidenziano vere e proprie spaccature.


Attenzione ai nodi


La nodosità del legno è da considerarsi un difetto e per questo motivo viene, in genere, adottata come uno dei parametri per la classificazione dei vari tipi di legname. I nodi che il legno può avere sono di natura e origine molto varie. Una distinzione fondamentale è quella tra nodi cosiddetti vivi o fissi e nodi morti. I primi sono causati da rami giovani che durante la crescita della pianta si sono inseriti profondamente nel tronco. I secondi sono, invece, i residui dei rami morti .

Difetti del legno nodiQuesti non sono legati al resto del legno, sono scuri e vengono via, lasciando un foro ovale. Quando il legno viene tagliato i nodi possono risultare tagliati trasversalmente e apparire di forma ovale o rotonda, oppure possono essere tagliati in senso longitudinale, e, in questo caso, vengono definiti nodi a baffo.

La presenza, o meno, di nodi all'interno del legno ha una grande influenza sulla sua resistenza alla flessione e sulla sua lavorabilità. I nodi che contengono della resina possono diventare visibili dopo la verniciatura, anche dopo che la vernice è completamente essiccata. È consigliabile, dunque, fare attenzione alla presenza di nodi nel momento della scelta e dell'acquisto.


Difetti dei legni teneri


Esistono vari tipi di legno, raggruppabili in due grandi categorie: i legni teneri e i legni duri. I primi, proprio per il fatto che sono teneri, presentano superfici meno compatte e meno adatte a essere levigate per cui la loro finitura (e quindi la loro bellezza finale) è nettamente inferiore a quella dei legni duri.


La durezza del legno è una qualità molto importante: possiamo definirla come la resistenza del legno a essere segnato dalla pressione di un corpo duro. La suddivisione distingue: legni molto teneri, legni teneri, legni mediamente duri, legni molto duri o durissimi e legni extra duri.

Tra i molto teneri ricordiamo i seguenti legni: pioppo, tiglio, abete, ippocastano, alcuni tipi di pino, salice, ecc. Sono da considerare legni teneri: larice, ontano, betulla, teak, abete Douglas, ciliegio, cipresso, ecc. Sono mediamente duri: acero, carpino, albicocco, pero, pitch-pine, noce, frassino, acacia, olmo, rovere, ecc. Sono molto duri: leccio, pesco, bosso, susino, olivo, limone, alcune specie di pruno, ecc. Sono da considerarsi extra duri: ebano, guaiaco.


Pori molto aperti


Quando si deve lisciare e rifinire un legno tenero che presenta pori molto aperti si applica preliminarmente, sulla superficie, un turapori che contribuisce a dargli una buona compattezza e a ridurre le aperture.


Il Primo sito sul Fai da te



riproduzione riservata
Articolo: Difetti del legno
Valutazione: 5.25 / 6 basato su 4 voti.

Difetti del legno: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Sostieni Lavorincasa
REGISTRATI COME UTENTE
320.600 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Difetti del legno che potrebbero interessarti


Come conservare il legno

Bricolage legno - La corretta conservazione del legno è fondamentale per evitare che insorgano dei difetti, in grado di compromettere il risultato finale di qualsiasi lavoro fai da te.

Scelta e acquisto del legno

Bricolage legno - Le caratteristiche del legno scelto per le realizzazioni fai da te può influenzare in modo positivo o negativo il risultato finale: ecco come fare la scelta giusta.

Scegliere gli infissi in legno: le considerazioni su pregi e difetti

Infissi Esterni - Il legno è un materiale bello, robusto e isolante, ma nel contempo risulta anche delicato e richiede manutenzione. Ecco i pro e i contro degli infissi in legno.

Quanto costa il parquet, tipologie e formati

Pavimenti e rivestimenti - Alcuni prezzi indicativi, per orientarsi nella scelta del parquet, declinato nelle varie essenze e suddiviso in listoni prefiniti, tavolette, listoncini e listoni.

Difetti delle opere di tinteggiatura

Pittura e decorazioni - Come evitare i difetti più comuni impiegando le pitture confezionate.

Casa in legno: sistema blockbau

Progettazione - Edifici in legno massiccio, che pescano dalla tradizione edilizia piu' antica, particolarmente adatti alle nuove esigenze di ecosostenibilita'.

Verificare l'integrità dei materiali edili

Materiali edili - Alcuni semplici accorgimenti per verificare la solidità e lo stato di conservazione di alcuni materiali della nostra casa.

Levigatura del parquet

Ristrutturazione - L'intervento di levigatura del parquet permette di riportare anche il pavimento piu' rovinato e usurato al suo splendore originario.

Valutazione dei difetti di costruzione

Ristrutturazione - Come comportarsi nella valutazione dei difetti di esecuzione dei lavori.