Detrazioni 50% e 65% per condomini minimi

NEWS DI Detrazioni e agevolazioni fiscali11 Aprile 2016 ore 16:59
La circolare del 2 marzo 2016 ha modificato la prassi per le detrazioni fiscali sui condomini minimi, ora non più obbligati alla dotazione del codice fiscale.

Detrazioni fiscali per lavori in condominio


Le detrazioni sulle ristrutturazioni edilizie (detrazione 50%) e sul risparmio energetico (detrazione 65%) sono concesse non solo per lavori realizzati su parti private di edifici come singole abitazioni, ma anche su parti comuni condominiali.

Detrazioni per lavori in condominioPensiamo ad esempio a lavori eseguiti su vani scale, cortili, parcheggi, cancelli di ingresso, terrazze e tetti condominiali.

In questi casi la procedura per accedere alle detrazioni prevede che il singolo contribuente debba essere in possesso, oltre dei classici documenti (copia di autorizzazioni comunali, fatture, ricevute dei bonifici, ecc.), del seguente materiale aggiuntivo:

- delibera assembleare di autorizzazione all’esecuzione dei lavori;

- tabella millesimale di ripartizione delle spese.

In alternativa, in luogo di questi due documenti, il contribuente può utilizzare una certificazione rilasciata dall’amministratore del condominio, in cui lo stesso attesti di aver adempiuto a tutti gli obblighi previsti e in cui indichi la somma che il singolo condòmino può sfruttare personalmente ai fini della detrazione.

La procedura può essere seguita in modo semplice quando gli interventi sono realizzati su condomini di una certa dimensione, già da tempo muniti di codice fiscale, con un conto corrente condominiale da cui poter effettuare i bonifici, con obbligo di nomina dell’amministratore e dove questa figura è punto di riferimento tutte le volte che si intraprendono interventi edilizi o di risparmio energetico.

Il tema è divenuto invece più complesso per immobili con un numero di proprietari non superiore a 8, ossia i condomini cosiddetti minimi.


Cosa sono i condomini minimi?


L’espressione condominio minimo è nata in origine per indicare un condominio composto da due soli proprietari. Tuttavia la medesima terminologia è ormai applicata in modo più esteso agli immobili con un numero di proprietari non superiore a 8. Ciò in conseguenza alle similitudini previste sotto il profilo normativo e burocratico.

condominio minimo
Per i condomini con numero di proprietari non superiore a 8 l’articolo 1129 del Codice Civile non prevede né obbligo di nomina dell’amministratore né obbligo da parte di questi di aprire un apposito conto corrente intestato al condominio (prima delle modifiche apportate dalla legge n. 220 del 2012 all’articolo 1129 c.c. il riferimento era a quattro condòmini).

Sempre il Codice Civile, all’articolo 1138, disciplina il regolamento di condominio, necessario in caso di più di 10 condòmini.

Di conseguenza per i condomini minimi la nomina di un amministratore, l’apertura di un conto corrente e l’istituzione di un regolamento condominiale restano facoltative.

In caso di spese riguardanti condomini minimi, spesso tra vicini ci si arrangia con una divisione dei costi informale, non si richiede attribuzione di codice fiscale condominiale e la maggior parte delle volte non esiste nemmeno un conto corrente comune da cui effettuare i pagamenti.

Volendo beneficiare delle detrazioni fiscali per lavori da eseguire su parti comuni di condomini minimi, come ci si deve comportare?


Detrazioni per lavori su parti comuni in condomini minimi prima della circolare n.3/E del 2 marzo 2016


Le indicazioni dell’Agenzia delle Entrate in merito ai condomini cosiddetti minimi sono variate nel tempo. Si rende allora necessaria una certa attenzione nel trattare l’argomento.

Vediamo cos’era previsto prima della Circolare n.3/E del 2 marzo 2016.

Detrazioni per lavori in condominioFin dall’entrata in vigore della Legge n. 449 del 1997 (la Legge che ha istituito la detrazione sulle ristrutturazioni edilizie), il beneficio fiscale per tutti i condomini era subordinato all’esistenza di un codice fiscale di condominio e a fatture intestate al condominio stesso (non a uno o più proprietari).

La circolare dell’Agenzia delle Entrate n.11/E del 21 maggio 2014 chiarì al paragrafo 4.3 la situazione particolare dei condomini che non avevano ancora chiesto l’attribuzione di codice fiscale (tra cui anche i condomini minimi) e che intendevano beneficiare delle detrazioni fiscali per lavori eseguiti su parti comuni.

Ai fini delle detrazioni il condominio era obbligato ad essere provvisto di codice fiscale sempre, anche in caso di condominio minimo.

Il condominio minimo era allora tenuto a chiedere l’assegnazione di un codice fiscale prima ancora di procedere coi lavori e successivamente seguire tutte le procedure previste per le detrazioni.

Il bonifico per il pagamento dei lavori eseguiti su condomini minimi poteva avvenire da un conto corrente condominiale o, considerato che il conto comune restava comunque facoltativo, dal conto corrente di uno dei condòmini a cui doveva essere affidato ufficialmente l’incarico del pagamento. Sul bonifico doveva risultare il codice fiscale del condominio ed anche il codice fiscale dell’amministratore (se nominato) o del condòmino che effettuava il pagamento.

La ripartizione delle spese relative alla parti comuni avveniva secondo i millesimi di proprietà o ai diversi criteri applicabili ai sensi del codice civile (articoli 1123 e seguenti). Ad ogni modo ciascun condòmino poteva beneficiare delle detrazioni in ragione della spesa effettivamente sostenuta.


Detrazioni per lavori su parti comuni in condomini minimi successivamente alla circolare n.3/E del 2 marzo 2016


In conseguenza all’esigenza di semplificare gli adempimenti dei contribuenti, l’Agenzia delle Entrate ha deciso di riconsiderare le istruzioni fornite con la precedente prassi.

In merito alle detrazioni fiscali per lavori eseguiti su condomini minimi, la circolare n.3/E del 2 marzo 2016 elimina l’obbligo di richiesta di codice fiscale.

Sono dichiarate ufficialmente superate le indicazioni fornite con circolare n.11/E del 21 maggio 2014 (quella precedentemente citata che obbligava ai fini delle detrazioni alla richiesta di codice fiscale anche per i condomini minimi) e con risoluzione n.74/E del 2015 (risoluzione con la quale si fornivano specifiche per i pagamenti), salvi restando i comportamenti già posti in essere in attuazione dei documenti ufficiali dell’Agenzia delle Entrate.

Detrazioni condominioLa prassi indicata con circolare n.3/E del 2 marzo 2016 attualmente in vigore è la seguente: in assenza di codice fiscale condominiale, i contribuenti, per beneficiare della detrazione per gli interventi edilizi e per gli interventi di riqualificazione energetica realizzati su parti comuni di un condominio minimo, per la quota di spettanza, possono inserire nei modelli di dichiarazione le spese sostenute utilizzando il codice fiscale del condòmino che ha effettuato il relativo bonifico.

Quindi niente richiesta di codice fiscale di condominio e pagamento effettuato dal conto corrente di uno dei condòmini ufficialmente incaricato, al quale poi gli altri condòmini verseranno ognuno la propria parte.

Il singolo contribuente è poi tenuto, in sede di controllo, a dimostrare che gli interventi sono stati effettuati su parti comuni dell’edificio e a fornire, oltre alla documentazione richiesta ai fini della detrazione per i condomini, un’autocertificazione che attesti la natura dei lavori effettuati e indichi i dati catastali delle unità immobiliari facenti parte del condominio.


Condomini minimi che in passato hanno effettuato pagamenti senza dotarsi di codice fiscale


Sempre nella circolare n.3/E del 2 marzo 2016, l’Agenzia delle Entrate tranquillizza i contribuenti per quanto riguarda i condomini minimi che in passato hanno effettuato pagamenti per le detrazioni fiscali senza prima dotarsi di codice fiscale.

Pur non avendo seguito la prassi precedentemente prevista, non vi è rischio di perdita della detrazione, purché il pagamento sia stato effettuato mediante l’apposito bonifico bancario/postale previsto per le detrazioni e che quindi non vi sia stato pregiudizio al rispetto da parte delle banche e di Poste Italiane S.p.a dell’obbligo di operare la ritenuta all’atto dell’accredito del pagamento (ritenuta attualmente pari all’8%, in precedenza pari al 4%).

riproduzione riservata
Articolo: Detrazioni 50 e 65 in condomini senza codice fiscale
Valutazione: 4.43 / 6 basato su 14 voti.

Detrazioni 50 e 65 in condomini senza codice fiscale: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
  • Vaaaa
    Vaaaa
    Giovedì 7 Giugno 2018, alle ore 19:38
    Volevo chiedere a proposito dei condomini minimi senza codice Fiscale:
    abbiamo fatto lavori di manutenzione ordinaria per il tetto e ci sono state rilasciate dalla ditta dei lavori le fatture relative già divise e intestate singolarmente ad ogni condomino, che ha provveduto a pagare per conto proprio.
    È comunque corretta anche questa procedura? 
    rispondi al commento
  • Antonietta
    Antonietta
    Venerdì 8 Luglio 2016, alle ore 11:59
    L'articolo pubblicato è sicuramente esauriente circa le novità introdotte dalla circolare del 2 marzo 2016, ma ancora l'Agenzia delle Entrate non ha chiarito a chi debbano essere intestate le fatture, nel caso di lavori su parti comuni di condomini minimi senza cod fiscale e che abbiano incaricato un condomino di effettuare i bonifici.
    rispondi al commento
  • Turu
    Turu
    Martedì 28 Giugno 2016, alle ore 09:15
    Buongiorno Arch.sono un geometra di Reggio Emilia, incaricato per seguire l' iter della pratica per detrazione fiscale dovuta a ristrutturazione su parti comuni condominiali.sono in questa situazione:condominio 6 unità con codice fiscale ma senza amministratore e un c/c aperto da un solo condomino.la ditta che ha effettuato i lavori fa la fattura con cod. fisc del condominio, il bonifico parte dal c/c del privato condomine. (E' corretto? occorre anche il cod fisc. del del privato condomine?)il privato condomine dovrà rilasciare una dichiarazione di parte spettante per detrazione ad ogni singolo condomine? La ringrazio della cortese attenzione resto in attesageo. le rose salvatore
    rispondi al commento
  • Ylenia
    Ylenia
    Giovedì 16 Giugno 2016, alle ore 08:10
    Abito in un condominio che non necessita di amministratore e non abbiamo codice fiscale.

    Dobbiamo rifare nelle parti condominiali l'impianto elettrico.

    Possiamo usufruire dell'IVA al 10%.

    Come dobbiamo fare per le fatture ?

    Un'unica fattura ad un condomino o importo diviso per tutti i condomini ?
    rispondi al commento
  • Luxmast78@yahoo.it
    Luxmast78@yahoo.it
    Domenica 14 Giugno 2015, alle ore 17:01
    Perché non abbiamo il codice fiscale del condominio, come possiamo fare?ringrazio per la risposta
    rispondi al commento
  • Luxmast78@yahoo.it
    Luxmast78@yahoo.it
    Domenica 14 Giugno 2015, alle ore 16:59
    Salve architetto, mi trovo in una situazione ingarbugliata;Faccio parte di un condominio di 2 soggetti, l'anno scorso abbiamo fatto dei lavori di riqualificazione energetica, abbiamo fatto seguire i lavori da un ing. che ci ha garantito che avremmo detratto le spese al 65%; Abbiamo fatto tutto bonifici specifici, conservato fatture, comunicazione all'enea ecc. ora in fase di dich 730 il comm. mi dice che la spesa non è detraibile
    rispondi al commento
  • Gbona
    Gbona
    Venerdì 5 Settembre 2014, alle ore 14:30
    Dato che questa norma complica molto la vita ai possessori di piccole palazzine o villette a schiera non costituite in condominio, ci sono magari stati dei passi indietro da parte dell'agenzia delle entrate?
    rispondi al commento
    • Sara.m.
      Sara.m. Gbona
      Lunedì 8 Settembre 2014, alle ore 18:27
      Dalla data di pubblicazione dell'articolo non ci sono state modifiche.
      rispondi al commento
Torna Su Espandi Tutto
Notizie che trattano Detrazioni 50 e 65 in condomini senza codice fiscale che potrebbero interessarti
Bonus ristrutturazioni per il condominio minimo: i chiarimenti dell'Agenzia delle Entrate

Bonus ristrutturazioni per il condominio minimo: i chiarimenti dell'Agenzia delle Entrate

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Possibile per i condomini di un condominio minimo portare in detrazione le spese per lavori di ristrutturazione su parti comuni. Cosa dice l'Agenzia delle Entrate
Condominio 4.0: un convegno sulle nuove opportunità relative al mondo condominiale

Condominio 4.0: un convegno sulle nuove opportunità relative al mondo condominiale

Leggi e Normative Tecniche - Condominio 4.0: un convegno organizzato da Harley&Dikkinson a Roma per fare una analisi su tutte le opportunità lavorative relative alla gestione condominiale.
Tagli alle detrazioni fiscali

Tagli alle detrazioni fiscali

Normative - Approvata alla Camera la legge di conversione della Manovra Finanziaria che introduce una serie di tagli a tutte le agevolazioni fiscali, comprese quelle per la casa.

Ecobonus per condomini: il provvedimento dell'Agenzia delle Entrate

Detrazioni e agevolazioni fiscali - A quattro mesi dalle novità sull'ecobonus condomini ancora si attende il provvedimento dell'Agenzia delle Entrate per le modalità di cessione delle detrazioni fiscali

Condominio minimo e spese urgenti

Condominio - Nel condominio minimo,così come in una normale compagine,le spese urgenti possono essere rimborsate solamente nel rispetto dell'art. 1134 cc

Il condominio minimo è un condominio a tutti gli effetti

Condominio - Esiste un numero minimo di persone superato il quale si applicano le norme sul condominio? Cosa accade per i condomini minimi, cioè con due soli partecipanti?

Guida alle detrazioni fiscali per lavori in condominio

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Le detrazioni per interventi di riqualificazione del patrimonio edilizio esistente si applicano sia a edifici privati che a condomini, ma con alcune differenze.

Detrazioni per inquilini

Affittare casa - Esistono alcune agevolazioni fiscali grazie alle quali è possibile detrarre dall'IRPEF una parte delle spese sostenute per il pagamento dei canoni di locazione.

Riscaldamento a pavimento in condominio

Impianti di riscaldamento - Che cosa c'è da sapere se si prende la decisione d'installare un impianto di riscaldamento a pavimento in un'unità immobiliare ubicata in un edificio in condominio?
REGISTRATI COME UTENTE
295.600 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
QUANTO COSTA, DOVE LO TROVO?
  • Pratiche detrazioni fiscali
    Pratiche detrazioni fiscali...
    500.00
  • Immergas caldaia a condensazione a basamento hercules
    Immergas caldaia a condensazione a...
    3420.00
  • Coppo Corinzio Reggio Emilia
    Coppo corinzio reggio emilia...
    18.00
  • Progettazione di interni
    Progettazione di interni...
    300.00
BACHECA: CONSIGLI DALLE AZIENDE
  • Officine Locati
  • Mansarda.it
  • Inferriate.it
  • Weber
  • Black & Decker
  • Kone
  • Faidatebook
MERCATINO DELL'USATO
SERVIZI SULLA CASA PER GLI UTENTI REGISTRATI
I NOSTRI VIDEO SU YOUTUBE
Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.