Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, Leggi l'informativa.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Detraibile l'IVA per lavori di ristrutturazione svolti su un'abitazione adibita ad affittacamere

NEWS Detrazioni e agevolazioni fiscali18 Maggio 2015 ore 00:22
La Corte di Cassazione si è espressa ricordando i principi comunitari sulla detraibilità dell'iva per l'attività d'impresa e interpretando la normativa nazionale.

Spese di ristrutturazione di un’abitazione adibita ad affittacamere


affittacamere e case vacanzeL’IVA relativa alle fatture per lavori di ristrutturazione di un’immobile a destinazione abitativa adibito ad affittacamere e casa vacanze è detraibile.

Si tratta, infatti, di spese per beni e servizi necessari per l’attività di impresa.
Questo è il parere della Corte di Cassazione espresso con sentenza 29 aprile 2015 n.8628.


Contestazione della detraibilità dell’IVA da parte dell’Agenzia delle Entrate


In occasione dell’istanza di rimborso IVA presentata da un soggetto esercente attività di affittacamere e casa vacanze, l’Agenzia delle Entrate contestava l’indebita detrazione IVA per lavori di ristrutturazione poiché effettuati su un immobile a destinazione abitativa (categoria catastale A/2) adibito all’attività.

ristrutturazione affittacamereIl contribuente sosteneva invece che, nonostante la destinazione catastale abitativa, l’immobile costituiva un bene strumentale per la sua attività, con conseguente detraibilità dell’IVA in caso di ristrutturazione edilizia.

Dinnanzi al ricorso del contribuente, l’Agenzia delle Entrate proponeva appello, insistendo che l’IVA era detraibile solo per le imprese aventi a oggetto esclusivo o principale la costruzione o la rivendita di fabbricati, pertanto per un’immobile a destinazione abitativa (cat. A/2) locato non era ammessa la detrazione dell’IVA.

Con sentenza n. 106/29/09 il Tar Toscana respingeva l’appello, osservando come l’attività di affittacamere e casa vacanze vada ben oltre la mera locazione e costituisca invece esercizio di impresa extra alberghiera.
Per giunta il contribuente era titolare di licenza di affittacamere regolarmente rilasciata dal Comune per immobili in categoria A/2 in ottemperanza a una legge regionale, la quale consentiva esplicitamente l’attività ricettiva extra alberghiera all’interno di immobili con caratteristiche abitative. Pertanto non erano applicabili i limiti alla detrazione IVA.

In seguito alla sentenza del Tar Toscana l’Agenzia delle Entrate ha proposto ricorso, cui il contribuente ha resistito con controricorso.


Sentenza della Corte di Cassazione sulla detraibilità dell’IVA per lavori di ristrutturazione su un’abitazione adibita ad affittacamere


La Corte di Cassazione ha ricordato che il sistema dell’IVA, armonizzato in forza delle disposizioni comunitarie succedutesi nel tempo, si fonda su due principi fondamentali:
- il principio di neutralità dell’imposta, che ne riversa il carico sul consumatore finale e non sull’imprenditore;
- il principio di detraibilità dell’imposta di quanto pagato dall’imprenditore per l’acquisto di servizi e beni necessari per l’attività svolta.

corte europera detrazione iva attività d'impresaRelativamente al secondo principio, la Corte Europea ha precisato che il diritto alle detrazioni non può in linea di principio essere soggetto a limitazioni.
Bisogna comunque tener presente la direttiva 2006/112/CE, in cui è prevista la detraibilità dell’IVA in caso di bene immobile acquisito dall’impresa e destinato sia all’attività di impresa che all’uso privato dell’imprenditore, purché tale detrazione sia limitata alla parte in uso del bene ai fini dell’attività d’impresa del soggetto passivo.

La Corte di Cassazione che ha analizzato il caso ha ribadito, come in altre circostanze, l’importaza di una necessaria correlazione fra i beni e i servizi acquistati e l’attività esercitata, nel senso che essi devono riguardare l’impresa, anche quando non si tratta di beni strumentali in senso proprio, a patto che risultino in concreto destinati alla produzione o allo scambio nell’ambito dell’attività dell’impresa stessa.


La normativa nazionale va letta tenendo sempre conto dei principi fondamentali europei e, laddove sussista un insanabile contrasto tra la disciplina UE e le disposizioni interne, queste ultime vanno disapplicate a favore delle disposizioni comunitarie.

La Corte di Cassazione ha giudicato senza dubbio corretta l’applicazione dei principi europei del giudice di appello, in particolare sull’ipotesi di negazione della detrazione dell’IVA in forza dell’astratta classificazione catastale dell’immobile.
La valutazione di un acquisto rispetto all’attività imprenditoriale va effettuata tenendo conto della natura del bene in correlazione agli scopi dell’impresa e non in termini puramente astratti, come la classificazione catastale.

Del resto la stessa Agenzia delle Entrate, in momento successivo all’epoca dei fatti in causa, ha riconosciuto che gli immobili abitativi utilizzati dal soggetto passivo nell’ambito di un’attività di tipo ricettivo (case vacanze, affitto camere, ecc.) che comporti prestazioni di servizi imponibili di IVA debbano essere trattati alla stregua dei fabbricati strumentali a prescindere dalla classificazione catastale.

corte di cassazione detrazione iva ristrutturazione affittacamereIn considerazione di tutte queste valutazioni, la Corte di Cassazione ha rigettato il ricorso presentato dall’Agenzia delle Entrate.

Il diritto alla detrazione non può essere precluso in funzione della destinazione abitativa del bene risultante dalla classificazione catastale. È invece da valutare la strumentalità dello stesso rispetto all’attività svolta dal contribuente.

Pertanto va riconosciuta la detraibilità dell’IVA di cui alle fatture per lavori di ristrutturazione di un immobile avente classificazione catastale abitativa A/2, ma concretamente utilizzato per l’attività di affittacamere e case per vacanze, da qualificarsi quindi come bene strumentale.

riproduzione riservata
Articolo: Detrazione IVA: ristrutturazione affittacamere e case vacanze
Valutazione: 4.50 / 6 basato su 4 voti.

Detrazione IVA: ristrutturazione affittacamere e case vacanze: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
REGISTRATI COME UTENTE
313.861 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Quanto costa, dove lo trovo? Sei un Azienda ? Pubblica i tuoi Prezzi Quì !
  • Ristrutturazione Hotel e B&B
    Ristrutturazione hotel e b&b...
    500.00
  • Pratiche detrazioni fiscali
    Pratiche detrazioni fiscali...
    500.00
  • Ristrutturazione del bagno invalidi
    Ristrutturazione del bagno invalidi...
    500.00
  • Ristrutturazione villa
    Ristrutturazione villa...
    89.00
  • Adesivi murali regole della casa
    Adesivi murali regole della casa...
    18.00
  • Sistema di sicurezza domestico wireless
    Sistema di sicurezza domestico...
    110.72
Notizie che trattano Detrazione IVA: ristrutturazione affittacamere e case vacanze che potrebbero interessarti


Attività di affittacamere e regolamento condominiale contrattuale

Casa vacanze - Attività di affittacamere e regolamento condominiale contrattuale: è legittimo esercitarla se il regolamento non vieta specificamente quella destinazione?

Casa vacanze e affittacamere

Casa vacanze - Trasformare la propria casa in casa vacanze è una soluzione per tenere in esercizio l'abitazione, e per assicurarsi un introito con cui compensare le spese di gestione.

No al bonus ristrutturazione se l'edificio è di nuova costruzione

Detrazioni e agevolazioni fiscali - La Corte di Cassazione, con una recente ordinanza chiarisce quali sono i requisiti per poter beneficiare del bonus ristrutturazioni. Vediamo i punti salienti.

Ristrutturazioni: previsto in Sardegna un bonus aggiuntivo

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Nella Regione Sardegna in caso di esecuzione di interventi di ristrutturazione è allo studio la previsione di un bonus aggiuntivo del 40%. Ecco di cosa si tratta

Recupero edilizio: detrazione fiscale per prosecuzione di lavori iniziati

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Quali sono i limiti della spesa detraibile in caso di prosecuzione di interventi di ristrutturazione già iniziati. Ecco cosa sostiene l'Agenzia delle Entrate.

Bed and Breakfast e Affittacamere in condominio: parola alla giurisprudenza

Regolamento condominiale - B&B ed Affittacamere, attività non sempre viste di buon occhio dagli altri condomini. Convivenza che i giudici delineano in base alle clausole dei regolamenti.

Installazione addolcitore d'acqua: quando scattano i benefici fiscali

Detrazioni e agevolazioni fiscali - Si ritiene possibile, a determinate condizioni, godere della detrazione IRPEF del 50% e dell'IVA agevolata per l'acquisto e l'istallazione dell'addolcitore di acqua

Guide aggiornate alle novità 2015 sulla detrazione 50% e 65%

Detrazioni e agevolazioni fiscali - L'Agenzia delle entrate ha aggiornato le guide on line sulle detrazioni fiscali per la casa, la detrazione 50% per la ristrutturazione e al 65% per la riqualificazione.

Bonus condizionatori anche per il 2020

Detrazioni e agevolazioni fiscali - La sostituzione, riparazione o installazione di condizionatori nelle proprie casa, negozi e uffici, può dar diritto anche per le spese 2020 a detrazioni fiscali