Questo sito utilizza cookie tecnici per annunci non profilati sulla tua esperienza di navigazione e cookie di terze parti per mostrarti invece annunci personalizzati in linea con le tue preferenze di navigazione.

Per conoscere quali annunci di terze parti sono visibili sulle nostre pagine leggi l'informativa.
Per negare il consenso dei soli cookie relativi alla profilazione clicca qui.

Puoi invece acconsentire all'utilizzo dei cookie personalizzati accettando questa informativa.

ACCETTA

Design for all

L'ergonomia e il design a servizio di tutti: nascono così prodotti e soluzioni non pensati per soddisfare i più, ma realizzati ad hoc per le persone con disabilità.
11 Dicembre 2014 ore 11:28 - NEWS Complementi d'arredo

Cos'è il Design For All


design for allLa sensibilizzazione verso le categorie sociali più disagiate, quali portatori di handicap, invalidi, anziani, è figlia, purtroppo troppo recente, solo degli anni Ottanta:
nella stragrande maggioranza dei casi la progettazione di un prodotto o di uno spazio avveniva senza tener conto delle possibili difficoltà di fruizione da parte di queste persone, mentre, grazie ad una maggiore attenzione e all'applicazione di normative specifiche, è in quegli anni che si inizia a tenere conto di coloro che avrebbero problemi nell'utilizzo, perché disabili o portatori di un handicap fisico, temporaneo o permanente.

Il Design For All nasce appunto con questo obiettivo: far sì che l'approccio agli oggetti e agli spazi sia possibile a tutti, fornendo una molteplicità di possibili utilizzazioni, e realizzando prodotti con una maggiore sensibilità verso le cosiddette minoranze.


Se per gli spazi pubblici l'applicazione della normativa in materia di accessi e fruibilità è spesso tardiva o addirittura mancante, la disponibilità sul mercato di prodotti e sistemi pensati per queste minoranze e realizzati anche in maniera originale ed esteticamente appetibile, si sta diffondendo.

A tal proposito, nel 1994, viene fondata Design For All Italia, associazione senza scopo di lucro i cui principali obiettivi sono la diffusione di una cultura fondata sulla sensibilità nei confronti delle persone con disabilità fisiche e l'attuazione di misure ed interventi volti alla definizione di una progettazione consapevole.

Vediamo insieme, quindi, alcuni dei progetti frutto di questa sensibilità progettuale, volti ad una fruizione in comodità da parte di tutti: queste soluzioni non solo sono mirabili perché pensate per le minoranze, ma hanno degli oggettivi riscontri in termini sociali ed economici, in quanto migliorano la qualità della vita delle persone non autosufficienti.


Progetti secondo la filosofia del Design For All


L'abbattimento delle barriere architettoniche è previsto, a livello normativo, dalla L.13/89 e dal D.M 236/89.

Attenendosi semplicemente alle norme che regolano le questioni spaziali e dimensionali, e ponendo, però, scarsa attenzione al posizionamento e alla scelta degli arredi interni ad una abitazione, potrebbero persistere alcune limitazioni che porterebbero ad una difficile fruizione degli spazi.

Uno degli ambienti, unitamente al bagno, in cui si ha più difficoltà a muoversi, se portatori di un handicap, è sicuramente la cucina.
Con una disabilità è difficile essere indipendenti in questo spazio: muoversi in comodità o raggiungere i pensili, diventano azioni impossibili da svolgere in autonomia.

design for all scavolini

Per garantire, quindi, una totale indipendenza e una maggiore mobiltà, Scavolini propone Utility System, un sistema innovativo per cucine che prevede la realizzazione di uno spazio comodo, ergonomico e studiato per persone con difficoltà motorie: attraverso l'applicazione di pianali ed elementi adattabili a tutte le cucine dell'azienda, si raggiunge così l'obiettivo di realizzare una cuicna senza barriere, con un aspetto estetico molto appetibile.

Un secondo interessantissimo progetto che presentiamo ha ricevuto un riconoscimento da parte di DFA Italia: si tratta di una libreria circolare, installabile a parete o come divisorio, disegnata da Federico Traverso e Andrea Stella, i quali hanno dato vita ad un elemento d'arredo originale e pensato per risolvere uno dei tanti problemi di fruizione e accessibilità: grazie alla movimentazione della struttura a ruota, nella quale trovano alloggiamento libri e riviste, tutti possono raggiungere gli elementi senza il minimo sforzo.

Oltre ad essere un prodotto pensato ad hoc, data l'originalità della forma e del funzionamento, è un elemento d'arredo adatto per qualsiasi tipo di interno.

design for all libreria

Come sopra specificato, un altro ambiente dove si riesce con difficoltà a muoversi, se portatori di un handicap fisico, è il bagno: qualora sia allestito come un bagno per disabili acquista tutta la comodità e la funzionalità necessari, perdendo però in appetibilità estetica.


È per questo motivo che Goman, azienda specializzata nella progettazione di prodotti e soluzioni per il bagno in sicurezza, propone Flight, un lavabo di design, realizzato con una monoscocca in Corian traslucido, adatto all'utilizzo da parte di tutti.

La sua porzione anteriore, infatti, è concava, proprio per consentire l'avvicinamento e le manovre di una sedia a rotelle; le sue forme morbide lo rendono, inoltre, un prodotto installabile in qualunque ambiente bagno.

design for all lavandino

Insomma progettare in maniera consapevole e per tutti non vuol dire necessariamente dover rinunciare alla resa estetica: è possibile dare vita ad ambienti accessibili, a soluzioni che semplifichino le azioni dei portatori di handicap e che siano, contemporaneamente, anche belle da vedere.

riproduzione riservata
Articolo: Design per tutti
Valutazione: 4.75 / 6 basato su 4 voti.

Design per tutti: Commenti e opinioni


Nome visualizzato nel commento

Indirizzo E-Mail da confermare
ACCEDI, anche con i Social
per inserire immagini
NON SARANNO PUBLICATE RICHIESTE DI CONSULENZA O QUESITI AGLI AUTORI
Alert Commenti
Sostieni Lavorincasa
REGISTRATI COME UTENTE
320.275 Utenti Registrati
REGISTRAZIONE AZIENDE
Notizie che trattano Design per tutti che potrebbero interessarti


Barriere architettoniche: approvato il decreto per il riparto del fondo tra le Regioni

Leggi e Normative Tecniche - Approvato il decreto interministeriale che stabilisce la ripartizione tra le Regioni delle risorse per contribuire all'abbattimento delle barriere architettoniche.

Abbattimento delle barriere architettoniche e distanze tra le costruzioni

Leggi e Normative Tecniche - In base alla decisione del Tar della Lombardia si può derogare alle norme sulle distanze per eseguire opere finalizzate all'abbattimento barriere architettoniche.

Adattabilità di un edificio all'abbattimento delle barriere architettoniche

Soluzioni progettuali - L'adattabilità degli edifici prevede la possibilità, attraverso modesti interventi, di rendere accessibili gli spazi interni anche ai diversamente abili.

L'ascensore per disabili in condominio prevale sul vincolo storico dell'immobile

Leggi e Normative Tecniche - La Corte di Cassazione riconosce il diritto al condomino disabile a installare un ascensore per accedere alla propria abitazione anche in caso di vincolo storico

Barriere architettoniche in condominio e innovazioni

Manutenzione condominiale - Le barriere architettoniche in condominio possono essere eliminate con le speciali maggioranze previste dalla legge 13/89 anche se non vi abitano disabili.

Barriere architettoniche: cosa fare per eliminarle

Leggi e Normative Tecniche - La normativa in vigore in merito alle barriere architettoniche, cosa si può fare per abbatterle agevolando in tal modo la vita delle persone affette da disabilità

Spazi a misura di persona

Leggi e Normative Tecniche - La normativa italiana è abbastanza attenta a far sì che gli spazi, sia pubblici che privati, siano fruibili da tutti, e quindi anche dalle persone disabili.

Barriere architettoniche e ostacoli condominiali

Liti tra condomini - Le barriere architettoniche in condominio rappresentano il più pernicioso ostacolo per la fruizione dell'immobile ma possono essere eliminate velocemente.

Abbattimento barriere architettoniche: buon gusto e civiltà

Pavimenti e rivestimenti - Il grado di civiltà di una società si misura anche in base alla quantità di barriere architettoniche che impediscono alle persone disabili di muoversi.
Discussioni Correlate nel Forum di Lavorincasa
Img geppettob
Buongiorno,nel nostro condominio di 4 piani (18 condomini) 4 o 5 condomini, che raggiungono circa mlm 400, stanno provando a istallare ex novo un ascensore condominiale.Tutti gli...
geppettob 29 Marzo 2015 ore 23:20 2
Img diegomontagna
Salve,vorrei aprire una porta nel mio condominio per fare accedere una persona disabile a piano terra che va sul giardino del mio appartamento personale.Serve autorizzazione dal...
diegomontagna 22 Dicembre 2014 ore 18:53 2
Img cfranco
Sono proprietario di un appartamento in un condominio di 12, l'amministratore ha proposto di sostitutire l'ascensore che attualmente parte dal primo piano, con uno nuovo che...
cfranco 17 Aprile 2014 ore 09:37 1